Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    8
    Thanked: 0

    Predefinito Manca il servizio pubblico badanti...a chi e come chiedere i danni?

    Salve,
    sono un insegnante,convivente ,da solo,con mamma centenaria e demente.
    Tra poco non potro' riprendere il lavoro,consumero' i pochi mesi rimasti di congedo e perderà il lavoro.
    Da un mese ho messo la inserzione su un noto sito on line ,mi rispondono in 300 ,circa 10 vengono convocati,un cinque rinuncia subito ,altri cinque non ritornano per la prova.
    Sarà perché il luogo non è panoramico,perché mia madre ha bisogno di continua assistenza,perché ripete ,da buona demente,sempre le stesse cose ,eppure nessuno vuole lavorare qui.
    Eppure è in discreta salute,non è allettata,non è agitata.
    Una cosa analoga sta succedendo ad un amico che abita vicino ..se ne sono andate via 3 badanti in una settimana...ed è solo novantenne e non demente.
    Conclusione:
    Il lavoro di Caregiver per anziani infermi è un pessimo business per le badanti.
    Dovrebbe a mio parere ,lo stato,assegnare un caregiver qualificato e stipendiato ad un disabile.
    Così,seguendo il principio di imparzialità verrebbero aiutati anche i brutti ,i poveri,i dementi..etc
    Sorprende invece che il caregiving,sia un business in mano a singoli e agenzie private
    Vorrei sapere a chi chiedere il risarcimento dei danni in caso probabile di perdita del lavoro o danno personale ,dato che con il colesterolo a 300 e con una attività fisica ,già da un anno,di una sola ora di deambulazione a settimana ,rischio un infarto o un ictus.
    Chi e come avvisare dei due pericoli .
    Grazie.


  2.      


  3. #2
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    102
    Thanked: 3

    Predefinito

    seinundzeit, mi spiace per la situazione che stai attraversando; così come so che ti trovi a dover fare una scelta difficile, e resta incomprensibile che un Paese che si definisce civile non sappia in qualche modo garantire la dignità dei propri cittadini, disabili su tutti. Prova attraverso le associazioni ad informarti circa la possibilità di un ricovero presso struttura socio assistenziale che credo sia prevista per gli anziani non più autosufficienti, secondo la normativa prevista dalla tua regione. Per quel che riguarda il colesterolo puoi tenerlo sotto controllo con l'assunzione di farmaci... e per l'infarto e l'ictus un rimedio per prevenirlo c'è: nonostante tutto ti sembri contro, lascialo scivolare addosso restando sereno, come pioggia sul vetro, alla fine la vita è un percorso grandioso di esperienze, e non è detto che quelle migliori siano solo positive. Auguroni



  4. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Prov di Treviso
    Messaggi
    1,353
    Thanked: 51

    Predefinito

    I danni non li puoi chiedere a nessuno almeno credo, per quanto riguarda il colesterolo ci sono dei farmaci come giustamente scrive qui sopra rain, certo il colesterolo e alto ma segui una dieta?

    Puoi rivolgerti ad un patronato che ti aiuterà o trovare una brava badante. se aspetti che lo stato ti paghi la badante eh si aspetta e spera
    Gianni



  5. #4
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    8
    Thanked: 0

    Predefinito

    I soldi ci sono per pagare,anche se non molti ,ma le badanti mancano...Poi nei ricoveri non vivrebbe molto,ci vuole uno vicino continuamente e non bastano per questo 2000 euro al mese
    Grazie per l attenzione



  6.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Clicca su per accettare. Per negare il consenso e saperne di più Leggi qui.
Cliccando su "accetto", scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.