Cookie Policy Privacy Policy bambino muore per batteria scarica



Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    <H1>inaudito!</H1>
    <H1>Bambino muore attaccato al respiratore: la batteria era scarica</H1>
    <DIV ="sommario">Aber non è morto per un malfunzionamento tecnico, ma con tutta probabilit? per un errore umano. Il macchinario al quale era attaccato il bambino di 12 anni di Castellucchio, di origini albanesi, deceduto domenica scorsa, non era infatti attaccato alla spina ed ha esaurito la carica</DIV>
    <DIV ="didascalia">
    <DIV ="clear"></DIV>Aber con i genitori</DIV>Il respiratore al quale era attaccato il bambino di 12 anni di Castellucchio, di origini albanesi, morto domenica scorsa, non era attaccato alla spina. Quindi ha esaurito la batteria che lo fa funzionare per un determinato lasso di tempo.

    Non ci sarebbe stato nessun malfunzionamento del respiratore al quale era attaccato il bambino. Lo ha precisato l'azienda che forniva i ventilatori alla famiglia, la Sapio Life, secondo la quale il bambino nelle ultime ore di vita sarebbe rimasto attaccato ad un macchinario che stava per esaurire la batteria, senza che nessuno lo sostituisse.

    La drammatica vicenda, è stata riportata dalla Gazzetta di Mantova, con alcune dichiarazioni della madre, che ha espresso dei dubbi sul funzionamento del macchinario.


    Il bambino, Arber, 12 anni, due anni fa era stato colpito da un'infezione cerebrale che lo aveva completamente paralizzato. Poteva vivere solo attaccato ad un respiratore artificiale. Domenica all'alba i familiari lo hanno trovato agonizzante e nonostante l'intervento dei medici è morto.

    Con un comunicato di precisazioni interviene la Sapio, esprimendo inoltre sostegno al dolore della famiglia. "Come è uso in questi pazienti, Sapio Life aveva fornito due respiratori identici, perfettamente intercambiabili fra loro", ricorda l'azienda precisando che su queste apparecchiature vengono effettuate regolarmente da tecnici specializzati le manutenzioni e che per qualsiasi problema c'è un'assistenza 24 ore su 24.

    La mattina di sabato 9 gennaio, il tecnico Sapio Life è intervenuto, su richiesta della famiglia, e ha sostituito uno dei due ventilatori in dotazione provvedendo a verificare il corretto funzionamento di entrambe le apparecchiature. Quando l'azienda è stata informata del decesso ha subito effettuato una verifica della scatola nera dei due ventilatori polmonari, che registrano, spiega, puntualmente ed indelebilmente, tutto ciò che accade durante il funzionamento delle apparecchiature.
    <DIV style="DISPLAY: n&#111;ne" id=adMiddle><!--
    OAS_RICH('Middle');
    //--> </DIV>

    Dall'analisi è emerso che il ventilatore, installato il mattino di sabato, era stato sostituito nel pomeriggio, pur in assenza di anomalie registrate, con il secondo respiratore in dotazione. Dai dati del tracciato della macchina questo secondo apparecchio, pur funzionando regolarmente, non risulta per? connesso all'alimentazione di rete ma alimentato solo a batteria. Alla mezzanotte circa di sabato 9 il ventilatore ha incominciato a generare allarmi sonori e visivi per batteria scarica.

    "I tracciati evidenziano allarmi ripetuti continuativamente a intervalli di 10 minuti fino alle 2 di domenica 10, quando l'apparecchiatura si è definitivamente spenta per esaurimento completo della batteria di alimentazione - conclude la Sapio - Non risulta che, in questo lasso di tempo l'altro respiratore in dotazione sia stato collegato al paziente in sostituzione di quello in allarme batteria scarica".
    <DIV ="">(13 gennaio 2010)</DIV>
    <DIV =""></DIV>
    <DIV ="">FONTE</DIV>
    <DIV ="clear"></DIV><A name=commenta></A>
    <DIV ="clearleft"></DIV>Edited by: redazione2


  2.      


  3. #2
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    53
    Thanked: 0

    Predefinito



    Hanno un figlio che vive attaccato a un respiratore e nemmeno controllanose è attaccato alla presa? E mentre la macchina suonava, sti due dov'erano?


    Rose Madder



  4. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    3,881
    Thanked: 0

    Predefinito

    magari dormivano.Non ne faccio una colpa a loro,magari nessuno aveva pensato a spiegare bene loro il funzionamento,i rischi ecc.Perch? non basta dare un libretto di istruzioni,bisogna anche assicurare un training adeguato ed essere sicuri che i genitori siano in grado di intervenire in caso di urgenza



  5. #4
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Io invece ho un altro sospetto.... Anche perchè se leggete, qualcuno ha sostituito il ventilatore il pomeriggio....perchè lo ha sostituito se la mattina era venuto il tecnico? Non è che è un caso di eutanasia?
    Claudio



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    non so che dire, conosco molti bambini che usano il ventilatore e a nessuno di questi genitori sarebbe potuto succedere una cosa così tanta è la loro attenzione e competenza acquisita in merito, addirittura uno si è comprato un generatore portatile in caso di non disponobilit? di fornitura elettrica, perchè le batterie hanno un'autonomia solo di qualche ora , è anche vero che sono macchinari delicati e sofisticati e basta una taratura errata o piccoli disguidi per mandarli in tilt. non so perchè abbiano cambiato il ventilatore nel pomeriggio , forse quello portato e messo in funzione al mattino non funzionava bene nonostante la manutenzione? pu? essere , è già capitato , oppure pu? essere successo quello che scrive Claudio , ma in tal caso perchè cambiare ventilatore? molti dubbi ancora da chiarire , ma questo bimbo ormai è andato via, spero senza soffrire .


    tra l'altro per rispondere a Lennie, prima di dimettere una persona con il ventilatore si formano e si seguono i famigliare a apprendere tutto ciò che necessita per una buona gestione della funzione respiratoria, almeno a Torino è così , non si possono portare a domicilio i pazienti i cui famigliari non dimostrano di aver acquisito le competenze necessarie , poi ti lasciano spesso solo , per? sanno di lasciali in buone mani.Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  7. #6
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Boh, forse il ventilatore non ha una batteria esterna e quindi se è eutanasia lo hanno cambiato perchè l'altro aveva la batteria più scarica....

    Francamente stento a credere che uno non sappia che il ventilatore va attaccato alla presa, al massimo pu? essere stata una distrazione. Per? va chiarito perchè è stato cambiato il ventilatore nel pomeriggio.

    Claudio



  8. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,294
    Thanked: 0

    Predefinito



    Forse l'hanno sostituito perchè il ventilatore installato il mattino di sabato non aveva ancora le batterie del tutto cariche......e non volevano destare sospetti......se avevano premeditato di lasciare il respiratore senza alimentazione di rete.. Anche perchè...........quando va a "batteria" l'allarme suonaspesso se NON sono ben cariche....ed è IMPOSSIBILE nn sentirlo....e quando la batteria arriva ad una autonomia di 5 min.......l'allarme suona RIPETUTAMENTE......e questi non sono MAI andati a controllare il figlio???????????Sta storia puzza......





    P.S


    I primi anni ( 5 anni) sono stata ventilata 24 ore su 24 e nn sono MAI rimasta sola .........ne di giorno ne di notte...MAI.......? capitato anche a me di restare con il respiratore senza alimentazione a batteria che durava circa 3ore........non avevo ancorail ventilatore di riserva...( c'era stato un black out di rete) e sono stata ventilata a mano a turno dai miei per 2 ore con il pallone ambu fin quando nn è tornata la corrente!


    Edited by: AriaCriss
    La supposizione è la madre di tutte le cazzate

    Cri



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito




    Aria , ma il tuo nominativo non è compreso tra gli elenchi delle forniture non disalimentabili ai fini del P.E.S.S.E. (Piano di Emergenza per la Sicurezza del Sistema Elettrico). è Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  10. #9
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,294
    Thanked: 0

    Predefinito

    Si mammamarina....per? questa cosa è successa nei primi giorni che ero tornata a casa dopo 4 mesi dalla riaminazione ed in effetti in quel periodo nn ero ancora nell'elenco.
    La supposizione è la madre di tutte le cazzate

    Cri



  11. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    per cui ora sei più tranquilla almeno per l'emergenza , meno male.


    hai richiesto anche il bonus elettrico ?Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  12.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •