Cookie Policy Privacy Policy se suicidarsi diventa un diritto



Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    <TABLE style="mso-cellspacing: 1.5pt; mso-yfti-tbllook: 1184" =Ms&#111;normalTable border=0 cellPadding=0>
    <T>
    <TR style="mso-yfti-irow: 0; mso-yfti-firstrow: yes; mso-yfti-lastrow: yes">
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; WIDTH: 100%; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" width="100%">
    <?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />
    Se suicidarsi diventa un diritto </TD>
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; WIDTH: 100%; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" width="100%">
    </TD>
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; WIDTH: 100%; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" width="100%">
    </TD>
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; WIDTH: 100%; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" width="100%">
    </TD></TR></T></TABLE>

    <TABLE style="mso-cellspacing: 1.5pt; mso-yfti-tbllook: 1184" =Ms&#111;normalTable border=0 cellPadding=0>
    <T>
    <TR style="mso-yfti-irow: 0; mso-yfti-firstrow: yes">
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; WIDTH: 70%; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" vAlign=top width="70%"></TD></TR>
    <TR style="mso-yfti-irow: 1">
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" vAlign=top></TD></TR>
    <TR style="mso-yfti-irow: 2; mso-yfti-lastrow: yes">
    <TD style="BORDER-BOTTOM: #f0f0f0; BORDER-LEFT: #f0f0f0; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; : transparent; PADDING-LEFT: 0.75pt; PADDING-RIGHT: 0.75pt; BORDER-TOP: #f0f0f0; BORDER-RIGHT: #f0f0f0; PADDING-TOP: 0.75pt" vAlign=top>
    di Carlo Bellieni


    Diventa sempre più chiaro cosa c'è dietro certo dibattito sul fine vita, se si va a curiosare oltre Manica.


    Lo spiega una proposta di legge fatta al Parlamento scozzese nel 2008, che chiede l'eutanasia legalizzata anche per quanti "non sono in stato terminale, non soffrono di malattia degenerativa, non sono inaspettatamente resi disabili, ma che trovano la loro vita intollerabile".


    Gi?, il problema non è più quello di aiutare a morire chi sta morendo, ma aiutare a morire chi è stufo della vita.


    Lo spiega bene sul "Lancet" del maggio 2008 Ilona Finlay, docente di medicina palliativa: "Se la pietra miliare della legalizzazione dell'eutanasia è il diritto di un paziente di decidere quando ne ha abbastanza della malattia, piccolo è il passo per sostenere che essa dovrebbe essere possibile anche per chi ha molti anni da vivere in una certa condizione".


    Ma chi prima o poi non si sente stanco della vita? Per questo il bivio cui si trovano davanti i legislatori è se dare la "libert? di morire" o se dare "la "libert?": economica, sociale, clinica, ambientale.


    Quanti suicidi si sono evitati ricostituendo un ambiente sociale positivo, quante persone hanno cambiato idea dopo aver chiesto di morire, per aver iniziato un serio corso di terapia antidepressiva!
    La baronessa Campbell, deputato al Parlamento affetta da atrofia muscolare, aveva scritto a questo proposito sul "Guardian" del giugno 2009:
    "Il suicidio assistito farebbe pensare ai disabili e ai medici che li assistono che quello che i disabili vogliono è la morte, proprio le persone cheavrebberobisognodiincoraggiamento pervivere e non per soccombere".
    E Tony Delamothe sul "British Medical Journal" di agosto, così argomenta, tirando in ballo la legge che in Inghilterra vieta l'eutanasia:
    "Capisco che cambiare la legge possa voler dire che delle persone possano sentirsi obbligate a terminare la vita per non essere di peso ad altri, e che i gravi disabili possano sentire tale peso più di altri". Poi per? chiude, aprendo all'autodeterminazione solitaria come ultimo tribunale: "Ma pu? questo rischio calpestare la libert? dei malati terminali di concludere la vita quando lo scelgono?".
    Conclusione: se il diritto a terminare la vita quando si è stufi viene sancito, quale agente di polizia o quale semplice passante si azzarder? più a fermare un suicida, magari malato o sofferente? Perch? crolla il principio per lottare contro l'aumento di suicidi di adulti e adolescenti, se il suicidio diventa un diritto.
    Si dir?, per sconsigliare il suicidio, che certi suicidi non sono motivati. Ma quale suicidio lo ?? E chi lo decide? è motivato solo il suicidio per motivi cliniciò E perchè? E se le proposte di legge stesse vorrebbero permettere il suicidio non per motivi clinici, perchè deve essere lecito suicidarsi solo in strutture autorizzate? Non è un paradosso?
    Ci diranno probabilmente che invece in Italia si parla solo di testamento biologico e non di eutanasia.
    In realt? non è vero, perchè c'è anche chi richiede apertamente l'eutanasia. Ma c'è un punto nodale: il contrasto stridente tra il tanto parlare sui media di come e quando morire e, al contrario, il parlare in sordina di come far vivere meglio chi soffre per malattia o solitudine.
    ? nodale perchè mostra la base su cui si appoggia la richiesta di morire: la sfiducia; anzi, una triplice sfiducia. è sfiducia nel rapporto col medico e con i familiari; è sfiducia nelle possibilit? nella medicina - perchè oggi i farmaci antidolorifici sono ottimi e non uccidono, se usati con diligenza; così come le cure palliative e la psicoterapia hanno ottimi risultati - ed è sfiducia in se stessi, indotta dalla pressione sociale, dato che ci obbligano a pensare che la nostra vita valga solo a certe condizioni. Si combatte per la dignit? della morte, mentre si dovrebbe combattere per la dignit? della vita.

    (?L'Osservatore Romano - 5 novembre 2009)</TD></TR></T></TABLE>
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    Senior Member L'avatar di deambulante51
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Japan
    Messaggi
    8,531
    Thanked: 39

    Predefinito

    Tutti abbiamo una visione della vita molto personalizzata e,chi se ne priva,ne ha una visione fortemente debilitata e,dalla solitudine di pensieri,che rende sordi alle parole di aiuti.</span>

    Domani è il primo giorno del resto della mia vita



  4.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •