E' stato presentatoa Pesaroun progetto formativo rivolto a medici e paramedici provenienti dall?estero. La finalit? è quella di estendere la moderna terapia ematologica, nei suoi più avanzati aspetti scientifici e tecnologici, verso altri Centri sanitari esteri trasferendo le conoscenze e le competenze sviluppate dal reparto di Ematologia di Pesaro.
?E? un progetto - ha sottolineato il Presidente della Giunta regionale Gian Mario Spacca - che viene da lontano e vuole andare altrettanto lontano e si posa sulla qualit? e l?eccellenza radicata nell?ospedale San Salvatore mirando alla cooperazione internazionale in termini di formazione degli operatori sanitari e cura dei pazienti. Esso offre dei modelli sanitari universalmente accettati attraverso supporti tecnici operativi che sono risposte concrete ai bisogni delle comunit?.?
?Attualmente - ha proseguito il Presidente è il progetto è unicamente finanziato con risorse regionali e vi partecipano la Regione Marche, il Comune e la Provincia di Pesaro, ma non il Governo nazionale. Ci auguriamo che il Ministero degli Esteri nei prossimi mesi condivida questa esperienza e la rafforzi in quanto l?area euro-mediterranea è un obiettivo di strategia estera del nostro Paese.?
Mezzolani ha voluto precisare che ?il Governo regionale è attento alla sanit? e osservando il reparto di Ematologia la Regione Marche predilige il fare rispetto al dire.?
?In questo progetto è ha detto l?Assessore - ci sono tutti i tratti della cultura marchigiana in particolare quello della solidarietà che è un elemento caratteristico della nostra regione e che vogliamo trasmettere ad altri Paesi. Attraverso la cooperazione la sanit? pu? migliorasi ed essere sistema aperto tramite lo scambio delle reciproche conoscenze.?
Il programma comprende un piano formativo di base (clinico, laboratoristico, assistenziale) a cui possono essere aggiunte opzioni formative concordate sulla base delle specifiche necessit? evidenziate dalle Autorit? sanitarie del paese estero coinvolto.
Nel triennio 2005-2007 è prevista la formazione di sei gruppi composti da tre professionisti (1 medico, 1 biologo/tecnico, 1 infermiere) per due cicli formativi all?anno (una equipe ogni 6 mesi). Durante la frequenza del reparto di Ematologia, l?operatore sanitario apprender? le tecniche per gestire le terapie ad alte dosi in ematologia, il trapianto e l?autotrapianto e il piano formativo potr? essere contestuale alla cura di pazienti dei Paesi partecipanti al progetto (Palestina, Libano e Marocco).
E? prevista, inoltre, la possibilit? di intervento di personale dipendente dall?Azienda Ospedaliera ?Ospedale San Salvatore? nei tre Paesi del bacino del Mediterraneo per sviluppare ed implementare nelle realt? sanitarie locali la diagnosi e la cura delle patologie ematologiche.
Il costo annuo del progetto è di 1.118.264,00 euro, per le spese formative e la cura dei pazienti e di 342.000,00 euro per le spese relative all?accoglienza dei paziente e delle loro famiglie.