Cookie Policy Privacy Policy Aiutatemi



Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Aiutatemi

  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    6
    Thanked: 0

    Predefinito


    (Su consiglio di Orchidea lo apro anche qui)
    Sono Lovato Mattia, un ragazzo di 14 anni affetto da una grave
    malattia</span></font> genetica, l?atrofia muscolare spinale, una malattia degenerativa
    che mi debilita dal</span></font> punto di vista motorio.
    Nel 2008 sono
    stato premiato con un attestato dal Ministro Gelmini, per essermi distinto alla finale nazionale dei
    giochi matematici.</span></font>


    </span></font>





    Quest?anno frequento il primo anno di scuola superiore presso l?Istituto
    Commerciale C.Rosselli di Lonigo (VI) Via Scortegagna, tel. 0444/831271, e da qui
    sono iniziati i problemi.</span></font>





    Io, non ho mai frequentato tutte le ore di scuola perchè fisicamente
    non ce la faccio, ho sempre studiato le materie più importanti tralasciando quelle che
    non perchè di minor valore, ma perchè si è cercato di strutturare un programma
    adeguato alla mia frequentazione ridotta.</span></font>





    I professori dell?Istituto Rosselli per? ci dicono che, secondo
    la legge, ci sono solo 2 possibilit?: </span></font>





    o studio tutte le materie come un altro ragazzo ?sano?, e in
    questo caso avr? la possibilit? di accedere all?esame di stato e ottenere il diploma,
    oppure studio solo alcune materie e in questo caso non potr? mai ottenere l?attestato.</span></font>





    Io purtroppo non riesco a studiare tutte le materie, a scuola ci vado
    solo 3 ore perchè la mia malattia si è aggravata, a gennaio di quest?anno
    ho avuto una grave crisi respiratoria, sono stato ospedalizzato per più di un mese, non riesco più
    a stare seduto e la mia vita si svolge solo da sdraiato.</span></font>

    Mi
    alimento tramite peg, uso
    il computer perfettamente da sdraiato, non esco mai, solo per andare a
    scuola e se
    non frequento mi collego tramite webcam. Si pu? negare ad un ragazzo
    così sfortunato
    di poter avere un diploma come un suo compagno, e di conseguenza poter
    accedere all?universit?, solo perchè la sua malattia non gli permette
    di poter studiare tante
    ore in quanto si stanca facilmente, ma che invece dal punto di vista
    intellettivo
    riesce lo stesso a raggiungere degli ottimi risultati?</span></font>





    Mi sono rivolto a voi perchè su questo problema i Professori non vogliono
    trovare la soluzione per potermi valutare alla fine dei 5 anni con un attestato
    che sia per me, motivo di orgoglio, visto che non lo user? mai per fini lavorativi ma
    che mi consentir? di proseguire con gli studi, sempre naturalmente che questa grave
    malattia mi dar? la possibilit?.</span></font>


    Sappiamo bene che per ragazzi come me le gioie
    della vita sono poche ma non togliamo loro anche quelle poche mete che per tenacia di
    carattere, sfidando ogni sorte, vogliono raggiungere. </span></font>





    Grazie infinite, </span></font>Lovato </span></font>Mattia.</span></font>


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    questo pu? esserti d'aiuto, fallo leggere ai tuoi genitori





    http://www.didaweb.net/handicap/leggi.php?a=254
    I POSSIBILI PERCORSI SCOLASTICI DEGLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE NELLA SCUOLA SUPERIORE<?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />


    Nella scelta del percorso scolastico più idoneo per l?alunno certificato bisogna partire da due considerazioni di base:
    v L?idea che si ha dell?alunno: l?analisi delle sue reali capacit?.
    v L?alunno nel suo cammino professionale: è o sar? in grado di spendere in modo autonomo le competenze acquisite nel triennio e nel quinquennio.

    Si possono utilizzare due percorsi scolastici:
    1. Una programmazione globalmente riconducibile agli obiettivi minimi previsti dai programmi ministeriali
    2. Una programmazione differenziata
    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt"></H1>






    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt"></H1>
    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt">PRIMO PERCORSO</H1>

    Programmazione riconducibile agli obiettivi minimi previsti dai programmi ministeriali, o comunque ad essi globalmente corrispondenti (art. 15 comma 3 dell?O.M. n.90 del 21/5/2001).

    Per gli studenti che seguono obiettivi riconducibili ai programmi ministeriali è possibile prevedere:

    v Un programma minimo, con la ricerca dei contenuti essenziali delle discipline;

    v Un programma equipollente con la riduzione parziale e/o sostituzione dei contenuti, ricercando la medesima valenza formativa(art. 318 delD.L.vo 297/1994).

    Sia per le verifiche che vengono effettuate durante l?anno scolastico, sia per le prove che vengono effettuate in sede d?esame, possono essere predisposte prove equipollenti, che verifichino il livello di preparazione culturale e professionale idoneo per il rilascio del diploma di qualifica o della maturit?.
    Le prove equipollenti possono consistere in:

    v MEZZI DIVERSI: le prove possono essere ad esempio svolte con l?ausilio di apparecchiature informatiche.
    v MODALITA? DIVERSE: il Consiglio di Classe pu? predisporre prove utilizzando modalit? diverse (es. risposta multipla, Vero/Falso, ecc.).
    v CONTENUTI CULTURALI E/O TECNICI E/O PROFESSIONALI DIFFERENTI DA QUELLI PROPOSTI DAL MINISTERO: il Consiglio di Classe entro il 15 Maggio (Documento del 15 Maggio) predispone una prova studiata ad hoc o trasformare le prove del Ministero in sede d?esame (la mattina stessa).
    (Commi 7e 8 dell?art. 15 O.M. n. 90 del 21/5/ 2001, D.M. 26/8/81, art. 16 L. 104/92 , parere del Consiglio di Stato n. 348/91).
    Gli alunni possono usufruire di tempi più lunghi nelle prove scritte ( comma 9 art. 15 dell?O.M. 90, comma 3 dell?art. 318 del D.L.vo n. 297/94).
    Gli assistenti all?autonomia e comunicazione possono essere presenti durante lo svolgimento solo come facilitatori della comunicazione (D.M. 25 maggio 95, n.170).
    Durante lo svolgimento delle prove d?esame nella classe terza l?insegnante di sostegno fa parte della Commissione.
    Nella classe quinta la presenza dello stesso è subordinata alla nomina del Presidente della Commissione qualora sia determinante per lo svolgimento della prova stessa. Si ritiene in ogni caso più che opportuna la presenza del sostegno.
    Gli alunni partecipano a pieno titolo agli esami di qualifica e di stato e acquisiscono il titolo di Studio.
    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt"></H1>
    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt"></H1>



    <H1 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt">SECONDO PERCORSO</H1>
    Programmazione differenziata in vista di obiettivi didattici formativi non riconducibile ai programmi ministeriali.
    E? necessario il consenso della famiglia (art. 15, comma 5, O.M. n. 90 del 21/5/01).
    Il Consiglio di Classe deve dare immediata comunicazione per iscritto alla famiglia, fissando un termine per manifestare un formale assenso.
    In caso di mancata risposta, si intende accettata dalla famiglia la valutazione differenziata. In caso di diniego scritto, l?alunno deve seguire la programmazione di classe.
    La programmazione differenziata consiste in un piano di lavoro personalizzato per l?alunno, stilato da ogni docente del C.d.C. per ogni singola materia, sulla base del P.E.I.
    Gli alunni vengono valutati con voti che sono relativi unicamente al P.E.I.
    Tali voti hanno valore legale solo ai fini della prosecuzione degli studi.
    Per gli alunni che seguono un Piano Educativo Individualizzato differenziato, ai voti riportati nello scrutinio finale e ai punteggi assegnati in esito agli esami si aggiunge, nelle certificazioni rilasciate, l?indicazione che la votazione è riferita al P.E.I. e non ai programmi ministeriali (comma 6 art. 15 O.M. 90 del 21/5/2001).
    Possono partecipare agli esami di qualifica e di stato, svolgendo prove differenziate omogenee al percorso svolto, finalizzate al conseguimento di un attestato delle competenze acquisite utilizzabile come "credito formativo" per la frequenza di corsi professionali (art. 312 e seguenti del D. L.vo n. 297/94).
    Gli alunni di 3^ classe degli istituti professionali possono frequentare lezioni ed attivit? della classe successiva sulla base di un progetto che pu? prevedere anche percorsi integrati di istruzione e formazione professionale, con la conseguente acquisizione del credito formativo.( art. 15, comma 4, O.M. n. 90 del 21/5/01).
    Tali percorsi, successivi alla classe terza, possono essere programmati senza il possesso del diploma di qualifica.




    CONCLUSIONI

    Poich? al centro dell?attivit? scolastica rimane sempre e comunque l?alunno e il suo progetto di vita, per una sua più adeguata maturazione si pu? collegialmente decidere di dedicare maggior tempo-scuola alle materie caratterizzanti il suo percorso di studi.
    E? altresò possibile prevedere gli obiettivi minimi fino alla qualifica e proseguire nell?ultimo biennio con la programmazione differenziata. Ci? si rende utile quando non sussistono i presupposti di apprendimento riconducibili globalmente ai programmi ministeriali e risulta importante che l?alunno maturi maggiormente le competenze acquisite, consolidi la stima nelle proprie capacit?, sviluppi la sua crescita personale ed accresca una maggiore socializzazione.
    E? altresò possibile prevedere un percorso differenziato nei primi anni di scuola e successivamente, ove il Consiglio di Classe riscontri che l?alunno abbia raggiunto un livello di preparazione conforme agli obiettivi didattici previsti dai programmi ministeriali o, comunque, ad essi globalmente corrispondenti, passare ad un percorso con obiettivi minimi, senza necessit? di prove di idoneit? relative alle discipline dell?anno o degli anni precedenti (comma 4 art. 15 dell?O.M. 90 del 21/5/2001).
    Pertanto, se ci fossero le condizioni, è possibile cambiare, nel percorso scolastico, la programmazione da differenziata in obiettivi minimi e viceversa.















    <H2 style="MARGIN: 0cm 0cm 0pt">RIFERIMENTI NORMATIVI</H2>


    L?ACCESSO AL SISTEMA SCOLASTICO

    L.118/71 Norme in favore dei mutilati ed invalidi civili.
    L.517/77 Norme sulla valutazione degli alunni e sull?abolizione degli esami di riparazione, nonch? altre norme di modifica dell?ordinamento scolastico.
    Sentenza della Corte Costituzionale 215/87 (Diritto di frequenza degli alunni disabili nella scuola superiore).


    FREQUENZA SCOLASTICA

    L. 104/92 Legge-quadro per l?assistenza e i diritti delle persone handicappate
    D.P.R. 24/2/94 Atto di indirizzo relativo ai compiti delle ASL??.
    Accordi di Programma 30/11/96
    C.M. 250/85
    D.M. 26/8/81
    Parere del Consiglio di Stato n. 348/91
    D.L.vo n. 297/94
    D.M. 25/5/95 n. 170

    L?USCITA DAL SISTEMA SCOLASTICO

    L.104/92
    L.68/99 (Collocamento al lavoro)
    L.328/2000 (art.14: tutti gli Operatori competenti ULSS, Scuola, Enti Locali, sono coinvolti nella definizione del progetto di vita dell?alunno certificato).

    VALUTAZIONE

    D.L.vo 297/1994, art. 318
    O.M. n. 90/2001
    La valutazione deve essere riferita ai progressi personali dell?alunno secondo le sue peculiarit? e potenzialit?.




    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  4. #3
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    e la scuola a domicilio ci hai mai pensato?





    http://www.superabile.it/web/it/CANA...I/Scuola_e_For mazione/Banca_Dati/Schede_informative/info1400239106.html



    <H3>Ministero dell?istruzione, dell?universit? e della ricerca. Avviso del 27 novembre 2009 </H3>
    <DIV>
    <DIV =c&#111;ntent>


    Ministero dell'Istruzione, dell'Universit? e della Ricerca


    Dipartimento per l'Istruzione


    Direzione Generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione


    Ufficio IV


    Roma, 27 novembre 2009


    AVVISO


    Presentazione del portale per la scuola in ospedale e il servizio d'istruzione domiciliare


    Il Centro METID del Politecnico di Milano, in collaborazione con la Direzione Generale per lo Studente, a seguito di apposita convenzione, ha provveduto a rimodulare e riconfigurare il portale per la scuola in ospedale e l'istruzione domiciliare con l'obiettivo di favorire e sostenere lo sviluppo di questa peculiare offerta formativa destinata ai minori in obbligo scolastico colpiti da gravi patologie e ospedalizzati.


    Sulla base delle esigenze espresse dall'utenza in questi anni di utilizzo da parte dei docenti, degli studenti, delle famiglie e altri, si è provveduto a migliorare e riprogettare la preesistente configurazione per renderla sempre più interattiva e vicina ai bisogni.


    Dalla data odierna il banner del nuovo portale è visibile sulla home page del nostro sito e l'indirizzo è il seguente: http://pso.istruzione.it


    Scopo del portale è di fornire assistenza e informazione a tutta l'utenza, in particolare agli studenti malati e ai loro bisogni formativi, sostenere l'istruzione domiciliare attraverso un servizio di comunicazione sincrona e asincrona, sostenere la piattaforma e-learning per la formazione dei docenti in ospedale e a domicilio e favorire l'implementazione di comunit? di pratiche professionali. Infatti, appositi moduli formativi on line sono previsti per i docenti, in particolare per coloro che per la prima volta si avvicinano all'istruzione domiciliare, che - come è noto - pu? riguardare ogni scuola in cui ci sia un bambino colpito da una grave patologia.


    Uno spazio specifico è previsto per gli USR e per le scuole di ogni territorio. Il referente designato da ciascun USR ha la possibilit? di inserire novit? ed esperienze significative del territorio, "newsletter", di aprire "forum" per l'approfondimento di temi specifici, di interagire con l'utenza. Ma l'elemento di grossa novit?, peraltro già operativo, è la gestione del data base con i dati informativi relativi al monitoraggio dei dati regionali relativi alla scuola in ospedale e all'istruzione domiciliare, sia per quanto attiene alle risorse, alle azioni e alla formazione a tutti i livelli.


    Uno spazio specifico è previsto per le "Faq" cioè i quesiti e le domande di docenti e genitori, nonch? una raccolta normativa ragionata, link significativi.


    E' importante sottolineare il ruolo significativo che svolge il docente in ospedale. Egli, infatti, oltre a garantire un ponte tra la famiglia e l'ospedale, tra la scuola e il mondo, ha anche il delicato compito di promuovere il diritto all'istruzione in un contesto così delicato e complesso, nonch? il diritto alla speranza e alla vita. L'attivit? didattica, rivolta ai bambini e agli adolescenti ricoverati nelle strutture ospedaliere, o seguiti in regime di day-hospital o di istruzione domiciliare, riveste un ruolo rilevante, in quanto garantisce agli stessi il diritto all'istruzione e al recupero del loro equilibrio psico-fisico, oltre a dare un contributo decisivo al recupero della dispersione scolastica dovuta alla malattia. </DIV></DIV>Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  5. #4
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    6
    Thanked: 0

    Predefinito

    Grazie infinite.
    All'incontro è stato parlato degli obiettivi minimi, ma i professori sostengono che, se non studio tutte le materie, alcune in modo elementare, non mi possono dare il diploma.
    Io non riesco e non posso fare come dicono loro... ma non ne vogliono sapere.




  6. #5
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    rivolgetevi all' UFFICIO SCOLASTICO Provinciale


    http://www.istruzionevicenza.it/





    E ALL'UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE


    http://lnx.istruzioneveneto.it/index.php/usr_veneto#main


    Esponete il problema e vedrete che riuscirete a chiarire sul da farsi.Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  7. #6
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    6
    Thanked: 0

    Predefinito


    E' proprio il provveditorato di Vicenza che ha detto 'sta cosa!
    Proveremo al regionale.
    Ancora grazie infinite!

    Edited by: matttheboss



  8.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •