Cookie Policy Privacy Policy BUONA LETTURA



Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: BUONA LETTURA

  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    62
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ciao s tutti ho preso un aeticolo dalla rivista per disabili, secondo me è interssante perche puo' aiutare i disabili a cucinare con trabquillamente luisa


    OGGI CUCUNO IO:
    sciacquare i piatti, oppure pulire verdure lin tempi separati.<?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />
    Per la seconda vasca e disponibile un accessorio che consente di trasformarla in preghiera, per aumentare l'occorrenza il piano di lavoro. Se in cucina lo spazio tra i piatti e di bordi del catino è molto ridotto.
    La scelta di un miscelatore a leva per il rubinetto è indicata soprattutto per chi ha difficolt? alle mani.
    Una doccia e terribile consente di riempire l'acqua le pentole posizionate direttamente su i fornelli incassati. I vantaggi in termine di sicurezza rispetto ai fuochi tradizionali sono evidenti, bassi , pensare alla difficolt? di una persona anziana nel posizionare la caffettiera al centro di uno fornello delle pentole della briglia al piano di lavoro senza dislivelli. Infine anche l'aspetto estetico di questi piani è veramente molto gradevole. Se si decide di installare a una cappa per aspirare i fumi generati durante la cottura dei cibi si è deve prevedere una piccola modifica elettrica che sull? apparecchio ad altezza irraggiungibile all'altezza del piano di lavoro o cottura scegliere un modello azionabile con il comando.

    IL FORNO

    Il forno collocato sotto il fuochi impedisce ai pali delle basi l'inserimento delle gambe i e il posizionamento frontale rispetto ai fornelli di chi lavora da seduto, nelle più recenti considerazioni di cucine il forno compare spesso separato dal piano cottura e incassato un mobile all'altezza del piano di lavoro: una disposizione dettata da requisiti di funzionalit? che facilita chiunque nello svolgimento delle operazioni e previene le ustioni, consente di maneggiare contenitori bollenti e pesanti in una posizione più comoda senza doversi piegare a verso il basso.
    Anche per le persone in carrozzina questa soluzione risulta più accessibile rispetto al tradizionale blocco cottura.
    Il forno andrebbe scelto, per i motivi di sicurezza al funzionamento e elettrico, incassato all'altezza del piano di lavoro o ad altezza leggermente più bassa oltre una maggiore visione del contenuto e consente di maneggiare più agevolmente in modo più sicuro, di oggetti bollenti al suo interno.
    Lo sportello che si apre verso il basso puo? servire da piano di appoggio fosse a fine cottura, facendolo per? attenzione a non toccare la metà bollente per eliminare questo pericolo è meglio scegliere un modello con apertura laterale e in installare subito al di sotto del forno piano estraibile con funzione di appoggio per le figlie calde.
    I fornelli a microonde o a cottura comminata che associa la cottura a microonde e quella radice umana al grill sono una buona alternativa accessibile e o occupano poco spazio.. Vanno appoggiati direttamente sul piano di lavoro ad una altezza raggiungibile ma al di fuori nelle zone che possono essere raggiunte dall'acqua del lavello. Nel caso in cui da cui la cucina sia piuttosto piccola e non sia presente lo spazio sufficiente per separare e il forno dal piano dei fuochi è consigliabile adottare un blocco cottura ritratto di un forno con sportello e cassetto in questo particolare configurazione i ripiani interni sui quali vengono appoggiate le figlie durante l'acqua dura e escono insieme allo sportello al momento dell'apertura diventa quindi più facile togliere i cibi dal forno nonna dovendovi mai visitare con le mani.

    INVENTARE GLI SPAZI
    come abbiamo detto, se si usano ausili per deambulare o ci vuole la carrozzina il trasferimento di pentole bollenti da un punto ha l'altro della cucina pu? risultare un'operazione complicata. Per semplificarla si pu? utilizzare un carrello per vivande oppure si pu? scegliere di attrezzare la zona di lavoro con un tavolino estraibile e ruotante, disponibile in alcuni modelli di cucine di serie. Inizio degli altri superiori in questi casi anche i pensili diventano difficili o impossibili da utilizzare e si deve ricorrere a soluzioni alternative.

    A PORTATA DI MANO

    Se la superficie della cucina è sufficientemente amplia è possibile rinunciare ai pensili e attrezzare le parenti con delle mensole posizionate all'altezza accessibile in cui ricorrere gli oggetti da tenere a portata di mano durante il confezionamento dei cibi, come collegamenti con piccoli elettrodomestici.
    Proprio con l'intento di mantenere gli strumenti da cucina all'interno del proprio raggio d'azione e esistono numerosi accessori infil? metallico per il cosiddetto sotto pensile cioe? quello spazio tra la linea dei pensili e il piano di lavoro una zona facilmente raggiungibile da chi lavora seduto .
    Si tratta di accarezzare costituite in genere da un binario o orizzontale metallico o in legno in diverse misure, fissare a muro a cui si possono apprendere dei ganci scorrevoli per gli strofinacci, mestoli o altri strumenti da cucina. Ma sono disponibili anche molti accessori come scuola piatti, leggeri per i ricettari, i diversi tipi di porta oggetti o personale nei quali rincorre misteri, posate, coperchi, mestoli, bottiglie, o addirittura il pane. In questo modo tutto resta fuori, è quindi facile da trovare, ma in ordine.
    Per recuperare lo spazio di contenimento bei pensili e quello dei mobili base, si possono scegliere delle colonne dispensa altre al massimo <?:namespace prefix = st1 ns = "urn:schemas-microsoft-comffice:smarttags" /><st1:metricc&#111;nverter ProductID="150 cm" w:st="&#111;n">150 cm</st1:metricc&#111;nverter>. daterra. Questi contenitori chiusi da genere vengono attrezzati con degli completamente accessibili e in esterni che consentono di raggiungere con facilit? di oggettii in esse contenuti anche da parte di chi si nuove lin carrozzina, e pu? avere qualche difficolt? di basi.
    Anche nei modelli di cucina della grande distribuzione a prezzi più contenuti, non è difficile trovare dispense di serie con ripiani cestelli estraibili o girevoli disegnati appositamente per contenere scorte, alimentari, o anche per ricorrere con facilit? i piatti e stoviglie che grazie a guide metalliche con fermo corsa estremamente maneggevoli vengono forse i distratti senza alcuna fatica dal contenitore ad una altezza da terra che consente la piena visione di maggioranza.

    SICUREZZA E FUNZIONABILITA?

    Per ridurre le probabilit? di infortuni legati alla distruzione, è possibile accessoriare la cucina una serie di dispositivi in grado di segnalare implorazioni al normale li riapre all'utilizzo del fuoco e dell'acqua. Si tratta di sensori che ridevano a la presenza di gas o fummo oltre la norma oppure la fuoriuscita di acqua sul pavimento e lasciano esser e lasciano sul alume prevenendo danni gravi.
    Un altro elemento in grado di incidere considerevolmente una confort e la sicurezza del locale è la luce una cattiva illuminazione pu? peggiorare il livello di attenzione e rendere difficoltoso le svolgimento di questi problemi molto semplici. Per evitare questi problemi è bene variare per quanta, le sorgenti di luce presenti nell'ambiente, la fonte luminosa principale bel locale pu? essere costibiente, da una o più plafoniere, oppure da faretti orientabili.
    Che consentono di avere una luce ben distribuita e diffusa.
    Su piani cottura e dove si svolge la preparazione del cibo, l'illuminazione deve essere diretta e non deve infierire con il campo visivo di chi lavora per le zone operative sono indicate soprattutto lampadine a incandescenza o tubi florescenti applicati sotto i pensili.
    Anche il colore pu? svolgere un ruolo importante, come strumento per evidenziare tutti quegli incrementi e terminarli di comando che devono perchè rincara il rispetto all'ambiente per essere individuati velocemente.
    Nella scelta di maniglie, interruttori, pur santi, e bene quindi orientarsi su colori a contrasto rispetto alla superficie sulla quale verranno installati.
    Le modifiche e gli accorgimenti validi per personalizzare l'ambiente, gli arredi e le attrezzature della cucina sono numerosi per essere correttamente individuati richiedono molta attenzione dalla fase di valutazione della realizzazione dei locale.
    Va dal punto di vista funzionale, sono in grado di fare la vera differenza per chi pu? adeguarsi alle soluzioni tradizionali proposte dal mercato.
    consiglia di posizionare il piano di lavoro principale tra il lavello e ll piano dei fornelli, il frigorifero, nel quale viene conservata la maggior parte degli e elementi da cucinare, va messo in profondit? della zona lavaggio.

    del cibo si deve essere in grado di raggiungere agevolmente sia la zona dedicata al lavaggio che quella bella cottura, per cui si consiglia di posizionare il piano di lavoro principale tra il lavello e ll piano dei fornelli, il frigorifero, nel quale viene conservata la maggior parte degli e elementi da cucinare, va messo in profondit? della zona lavaggio.

    IL PIANO DI LAVORO

    Il piano di lavoro è la zona della cucina in cui viene svolta la maggior parte delle operazioni di preparazione dei cibi, durante le quali si maneggiano oggetti acuminati o volenti, una buona accessibilit? di questo e elemento era anche grazia di sicurezza.
    ? buona norma che il piano di lavoro sia largo nonn meno di <st1:metricc&#111;nverter ProductID="60 cm" w:st="&#111;n">60 cm</st1:metricc&#111;nverter> la mancanza di alcuni piani di lavoro adeguati infatti, stringe ad usare superfici improprie, come il bordo dell lavandino, abitudine che porta l'aumento del pericolo ritagliarsi o di rovesciare dei liquidi bollenti.
    Per distribuire il piano in mancanza di spazio è
    possibile installare anche uno o più piani estraibili.
    Collocati al di sotto di quello principale.
    Per evitare spostamenti inutili è opportuno prevedere sulla parete, alle spalle, o a lato del piano di lavoro, all'altezza accessibile e lontano dall'acqua, l'installazione di alcune imprese di corrente che consentano l'uso dei piccoli ielettrodomestici deila robot da cucina direttamente in quest'area.
    Le cucine di serie presentano un piano di lavoro al tuo di circa <st1:metricc&#111;nverter ProductID="90 cm" w:st="&#111;n">90 cm</st1:metricc&#111;nverter> la terra, misura che mette nelle migliori condizioni, senza doversi pigiare troppo, si lavora in piedi.
    Le persone in carrozzina o che preferiscono svolgere da sedute le mansioni più lunghe di preparazione dei cibi, per poter lavorare comodamente ed avere una buona visuale devono poter disporre di un piano installato ad una altezza di circa <st1:metricc&#111;nverter ProductID="80 cm" w:st="&#111;n">80 cm</st1:metricc&#111;nverter> da terra.
    La misura e esatta va dedotta osservando le dimissioni e le abitudini della persona che utilizzer? la cucina, con la quale vale la pena di effettuare la posizione finale bel piano.
    Inoltre le tradizionali basi della cucina impediscono il corretto accostamento frontale della sedia al piano di lavoro, deve i essere allora previsto sotto il piano di lavoro un suo spazio libero per consentire l'inserimento delle gambe dicirca <st1:metricc&#111;nverter ProductID="70 cm" w:st="&#111;n">70 cm</st1:metricc&#111;nverter> da terra, ma anche questa misura va personalizzata La soluzione migliore è quella che preveda l'installazione di un piano di lavoro sospeso, senza basi, fissato all'altezza più adatta alle necessit? di una persona che lavora da seduta.
    Questo piano dora contenere la zona lavaggio e quella cottura, anche esse prive di basi, e si dovr? evitare di inserire elettrodomestici come la lavastoviglie o levatrice all'interno della sequenza lavavabo/pano di lavoro/ piano cottura, per non ostacolare gli spostamenti da una zona operativa all'altra.

    IL LAVELLO

    Grande attenzione va posta sulla scelta del lavello, che condiziona l'altezza di installazione di tutto il piano di lavoro, è fondamentale di edificare che la profondit? nella vasca sia contenuta intorno ai <st1:metricc&#111;nverter ProductID="15 cm" w:st="&#111;n">15 cm</st1:metricc&#111;nverter>.
    L'altezza delle ginocchia da terra dell'utente più lo spessore della vasca del lavello danno la misura e esatta alla quale posizionare il piano misura che non deve assolutamente superare gli 80- <st1:metricc&#111;nverter ProductID="85 cm" w:st="&#111;n">85 cm</st1:metricc&#111;nverter> da terra per evitare che il piano risulti troppo alto e scomodo, in caso di mancanza sensibilit? termica, il sòfone va accostatosi il più possibile alla parete.
    I modelli di lavello a due vasche risultano i più pratici, perchè consentono di lavorare e sciacquare i piatti, oppure pulire le verdure e in tempi separati.

    Per la seconda vasca è indispensabile un accessorio che consente di trasformala in preghiere, per aumentare alla occorrenza il piano di lavoro, se in cucina lo spazio non è molto, si possono adottare lavarbi ad una vasca e mezza













  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di miooim
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    nel Lontano Sud DaKota
    Messaggi
    25,581
    Thanked: 33

    Predefinito

    tutto a norma, per preparare ai fornelli la pasta alla norma...
    sn un baleniere, dico sempre ciò che mi balena in testa



  4.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •