Raffaello Belli, Pedonalizzazioni, disabili e legalit. Giugno 2011
NON. VENITE. A. BOLOGNA.
La città di Bologna il SABATO E DOMENICA non permette il transito delle auto con contrassegno invalidi nel centro "pedonalizzato". Inutili le proteste delle associazioni e della Consulta Handicap del comune di Bologna, inutile lo sciopero della fame della presidente della Comsulta Handicap. Dopo 15 gg il sindaco Merola e l'ass. al traffico Colombo, hanno concesso miserie di posteggi auto inzone limitrofe e una maggiore efficienza di pedane per accedere in carrozzina sugli autobus con l'annuncio che il problema dei disabili è risolto. NON È VERO. Resta il divieto d'accesso al centro nel week end (sabato e domenica) alle auto delle persone disabili munite del contrassegno invalidi.

Emblematico il convegno tenutosi a Firenze nel giugno 2011 (clicca sul link per accedervi) sui disagi e sugli abusi che le pedonalizzazioni causano alla categoria delle persone con difficoltà motoria. È una violazione continua sull'attuale legislazione che grida VERGOGNA per chi, investito nel ruolo di "servizio per i cittadini, per la propria città" abusa d'autorità e impone programmi di partito colpendo l'economia cittadina e prevaricando leggi che tutelano cittadini più deboli.
Nel gruppo su FACEBOOK "il contrassegno invalidi non vale un H" c'è la protesta e i video del question time all'assessore Colombo vero pirata sull'interpretazione delle leggi, ammalato di protagonismo, giovane ed inesperto assessore ambizioso di apparire.