Risultati da 1 a 13 di 13
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito restitusco la TESSERA ELETTORALE



    Egregio Presidente Napolitano,

    Mi chiamo Marina Cometto e sono la mamma di una persona con disabilità gravissima di 38 anni, affetta da una malattia rara la Sindrome di Rett, che in lei ha avuto effetti devastanti sia a livello motorio (è non deambulante), che a livello cognitivo e comunicativo, e l’ha resa totalmente non autosufficiente già dall’infanzia.

    Le scrivo per consegnare nelle Sue mani la mia TESSERA ELETTORALE, non riconoscendomi più come cittadina nella politica attuale e non sentendomi più rappresentata da nessuna delle forze politiche presenti in questo momento, spiegandone i motivi.

    In questi 38 anni abbiamo superato, come famiglia, molti ostacoli per offrire una vita serena a nostra figlia e ai suoi sorella e fratello; abbiamo sconvolto e trasformato totalmente le nostre prospettive per il futuro, ci siamo adeguati a quello che la società proponeva e predisponeva per le famiglie come la nostra; abbiamo fatto la nostra parte per quanto possibile per offrire al tema della disabilità il nostro modesto contributo.

    Sono state emanate negli anni '80, '90, e nel primo decennio del 2000 numerose leggi a tutela delle persone con disabilità, l’inclusione nella società sembrava ormai un fatto concreto e pur con i dovuti limiti interpretativi potevamo affermare di essere un Paese da cui prendere esempio.

    Purtroppo c’è stata negli ultimi anni una negativa svolta che ha iniziato a cancellare DIRITTI ACQUISITI, agevolazioni nate per offrire PARI OPPORTUNITA’, BENEFICI ECONOMICI.

    E’ iniziata la caccia ai falsi invalidi (che ci sono certamente, ma si è finito per colpire anche i veri) accusati di essere colpevoli dell’aumento eccessivo di indennità d’accompagnamento, ma nel calderone ci sono finiti tutti, anche chi disabile lo è davvero, le persone non autosufficienti in primis.
    Si è poi continuato con il rientro dei costi della Sanità, riducendo le autorizzazioni per gli ausili e protesi, cancellando di fatto la riabilitazione fisica e comunicativa anche nell’età evolutiva, tagliando in modo massiccio i fondi per gli assegni di cura, progetti di vita indipendente e assistenza indiretta che permettevano di assistere le persone con disabilità al proprio domicilio.

    I tagli all’istruzione hanno reso ancora più difficile l’integrazione degli studenti con disabilità in molti casi ridotta a puro “parcheggio” .

    Ora questo Governo, non politico ma definito “tecnico”, (forse per non dare responsabilità alla politica di tanto sfacelo sociale,) con il Decreto <Salva Italia > vuole andare oltre, mettendo in discussione L’INDENNITA’ D’ACCOMPAGNAMENTO (LEGGE 18/80) e le pensioni, sia quella di invalidità che quella di reversibilità, non preoccupandosi di quanto questo influirà sulla vita vera e vissuta delle famiglie con una persona disabile al suo interno, quelle con totale non autosufficienza, che non sono solo quelle anziane, quelle con più persone disabili, quelle cui non entrano altri redditi da lavoro (visto che le persone con disabilità spesso anche essendo in grado di svolgere attività lavorativa lo non trovano però nessuno disposte a assumerle).

    La goccia che però ha fatto traboccare il vaso è stata l’ultima notizia che ho letto riguardo ai TICKET che si vogliono imporre anche sulle forniture di pannoloni, ossigeno, alimenti per celiaci, ausili per diabetici, lancette, strisce e macchinette per la rilevazione quotidiana della glicemia. Molti di questi sono ausili salvavita e la vita non si può salvaguardare a seconda del reddito, non in un Paese civile.


    Il Ministro della Giustizia Severino in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, il 28 gennaio 2012 ha detto: “DALLO STATO DELLE CARCERI SI MISURA IL GRADO DI CIVILTA’ DI UN PAESE”. Vorrei aggiungere che è da quanto e come si tutelano le persone più fragili che si misura non solo la civiltà di un Paese, ma il suo grado di umanità, condivisione e democraticità, e l’Italia non è certo ai primi posti.

    Restituisco quindi a Lei, Presidente, quale Rappresentante del Popolo italiano la mia tessera elettorale, in segno di protesta pacifica verso le Istituzioni. Non voglio più prendere posizione per questa o quella appartenenza politica che si trovano solo d’accordo nell’ignorare le vere esigenze del popolo a cui dovrebbero essere di servizio e rappresentanti.

    Non interpreti questa mia come una resa o rassegnazione, la sconfitta non è la mia !!!!!

    Distinti saluti, Marina Cometto




    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,213
    Thanked: 119

    Predefinito

    Non condivido l'iniziativa.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  4. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    me too......
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  5. #4
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    1,741
    Thanked: 14

    Predefinito

    E' da un po' che penso che l'equivoco stia proprio nell'art. 1 della Costituzione "L'Italia è una Repubblica Democratica fondata sul lavoro"... ho la sensazione che questo articolo si presti ad interpretazioni del tipo "Tu meriti considerazione solo in quanto lavoratore... altrimenti arrangiati" dando quasi paradossalmente questo alibi a chi giura fedeltà al momento di affidargli un incarico importante...

    Perchè? la Germania nazista non era fondata sul lavoro...? "Arbeit match frei" (il lavoro rende liberi) si leggeva fuori dei campi di concentramento...

    Certo che per campare e vivere degnamente bisogna produrre (che discorsi...) ma volenti o nolenti bisogna fare i conti anche con altre realtà... che se abbandonate a se stesse mortificano le persone coinvolte...

    Dopo il suddetto art. 1 ne seguono altri che tentano di rettificare... precisare... ma ormai il danno è fatto e apre le porte a cio che vediamo oggi...

    Forse non sarebbe servito ma se avesse chiarito fin da subito "L'Italia è una Repubblica Democratica fondata SUL RISPETTO DELLA DIGNITA' UMANA E DELLA VITA"... o qualcosa del genere avrebbe quantomeno fugato ogni dubbio... e avrebbe abbracciato varie tematiche... non solo il diritto al lavoro... ma anche il diritto alla salute... il diritto allo studio... e tante altre cose purtroppo dimenticate... diffidando chiunque (almeno ci si provava..) a operare in senso opposto alla vita...
    a mme me piace er gezz... ma pure li pinche floidd...



  6. #5
    Junior Member L'avatar di Marachella
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    4,542
    Thanked: 36

    Predefinito

    Io invece trovo che sia una bella iniziativa invece, se tutti i disabili e le loro famiglie facessero lo stesso gesto in segno di protesta specie in concomitanza delle elezioni politiche probabilmente, qualcuno, fatti i conti si renderebbe conto che siamo in tanti!

    Il punto è che se fossimo in quattro gatti la protesta perderebbe forza...
    ... anche se non vedo i tuoi occhi, posso ascoltare il tuo cuore...

    Monica



  7. #6
    Novellino del Forum L'avatar di Spartan
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    353
    Thanked: 0

    Predefinito

    Non avendo la benche' minima stima di giorgio napolitano
    apprezzo il tuo gesto. ma, purtroppo, temo che allo stato non interessi nulla, peggio, per alcuni esponenti politici, il fatto che una persona rinunci alla tessera, e' pure auspicabile...
    BORKED
    Dammi ora e luogo e ti do cinque minuti: qualunque cosa accada in quei cinque minuti sono con te, ma ti avverto, qualunque cosa accada un minuto dopo sei da solo. Io guido e basta!



  8. #7
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    42
    Thanked: 0

    Predefinito

    Credo che la protesta di Mammamarina sia sacrosanta ma che la restituzione della tessera elettorale non dia alcun risultato perchè di certo non turberà il nostro Presidente che da oltre mezzo secolo fa parte di questa casta politica che ci ha ridotto in questa situazione. Penso che potrebbe ottenere più ascolto una petizione sottoscritta da tutti i genitori che frequentano questo sito. Il sito potrebbe disporre una lettera di protesta ed organizzare la possibilità di sottoscriverla come fa per esempio AMNESTY INTERNATIONAL per le sue petizioni.Cordiali saluti a tutti
    peppe



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    peppe. leggi in prima pagina l'aggiornamento
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  10. #9
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    42
    Thanked: 0

    Predefinito

    Scusa Marina ma non ho capito dove trovare l'aggionamento. Cordiali saluti
    peppe



  11. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  12. #11
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito


    Torino 3/4/2012


    Egregio Presidente Napolitano ,

    Sono una cittadina italiana e il 29 febbraio 2012 le ho restituito con una raccomandata , credendo che lei fosse Presidente di tutti gli italiani , la mia tessera elettorale in segno di protesta per come la politica ignori la disabilità e i problemi sociali.Non voglio più prendere posizione per questa o quella appartenenza politica che si trovano solo d’accordo nell’ignorare le vere esigenze del popolo a cui dovrebbero essere di servizio e rappresentanti e non voglio avere più responsabilità per aver privilegiato posizioni politiche che agiscono in modo discutibile.




    Ieri mattina ,ho ricevuto dalla Prefettura di Torino con poche righe d’accompagnamento , la tessera elettorale che le avevo spedito. La frase scritta “ con l’invito a voler riconsiderare l’importante valore civico dell’esercizio del diritto di voto , mediante il quale si possono esprimere anche le opinioni più critiche”. non fosse che queste parole sono e rimangono espressioni di circostanza mi verrebbe anche da ridere , quale diritto di voto o esprimere le opinioni , noi cittadini disabili non abbiamo diritti , solo doveri, di disturbare il meno possibile e se possibile credo che qualcuno preferirebbe eliminarci dalla società .

    Lo dimostrano i fatti , tagli alla fornitura di alimenti preziosi come l’acqua gelificata e alimenti per la disfagia già effettuati in alcune ASL italiane, gli ausili che a causa degli alti costi non vengono autorizzati, i tagli ai trasporti pubblici locali e nazionali, anche ai servizi per le scuole, assistenza domiciliare affossata dando la precedenza ai ricoveri in struttura per i non autosufficienti, servizi sanitari e assistenziali carenti .
    Queste cose a chi come lei vive ai piani alti della nostra società certamente sono semplicemente parole con poco significato , ma le assicuro che sono realtà quotidiana per molti dei suoi “sudditi”.

    Viviamo però ora in un’era moderna e mi ero illusa che argomentazioni importanti quali erano quelle che le avevo sottoposto nella precedente lettera potessero risvegliare il suo interesse istituzionale , non è stato così, chi si occupa della sua segreteria ha ritenuto non disturbarla con le parole critiche ma sincere di una modesta cittadina italiana .

    Ci sono stati ricevimenti e accoglienza in recente passato per dittatori e politici corrotti , ricevimenti e accoglienza pagati anche con il denaro delle tasse che io come cittadina ho pagato e pago come tutti gli onesti cittadini , ma non si ritiene questi cittadini neppure degni della comunicazione al Presidente , me lo si contenta, giusta protesta verso una politica che non si preoccupa della sopravvivenza di una fascia di cittadini che certamente non si sono scelti il destino che hanno incontrato , ma che lo subiscono anche con l’aggravante dell’indifferenza delle istituzioni .

    Non mi sembra molto democratico questo comportamento , credo che anche nel rispetto della Sua figura istituzionale Lei debba essere informato del mio malcontento verso la politica vessatoria perpetrata ai danni di bambini , adulti e anziano con disabilità.



    Vorrei ricordare la sua figura come Presidente che ascolta non come il Presidente che ignora delegando alla segreteria l’incombenza di rispondere non certo come un cittadino si aspetterebbe dal Presidente della Repubblica .

    Per tutti questi motivi riinvio la mia tessera elettorale con l’invito a recapitarla nelle mani del Presidente Napolitano , credo sia un mio diritto richiedere attenzione e un dovere rispondere adeguatamente , non parole di circostanza , credo di conoscere ormai tutto il repertorio e ne faccio volentieri a meno . Sarebbe gradita questa volta l’attenzione dovuta alla fascia più fragile della popolazione , fragili e preziosi come possono essere i nostri figli , padri , madri, fratelli ,sorelle con disabilità .

    In caso contrario e fino a quando questa politica non ascolterà la voce del popolo che gli permette di vivere tra agi e benefici vari, molti dei quali sconosciuti a noi comuni mortali, io non eserciterò il mio diritto di voto in segno di protesta non volendomi sentire complice di norme e leggi ingiuste e vessatorie. E ogni volta restituirò il mio DIRITTO DI VOTO!


    Distinti saluti
    Marina Cometto

























    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  13. #12
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    186
    Thanked: 3

    Predefinito

    Ma non ti ha più risposto ????

    ciao antonella
    Denis



  14. #13
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    a quest'ultima non ha più risposto nessuno. meglio così, dimostrazione della considerazione che hanno dei cittadini !!!!!!!!!!!!!
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  15.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •