Cookie Policy Privacy Policy CASTRAZIONE CHIMICA PER I REATI SESSUALI - Pagina 2



Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 45
  1. #21
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    United States
    Messaggi
    2
    Thanked: 0

    Predefinito



    io sono un italiano che vive e lavora a new york da un anno e credo di starci un altro annetto..beh,vi dico che se io mi permettessi di stuprare una donna o chicchessia in america,mi ritroverei diritto in galera finche non pago una enorme cauzione,poi verrei ESPULSO DAL PAESE probabilmenteA VITA!!!


    immaginatevi che rischierei l espulsione per moooolto meno,ad esempio se venissi visto sertvire alcohol nel mio ristorante(sono cameriere)ad un minore di 21 anni!!!questa e' esagerazione,pero' non capisco come si fa che in italia uno straniero(per di piu' ILLEGALE E DISOCCUPATO!!) non venga preso a calci nel c*** e rispedito a casa sua!!SVEGLIATEVI ITALIANI!!!FATEVI RISPETTARE


    per la castrazione chimica(peraltro non e' irreversibile),sono d accordo,magari andrebbe valutato un grado di gravita del reato..pero' sono d accordo!!se non sanno tenere il proprio pistola dentro i pantaloni,facciano il piacere di non rovinare la vita alle persone che noi amiamo!!! arrivederci dal monzese
    gv


  2.      


  3. #22
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito


    No, se stuprassi una donna staresti in carcere fino al processo se non
    paghi la cauzione e non c'e' pericolo di fuga, se invece esiste il
    pericolo di fuga stai in galera fino al processo. Dopo il processo se
    vieni dichiarato colpevole stai in carcere una ventina d'anni.
    Solo dopo aver scontato la pena saresti espulso dal paese.



    Ed e' esattamente quello che voglio io....



    Vi rendete conto che la castrazione chimica e' inutile? Volete ragionare un attimo?

    Se dopo il carcere lo stupratore straniero come e' giusto viene espulso
    dall'Italia, smette di assumere i farmaci e la potenza sessuale ritorna
    esattamente quella di prima, forse avrebbe senso per un italiano che puo' essere controllato, ma per uno straniero non ha senso.</span>



    Ma e' cosi' difficile da capire?





    Edited by: buasaard
    Claudio



  4. #23
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cari,


    purtroppo mi è capitato di dover assistere delle vittime di violenza carnale, durante i miei turni di lavoro. Per ben due volte, la paziente era minorenne. Capit? molto più spesso di quanto si creda. Il più delle volte, queste donne o ragazze, sono percosse anche in modo estremamente violento, dove il trauma fisico della violenza carnale è minor cosa rispetto alle altre lesioni traumatiche subite: ferite, fratture del setto nasale o alledita delle mani, traumi cranici, lesioni da strangolamento. Senza contare lochoc emotivo e psicologico che rende impossibile, molte volte, avvicinarsi a loro anche per curarle, specialmente quando in turno siamo uomini. Una inaudita e gratuita violenza.


    Nei miei turni in ambulanza ho soccorso migliaia di tossicodipendenti, li ho sempre aiutati, molte volte ho salvato loro la vita. E' il mio lavoro. Un giorno mia sorella torna a casa in stato di choc, in preda ad un attacco isterico perchè un tossicodipendente, proprio sotto casa, per rubarle la catenina,tra l'altro neanche d'oro, l'aveva aggredita picchiandola e strappandole i capelli, lasciandole sul collo i segni della stretta della mano. Sono sceso in strada di corsa e su indicazione di alcuni vicini di casa, ancora alle finestre, sono corso nella direzione da loro indicatami. Non lo trovai. Ma se solo lo avessi trovato, probabilmente vi scriverei da un carcere. Forse è stato meglio così. Ci? nonostante continuo a salvare i tossicodipendenti come sempre.


    Quello che vorrei dire è che è molto facile quando non si è coinvolti in prima persona esprimere giudizi garantistici ed ottimisti, dove, in fondo, chi sbaglia non ha colpa, deve essere aiutato, deve essere recuperato.


    Io sono la prima persona a crederein tutto questo, per? è anche vero che i fatti dimostrano tutto il contrario. La legge ?troppo benevola e le pene non sono mai esemplari. In carcere, i detenuti, anzich? essere recuperati e rieducati, finiscono per imparare meglio a come essere criminali, grazie al passaparola tra di loro.


    Qualunque sia il crimine commesso, dalla violenza all'omicidio, deve essere punito in maniera esemplare perchè il criminale deve imparare ad avere paura di ciò che lo aspettase si rende colpevole di un reato.


    La rieducazione, la correzione, la buona condotta, sono solo bugie.


    Bruno



  5. #24
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Si Bruno,



    ma qui si discuteva di castrazione chimica, non di punizione esemplare.
    E credo, tu mi correggerai se sbaglio, che una volta smessi i farmaci
    si ritorna alla situazione precedente.



    E nel caso di uno straniero espulso dopo il carcere sarebbe
    assolutamente inutile visto che non continuerebbe certo ad assumerli in
    patria, e se lo si facesse solo per gli italiani si attuerebbe una
    discriminazione intollerabile stavolta a sfavore degli italiani.



    Quindi mi sembra evidente che la castrazione chimica e' una pratica
    assolutamente inutile, tra l'altro negli USA dove viene praticata,
    questa e' alternativa al carcere, viene utilizzata per casi di molestie
    sessuali verso bambini che non sono sfociate in violenza carnale vera e
    propria e io i violentatori li preferisco in carcere.



    Non e' questione di garantismo, sempre doveroso, perche' non
    dimenticare che il garantismo che oggi non vuoi garantire ad altri,
    domani per un errore giudiziario potrebbe essere necessario a te, ma e'
    questione di opportunita'.









    Ciao


    Claudio



  6. #25
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    44
    Thanked: 0

    Predefinito



    Scusatemi, ma quali alternative rimangono? La castrazione non è definitiva,quindi non serve, che la rieducazione sia solo una parola con cui troppi si riempiono bocche che sanno tirare fuori solo scempiaggini è una certezza già troppo provata, il carcere li educa ancora più depravati di quanto già siano, i lavori forzati per carit? siamo un paese civile (eppure potremmo destinarlial risanamento del territorio, alla costruzione di ponti, autostrade e quant'altro.....ovviamente senza nessun tipo di remunerazione, già godono di vitto e alloggio gratuito; eppoi, visto che devono scontare una pena...che pena sia). Mi piacerebbe proporre la pena di morte ma so già che mi tirerei addosso un bel po' di contestazioni, inoltre la morte mette fine a tutto, invece devonosoffrire, e anche parecchio...Cosa rimane? chissò, magari un carcere stile turco? Fatemi sapere, la cosa mi interessa, visto che qualche anno f? solo un coraggio che non mi conoscevo mi ha salvata da una violenza. Non è stato per niente divertente e a quel porco farei un altro tipo di castazione, ancora oggi, dopo tanti anni e nonostante sia riuscita a scappare. Stormy



  7. #26
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Veramente quì c'è da chiarire qualche cosa: la maggioranza degli
    abusi su minori avviene all'interno del nucleo famigliare....stessa
    cosa della maggioranza degli stupri e delle violenze contro le donne,
    che avviene sempre all'interno della cerchia delle conoscenze e delle
    amicizie.....siente meravigliati? Probabile...ma anche poco informati.
    Poi esitono i pedofili, che raramente arrivano ad abusare di bambini
    che non solo loro parenti senza il consenso dei loro genitori, quando
    lo fanno il più delle volte sono realmente malati ed anche se glielo si
    tagliasse (letteralmente) continuerebbero ad abusare dei bambini
    con altre cose....o pensate che l'abuso si faccia solo con quello???
    E per le donne? O pensate che non ci siano pedofile donne?
    Per quanto riguarda gli stupri da parte degli
    extracomunitari....Marina, devo dire che mi hanno molto coplito le
    tue parole...e non me le aspettavo.....
    Gli stranieri che commettono dei reati in italia vivono in
    clandestinit?....vivere in clandestinit? vuol dire vivere ai margini ed
    esser costretti, volenti o nolenti, ad avere a che fare con la
    criminalit? organizzata che, sui clandestini, si st? arricchendo alla
    grande. ha....per criminalit? organizzata intendo quella italiana...
    La maggioranza degli stranieri che vengono in Italia sono costretti a
    venire clandestinamente, e non decidono d'infrangere la nostra
    legge perchè sono dei criminalil, ma perchè sono disperati e sperano
    di potersi mettere in regola, prima o poi, superando una legge
    assurda che non permetterebbe a nessuno di loro, in teoria, di
    venire in Italia in regola, trovando casa e lavoro adeguato in italia
    quando stanno ancora nel loro paese d'origine (o non l'avete mai
    letta la legge Bossi-Fini?). Per venire in Italia prendono contatti con
    la criminalit? organizzata in italia ed entrano nel giro....e poi ci
    meravigliamo che i clandestini commettono dei reati in italia? E
    certo...ma, non è che siamo proprio noi che, con le nostre leggi
    assurde, li incanaliamo verso questa strada?
    Ha...un'ultima cosa su Calderoli....strano...proprio strano che abbia
    proposto la castrazione chimica solo verso gli stranieri mentre su
    Izzo e quei violentatori del circeo, uno dei quali non ha mai passato
    un solo giorno in galera, non ha esternato il minimo sdegno....
    La lega incita le masse, che non sono capaci di riflettere con la loro
    testa e ragionare, all'odio razziale....quello che mi stupisce è che ci
    sia veramente tanta gente che preferisce accodarsi a questi discorsi
    senza un briciolo di criticit?....



  8. #27
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito


    Ti posso abbracciare virtualmente Chiara?



    Tra l'altro e' anche vero che la castrazione chimica non risolve
    affatto il problema della violenza sessuale che come dici tu verrebbe
    fatta con altri strumenti , perche' la violenza sessuale non e' sesso.
    Raramente viene perpetrata per raggiungere l'orgasmo con la
    penetrazione fisica usando il pene.

    Nella maggior parte dei casi e' invece propedeutica per il
    raggiungimento dell'orgasmo, e talvolta la sola violenza senza
    penetrazione puo' essere sufficiente al piacere sessuale.



    Ma ci si fa prendere dall'emozione, non si ragiona , ed ecco perche' la
    Lega se ne esce con quelle proposte demagogiche e populiste.

    Demagogiche e inutili....








    Edited by: buasaard
    Claudio



  9. #28
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Stormy,



    tu dici : che la rieducazione sia solo una parola con cui troppi si riempiono
    bocche che sanno tirare fuori solo scempiaggini è una certezza già
    troppo provata, il carcere li educa ancora più depravati di quanto già
    siano



    </span>E se provassimo ad affrontare il problema delle carceri in
    maniera cosciente senza cercare a tutti i costi la "vendetta"? Il
    carcere ora come ora sono d'accordo che non rieduca e soprattutto
    sottopone a rischi violenza chi ci entra con la conseguenza che quando
    esce non conosce altra legge che quella della violenza.

    E visto che il carcere duro, la pena di morte e i lavori forzati non
    funzionano, come dimostra l'altissimo tasso di delinquenza negli Stati
    Uniti dove ci sono le pene piu' terribili inclusa quella di morte, non
    provassimo invece a cambiare la gestione delle carceri rieducando
    effettivamente i detenuti invece che tenerli la senza alcuno scopo
    rieducativo?



    Invece, perche' non proviamo a prendere ad esempio i carceri e i modi
    di vivere scandinavi dove il tasso di criminalita' e' bassissimo e la
    ripetizione del crimine una eventualita' non certa?

    Perche' chi va in carcere per la prima volta non viene ad esempio
    tenuto in una sezione apposita altamente rieducativa e riservare il
    carcere duro solo ai recidivi o a coloro che gia' dall'efferatezza del
    primo crimine dimostrino una impossibilita' di rieducazione?



    Ad esempio nelle violenze di gruppo, io credo che ci sia l'elemento
    "branco" che influisce negativamente, e forse dal punto di vista
    rieducativo sia piu' possibile rieducare uno che si "aggrega" per
    emulazione piuttosto che uno stupratore singolo che lo fa piu'
    coscientemente. Ma nella violenza carnale in genere io credo che sia
    determinante l'ambiente in cui si cresce, il "maschilismo" che fa
    considerare la donna come un oggetto di piacere, un elemento giovane
    secondo me puo' essere rieducato se ci si impegna. Ma attualmente il
    carcere non rieduca.



    Guarda, pure io sopra mi sono fatto prendere dall'emozione e ho detto
    cose che forse non servono come far provare agli stupratori lo stupro,
    ma ragionandoci meglio penso che invece sia necessario il contrario,
    preservarli da violenze e rieducarli, ma rieducarli veramente.

    Cosi' com'e' la giustizia il carcere serve solo a tenerli lontano dalle
    potenziali vittime. E quando usciranno sara' peggio di prima.













    </span>
    Claudio



  10. #29
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Chiara,


    le statistiche le conosciamo, non sei l'unica, inoltre possono esserci persone che non conoscendole esprimono comunque un proprio parere. Hanno il diritto di farlo.


    Che lo stupro avvenga in famiglia, ad opera di amici, conoscenti o famigliari, poco conta perchè comunque viene fatto.


    Non credo nella "castrazione chimica" come risoluzione al problema, ma credo nelle pene esemplari come deterrente.


    Che la proposta venga da un leghista piuttosto che un democratico di sinistra o un alleato nazionale, mi pu? interessare poco. E' stato spunto di discussione.


    Il punto è come prevenire e punire tali reati, indipendentemente da chi da chi è il colpevole.


    Cara Chiara, tu sei un'assistente sociale? Se si, mi piacerebbe sentire il tuo parere in merito a possibili azioni rieducative, per tutti i criminali.


    Un abbraccio , Bruno



  11. #30
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Guarda Bruno, ho volutamente ignorato anche il tuo scritto in questo
    tread perchè hai detto delle cose di una tale superficialità che stento
    a credere tu abbia mai avuto a che fare con una persona
    tossicodipendente se non per pochi attimi di tragitto in un'
    autombulanza (ovvero mi sembra che nei sai veramente molto poco
    per portare la tua esperienza personale....? un p? quello che hai
    detto anche a proposito delle donne che chiedevano l'ivg....mi
    sembra...ma lasciamo perdere...).
    Forse è meglio che ti lascio nelle tue certezze per sentito dire
    piuttosto che imbarcarmi con te in una discussione che è meglio
    affrontare con delle informazioni maggiori di quelle che dimostri di
    avere.
    passo e chiudo.



  12. #31
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Bruno,



    ma gli Stati Uniti dimostrano che le punizioni esemplari non
    funzionano. Se funzionassero non ci sarebbe tanta criminalita' anche
    feroce. E questo e' un dato di fatto da cui non puoi esimerti, quindi
    forse bisognerebbe trovare qualche metodo alternativo visto che la
    sperimentazione di punizioni esemplari hanno fallito.






    Claudio



  13. #32
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    P.S.



    Io credo che in una discussione, si deve rispondere non come vi
    comportereste voi se foste una "parte lesa", ma come vi comportereste
    voi se aveste il potere decisionale di fare qualcosa.

    Quindi il "se fosse stata mia sorella" non ha nessunissimo valore, ma
    si deve ragionare come ridurre i casi di criminalita' nel presupposto
    che eliminarli totalmente e' impossibile.

    E il metodo migliore non e' quello che evita la violenza carnale alle
    vostre sorelle, ma quello che evita la violenza carnale al maggior
    numero di cittadini.








    Claudio



  14. #33
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Caro Claudio,


    non possiamo paragonare il tasso di criminalit? statunitense con il nostro.


    Per punizione esemplare non intendo certo dire butto via la chiave. Ma negli Stati uniti esistono i campi di lavoro dove i criminali lavorano gratuitamente per il sociale. Allora mi chiedo: perchè non farlo qui? avrebbe i suoi pro. Per esempio, oltre a rendere un servizio alla collettivit?, imparerebbero un lavoro, impegnerebbero il proprio tempo in qualcosa di utile piuttosto che giocare a carte e rinforzarsi i muscoli in palestra. Forse sarebbe un poco più rieducativo.


    I più disperati , per quanto si possa fare per redimerli, saranno sempre criminali incalliti, ma sul numero totale molti sarebbero recuperabili.


    Bruno



  15. #34
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Chiara,


    sei la saccenza in persona. Grazie per esserci e per ricordarmi quanto sono superficiale, stupido, iniquo, stolto, inattendibile,superfluo.


    Neanche psicologi e psichiatri si permettono di esprimere giudizi come fai tu. Bell'esempio di donna, professionista ed altro che sei.


    Bruno



  16. #35
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Claudio ma se il problema non fosse solo la "rieducazione" nel
    carcere? Che te ne fai di un ladro rieducato se quando esce nessuno
    gli d? un lavoro proprio perchè è stato in carcere?
    Io credo che il razzismo e l'esclusione sociale, ed il modo dei leghisti
    di affrontare simili discussioni non solo non sono degne di
    esponenti politici di un paese civile, ma danneggiano gravemente la
    cultura impendendo a chi ha sbagliato proprio di riabilitarsi e
    ricominciare a contribuire al benessere della collettivit?



  17. #36
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Chiara, sottero l'ascia di guerra, mi ero arrabbiato, scusami.


    Per quanto ne so io, negli Stati uniti i detenuti hanno la possibilit? di lavorare anche nei negozi ed in uffici. Quando vengono rilasciati hanno pure delle referenze in merito che facilitano il loro inserimento nella società.


    Un abbraccio, Bruno



  18. #37
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Chiara,



    questo che dici tu fa parte della "rieducazione" per me, rieducazione
    significa anche consentire di vivere dignitosamente una volta usciti
    fuori altrimenti e' tutto inutile...



    Bruno,



    evidentemente se c'e' un tasso maggiore di criminalita' negli USA ci
    sara' un fattore sociale scatenante, e se nonostante la dura
    repressione del crimine , il tasso non si riduce evidentemente nella
    repressione qualcosa non funziona.






    Claudio



  19. #38
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Bruno mi sono arrabbiata anche io nel leggere quello che hai scritto,
    e parecchio, perchè posso capire un discorso simile da chi ha avuto
    a che fare con la tossicodipendenza solo attraverso tv e giornali, ma
    non da parte di chi afferma di averli aiutati ed aiutarli tutt'ora.....
    Per quanto riguarda la riabilitazione in carcere è difficile (a causa di
    una cronica mancanza di fondi che boicottano proprio queste
    iniziative, a causa di una sovrappopolazione di cui il ministro
    leghista si f? vanto d'ignrare, a causa di un isolamento, soprattutto
    negli ultimi anni, dove non arrivano nemmeno alla stampa locale le
    notizie dell'aumento esponenziale di suicidi e disperazione per le
    condizioni spesso incivili in cui quegli esseri umani sono costretti a
    vivere e...occorre anche rendersi conto che, oggi come oggi, in
    carcere non ci vanno i grandi criminali ma solo quelli più deboli e più
    poveri, i ladri di galline...insomma...)ma la riabilitazione in carcere è
    possibile. In carcere si studia, c'è chi prende la licenza media o il
    diploma, chi si laurea, in carcere si impara un mestiere, in carcere si
    aiutano le persone più sfortunate (ebbene si...succede anche
    questo).
    Il mondo del carcere varrebbe la pena di conoscerlo comunque, sia
    negli aspetti peggiori che in quelli più positivi...ma è meglio seguire
    la campana di chi è assetato di vendetta e basso consenso
    popolare....



  20. #39
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,152
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Chiara,


    il mio discorso sul tossico dipendente era mirato a meglio intendere la rabbia e l'impeto con cui alcune risposte vengono date. Curo i tossicodipendenti, solo nell'urgenza ovviamente,senza giudicarli, per me sono pazienti come tanti altri. Non ho pregiudizi verso di loro, solo quando è successo il fatto sopracitato, non ci ho visto più dalla rabbia e ho dimenticato i miei valori. A posteriori, il fatto in questione non ha modificato il mio modo di considerarli per quello che sono, dei pazienti.


    Chi è toccato in prima persona da eventi drammatici, risponde in maniera instintiva, con rabbia, e il più delle volte non pensano realmente quello che affermano.


    Tutto qui.


    In merito alla riabilitazione in carcere, è vero ciò che dici: c'è chi studia ed impara un lavoro. Solo che avviene sempre tra le mura del carcere. Senza lasciare possibilit? all'integrazione.


    Un abbraccio, Bruno



  21. #40
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,383
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ci? che serve esiste,e poco altro servirebbe.


    Ci? che manca è la volont? di applicare bene le leggi.


    Come in tutto ciò che facciamo noi italiani.


    Ciao
    State calmi se potete...
    Salvo

    Redazione rendiamo accessibile il sito.Grazie!



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •