Cookie Policy Privacy Policy NO AL CROCIFISSO - Pagina 4



Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 61 a 65 di 65

Discussione: NO AL CROCIFISSO

  1. #61
    Junior Member L'avatar di venexiano
    Data Registrazione
    Mar 2006
    LocalitÓ
    Italy
    Messaggi
    3,426
    Thanked: 6

    Predefinito



    Don Antonelli: Il posto della croce Ŕ solo la coscienza di chi crede.
    di don Aldo Antonelli



    Non nelle aule del tribunale, l? dove spesso vengono condannati gli innocenti ed assolti i delinquenti; n? sulle vette dei monti e delle colline, deturpate dalla bulimia vorace di impresari senza scrupoli e amministratori conniventi; e nemmeno nelle aule scolastiche, l? dove spesso si ricicla una cultura intrisa di violenza e di soprusi. No!


    L?unico luogo in cui degnamente pu? stare una croce Ŕ un non luogo: Ŕ la coscienza del credente, l? dove nascono e maturano quei comportamenti che fanno del cristiano, questo s˛, il vero segno della di Lui presenza.


    Lamentiamo e protestiamo contro quello che nei secoli Ŕ stato un vero e proprio trasloco abusivo da una testimonianza esistenziale interiore ad una invadenza superficiale esteriore.


    Una croce ridotta a simbolo culturale costituisce, per la sensibilit? del credente, una profanazione, uno svuotamento; mentre per molti politici ed altrettanti ecclesiastici diventa moneta di scambio per il consolidamento del loro potere.


    Simbolo equivoco Ŕ diventata questa croce trasformata in spada, che invece di unire divide e che invece di proporsi si impone.


    http://temi.repubblica.it/micromega-...-antonelli-la- croce-deve-stare-solo-nella-coscienza-di-chi-crede/ Edited by: venexiano
    La miglior vendetta la felicitÓ. Non cŔ niente che faccia pi¨ impazzire la gente che vederti felice. Alda Merini


  2.      


  3. #62
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da Madeche
    Io per evitare qualsiasi discussione attuerei i respingimenti.........tanto so extracomunitari che c'Ŕ frega
    Chi due che si chiamano di cognome Albertin?
    Claudio



  4. #63
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da bai

    secondo lettieri


    l'italia non Ŕ un paese laico e nemmeno confessionale


    ma concordatario, qualcuno pu? spiegarmi questa affermazione?


    roberto
    Ah secondo questo principe del foro, l'Italia Ŕ quello che vuole il Vaticano secondo il Concordato?
    Claudio



  5. #64
    Senior Member L'avatar di luni
    Data Registrazione
    Jun 2005
    LocalitÓ
    Italy
    Messaggi
    6,660
    Thanked: 39

    Predefinito

    <DIV =left-col>
    <DIV =secti&#111;n>
    <H1>La voce della Lega di Rag. Fantozzi </H1>
    <DIV =paginazart>?precedente | successivo?</DIV></DIV>
    <DIV =article>
    <H1 =no-margin>Cristo in croce </H1>
    <DIV =Text-b>


    I primi sette anni di scuola li ho vissuti sotto una dittatura. In classe c?era un crocefisso centrale e ai lati: il Re e Lui. Non Berlusconi ma Mussolini il Re topo sembrava un intruso e si capiva che il vero capo era il Duce. Poi alla fine della guerra il Re Imperatore Ŕ andato a vivere in Egitto. Mussolini Ŕ finito a piazzale Loreto. Ges˛ Ŕ rimasto. Non credo che la presenza delle foto di quei due, abbia aiutato i giovani Italiani a capire che la guerra era stata una decisione sbagliata, ma la cosa curiosa Ŕ che a nessuno Ges˛ in croce dava l?impressione di essere un cadavere. Lasciamolo pure al suo posto, anche se la decisione del Consiglio d?Europa mi sembra saggia. L?Europa Ŕ un paese multietnico, a molti giovani musulmani, per i quali Dio non Ŕ rappresentabile, il povero morto insanguinato in croce pu? fare impressione. Ma ?quelli? hanno solo paura di perdere il voto dei bigotti.</DIV></DIV></DIV>
    "Comunque Ŕ vero, sono comunista. Non dimentico mai la Bibbia e il Vangelo. E non dimentico mai quello che ha scritto Marx." (Don Gallo)



  6. #65
    Senior Member L'avatar di luni
    Data Registrazione
    Jun 2005
    LocalitÓ
    Italy
    Messaggi
    6,660
    Thanked: 39

    Predefinito

    <H1>I furbetti del Crocefisso</H1>
    <DIV =paginazart>?precedente | successivo? </DIV>
    La vicenda della ?ostensione? dei crocefissi nelle scuole e la sentenza della Corte Suprema del Parlamento Europeo ha dato la stura all?ennesima cagnara dei soliti politici che hanno imbracciato la spada del crociato per correre in difesa della presenza dei crocefissi nelle aule scolastiche. Povero crocefisso usato come libretto di assegni per comprare qualche piccola rendita di potere. Del vero merito della questione, la laicit? dell?Europa, accettata come valore fondante da tutte le serie democrazie del vecchio continente in Italia non gliene frega niente quasi a nessuno. La laicit? da noi Ŕ stata condannata a morte per il reato capitale di laicismo, reato immaginario inventato dai chierici dell?integralismo nostrano. La Corte Suprema del Parlamento Europeo ha fatto semplicemente la sua parte perchŔ non Ŕ tenuta a conformarsi alle anomalie di una classe politica di piccolo cabotaggio incistita solo nei propri piccoli interessi di potere e che non ha rispetto per il ruolo delle istituzioni preposte a tutelare i principi universali su cui l?Unione Europea si fonda. Personalmente non ho niente contro il crocefisso, sono cresciuto fra crocefissi alle pareti di centinaia di luoghi in cui sono stato, ho lavorato e ho vissuto e non mi hanno certo condizionato. Per quanto mi riguarda possono rimanere dove stanno. Del resto, in un Paese in cui ci sono migliaia di chiese e chiesette, di campanili possenti e svettanti o intimi e modesti, anche se i crocefissi venissero rimossi la situazione della ?ostensione? non cambierebbe granch?. Ma Ŕ grave invece il fatto che i crociati di casa nostra invece di preoccuparsi dei valori cristiani universali si abbandonino ad una invereconda cagnara su questioni di lana caprina.
    <DIV ="date t-space">07 novembre 2009</DIV>
    <DIV =allarticle>Vedi tutti gli articoli di Moni Ovadia</DIV>
    <DIV =multimedia style="PADDING-TOP: 80px"></DIV>
    "Comunque Ŕ vero, sono comunista. Non dimentico mai la Bibbia e il Vangelo. E non dimentico mai quello che ha scritto Marx." (Don Gallo)



  7.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •