Buonasera a tutti voi, Sono un ragazzone di quasi 40 anni e sono impiegato in una pubblica amministrazione.
Appartengo allecategorie protette . Dopo visita in una commissione ASl ,mi è arrivato il verbale di 104 art.3 comma.3 ,quello dei tre giorni di permesso per intenderci .
Questo accadeva a Ottobre 2019 : ora per quanto riguarda l'inserimento dei permessi 104, di regola tutto avviene digitalmente sulla Intranet dell'istituto , nell'account personale ; tutto questo ovviamente è possibile previa modifica della spettanza , che deve essere predisposta (la modifica della spettanza )attraverso un'impiegato, quasi sempre lo stesso e di livello alto, dell'ufficio Disciplina Rapporto Di Lavoro che io ho contattato svariate volte con mail ,inviando tutta la documentazione necessari e telefonando svariate volte ma che da novembre 2019 , praticamente mi stà prendendo in giro , in quanto mi dice sempre che aggiusterà tale spettanza ma non lo fà mai; dice anche di prendere i permessi intanto ,scrivendoli a mano sulla nota di servizio,ma io non lo faccio : perchè dovrei dato si' che non sono autorizzato e nel mese di novembre per tre giorni di permesso che mi sono preso, sul cartellino del Siap(cioè dello storico mensile della intranet dell'azienda) c' è ancora la nomenclatura che indica tre giorni da definire e non di permessi 104.
Ora ho parlato con la dirigente di tale ufficio, prima delle feste ,mi ha detto che se ne occuperà lei ma ancora nulla .
A voi è mai capitata una cosa del genere , secondo voi come dovrei comportarmi adesso ?
C'è da sentirsi presi in giro ?
Tutto questo avviene in una notoe molto importante pubblica amministrazione della nostra bella Capitale .
Io vi ringrazio fatemi sapere se ad alcuni di voi è capitata la stessa cosa
una buona serata