Risultati da 1 a 18 di 18
  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito Nido e maestra di sostegno: mi chiarite le idee?

    Sono la mamma di un bimbo di 18 mesi che per gravi errori medici alla nascita ha una tetraparesi ed è ipovedente...e ho un'altra bimba di 4 mesi. Ora, il grande è molto desiderato dal nido locale, che dall'anno passato ci corteggia assiduamente (ma perché? Per il reale vantaggio educativo o per interessi loro: sovvenzioni? Maestre in più??). L'anno scorso non l'ho mandato, io sono a casa in congedo 104 e lui era piccolo, quest'anno sono ripartiti alla carica. Il mio bimbo ha uno sviluppo psicomotorio inferiore a un bimbo di 2 mesi e ha bisogno di stimoli, esercizi visivi e un rapporto molto vis a vis perché vede poco e solo da molto vicino. Ho chiesto al nido se avrebbe avuto la maestra di sostegno 1:1, perché con 104 e disabilita grave pensavo fosse un nostro diritto, ma maestra e funzionaria comunale mi hanno risposto: "attenzione signora, la maestra non è di sostegno a suo figlio, ma a tutta la sezione, quindi si occupa del suo bambino come degli altri"...
    Ma è vero? Ho interpretato male la legge io?
    Grazie a chi mi vorrà aiutare a chiarirmi le idee.


  2.      


  3. #2
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    992
    Thanked: 5

    Predefinito

    Il solito equivoco... allora, a scuola (e il nido penso possa comunque essere considerato tale) si dice la stessa cosa. In realtà, l'insegnante di sostegno è effettivamente insegnante della classe nel senso che HA PARI DIRITTI DEGLI ALTRI INSEGNANTI, quindi, ad esempio, in un lavoro di gruppo in cui è inserito anche l'alunno che usufruisce del sostegno, lavora insieme all'insegnante di classe. E mettiamo che per tuo figlio ipovedente voglia fare un lavoro anche con gli altri bambini: benissimo, lavora con la classe, ma è PER TUO FIGLIO, lee attività sono finalizzate alla sua integrazione nella classe. Non è una "figura in più per tutta la classe", che senso avrebbe? ma è una figura che aiuta l'alunno disabile a inserirsi all'interno della classe. Quindi al nido la maestra di sostegno lavorerà con tuo figlio, insieme agli altri bambini. In questo senso il rapporto è uno a uno e lavora "nella" classe, non è una figura in più per la classe. Molti genitori (i cui figli in genere hanno disabilità non gravi) preferiscono sentirsi dire che il sostegno è "per la classe" per paura che il figlio venga "etichettato". Non credo che sia il tuo caso... fallo presente ai brillanti funzionari che ti hanno dato questa risposta. Il sostegno è un diritto per il bimbo disabile, non "una risorsa in più da acchiappare al volo che non si sa mai". Infatti ha una specializzazione (si spera, e si spera anche che sappia usarla). In ogni caso, fra l'altro, la classe se ne troverà avvantaggiata, un bimbo disabile è sempre una ricchezza in più... per cui questo "mettere le mani avanti" non lo capisco proprio. Magari prova a riparlarci, può anche essere questione di termini usati male, magari chissà... volevano solo dirti che tuo figlio non deve essere isolato dalle attività della classe, hai visto mai...intanto un abbraccio!.
    http://walter-urticante.blogspot.com
    resistere quando tutto sembra perduto... puntare i piedi e stringere i denti quando anche la montagna sembra crollare sotto i piedi, questo è quel che conta.



  4. #3
    New Entry del Forum L'avatar di lori62
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    6
    Thanked: 1

    Post

    Mia figlia, che ora ha 10 anni, non è stata al nido, ma alla materna ha avuto per 3 anni un'insegnante di sostegno (incredibilmente per due anni di seguito la stessa!), che era dedicata a lei perchè nella scuola l'unica bimba disabile era mia figlia, ma mi era stato spiegato che se per caso fosse entrato un altro bimbo, l'insegnante si sarebbe dovuta occupare di entrambi.
    E infatti è successo l'anno successivo all'uscita di mia figlia dalla materna: c'erano due bimbi con diritto al sostegno, uno con gravi problemi motori e l'altro autistico, e l'insegnante si doveva dividere su entrambi, tra l'altro in due classi diverse. Diventava matta poveretta!
    E' una legge un pò assurda (dovrebbe almeno tenere conto della gravità della disabilità e valutare l'assegnazione di un sostegno 1:1 oppure no), ma se non è cambiato qualcosa nel frattempo, è così.
    Quello che si può chiedere in aggiunta (ma non so se vale anche per il nido) è un assistente alla comunicazione che per qualche ora a settimana va in supporto al sostegno (a Milano bisogna fare richiesta alla Provincia. Di più non so perchè io all'epoca avevo rinunciato).
    Saluti a tutti!
    Lori



  5. #4
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    22
    Thanked: 2

    Predefinito

    Ciao ,sono educatrice di nido nonchè mamma di un ragazzo con SdD che a suo tempo andò al nido.
    Da noi funziona così,in base alla gravità e mi pare che il tuo bimbo rientri in questa categoria il comune assegnadelle ore ad una educatrice,per es. quest'anno avevamo 2 bimbi con ognuno 25 ore di educatrice preposta al sostegno,un'altra bambina è stata certificata e per lei il prossimo anno ci sarà una persona con 30 ore settimanali,ogni bambino ha un 'educatrice diversa ma ,nel nostro comune assunte e pagate da una cooperativa.
    Di solito si concorda con la famiglia le ore di frequenza e con quelle e il tipo di disabilità si richiede un numero x di ore.
    tutto questo nel nostro comune,ogni comune ,visto che il nido di solito è gestito dal comune,però si organizza come crede perciò devi far riferimento al tuo per sapere come saranno le condizioni di supporto al tuo bimbo in caso di frequenza,certo ci vorrà una certificazione dal NPI o da chi sta seguendo il bambino,quando nel nostro nido frequentarono bimbi con disabilità simili a quelle del tuo bimbo avevano un rapporto 1:1
    Non penso di averti chiarito le idee ma...
    Mio figlio aveva il supporto per tutte le ore frequentanti(20 ore settimanali9 poichè frequentava un nido fuori comune e questi avevano richiesto al mio comune la copertura totale non volendo ''usare'' le loro educatrici ,è stat una bella esperienza per lui e per noi,certo bisogna tenere ben presente le esigenze del tuo bimbo che necessità di essere seguito costantemente,in bocca al lupo



  6. #5
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    1
    Thanked: 0

    Smile sostegno

    Buongiorno,
    io sono un'educatrice di nido ed ho anche lavorato con bambini disabili sempre 0/6 anni. Le posso dire che la frequenza del nido può dare grandi stimoli ai bambini: sensoriali, intellettivi, sociali... e penso che iscriverlo sia un passo positivo. Per quanto riguarda il sostegno non dipende dal nido, mi spiego, i comuni ( servizi sociali) in base alla certificazione d'invalidità stanziano dei fondi che serviranno a pagare le ore alle educatrici che affiancheranno i bambini. Il numero di ore per bambino verrà deciso da un gruppo di specialisti in base al bisogno e la gravità. Chieda info al suo comune! Cmq l'educatrice in questo caso avrà un rapporto 1:1 con il bambino e non sarà suo compito guardare gli altri!! In bocca al lupo!!



  7. #6
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    già in giro a raccattare clienti?

    per me questo si chiama SPAM... e della peggiore delle categorie....

    mi auguro che la redazione intervenga prontamente......
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  8. #7
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    28
    Thanked: 0

    Predefinito

    ciao... io ho una bimba di 4 anni emmezzo disabile grave. lei ha frequentato due anni di nido e uno di materna... premetto che secondo me se il bambino non ha gravi problemi di salute tipo forti crisi epilettiche, crisi respiratorie, apnee, ecc secondo me il nido e molto utile grazie ai forti stimoli e ai bimbi che sono meravigliosi! la mia esperienza col nido è stata ottima. per quanto riguarda il sostegno se non ci sono gravi problemi tipo tracheo, peg, sondino al nido effettivamente viene messa u insegnante in piu sulla classe e non un insegnante sul bambino... questo non vuol dire che il bambino verra lasciato solo ma semplicemente che non avrà un insegnante tutta sua ma che a turno stara con tutti gli insegnanti... (parlo di nidi comunali, su statale e privati funziona diversamente)... per quanto riguarda la materna (comunale o statale) invece è diverso, viene dato un insegnante di sostegno sul bambino che si occupa principalmenre di lui infatti devo dire che quest anno mia filgia con le altre insegnanti e stata ben poco! ovviamente in base alla gravita vengono assegnate le ore. se poi ti va bene che il comune ha soldi ti danno anche l educatore che copre le ore che non copre il sostegno, ma noi questa fortuna non l abbiamo avuta!!! sul privato invece non so come funziona!



  9. #8
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito Aggiornamento situazione: AIUTO!!

    Allora, il bimbo al nido l'ho iscritto poi, ma sono molto preoccupata a riguardo...la maestra di sostegno è una ragazza in gamba, ed è prevista per tutte le 5 ore di permanenza di mio figlio. Però, fa altro. Viene messa dalle anziane a fare bassa manovalanza per la classe, estromessa dalla maestra più anziana. Questa anziana si occupa di mio figlio: gli da da mangiare, lo cambia, lo fa dormire. Basta. Non è prevista per lui nessuna attività. In fase di inserimento ho raccontato loro come stimolare la vista con appositi giochi da me portati, ho fatto vedere loro tra i giochi presenti al nido quali potevano essere usati col bambino (quelli colorati in cui si premono bottoni e si accendono luci e suoni). Ma...la maestra anziana dice che loro non possono garantire che lui farà attività. Non è compito loro. Mi sono lamentata con la neuropsichiatra che segue il "progetto educativo" di mio figlio (quale sarebbe poi se non gli fanno fare nulla?!?)...lei è d'accordo con me, dice che ha telefonato, ma niente è cambiato.
    Quando lo recupero all'uscita, chiedo ogni giorno alla giovane (titolare del sostegno, piena di buonsenso e buona volontà) cosa è riuscita a fargli fare ma ogni volta la risposta è "solo 5 minuti, quando ci sono gli altri bimbi svegli mi devo occupare di loro e proprio non riesco! Tu però insisti perché qui non vogliono fargli fare attività!".
    Ho provato a chiedere alla vecchia (con toni pacati) di provare a responsabilizzare la giovane che piace al bambino ma senza risultati. E quando ho chiesto perché, visto che c'è una maestra in più apposta per la sua presenza, non riuscissero a fargli fare attività e giochi ad hoc (lui poverino da solo non riesce a fare nulla, nemmeno guardarsi intorno per il deficit visivo), mi è stato risposto di nuovo che il sostegno non è per lui ma per la classe.
    Trovo assurdo che il mio bambino non possa giocare o trarre una qualsivoglia valenza educativa dall'esperienza scolastica. Il sostegno dovrebbe proprio servire a questo, o no?!?!?
    Non ho bisogno di una mensa o di un parcheggio, non lavoro più appositamente per seguirlo.
    Come posso far valere i nostri diritti se ne abbiamo? E come fidarmi che il mio bimbo, buonissimo e silenziosissimo, non verrà lasciato solo sul suo seggiolone senza stimoli specifici?



  10. #9
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    22
    Thanked: 2

    Predefinito

    Prova a chiedere se hanno stilato un PEI per lui,cioè una serie di obbiettivi da raggiungere con relative strategie per arrivare a ciò.
    mi sembra però una situazione non favorevole al piccolo ,può andarmi bene il discorso sostegno alla sezione SE il tuo bimbo è messo nelle condizioni di condividere con un piccolo gruppo di bimbi(2-3) un tipo di attività,cosìsi coinvolgono i bimbi della sezione con il tuo piccolo,trovando delle attività semplici ma che riescano a coinvolgerlo.
    mi viene un brutto pensiero riguardo al fatto che ti hanno ''corteggiata'' per far iscrivere il tuo bimbo,spero di sbagliarmi,puoi dire loro che se non vedrai qualcosa di scritto(PEI o relazioni di osservazioni ed obbiettivi) puoi sempre tenerlo a casa,facendogli perdere la persona in più,forse così ci penseranno un po' sopra,comunque insisti,sappi che una grossa parte di tempo dovrai usarla per farti sentire al posto del tuo bimbo che ha diritto di essere sostenuto e stimolato,in bocca al lupo.



  11. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    Parla con la dirigente , se la giovane educatrice è stata assegnata a tuo figlio è a lui che si deve dedicare, se non trovi attenzione, scrivi al sindaco e all'assessore comunale all'istruzione , (i nidi dipendono dal Comune ) e spiega la situazione, non è ammissibile che un bambino che potrebbe avere grande beneficio da un buon inserimento debba essere solo parcheggiato . fatti sentire .
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  12. #11
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Martedì ho un nuovo incontro con la neuropsichiatra e proverò nuovamente a farmi valere. Il problema di queste proteste formali, però, non mi fa stare tranquilla lo stesso. Perché, per quanto formalmente ad un certo punto saranno forse costrette a darmi ragione, come potrò fidarmi? So con certezza che loro non hanno la minima intenzione di intrattenere e stimolare mio figlio, l'hanno ribadito più volte...chi controllerà che lo faranno? La giovane per ora è stata sincera con me, ma ammettiamolo, se io ritiro il bambino lei va a casa, che interesse ha a dirmi le cose come stanno??
    Il nido è blindato, nessun genitore può entrare al di fuori degli orari stabiliti se non previa autorizzazione delle maestre e le inservienti che gestiscono la porta...non potrei fare improvvisate neanche volendo...
    Non è che vogliono i bimbi disabili per rimpinguare il corpo docente e basta?!? Mi sorge il dubbio, e mi dispiace che il mio piccolo sia tanto buono da poter essere messo in un angolino facilmente! Fosse ingestibile avrei la certezza che devono occuparsene per forza!
    Sono davvero in crisi...



  13. #12
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    992
    Thanked: 5

    Predefinito

    la npi penso ci possa andare, se lei è disponibile proponi che faccia un incontro con le insegnanti... e come dice Marina, intanto potresti scrivere al sindaco e all'assessore comunale all'istruzione. Tuo figlio ha dei diritti e non è ammissibile che non vengano rispettati!
    http://walter-urticante.blogspot.com
    resistere quando tutto sembra perduto... puntare i piedi e stringere i denti quando anche la montagna sembra crollare sotto i piedi, questo è quel che conta.



  14. #13
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    Kiono , preparati , perchè questa è la vita che t'aspetta per i prossimi anni, lotte, controlli, discussioni. Leggo che il tuo bimbo è anche ipovedente , ci sono fondi appositi per l'integrazione degli alunni ipovedenti , chiedi di poter accedere a questi PER la riabilitazione a scuola, i Comuni fanno convenzioni con le associazioni UIC, APRI , per l'assistenza e la riabilitazione


    Legge n. 284 del 1997

    però devi scrivere al Sindaco e All'assessore , inizia a farti conoscere e a far conoscere tuo figlio. Ti hanno riconosciuto l'indennità d'accompagnamento , e l'indennità per l'ipovisione? Mai andata alla Fondazione HOLLMAN?
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  15. #14
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito Mammamarina dimmi di più se puoi!

    Lo so che sono solo all'inizio, ed è scoraggiante! E ci sono tante cose che ancora non so! Se riva di aiutarmi...allora il bimbo è in cura presso un centro educazione motoria 3 vv a settimana...sono più di 6mesi che cerchiamo di entrare in un istituto per ipovedenti quotato qui a Genova, il Chiossone, e se Dio vuole integreremo la terapia settimanale li. È un istituto privato ma convenzionato asl. Questi fondi di cui parli possono essere spesi anche per la riabilitazione a scuola? Nessuno ci ha mai paventato l'ipotesi nemmeno la npi e la terapista di solito molto attente. Alla Hollman abbiamo un soggiorno in forse per marzo (un anno dopo la ns richiesta, il bambino è seguito per i controlli periodici allo Stella Maris di Pisa). L'indennita di accompagnamento ce l'abbiamo, si può sommare anche quella per l'ipovisione?
    Grazie per il tempo che vorrai dedicarci!



  16. #15
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Aggiungo: quale assessore dovrei contattare? Comunale o regionale? Istruzione o sanità? Perché i nidi dipendono dal Comune, ma i fondi stanziati da quella legge vanno alle regioni...illuminami sulle procedure, ti prego!!



  17. #16
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    SE c’è anche una disabilità visiva si ha diritto anche l’indennità per questo, si possono sommare, devi però presentare nuovamente domanda per la visita alla Commissione per la cecità , saranno loro a valutare se è ipovisione o cecità e a riconoscere il beneficio economico del caso. Tu hai già fatto gli evocati visivi e una visita oculistica che attesti l’ipovisione? Perché questi documenti sono indispensabili per essere sottoposti alla visita.

    Vai alla HOLLMAN DI CANNERO O DI PADOVA?
    Prendi contatto anche con la LEGA DEL FILO D’ORO , sono MAESTRI per la riabilitazione dei bambini pluriminorati , sul territorio poi sono utilissime le relazioni di questo Centri specializzati per attuare una adeguata riabilitazione. I fondi a questo scopo sono spesso dati alle associazioni UIC, APRI o altre, che si occupano di questa specifica disabilità , spessi npi e fisioterapiste non gradiscono questa “invasione di campo” , ma tu non arrenderti, tuo figlio merita il meglio , ma solo tu puoi assicurarglielo sollecitando gli specialisti del territorio e senza fermarti ai loro limiti , ciao Homepage | Lega del Filo d'Oro
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  18. #17
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    domenticavo, i fondi sono stanziati dalle Regioni , ma sono poi i comuni che li destinano , quindi sindaco e assessore istruzione comunale , anche quello ai servizi sociali se c'è.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  19. #18
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    204
    Thanked: 1

    Predefinito

    Sono allibita, io ho un'esperienza diversa. Al nido la bimba è stata seguita benissimo e la sua insegnante era solo per lei. La mia bimba da allora ha fatto passi da gigante, meglio che mandarla a fare fisioterapia o logopedia.
    La legge 104 è chiara a riguardo l'insiegnante a sostegno deve essereci fin dal nido e specifica che deve essere specializzata.
    A che servirebbe secondo loro un insegnante specializzata per tuo figlio se poi va alla classe?
    Il bambino è semplicemente parcheggiato in un angolo?



  20.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •