Cookie Policy Privacy Policy comunità europea ratifica la convenzione



Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito






    http://www.edf-feph.org/Page_Generale.asp?DocID=13855&th ebloc=23109


    DIRITTI UMANI: STORICA RATIFICA DELLA COMUNIT? EUROPEA

    servir??



    26 novembre 2009 / / / La Comunit? europea ha appena ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilit?. Passo avanti senza precedenti per il primo trattato sui diritti umani ratificati nella storia d'Europa e un grande segnale inviato a tutti gli Stati membri dell'UE.
    <DIV>Nella sua seduta odierna del Consiglio dell'Unione europea, la Comunit? europea ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilit? (ONU CRPD). La ratifica rappresenta un importante cambiamento della politica verso il far rispettare gli obblighi dei diritti umani e disabilit? mettendo in cima alla materia di diritti umani: questa è la prima volta nella storia dell'Unione europea che la Comunit? sta per aderire a un trattato internazionale sui diritti umani.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Nove principali strumenti internazionali per i diritti umani</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Ci sono nove internazionale, diritti umani fondamentali trattati a livello di Nazioni Unite. Entrato in vigore il maggio 2008, la CRPD è la prima delle Nazioni Unite in particolare relativi ai diritti delle persone con disabilit? convenzione, è diventata una realt? in gran parte dovuto alla mobilitazione attiva di coloro che hanno partecipato ai negoziati per il testo. Per il FES, questo costituisce un traguardo storico nella lotta contro le violazioni dei diritti umani delle persone con disabilit?. </DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>La convenzione strumentale</DIV>



    <DIV>Il CRPD ha fissato una serie di precedenti: è il primo grande trattato sui diritti umani del 21 è secolo e la più veloce ad essere stato ratificato da un numero impressionante di paesi dalla sua entrata in vigore nel 2008. Con 143 firmatari e 74 ratifiche appena 32 mesi dopo l'apertura della convenzione per le firme, il CRPD delle Nazioni Unite stabilisce un record senza precedenti di impegno da parte della comunit? internazionale.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>La Convenzione delle Nazioni Unite nell'Unione europea</DIV>


    Nell'Unione europea, più di 65 milioni di persone hanno una disabilit?, che rappresentano oltre il 10% dei residenti provenienti da 27 paesi. Dalla sua entrata in vigore il maggio 2008, la Convenzione è stata firmata da tutti gli Stati membri e dalla Comunit? europea, che è stato ratificato da 12 di essi (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Ungheria, Italia, Slovenia, Spagna, Svezia, Portogallo e Regno Unito)
    <DIV>Nel 2008, subito dopo la sua entrata in vigore, la FES ha invitato gli Stati membri per l'applicazione incondizionata della Convenzione e un impegno ad aprire un dialogo permanente con tutte le organizzazioni europee che rappresentano le persone con disabilit?. Da allora, il movimento europeo della disabilit? è stato sottolineato l'importanza del coinvolgimento delle organizzazioni della società civile nel processo di attuazione e di monitoraggio. Yannis Vardakastanis, presidente del Forum Europeo della Disabilit?, ha sottolineato: "L'Unione europea non solo ha raggiunto una tappa importante nella sua storia, ma è anche l'invio di un segnale positivo per i suoi Stati membri che non hanno ancora ratificato la Convenzione."</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Come si legano gli Stati membri e l'UE? </DIV>


    Il CRPD delle Nazioni Unite si lega la sua Stati parti ad una revisione di tutta la legislazione, delle politiche e programmi per garantire che siano conformi alle sue disposizioni. In concreto, vuol dire azioni in vari settori, come l'accesso all'istruzione, al lavoro, i trasporti, le infrastrutture e gli edifici aperti al pubblico, la concessione di diritto di voto e di partecipazione politica, assicurando la piena capacit? giuridica di tutte le persone con disabilit?, e il passaggio da istituzioni dove le persone con disabilit? vive separato dalla società in comunit? e casa-servizi basati promuovere una vita indipendente.
    <DIV>Tutte le istituzioni dell'Unione europea dovranno ora sostenere i valori della Convenzione in tutte le politiche di loro competenza: dal trasporto al lavoro e dalle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per la cooperazione allo sviluppo. Ci? significa anche che devono regolare l'accessibilit? dei propri edifici, la propria occupazione e di comunicazione politica.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Questo è solo l'inizio</DIV>


    Pur accogliendo con favore la conclusione della convenzione da parte della Comunit? come l'inizio di nuove relazioni tra l'UE e l'ONU, EDF voce le sue preoccupazioni in sospeso:


    - "Ci rammarichiamo per la prenotazione, adottata dal Consiglio di escludere l'impiego di persone con disabilit? nelle forze armate dal campo di applicazione della Convenzione. Ti invitiamo gli altri Stati in tutto il mondo per opporsi a tale riserva al fine di evitare la fissazione di un mondo pericoloso precedente ", ha sottolineato Donata Vivanti, EDF Vice-Presidente.


    -Il ritardo nella procedura di adesione della Comunit? alla cosiddetta Protocollo Opzionale è dannoso per i cittadini. Secondo questo testo i residenti europei possono far valere i propri diritti ai sensi della convenzione, se non fosse stato concesso dai giudici nazionali. Questo ritardo significa anche che il Comitato delle Nazioni Unite non possono ancora avviare il procedimento di indagine persone disabili 'violazioni dei diritti in Europa. EDF vuole assicurarsi che la prossima presidenza dell'UE lavorer? sulla conclusione del protocollo opzionale.
    <DIV>- è essenziale per le istituzioni dell'UE a lavorare sui dettagli di implementazione e di garantire che un meccanismo di forte e indipendente per il monitoraggio di attuazione saranno stabiliti prima: meccanismo deve essere libero da ogni indebita pressione. L'UE e la società civile stanno esplorando un terreno nuovo sul diritto internazionale e diritti umani: oltre la loro consultazione, il coinvolgimento delle organizzazioni di persone disabili con diritto di influenzare il processo è estremamente importante per il successo di questo primo trattato sui diritti umani.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Il movimento europeo della disabilit? invita la futura Presidenza spagnola ad adoperarsi attivamente per la conferma della ratifica oltre le Nazioni Unite nei primi mesi del 2010. Questo passo necessario sar? indubbiamente portare 65 milioni i cittadini con disabilit? più vicini al nuovo team d'Europa retta quando il Trattato di Lisbona entrer? in vigore.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Scarica l'intero comunicato stampa</DIV>
    <DIV></DIV>Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    Senior Member L'avatar di deambulante51
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Japan
    Messaggi
    8,531
    Thanked: 39

    Predefinito

    Sbaglio oh rispecchia il discorso che oggi, abbiamo avviato in una delle tue altre discussioni sulla partecipazione di tutti per portare avanti i diritti delle persone disabili,senza fermarci davanti ad un no!.</span>

    Domani è il primo giorno del resto della mia vita



  4. #3
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    loro l'hanno ratificata ora vedremo se la metteranno in pratica
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  5.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •