Venticinque anni fa: Bhopal, 3 dicembre 1984 . Per non dimenticare
di Curzio Bettio *

Bhopal, India, 3 dicembre 1984 - Una nube tossica provoca una catastrofe: decine di migliaia di morti.

? la Union Carbide, ora Dow Chemical, a causare la strage di Bhopal.

Metil-isocianato è la sostanza che si sprigiona dalle ciminiere di Bhopal e che causa 20mila morti e 500mila invalidi.

Dalle ciminiere della Union Carbide si sprigiona una nube di fumo impalpabile e dall?odore acre. Gli abitanti della baraccopoli sono abituati a frequenti fughe di gas tossici, (l?impianto di allarme è stato disattivato perchè suonava in continuazione), ma questa volta la concentrazione tossica nell?aria è maggiore. Migliaia di volte maggiore.

20.000 vittime, mezzo milione di invalidi.

Il presidente della Union Carbide e responsabile dell'impianto, Warren Anderson, si render? latitante...


Diciotto anni dopo la strage, la Union Carbide non aveva ancora iniziato la bonifica del territorio, e anzi esigeva l?intervento della polizia contro gli ecologisti che avevano provocatoriamente iniziato in proprio la bonifica della fabbrica.

Addirittura, il governo Indiano proponeva per Anderson una variazione del capo di imputazione, da ?omicidio? a ?negligenza?.

Dopo tanti anni, le vittime di Bhopal non sono ancora state risarcite dalla Dow Chemical, la quale rifiuta di bonificare la zona inquinata e di disporre tutele per la popolazione malata.