Cookie Policy Privacy Policy Quattro storie raggelanti. Sto male :°(



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 24
  1. #1
    Maestro_Yoda
    Guest

    Predefinito



    Andate sul sito www.uildm.org :


    in occasione delle giornate uildm 2010. Sono solo 4 scelte tra le migliaia di storie che ci sono in Italia e nel mondo. Ma vederle raccontate così mi fa stare davvero male. Cosa possiamo fare? Vale davvero qualcosa donare l'euro col messaggino e poi tornare a fregarsene? Perch? nessuno se ne importa fino al giorno in cuigli capita in prima persona?


  2.      


  3. #2
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Località
    Italy
    Messaggi
    431
    Thanked: 0

    Predefinito





  4. #3
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Ho letto l'articolo sulla bambina.


    Al di l? che c'è una discrepanza in merito alle date, siamo nel 2010, la bimba è nata l'8 ottobre 2003 e la madre ad un certo punto del racconto dice... Oggi Letizia ha tre anni... , a fronte di una diagnosi di quel tipo a 4 mesi di vita, dare l'assenso a ciò che i medici hanno eseguito un mese dopo, è dimostrazione diuna violenza e di un egoismo da parte dei genitori che mi fa ribrezzo.


    E' vero e proprio accanimento terapeutico che dovrebbe essere vietato per legge.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  5. #4
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    sono storie molto simili a tante che conosco bene, quindi per me non sono così inusuali, fanno male , certo sò per chi nonconosce queste realt?,ma quando si conoscono bene tutto diventa vivibile e sopportabile,sono in contatto con la mamma di Letizia , questo è il suo blog


    http://www.letiziasma.blogspot.com/
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Soprattutto se la sofferenza fisica ?quella deglialtri.


    Immagino come saresti contenta poter rinascere e di essere tracheomizzata, di utilizzare un respiratore artificiale, di essere alimentata tramite peg, di non poter parlare, camminare, esprimere le tue opinioni, di doverti adeguare alle decisioni altrui, ecc.


    Ma per favoreeeeeeeeeeee...
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  7. #6
    Maestro_Yoda
    Guest

    Predefinito

    E chi sarebbe contento? Per? credo che loro malgrado questi bambini amano la vita perchè è l'unica che possiedono.



  8. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Località
    Lecce
    Messaggi
    2,839
    Thanked: 0

    Predefinito

    Genitori e figli come Dio te li manda!!!piu' si e' sensibili e piu' si soffre di queste situazioni e se mi scorresse granita nel sangue,penserei solo a fare dei conteggi di date per smentire gli altri,ma forse cosi' mi sentirei meno impotente,di come mi senta ora leggendo queste storie.E' vero non basta fare la telefonatina o comprare la farfalla,ma cosa possiamo fare?
    desdy



  9. #8
    Senior Member L'avatar di deambulante51
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Japan
    Messaggi
    8,531
    Thanked: 39

    Predefinito

    Condivido Marina e,anche Maria Laura.
    Due pensieri concatenati,a mio avviso.
    Nel primo,vale piu' il conosciere la persona colpita,sentimento che fa si che prevalga la vita sempre e comunque.
    La seconda la trovo dolorosissima per chi e' vicino al sofferente ma,liberatorio per il medesimo.per di piu',se espresso esplicitamente.
    Se non e' espresso precedentemente dal sofferente e' un problema di coscienza mista ad affetto/amore.
    Ringrazio il mio Dio per avermi esentato da questo tragico destino,per adesso.
    </span>

    Domani è il primo giorno del resto della mia vita



  10. #9
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    Ringrazio il mio Dio per avermi esentato da questo tragico destino,per adesso.

    ecco, deambulante hai scritto bene, per adesso, e è un pensiero che non dovremmo dimenticare mai, ognuno di noi potrebbe trovarsi a dover prendere decisioni in merito , per sò o per qualche famigliare, decisioni importanti , dove sta la verità e il giusto comportamento , io non lo so, non ho certezze in merito, conosco mamme che non hanno voluto per i loro figli n? peg, ne trecheo, scelte opposte in situazioni così gravi, a tutte va il mio rispetto come donna , mamma e essere umano, perchè quelle scelte sono dettate dall'amore e ognuno di noi le vive in maniera diversa. da quì all'eliminazione per legge ce ne corre.





    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  11. #10
    Senior Member L'avatar di deambulante51
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Japan
    Messaggi
    8,531
    Thanked: 39

    Predefinito

    Lasciamo aperte le varie e personali decisioni in merito,anche con il supporto di leggi,per chi ne volesse usufruire,sia da parte di assistenti e assistiti.
    Confesso che mi viene da piangere a questo discorso e,prima di stare peggio,mi defilo.
    Scusatemi.
    </span>

    Domani è il primo giorno del resto della mia vita



  12. #11
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito





    SE UNO E' CREDENTE

    come AKI, MAMMAMARINA (e come cerco di esserlo anch' io) da' per scontato che la vita umana e':
    1. DONO DI DIO;
    2. UNICA ED IRRIPETIBILE;
    3. DELLA QUALE NON SI PUO' DISPORRE A PROPRIO PIACIMENTO DATO CHE SI DOVRA' RENDERE CONTO DI COME SI E' VISSUTA NEL GIUDIZIO FINALE.
    Di conseguenza, essendo un dono del quale non si puo' disporre, il credente d?a per scontato che la deve accettare e vivere cosi come gli e' stata data: nulla vieta, la' dov'e' possibile (e lecito) di renderla piu' piacevole o, almeno, meno difficoltosa, questa vita.

    La sofferenza e' un altro grande mistero che, da sempre, accompagna la storia ed il cammino dell'umanita': questo pero' non significa che si devono sopprimere le persone per non vederle soffrire.

    Sarebbe come buttare l'acqua sporca assieme al bambino che si e' appena lavato.

    Sempre da credente ho scoperto che anche la Bibbia ha affrontato il problema della sofferenza: fra i tanti ?e' emblematico il libro di Giobbe.

    Fermo restando che, chi non e' credente, puo' continuare per la sua strada, e non e' ?obbligato a prendere in cosiderazione queste mie estenazioni</span>.

    Sono solo dei punti di vista come tanti altri.

    Cordialita' a tutti.

    Edited by: marinotunger
    marinotunger



  13. #12
    Maestro_Yoda
    Guest

    Predefinito



    No Marino ascolta stai facendo esempi che non c'entrano!


    1)Giobbe era adulto poteva scegliere. E dopo, come ogni storia biblica che si rispetti, fu anche ricompensato!


    2)Certe cose non rendono la vita più piacevole, la fanno solo continuare.


    Quando si passa dalle parole alla realt? molte convinzioni bibliche vacillano! Ai tempi dell'Antico Testamento l'uomo non era ancora capace di costruire macchine che sostituissero cuore e polmoni creati da Dio!



  14. #13
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito




    CIAO MAESTRO YODA,

    guarda che Giobbe non ha scelto proprio nulla: ha perso i figli, tutti i suoi averi e, alla fine, anche la salute, al punto da essere allontanato dalla comunita' perche' impuro</span>, cioe' affetto da malattia contagiosa.

    Durante questo allontanamento forzato dalla comunita' , questa quarantena, questa quaresima, questa privazione di tutto, Giobbe interroga prima se' stesso, poi gli amici e poi cerca d'interpellare anche Dio, al quale vorrebbe chiedere la ragione della presenza della sofferenza nella vita.

    Alla fine Giobbe viene ricompensato non perche' ha capito i disegni di Dio, ma perche' li accetta, cossi' come sono, senza se e senza ma</span>.

    E' un bel mattone il libro di Giobbe: va letto piano piano, cercando di digerirlo</span> e di metabolizzarlo</span> bene.

    Cordialita' a tutti.



    Edited by: marinotunger
    marinotunger



  15. #14
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Cremona
    Messaggi
    8,839
    Thanked: 1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da deambulante51
    Condivido Marina e,anche Maria Laura.
    Due pensieri concatenati,a mio avviso.
    Nel primo,vale piu' il conosciere la persona colpita,sentimento che fa si che prevalga la vita sempre e comunque.
    La seconda la trovo dolorosissima per chi e' vicino al sofferente ma,liberatorio per il medesimo.per di piu',se espresso esplicitamente.
    Se non e' espresso precedentemente dal sofferente e' un problema di coscienza mista ad affetto/amore.
    Ringrazio il mio Dio per avermi esentato da questo tragico destino,per adesso.
    solo tuo? e mio!no?



    Uploaded with ImageShack.us



  16. #15
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di Patrik1
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    33,592
    Thanked: 112

    Predefinito



    Io sono socio della uildim di Legnano prov. Milano


    mi hanno dato una farfa??a


    i soldi vanno all'ospedalee San Raffaele


    cmq Maestro ha ragione se uo non e dentro non far? niente



  17. #16
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    19,847
    Thanked: 6

    Predefinito

    Certo che in ogni caso le storie sono molto tristi.
    Erica

    \"Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze!\"
    (Giuramento degli Atleti degli Special Olympics Italia)

    http://www.specialolympics.it



  18. #17
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da Maestro_Yoda
    E chi sarebbe contento? Per? credo che loro malgrado questi bambini amano la vita perchè è l'unica che possiedono.

    Ma certooooooo!


    Vedono i fratelli e le sorelle che fanno tutto quello che loro non possono fare e pensano... come siamo contenti che non possiamo giocare, andare in bicicletta, giocare a pallone, con le bambole, con il lego, ecc.


    Che bella la vita!






    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  19. #18
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Marino, io sono credente e pertanto dico no all'accanimento terapeutico che non è volere di Dio ma degli uomini.


    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  20. #19
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Trento
    Messaggi
    22
    Thanked: 0

    Predefinito

    Non so, non dico che in questi casi non si doveva decidere per la cura, non lo so e al momento non avrei neppure le informazioniper decidere. Volevo per? dire che il limite tra cura e accanimento terapeutico è difficile da stabilire. Ogni tanto mi viene da pensare che in ogni caso questi discorsi valgono per l'Italia e pochi altri paesi, perchè nel resto del mondo sarebbero morti senza nessuna discussione. poi mi viene da pensare che in molte zone del mondo con gli stessi soldi si potrebbe far vivere una vita piena e felice a molti bambini, ma è solo un pensiero senza capo n? coda.
    In ogni caso è dura stabilire il limite, anche per chi ci si trova in mezzo. ad essere sani non ci si rende conto di quali problemi ben peggiori dei nostri (almeno dei miei) ci siano in moltissime altre famiglie.



  21. #20
    Senior Member L'avatar di April
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    8,501
    Thanked: 0

    Predefinito



    Volevo specificare una cosa.
    Prima di tutto i soldi che si raccolgono con la vendita delle farfalline, del miele, del cioccolato,vanno alla ricerca e al reparto Nemo, presso l'ospedale di Niguarda, per la cura della distrofia muscolare e della SLA.
    Io sar? presente con un banchetto, sabato 13, presso un piccolo centro commerciale.
    Se passate a Milano, io sar? all'UNICENTER in via Bovisasca.
    Poi, non voglio entrare in merito a storie molto dolorose. Ne ho vissuta una in prima persona, con il mio primogenito...e non riesco a parlarne, per lo meno non adesso.
    Ma, la maggior parte di voi,la storia la conosce già.


    -vola in alto solo chi osa farlo-
    -per arrivare all\'alba non c\'è altra via che la notte-



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •