La strega blu delle paludi (da un racconto russo)








C'era una volta un ragazzo orfano che si chiamava Yuri; prima di morire, sua nonna Fedossya gli disse: "Prendi le tre piume che si trovano nel mio setaccio; quella bianca come il giorno ti riempira' di coraggio; quella nera come la notte ti proteggera' e quella rossa come il sole ti trasmettera' la gioia." Yuri attacco' le tre piume al suo cappello e si mise in cammino per andare a lavorare nella fattoria che si trovava sull'altro versante della collina. Attraversando le paludi, giunse in una graziosa radura; in una cavita' del suolo c'era un piccolo stagno rotondo la cui acqua era limpida come cristallo. Si inchino' per bere, ma all'improvviso una vecchietta emerse lentamente dall'acqua. Arrivava appena alle ginocchia di Yuri. Indossava un abito e uno scialletto di colore blu e, nel suo viso pieno di rughe, si spalancavano due grandi occhi blu, che sembravano quelli di una ragazza. La vecchia tese le braccia, che si allungarono come serpenti verso la testa di Yuri, incapace in quel momento di muoversi. Allora, le piume del suo cappello gli solleticarono il naso facendolo starnutire violentemente; di colpo torno' in se' e fuggi' gridando: "Sono troppo astuto per te, vecchietta!" La vecchia gli rispose con voce chiara e burlona: "E' grazie alle piume che sei riuscito a sfuggirmi, ma la prossima volta, ti trascinero' con me in fondo allo stagno!" "Staremo a vedere - disse Yuri - ritornero' domenica prossima" "Cosi' ho scoperto quale e' l'aspetto della strega blu delle paludi! - si disse Yuri mentre si allontanava - Mi piacerebbe si trasformasse in una splendida ragazza!" Aveva spesso sentito parlare della strega blu: la gente diceva che poteva trasformarsi in una bellissima ragazza e che custodiva un prezioso tesoro. Giunto alla fattoria, Yuri fu accolto dal proprietario e dalle altre persone che vi lavoravano; uno dei suoi nuovi compagni, che si chiamava Kuzma, rimase molto incuriosito dalle piume ch e portava sul cappello e durante la notte, entrato nella sua stanza, gliele rubo'; il giorno dopo, quando si accorse di non avere piu' le piume, Yuri fu molto amareggiato; tuttavia, ritorno' ugualmente nelle paludi la domenica seguente, portando con se' un recipiente per attingere l'acqua dallo stagno. Kuzma intanto lo seguiva per scoprire dove stesse andando. La vecchietta aspettava accanto allo stagno; Yuri, in segno di sfida, immerse il recipiente nell'acqua, ma quando cerco' di tirarlo su, era diventato cosi' pesante che il manico si ruppe. La vecchia rise a crepapelle, poi gli disse: "Sei molto coraggioso, ritorna con la luna piena e ti mostrero' il mio tesoro. Potrai prendere tutto quello che riuscirai a portar via" "L'unico tesoro che desidero - rispose Yuri - e' di vederti trasformata in una splendida ragazza." Tre giorni dopo c'era la luna piena; Kuzma che aveva sentito la conversazione tra Yuri e la strega blu, si affretto' ad allontanarsi dalla fattoria per arrivare prima di Yuri e prendersi il tesoro. Un po' piu' tardi, Yuri si incammino' sulla strada che conduceva alla radura; quando vi giunse, la vecchietta emerse e sollevo' la superficie dello stagno come un coperchio, facendo apparire una gran quantita' di pietre preziose, "Serviti pure!" "No, nonna Fedossya mi ha detto che bisogna accettare solo il tesoro che la strega offre con le sue mani." All'improvviso una nuvola di fumo blu si alzo' sopra lo stagno e prese forma una splendida ragazza che teneva in mano un piatto d'oro pieno di pietre preziose. "Non cercare di ingannarmi - disse Yuri - nessun mortale e' in grado di sollevare un simile peso e non siete voi che me lo offrite con le vostre mani" La vecchia scoppio' a ridere e scomparve insieme alla ragazza. Yuri aspetto' un momento; quando stava per andarsene, vide apparire un'affascinante ragazza alta come lui, in abito blu. "Caro Yuri - disse - accetta questo regalo!" E gli porse il setaccio di sua nonna pieno di frutti di bosco con sopra le tre piume. "Kuzma ha cercato di impossessarsi del tesoro ed e' stato trascinato in fondo allo stagno dai suoi sacchi troppo pesanti; solo le piume sono rimaste a galla. Tutti mi chiamano la strega blu delle paludi e appaio nella forma che tu vedi a coloro che hanno lo spirito puro e il cuore generoso. Giovane e vecchia insieme, custodisco il tesoro dello stagno fino alla fine dei tempi; adesso, pero', devi andartene!" Poi scomparve in un vortice di nebbia; stava sorgendo il sole quando Yuri arrivo' a casa. Si accorse che il setaccio era diventato molto pesante, il fondo cedette e una moltitudine di pietre preziose cadde per terra. Cosi' Yuri pote' vivere nell'agiatezza per sempre, ma non si sposo' mai; non riusciva a dimenticare la strega blu delle paludi.

************************************************** *******************************************
mavialia