Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 51
  1. #21
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Si, Franco, hai ragione....parlare serve, ma non sempre è il momento
    giusto per cui i genitori ti ascoltano. Mia madre, donna straordinaria, mi
    ascolt? e comprese realmente solo dopo un anno che me ne ero andata di
    casa, quando ormai avevo dimostrato a me stessa di sapermela cavare
    egregiamente....Ed in fondo è questa la cosa importante: capire realmente
    chi si è e cosa si vuole...il resto è corollario.

    Sui genitori, invece, hai solo parzialmente ragione, Franco....io credo che
    sia difficile, difficilissimo per un genitore di un figlio con disabilit?
    accettare la sua indipendenza...
    Questa non è assolutamente una giustificazione degli stessi, ma io, da
    genitore, li comprendo...e molto, anche.
    Da quando ho scoperto cos'? la vita indipendente per una persona con
    disabilit?, da quando ho capito com'? importante, no, mi correggo,
    indispensabile favorire l'autodeterminazione di un bambino con
    disabilit?...bhe, io st? facendo una faticaccia immane a ricoprire il ruolo
    del genitore. Perch? è difficile...difficilissimo riconoscere e sviluppare in
    un bambino con tante difficolt? la capacit? di autodeterminarsi...e la
    difficolt? maggiore è nel rispettare pienamente le sue scelte e non
    confondere i propri desideri con quelli dell'altro....
    Con questo non intendo dire che è un impresa titanica, tutt'altro! E' una
    strada che è indispensabile percorrere da genitori per rendere i nostri figli
    liberi.


    Etabeta, grazie del complimento... ma non sò se me lo merito....
    e se avrai letto sopra la mia risposta a Franco te ne sarai reso conto: un
    conto sono le intenzioni ed un conto è la vita reale...occorrerebbe sentire
    mio figlio che ne pensa ( e dubito che sarebbe tutto rose e fiori! )
    Per quanto riguarda il lavoro...bhe credo rappresenti proprio il primo
    passo verso la propria indipendenza...non indugiare se hai già l'occasione
    di poterti mettere subito a lavorare.
    In bocca al lupo!


  2.      


  3. #22
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    241
    Thanked: 0

    Predefinito

    Ciao etabeta......capisco la situzione.....se sei autosufficiente e hai la possibilit? economica prova a cercarti una casa in affito....magari vicino ai tuoi genitori...vedrai che piano piano capiranno......io nn sono autosufficiente e nn potrei farlo...andrei a vivere da solo perchè i miei genitori sono più di 16 anni che si sacrificano per me..avrebbero bisogno di stare un p? in pace..sopratutto mia mamma...leggo della 162 nn è così semplice ottenerla.....quanti nn autosufficienti andrebbero a vivere da soli???....per nn pesare sui genitori?..anche se aiutare i figli per loro è una cosa normalissima..



  4. #23
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,740
    Thanked: 85

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da fair
    ....io credo che sia difficile, difficilissimo per un genitore di un figlio con disabilit? accettare la sua indipendenza...
    Questa non è assolutamente una giustificazione degli stessi, ma io, da
    genitore, li comprendo...e molto, anche.

    Mai detto che il mestiere di genitore sia facile.
    Con due figli grandi ho avuto modo di sperimentare molte situazioni e di fare molti errori.
    Per? non capisco cosa significa "accettare la sua indipendenza"
    Non è questo lo scopo di tutti i nostri sforzi?


    Forse per me e per mia moglie è piùspontaneo, veniamo entrambi da famiglie iperprotettive e abbiamo sviluppato parecchi anticorpi.

    Da piccolo molte volte mi sono detto: voglio ricordarmi questa situazione, così non far? lo stesso errore se avr? dei figli.
    Beh, quelli non li ho fatti, molti altri si, bisognerebbe chiedere a loro..

    Siamo riusciti a dare una piena indipendenzamotoria a mia figlia e dopotanti anni cerchiamo ancora di renderla più autonoma possibile mentalmente e soprattutto emotivamente.


    Non mi ricordo che abbiamo mai evitatodi metterla in situazioni nuove o difficili, eravamo completamente presi dal desiderio di fare emergeretutte le sua possibilit? e non ci siamo concessi il lusso di cedere ai nostri timori.

    Certo non potr? mai stare completamente da sola nemmeno per pochi minuti ma ogni piccolo ostacolo superatola fafelice e fa felici noi.

    Con mio figlio, quante preoccupazioni represse per non soffocarlo!
    Avventurecon gli amici, viaggi, motorino,a diciotto anni un periodo fuori di casa in una situazione non certo tranquillizzante,brevetto di sub, roccia,brevetto di parapendio


    Qualcuno mi ha detto: perchè non glie lo avete proibito?
    I soliti rompiballe che cercano di girare il coltello nella piaga, come si fa a impedire a ungiovane uomodi 23 anni di fare uno sport pericoloso ma affascinante?

    Quando era in terapia intensiva all'Unit? Spinale non mi è mai venuto in mente di rifacciargli la sua imprudenza. Il disastro era ormai successo, occorreva solo limitarne i danni fisici e psicologlici.

    Quando è uscito dall'ospedale ha cominciato subito a riprendere, nei limiti del possibile, la vita di prima: uscite con gli amici, poi guidare, poi viaggi e anche un paio di ragazze.
    Per mesi, ogni volta che usciva di casa Francesca e io ci guardavamo un po' smarriti e un po' orgogliosi: meglio noi preoccupatichelui in casa a piangersi addosso.








    Franco
    Democrazia per i cinesi, libertà per i tibetani



  5. #24
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Ecco, appunto: l'indipendenza di un figlio con disabilit? non riguarda
    per niente la sua autonomia! E' scontato che ogni genitore cerca di
    rendere il figlio il più possibile autonomo, lo fanno tutti i genitori...pensa
    un p? se non lo fanno i genitori che hanno il figlio con un handicap!!!
    Anzi, ed è quì uno dei problemi, il rischio è proprio quello d'investire
    tutto nell'autonomia del figlio, costringendolo a vivere proprio per il
    raggiungimento di quest'autonomia!
    L'indipendenza, Franco, è poter decidere della propria vita!
    lo sò qual'? l'obbiezione che mi farai adesso: come pu? un bambino
    decidere della sua vita, non ha certo la capacit? cognitiva per farlo!
    E come pu? un disabile mentale, un disabile cognitivo, essere in grado di
    decidere?
    Il fatto è che ogni persona pu? esser in grado di decidere se è messa in
    grado di decidere....lo pu? fare anche un neonato, pensa un p?....
    Ti dir? di più: la qualit? di vita di ogni essere umano, anche di quello così
    disabile da esser allo stesso livello di un neonato, è direttamente
    proporzionale dal suo grado di autodeterminazione!
    Rispettare le scelte di un figlio, Franco, non è per nulla facile per un
    genitore, soprattutto per un genitore che vede nel proprio figlio con
    disabilit? qualcuno da proteggere e tutelare.....
    Questo non vuol dire che un genitore deve smettere di proteggere e
    tutelare, ma è un modo diverso di farlo....? difficile spiegarlo, franco,
    perchè anche io lo st? scoprendo giorno dopo giorno...ma in pratica si
    tratta di offrire continui spazi di autodeterminazione per allenare il
    proprio figlio all'indipendenza.....
    Non sò se c'hai capito qualcosa, forse non sono nemmeno adatta a
    spiegare bene una cosa che st? scoprendo anche io ogni giorno....sò solo
    che l'indipendenza per i nostri figli è qualcosa d'importantissimo per il
    loro benessere interiore, per la loro libert? mentale.
    Vedi...? come donare a loro le ali, puoi capire cosa rappresenta per chi ha
    una vita fatta di limiti avere le ali?



  6. #25
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    L'indipendenza, Franco, è poter decidere della propria vita!



    </span>Beh, ma allora Chiara, credo che nessun genitore sia disposto a lasciar fare questo..



    Perfino mia madre che ha sempre combattuto per rendermi "autonomo", che
    ha sempre preteso che andassi in giro da solo, che mi ha preso in
    braccio, portato in strada (ovviamente sul marciapiede eh, non in mezzo
    alla strada come bersaglio per le auto) e lei se n'e' tornata a casa perche' dovevo fare da solo, beh anche lei vorrebbe decidere della mia vita....



    Ma per avere indipendenza si deve avere autonomia, soprattutto
    economica, una volta che hai l'indipendenza economica, gli altri
    problemi sono piu' facili da superare....

    </span>

    Claudio



  7. #26
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    No, Claudio, per essere indipendenti non è necessario essere autonomi.
    Certo l'autonomia pu? facilitare l'indipendenza, anche se non è scontato
    che una persona autonoma sia indipendente.....Mi viene da portare come
    esempio il carcerato: dal punto di vista fisico è autonomo ma non pu?
    decidere nulla di quello che riguarda la sua vita. Non pu? decidere
    quando mangiare, n? pu? decidere quando dormire, deve chiedere il
    permesso perfino per espletare i suoi bisogni fisiologici e, per alcune
    cose, attendere il consenso di altri. Sono gli altri che decidono quando e
    chi vedere e per quanto tempo, la sua vita è organizzata totalmente in
    funzione delle esigenze altrui ed in nessuna circostanza vengono prese in
    considerazione le sue esigenze.
    Indipendenza è sentirsi persona, è essere considerato persona a tutti gli
    effetti, anche se si è in grado di decidere pochissime cose, come cosa si
    vuole mangiare e quando lo si vuole fare. Che poi una cosa di cui mi st?
    accorgendo è che, in realt?, anche in presenza di gravi handicap
    l'importante è cominciare....all'inizio si comincia ad utilizzare la propria
    autodeterminazione su piccole cose ma poi la si riesce ad utilizzare anche
    sulle cose più importanti.....o, forse, è perchè i genitori hanno imparato a
    rispettare l'autodeterminazione dei figli anche sulle cose più grandi....



  8. #27
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Beh Chiara, se uno non ha un lavoro e i soldi per vivere difficilmente
    puo' decidere quando mangiare, quando uscire...Certo un disabile ha
    pensione e accompagnamento, ma bastano? Se non hai i soldi per
    affittare una stanza (a meno che non ti venga data gratuitamente e io
    non saprei dove cominciare per trovarla gratis), che indipendenza puoi
    avere? L'indipendenza di andare sotto i ponti....



    Ecco perche' dico sempre di studiare, studiare e ancora studiare,
    perche' con lo studio si ottiene piu' facilmente un lavoro, anche ben
    retribuito e con il lavoro ben retribuito l'indipendenza non ce l'hai
    solo se non la vuoi...


    Claudio



  9. #28
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    992
    Thanked: 5

    Predefinito

    Hum... almeno i bisogni fisiologici sono permessi a qualunque ora, in galera!
    il problema magari è la doccia (specie se la si vorrebbe calda), uscire
    all'aria (orari rigorosi), le telefonate (idem, qualche minuto una
    volta la settimana o meno), i colloqui con i familiari... poi la
    scuola, il lavoro (per chi ha la fortuna di ottenerlo) e sò, anche i
    pasti e il sonno, sono regolati da orari rigidi, da spazi
    inimmaginabilmente ristretti, per cui se uno studia al tavolino gli
    altri devono farlo sulla branda e così via... e con questo si perde in
    indipendenza anche se si hanno i soldi, che del resto non sono
    direttamente maneggiabili, il che porta ad altri problemi. E
    tante cose sono comuni a tutte le istituzioni totali, ospedali
    compresi... vedi bambin gesò... Vabbe' scusate è Chiara che mi ci ha
    tirata parlando di carcerati! Comunque
    capisco quello che dici, Chiara, sull'indipendenza dei figli,
    perchè è quello che rode anche me in questo periodo... io non sono mai
    stata iperprotettiva, tutt'altro, per? trovo delle difficolt?
    enormi a non voler essere sempre presente...per giunta magari, presente
    sò, ma stanca ed esasperata. Mi sa che anche l'opinione di mio
    figlio su di me non sarebbe esattamente tutta rose e fiori!!!

    Claudio, mi sa che noi per ora si parla da genitori di ragazzini e
    l'idipendenza ha un siginificato fatto di obiettivi diciamo così
    intermedi, certo io personalmente incoraggio mio figlio a
    studiare (e incoraggio la scuola a incoraggiarlo) anche se non so
    quanto potr? essere spendibile un suo titolo di studio, alle
    possibilit? di inserimento lavorativo ci penser? a tempo debito. Ma
    l'indipendenza è cominciare ad avere la possibilit? di decidere... a
    comiciare dalle piccole cose.

    PS Comunque conosco un figliolo normodotatissimo di mamma
    straipersuperprotettivamente matriarca... che si gode con gioia a più
    di 50 anni la superprotezione della sua mamma con cui convive... che ce
    volete fa', il mondo è vario...


    http://walter-urticante.blogspot.com
    resistere quando tutto sembra perduto... puntare i piedi e stringere i denti quando anche la montagna sembra crollare sotto i piedi, questo è quel che conta.



  10. #29
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Ross...quando parlavo dei carcerati non pensavo propriamente a loro..
    Il fatto è che è più semplice parlare dei soldi per mantenersi un
    appartamento, del lavoro.....perchè sono cose concrete che compongono
    l'indipendenza ma non lo sono....
    Come faccio a spiegarmi? Ecco, per esempio il legare la propria vita
    totalmente al giudizio degli altri per me non è indipendenza. Puoi esser
    laureato ed avere un buon lavoro ed un bell'appartamento, ma
    assoggettare ogni tua scelta all'opinione di alcune persone significa, per
    me, condurre una vita molto simile a quella di un carcerato.
    Che poi l'essere umano riesce ad adattarsi a tutto, anche al carcere (e ci
    sono, Ross lo potr? confermare, le persone che dopo anni di carcere non
    concepiscono più la loro vita al di fuordelle sbarre.
    Come ci sono, e lo ricordo molto bene quando mi occupavo di
    deistituzionalizzazione, persone che hanno passato la maggioranza della
    vita istituzionalizzate, che non sono più in grado di decidere
    nulla.....l'alienazione dell'istituzionalizzazione consiste soprattutto in
    questo: nell'incapacit? di decidere.



  11. #30
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Chiara,



    secondo me stai andando troppo sul "filosofico".



    Per me indipendenza e' avere una casa, un lavoro e aver modo di
    muoversi. I primi due valgono per tutti, disabili e non, il terzo e'
    specifico nostro e forse e' il problema minore , quello si riesce a
    fare in qualche modo con l'aiuto dei servizi sociali etc..., ma se non
    hai un lavoro non puoi avere casa e stiamo da capo a dodici, ti tocca
    restare in casa coi genitori e l'indipendenza non ce l'hai se non te la
    concedono loro......



    Non dimenticate che non stiamo parlando di bambini eh..etabeta e Maria Tartari sono cresciutelli...


    Claudio



  12. #31
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,740
    Thanked: 85

    Predefinito



    Non ho potuto leggere tutto con attenzione, per? mi sembra che siamo tutti d'accordo sul fatto che l'autonomia riguarda principalmente il fisico, quello che si pu? fare, mentre l'indipendenza è un atteggiamento psicologico fatto di coraggio delle proprie azioni, determinazione, tenacia, capacit? di non farsi influenzare supinamente dalle persone circostanti e dall'ambiente fisico o culturale.


    E' evidente che ci possono essere tutte e quattro le combinazioni tra autonomia, indipendenza e i loro opposti.


    Claudio, Chiara, dite che i genitori hanno difficolt? a concedere (che parola orribile) l'indipendenza ai figli.Mai genitori chene comprendono il valoredovrebbero essere felici di poteraiutare i propri figli a svilupparla.


    Per amore dell'indipendenza del figlio si devono saper sopportare ansietà, incertezze e anche il timore di essere superati.


    Non sar? che i genitori sono dipendenti da un certo tipo di rapporto con i figli?


    Il buon genitore è l'unica persona che non prove invidia o gelosia se il figlio diventa più forte, più bello, più ricco e se ha più successo di lui.
    Franco
    Democrazia per i cinesi, libertà per i tibetani



  13. #32
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Eh ma la gelosia Franco e' un difetto dell'animo umano e i genitori non
    ne sono esenti...alla fine nella maggior parte delle famose liti
    fra suocera e nuora, la colpevole e' la gelosia da entrambe le parti...




    Claudio



  14. #33
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,383
    Thanked: 0

    Predefinito



    Bella,bella bella questa!


    Spero che altri ragazzi leggano,ma mi sa che molti si fermano a leggere solo amici e senza pudori o anime gemelle...salvo poi piagnucolare per la mancanza di confronto con i genitori!


    Bhe qui li abbiamo dei genitori,potreste cominciare da loro vi pare?


    Solo due cose Eta Beta:come hanno detto anche Bua e Fair,a volte pu? servire anche la bugia.Lo fanno tutti i ragazzi,perchè una persona disabile no?


    Altra cosa:mai aver paura delle loro reazioni,per quanto esagerate,non sarete buttati fuori all'addiaccio!


    Il loro rispetto,lo avrete solo quando comincerete a cercarlo imponendo anchele vostre scelte se è il caso.


    Ciao
    State calmi se potete...
    Salvo

    Redazione rendiamo accessibile il sito.Grazie!



  15. #34
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,104
    Thanked: 0

    Predefinito



    IO DICO UNA SOLA COSA


    "ALLA FACCIA DELLA CIVILTA' MADERNA"


    SIAMO NEL TERZO MILLENIO ED ANCORA CI SONO PERSONE CHE VIVONO CON METODI PREISTORICI


    http://incaforev.spaces.live.com/default.aspx

    la disabilità non è un mondo a parte,ma una parte del mondo



  16. #35
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    6,230
    Thanked: 0

    Predefinito



    che bel thread!! Chiara, anche io confermo che da parte di noi figli disabili c'è una buona parte di fifa al pensiero di non riuscire a vivere autonomamente, specialmente in certe condizioni che sembrano facili da gestire ma in realt? occorre impegno e una grande forza di volont?.


    Riguardo il rapporto comunicativo con i genitori ho imparato ormai da più di un anno a litigare e impormi tanto che ora non mi sopportano più tanto ma pazienza, se preferivano la "tonta" di prima affari loro, io sono così



  17. #36
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Inca,



    la modernita' l'uomo l'ha conquistata nel campo tecnologico, ma
    il cervello e' rimasto allo stesso livello di 3.000 o piu' anni fa.

    L'uomo attuale non e' piu' intelligente di quello che viveva ai tempi
    degli antichi romani, se non quel poco che ha permesso la selezione
    della specie.

    Anzi visto che la selezione della specie ormai non c'e' piu' almeno nei
    paesi sviluppati, l'uomo futuro non sara' affatto piu' intelligente di
    quello attuale.

    Quello che e' cambiato da questo punto di vista e' la conoscenza, non
    l'intelligenza, i sentimenti e gli istinti che sono sempre uguali.


    Claudio



  18. #37
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,178
    Thanked: 0

    Predefinito

    Ho letto anche io bel post sicuramente, e grazie a Salvo di averlo portato a visione di tutti io non ho mai avuto questi problemi, mio padre è una persona che basta che gli dica ci vediamo dopo e naturalmente sa cosa faccio mi lascia tranquillo, anche perchè mi sono conquistato la mia indipendenza, con fiducia e rispetto!
    Kris

    *°*Amo viaggiare con la mente... e vivere nella realtà... come se fosse un sogno...*°*



  19. #38
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    9
    Thanked: 0

    Predefinito



    Cerca di parlare con i tuoi farli capire che sei una persona come tutti con gli stessi diritti e doveri. Per consiglio mio cercati di trovare una compagna e da li cerca una casa x poter conturre una vita tutta tua. Vedrai che ti capiranno metterli difronte al fatto compiuto, non per cattiveria che fai questo ma per una vita tua e indipendente.


    Mary



  20. #39
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,740
    Thanked: 85

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da buasaard
    Eh ma la gelosia Franco e' un difetto dell'animo umano e i genitori non ne sono esenti...alla fine nella maggior parte delle famose liti fra suocera e nuora, la colpevole e' la gelosia da entrambe le parti...

    Claudio, è un po' diverso
    Provare per credere....


    Chiedi alle mamme del forum, probabilmente sarebbero pronte a sbranare la suocera (o la nuora, quando toccher? a loro) ma i figli so' piezze e' core...


    paoletto, correggi l'ortografia, non mi offendo..Edited by: Colpo Doppio
    Franco
    Democrazia per i cinesi, libertà per i tibetani



  21. #40
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    304
    Thanked: 0

    Predefinito



    Peche non far leggere aigenitori questo thread?


    E se proprio il genitore si ostina a non capire allora è necessario imporre i propri desideri e pensieri


    Giancarlo



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •