Brian McKeever parteciper? sia alle Olimpiadi che alle Paraolimpiadi di Vancouver. E' il primo caso nella storia dei giochi invernali e lo sciatore canadese non poteva scegliere occasione migliore se non le Olimpiadi organizzate in casa sua. McKeever soffre del morbo di Stargardt, una malattia degenerativa che provoca la perdita della vista sin dall'adolescenza, e attualmente č non vedente al 90%. "Brian č un grande atleta e una persona intelligente, - ha detto al quotidiano spagnolo Marc la sciatrice canadese di fondo Sara Renner, medaglia d'argento a Torino 2006 - lavora molto duro e non parla mai della sua disabilit?. E' una fonte d'ispirazione per tutti noi, per superare i nostri ostacoli ed essere ottimisti. E' incredibile". Lo sciatore canadese normalmente compete insieme a suo fratello Robin, che gli serve da guida, per? in questa occasione parteciper? da solo. "Non ci sar? Robin, per? so di far parte di una grande squadra che sapr? compiere questa funzione. Ci saranno un sacco di guide, solo che devo ricordarmi che non gareggiano con me, ma contro di me", ha detto McKeever. Nelle Olimpiadi estive ci sono diversi casi di partecipazione sia ai giochi olimpici che paraolimpici: la nuotatrice sudafricana Natalie du Toit, la runner statunitense Marla Runyan, la giocatrice polacca di tennis da tavolo Natalia Partyka, la tiratrice con l'arco italiana Paola Fantato e l'arciere neozelandese Neroli Fairhall. McKeever far? la storia delle Olimpiadi invernali, con la speranza delle autorit? canadesi che il suo gesto "serva da esempio per ispirare tanta gente, disabile e non".