Cookie Policy Privacy Policy E' morto Franco Bomprezzi



Risultati da 1 a 18 di 18
  1. #1
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito E' morto Franco Bomprezzi

    Quando ho letto la notizia su FB credevo fosse una delle solite "bufale" che viaggiano sul web: invece, dopo pochi minuti, ho letto da fonte attendibile che, purtroppo, era una notizia vera.

    Per quei pochi che ancora non lo conoscevano era un portatore di disabilità scrittore, giornalista ed opinionista valido ed apprezzato: se qualcuno ha visto la "Maratona Telethon" ricorderà la sua intervista in diretta dal centro "Nemo" di Milano, dove era ricoverato da poco tempo.

    Riposa in pace Franco, dalla tua sedia a rotelle hai seminato serenità e contemporaneamente combattività: hai dimosttrato che la disabilità non dev'essere automaticamente segno di emarginazione e hai vissuto, veramente, come tu stesso hai sempre sostenuto, "una vita degna di essere vissuta".

    Il tuo ricordo resterà con noi ancora per molti anni.

    Germano Turin - Torino

    marinotunger

  2. The Following User Says Thank You to marinotunger For This Useful Post:

    Redazione (18-12-14)


  3.      


  4. #2
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di miooim
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    nel Lontano Sud DaKota
    Messaggi
    25,557
    Thanked: 33
    sn un baleniere, dico sempre ciò che mi balena in testa



  5. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Sai com'è su fb

    ogni tanto qualche buontempone posta qualcosa tanto per fare: quando ha letto il primo post su Franco ho pensato e sperato che fosse il solito "cazzaro" alla ricerca della notorietà. Dopo pochi minuti ho invece constatato che la notizia era vera. Purtroppo.

    Ho conosciuto Franco solo su fb, quindi in maniera "virtuale" e mi sono fatto di lui l'idea di una grande e bella persona: positivo senza essere facilone ed attento osservatore di tutto quello che succedeva nel mondo con particolare attenzione ai problemi annessi e connessi alla disabilità di cui anche lui era portatore.

    Riposi in pace.

    marinotunger



  6. #4
    Novellino del Forum L'avatar di Soledad
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    veneto
    Messaggi
    371
    Thanked: 32

    Predefinito

    mi e' capitato di leggere alcuni suoi articoli e blog....una gran bella persona....rimarra' sicuramente un bellissimo esempio di come rendere vissuta la propria vita!!!!!
    Grazie!!!!!!!!!!!!



  7. #5
    Junior Member L'avatar di sober
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Ponte di Piave - Tv
    Messaggi
    1,035
    Thanked: 17

    Predefinito

    Io non l'ho conosciuto di persona però ho avuto modo di conoscerlo in scambi di opinioni nel modo scritto su problemi di disabilità e credetemi ....ho imparato moltissimo dalle sue risposte
    Berto
    -------------------------------------------------------------------
    Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei capace di spiegarlo a tua nonna.



  8. #6
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Un mese

    dopo la siua morte si è scoperto che aveva quasi utimato un romanzo storico ambientato ai tempi della rivoluzione francese.

    Franco aveva infatti trovato, in un museo francese, la sedia a rotelle restaurata e funzionante di Couthon, un rivoluzionario francese portatore di disabilità motoria che la usava per spostarsi, e che era morto sulla ghigliottina assieme a Robespierre, del quale era stato amico.

    E poi dicono che studiare la Storia non serve.

    Cordialità a tutti.

    Germano Turin - Torino
    marinotunger



  9. #7
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    C'è poco da andar fieri su Couthon. Pare fosse l'ideatore del "Terrore" Georges Couthon - Wikipedia
    Claudio



  10. #8
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Certo Claudio,

    infatti credo che Franco, più che mettere in risalto la figura storica di Couthon, volesse farci capire che, già secoli fa, ci fossero delle persone che, pur essendo portatrici di disabilità (tipo ad esempio Couthon) e pur dovendosi spostare sulla sedia a rotelle, sono riusciti a fare delle cose. Nel caso specifico di Couthon sarebbe stato meglio che non avesse fatto niente, infatti è finito sotto la ghigliottina assieme all'amico Robespierre.

    E' stata una figura non molto bella ma, a quei tempi, le figure belle non è che fossero tantissime, sia da una parte che dall'altra. Come in tante altre circostanze storiche, del resto.

    Giova infine ricordare che la Storia non si può criticare: si deve solo studiare per imparare.

    Ciao Claudio e grazie del riscontro.

    Cordialità a tutti.
    marinotunger



  11. #9
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    La storia è importantissima, sono un appassionato. Però non si deve criticare un personaggio? Allora Hitler va solo studiato e non criticato?

    Capisco però quello che vuoi dire.
    Claudio



  12. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    La storia è importantissima, sono un appassionato. Però non si deve criticare un personaggio? Allora Hitler va solo studiato e non criticato?

    Capisco però quello che vuoi dire.
    Claudio



  13. #11
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Hitler, Stalin, Mussolini,

    vanno studiati, assieme alle schifezze che hanno causato, perché non si verifichino più i presupposti che hanno permesso loro di prevalere e dominare.

    Serve studiare la storia in modo critico per cercare di capire gli errori commessi ed evitare che si ripetano.

    Credo sia necessaria la costante vigilanza perché le figure di cui sopra non hanno fatto tutto da sole: avevano attorno altre persone che, pur capendo che venivano fatte delle schifezze, le facevano lo stesso pensando che la cosa non riguardasse loro ma gli altri. Purché procurasse a loro ricchezza e potere.

    Quando hanno capito che le schifezze riguardavano anche loro era tardi per rimediare.

    La storia serve per bloccare le schifezze sul loro nascere affinché non facciano danni.

    Almeno, io credo sia così.

    Ciao Claudio e grazie del tuo contributo.

    Cordialità a tutti.
    marinotunger



  14. #12
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Io ho una teoria sulle Rivoluzioni. Dopo una rivoluzione c'è sempre una tirannide spesso peggiore di quella che hanno rimosso. Ma è un passo necessario verso poi un miglioramento. Per esempio attualmente io spero che i sommovimenti seguiti alle primavere arabe (con regimi spesso peggiori di quelli precedenti), servano in futuro.
    Claudio



  15. #13
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Finora la Storia ti ha dato ragione Claudio:

    se prendiamo come riferimento la Rivoluzione Francese, ad esempio, dopo di essa cos'è successo? Che Napoleone è diventato Imperatore di Francia!

    Se prendiamo la Rivoluzione Russa (inizi del secolo scorso) cos'è successo? Che per uscire dal medievale zarismo i poveri russi hanno preso la purga dello stalinismo, con un numero di morti che nessuno è ancora riuscito a quantificare (stime prudenziali parlano di cinquanta milioni di morti). Certo, a distanza di un secolo,come dici tu, i russi stanno meno peggio, ma a che prezzo!

    E' la storia dell'umanità: quando la gente su trova su una scarpata ripida prende la rincorsa per guadagnare il piano sopra la scarpata. In genere però non si ferma sul piano ma precipita sulla scarpata opposta. E' tutta una rincorsa per raggiungere il piano sul quale non si riesce mai a rimanere per lunghi periodi...

    Cordialità a tutti.

    Germano Turin - Torino
    marinotunger



  16. #14
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Mi avete stimolato la lettura. Ho cominciato a leggere "Le due città" di Charles Dickens, ambientato prima, durante e dopo la Rivoluzione Francese. Dovrebbe essere il libro più letto dall'umanità a parte i libri religiosi.

    Traduzione orribile, e l'inglese di Mr. Dickens è troppo aulico per me... Va beh, leggiamo comunque.

    Ci sarebbe una versione che mi sembra migliore, ma non c'è l'ebook e dalla Thailandia è difficile leggere altro che ebook....
    Claudio



  17. #15
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    E vabbeh, Claudio

    capisco quanta possa essere la tua sofferenza al caldo di Phuket mentre noi a Torino ci godiamo il fresco: per farti avere un po' d'invidia pensa che di notte andiamo sotto zero.

    La ciliegina sulla torta sarebbe la neve ma non disperiamo: di solito a febbraio arriva anche quella...

    Ciao.

    Cordialità a tutti.
    marinotunger



  18. #16
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Io non conosco bene la tua situazione, però il 90% di quelli che dicono così potrebbero tranquillamente venire anche loro In particolare su facebook c'è un mio ex collega andato in pensione , che probabilmente ha una pensione migliore della mia, la moglie è in pensione pure lei e pure lei guadagnicchia, o venite al caldo o la fate finita di fare le vittime
    Claudio



  19. #17
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    Hai ragione Claudio,

    il problema dei soldi, anche se non va sottovalutato, non è il problema principale.

    Il tuo caso poi, anche se non unico, credo sia abbastanza particolare e, probabilmente, se mi trovassi in condizioni simile alla tua, farei come fai tu. Mi spiego.

    Mia moglie è originaria di un paese della penisola sorrentina: morale della favola, fra il '74 e l'89 (anno in cui è morto mio suocero - RIP) siamo andati ininterrottamente a passare le vacanze a casa dei suoceri. Come dire che il mese di agosto si trascorreva tra la casa natia di mia moglie (con vista su Capri) e il mare. In particolare, durante quel periodo, ho scorazzato via mare sulla Costiera Amalfitana, non disdegnando alcune puntare anche su Capri. Il tutto a bordo di un gommone di 4 metri con motore fuoribordo: cose che i più sognano.

    Ora la casa è stata venduta, le figlie hanno la loro vita, abbiamo un nipotino di tre anni e un altro in arrivo, per cui gli interessi sono cambiati, come cambia la vita del resto.

    Capisco quindi cosa si possa provare nel fare quello che fai tu e sono contento per te che tu ora lo possa continuare a fare.

    Poi c'è anche l'età che non aiuta più come una volta (gli ultimi che ho compiuto erano 72): come vedi il quadro è complicato.

    Goditi il mare e il caldo e sappi che, questa notte, a Torino è scesa la neve: poca, subito sparita ma l'abbiamo vista e, come saprai, quando nevica non è che faccia così caldo. Oltretutto siamo nei "giorni della merla" che, dicono, siano i più freddi dell'anno.

    Però ogni tanto penso a te e a tua moglie: ho parlato di voi anche con la mia di moglie, la quale mi ha subito detto che, viaggiare per viaggiare, preferirebbe andare a Melbourne, dove vivono tre dei suoi fratelli con rispettive famiglie.

    Sarà per la prossima vita, ciao Claudio e buon inverno (Thai).

    Cordialità a tutti.
    marinotunger



  20. #18
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Beh, a Melbourne ora fa un gran caldo pure li. Tieni conto però che quando siete arrivati a Bangkok siete a metà strada In genere chi va in Australia fa scalo a Bangkok, Kuala Lumpur o Singapore.

    Certo, capisco che con dei fratelli li, sarebbe un'altra cosa....
    Claudio



  21.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •