Cookie Policy Privacy Policy esposto alla procura della repubblica



Risultati da 1 a 11 di 11
  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    53
    Thanked: 0

    Predefinito



    Mi sono decisa, a quasi un anno dall'arresto cardiaco di Leila intendo presentare un esposto alla procura della repubblica accusando la pubblica assistenza di negligenza imperizia e ritardo nei soccorsi con esiti cerebrali permanenti per la bambina.


    Riassumendo la vicenda, tra la chiamata e l'arrivo in pronto soccorso all'ospedale sono passati 39 minuti quando l'ospedale è a circa 7 minuti di macchina, la bimba non è stata intubata e purtroppo ha danni gliotico-atrofici ai caudati bilateralmente; il risultato è che la bambina non è attualmente in grado di stare in piedi n? di camminare.


    Facendo "indagini" per cono mio ho saputo da dove è partita l'ambulanza, ma la pubblica assistenza attesta falsamente di essere giunta sul posto alle 3.05 quando è arrivata almeno 10 minuti dopo... mentre mia figlia era sdraiata su una felpa su un marciapiede e io facevo del mio meglio per non farla morire...


    Qualcuno ha qualche dritta da darmi per scrivere l'esposto? Grazie 1000
    Rose Madder


  2.      


  3. #2
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    perchè? scrivi da te l'esposto?
    non hai pensato di rivolgerti ad uno studio legale che si occupi di queste faccende?

    a loro basta guardare le cartelle per accorgersi se ci sono gli estremi o meno per avere certezza di vincere la causa.

    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  4. #3
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    53
    Thanked: 0

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da musicoterapista
    perchè? scrivi da te l'esposto?
    non hai pensato di rivolgerti ad uno studio legale che si occupi di queste faccende?

    a loro basta guardare le cartelle per accorgersi se ci sono gli estremi o meno per avere certezza di vincere la causa.

    lo scrivo da me perchè non sono economicamente in grado di chiedere l'aiuto di un avvocato... comunque sono stracerta che ci siano i requisiti per un'indagine -- in questo anno ho raccolto sguardi sbalorditi da parte di medici, infermieri, volontari avo, fisioterapisti ecc sui tempi del soccorso alla bimba
    Rose Madder



  5. #4
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    so che esistono degli studi legali che non ti chiedono nulla, solo in caso di vittoria della causa prendono una percentuale su quanto deciso dal giudice.

    almeno a catania so che esistono...
    una mia amica si è rivolta a loro per la causa della figlia

    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  6. #5
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    701
    Thanked: 0

    Predefinito



    Il gratuito patrocinio e' un beneficio previsto dalla Costituzione
    (art. 24 Cost.).

    Esso consiste nel fornire assistenza legale gratuita, per promuovere un
    giudizio o per difendersi davanti al giudice, a chi non e' in grado di
    sostenere le relative spese legali.


    Il pagamento delle spese (avvocati, consulenti, investigatori ) viene dunque effettuato tramite il cosiddetto "patrocinio a spese dello Stato"


    Il gratuito patrocinio e' previsto per:


    - cause civili e amministrative

    - cause penali e del lavoro

    - processo di impugnazione del decreto di espulsione di stranieri

    - ricorsi al Garante per la protezione dei dati personali



  7. #6
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    701
    Thanked: 0

    Predefinito

    <h1 ="">Il patrocinio a spese dello Stato, già gratuito patrocinio</h1>

    <h2 ="">Cos'??</h2>? il diritto che la legge riconosce al
    cittadino "non abbiente" ad essere difeso gratuitamente da un avvocato
    o ad essere gratuitamente assistito da un consulente tecnico, davanti
    ad un giudice. è altresò il diritto di non pagare le spese del
    processo, comprese quelle della consulenza tecnica.



    <h2 ="">In quali giudizi pu? essere richiesto?</h2>Nei processi
    civili, amministrativi, tributari, tranne che in alcune eccezioni
    specificate dalla legge e compresi gli affari di volontaria
    giurisdizione.

    ? altresò previsto anche per i processi penali, comprese le azioni civili connesse (risarcimento del danno da reato).



    <h2 ="">Chi sono i soggetti che possono chiedere il patrocinio a spese dello Stato?</h2>Sia
    i cittadini italiani, che gli stranieri o apolidi con regolare permesso
    di soggiorno, nonch? enti o associazioni senza scopo di lucro e senza
    attivit? economica



    <h2 ="">Quali le condizioni per essere ammessi/e?</h2>? stato
    fissato un limite di reddito, sotto il quale si pu? beneficiare
    dell'agevolazione. Tale limite è dato da un reddito imponibile ai fine
    dell'imposta IRPEF, risultante dall'ultima dichiarazione dei redditi,
    non superiore a euro 10.628,16.



    Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il
    reddito è costituito dalla somma dei redditi dei componenti la famiglia
    dell'istante: al reddito dell'istante viene quindi sommato quello dei
    famigliari conviventi. (Nel solo ambito dei procedimenti penali, questa
    regola è contemperata dalla previsione di un aumento del limite di
    reddito, che viene levato ad euro 1.032,91 per ognuno dei familiari
    conviventi).

    Si tiene conto del solo reddito dell'interessato, quando gli interessi
    del richiedente siano in conflitto con quelli degli altri famigliari
    oppure nel caso in cui oggetto della causa siano diritti della persona.

    Il reddito imponibile cui fare riferimento per beneficiare del
    patrocinio gratuito è quello al netto degli oneri deducibili (vedi
    risoluzione n.15/E dd. 21.01.2008 dell'Agenzia delle Entrate)



    <h2 ="">Dove presentare la richiesta di patrocinio gratuito?</h2>La
    richiesta va presentata, anche a mezzo raccomandata a.r., in carta
    semplice al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati del luogo dove ha sede
    il processo.

    Nei processi penali la richiesta va presentata invece all'ufficio del magistrato davanti al quale è pendente il processo.

    La firma in calce alla richiesta viene autenticata dal difensore se già
    nominato; altrimenti alla richiesta va allegata copia semplice di un
    documento di identit?.

    Fino a quando dura il processo ed entro 30 giorni dalla scadenza del
    termine di un anno dal momento della presentazione della richiesta, il
    richiedente si obbliga a comunicare al Consiglio dell'Ordine degli
    Avvocati le eventuali variazioni dei limiti di reddito, che possano
    comportare un esclusione dal beneficio. Il Consiglio pu? disporre anche
    eventuali controlli in proposito.



    <h2 ="">Come viene comunicata l'ammissione al patrocinio gratuito?</h2>Il
    Consiglio dell'Ordine degli Avvocati, nei 10 giorni successivi alla
    presentazione della richiesta, valuta se esistono i presupposti per
    l'ammissione al patrocinio oppure no.

    La decisione, che pu? essere di accoglimento, non ammissibilit? o di
    respingimento, viene comunicata al richiedente, nonch? al giudice
    competente e anche al direttore regionale delle entrate; a quest'ultimo
    per la verifica dei limiti di reddito dichiarati dall'interessato.



    <h2 ="">Pu? essere disposta la revoca o la modifica del patrocinio?</h2>Si.
    Se durante il processo cambia la situazione di reddito dell'interessato
    ai fini dell'ammissione al patrocinio, oppure viene accertato che
    questi abbia agito con mala fede o colpa grave, il giudice pu?
    procedere alla revoca del beneficio. Nel caso sia modificato il limite
    di reddito, la revoca ha effetti dal momento dell'accertamento di tale
    modifica. Negli altri casi ha efficacia retroattiva e comporta il
    recupero delle somme anticipate fino a quel momento dallo Stato al
    difensore o al consulente del richiedente o di quelle dalle quali il
    richiedente era stato esentato (imposte di bollo, di registro ecc.)



    <h2 ="">Sono previste sanzioni in caso di dichiarazione mendace?</h2>Certo.
    Per dichiarazioni non corrispondenti al vero è prevista addirittura la
    reclusione da uno a sei anni e la multa da euro 309,87 ad euro 1.549,37
    oltre la revoca dei benefici ed il recupero a carico dell'interessato
    delle somme dovute.



    Il fac simile della domanda di patrocinio a spese dello Stato pu?
    essere richiesto direttamente alla Segreteria del Consiglio dell'Ordine
    degli Avvocati.



    Per maggiori informazioni si veda anche il sito www.giustizia.it.





    Foglio informativo: KC38

    Situazione al: 09/2009






  8. #7
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    53
    Thanked: 0

    Predefinito

    grazie!
    Rose Madder



  9. #8
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Cremona
    Messaggi
    8,839
    Thanked: 1

    Predefinito

    Zeta Infortunisticaprova a contattare il link!



  10. #9
    Senior Member L'avatar di sergiostefano
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    catania
    Messaggi
    5,280
    Thanked: 8

    Predefinito

    tutto sul patrocinio gratuito è qui

    http://www.gratuitopatrocinio.it/



  11. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    Sara, un esposto è come una querela, si devono raccontare i fatti, evidenziare quali sono i comportamenti di reato e allegare tutta la documentazione necessaria. E' sempre consigliabile farlo tramite un legale sia perchè venga effettivamente seguito poi dalla Procura, sia perchè si rischia, se si scrive qualcosa di troppo colloquiale, di prendersi a propria volta una denuncia per calunnia
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  12. #11
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    12,509
    Thanked: 0

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da musicoterapista
    so che esistono degli studi legali che non ti chiedono nulla, solo in caso di vittoria della causa prendono una percentuale su quanto deciso dal giudice.

    almeno a catania so che esistono...
    una mia amica si è rivolta a loro per la causa della figlia
    anche a Zena ci sono
    Massimo



  13.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •