?Entro il prossimo dicembre vogliamo realizzare nelle province venete sette Centri Unici di Prenotazione per le prestazioni sanitarie, interfacciabili tra di loro, che contribuiscano a ridurre le liste d?attesa?. Lo ha annunciato l?assessore regionale alla sanit?, Flavio Tosi, al termine di un incontro tenutosi questa mattina, a Verona, con la dirigenza di Poste Italiane: all?incontro, oltre all?assessore regionale, hanno preso parte anche il consigliere di amministrazione di Poste Italiane Mauro Michelon (che è anche presidente di Postecom, la struttura informatica di Poste Italiane) e i direttori generali delle Aziende Ospedaliere di Padova, Adriano Cestrone, e di Verona, Valerio Alberti.


?Abbiamo individuato in Poste Italiane un possibile partner per mettere a punto questo nostro programma è ha detto Tosi è perchè sta realizzando tutta una serie di servizi informatici nel territorio, tra i quali oggi uno dedicato alla sanit?. Stiamo studiando la possibilit? di collegare i futuri Centri Unici di Prenotazione provinciale con la rete di sportelli informatici di Poste Italiane per permettere ai cittadini di conoscere quale sia la struttura sanitaria, anche al di fuori della propria Ulss, in cui possano ottenere il più rapidamente possibile la prestazione sanitaria di cui hanno bisogno?.