Cookie Policy Privacy Policy fermo amministrativo auto



Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    9
    Thanked: 0

    Predefinito



    Salute a tutti, sono un disabile col 70% di invalidit? civile e con la condizione di gravit? (legge 104 art. 3 comma 3), mi hanno notificato il fermo amministrativo dell'auto per vecchi bolli di una vecchia auto non pagati (lo so che non avrei dovuto pagarli, ma, sinceramente, non ho fatto la richiesta a suo tempo perchè non lo sapevo). Senza volere entrare nel merito della mia vicenda, vorrei chiedere se l?agenzia delle entrate è autorizzata a convalidare il fermo amministrativo dell'auto di un disabile dotato di contrassegno. Chiedo inoltre indicazioni e consigli su cosa fare.


    GRAZIE E SALUTI!!!







  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    certo!!!!!!!!!!!. non fa differenza , sei tenuto a pagare , e stai attento perchè se usi l'auto ugualmente e ti "beccano" la sequestrano subito seduta stante.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  4. #3
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    http://www.allaguida.it/articolo/fer...trativo-e-perd i-la-proprieta-dellauto/1014/





    La cosa che spesso non si sa, è che non importa se il credito vantato sia sproporzionato rispetto al bene bloccato, anche se su questo ci sono diverse sentenze nel merito, ma, potenzialmente, basterebbe solo il mancato pagamento del canone Rai, per vedersi fermata l?auto o la moto. Attenzione, dunque, a non pagare, bolli auto, Ici, Inps e quant?altro vantato dalla Pubblica Amministrazione, comprese le contravvenzioni al Codice della Strada. Il procedimento è noto; dopo avere ricevuto una cartella esattoriale, trascorsi 60 giorni da questa, vengono iscritte al ruolo gli importi vantati e, a discrezionalit? dell?Ente creditore, si pu? mettere in atto tale procedura, previa comunicazione al debitore.
    Il Fermo Amministrativo nel dettaglio
    Al ricevimento della cartella esattoriale, il contribuente riceve una nota dove si fa riferimento alla procedura che si intender? adottare in caso di mancato pagamento. Decorsi infruttuosamente 60 giorni dalla notifica, la Società Riscossione S.P.A., proceder? al Fermo iscrivendo tale provvedimento direttamente nel registro mobiliare. Da questo momento, il contribuente ha 20 giorni di tempo per regolarizzare la propria posizione prima che l?Ente iscriva ipoteca al PRA. Il pagamento lo libera dal provvedimento, ma lo espone anche ad altri costi, quali le spese di iscrizione del fermo più gli interessi maturati e di mora afferenti al provvedimento stesso. Se, invece, si resta sordi al richiamo, la Legge prevede il successivo pignoramento del bene ?fermato? e l?esproprio dello stesso, quale ultima conseguenza.


    Attenzione anche a circolare con un mezzo sottoposto a fermo; l?attuale normativa prevede l?applicazione di una multa che va da 656,25 a 2.628,15 euro e la confisca del mezzo stesso.

    Chi e come contestare un Fermo Amministrativo

    Ci sono state diverse prese di posizione delle Associazione dei Consumatori,volti a ricorrere contro tali provvedimenti, giudicati, a volte, da più parti incostituzionali. Non a caso, la farragginosit? persino dei termini adottati nel mettere in atto tale strumento coatto, rende la procedura più nebulosa che mai. Una totale confusione che ha portato, quale estrema conseguenza, quella di non potere nemmeno individuare facilmente a quale Organo preposto far capo per sottoporre i ricorsi e, in ultimo, mancano tutte quelle disposizioni pratiche legali per attuare il provvedimento e dunque ricorrervi.


    Laddove sembrava essere giunti ad una chiarificazione della difficile materia, ecco giungere la Legge 248/2005, che ha dato maggiore impulso alla pratica del Fermo Amministrativo, con la conseguenza che, coloro che speravano negli esiti positivi di un eventuale ricorso, si sono visti sfumare dalle mani, la possibilit? di opporsi, efficacemente, al provvedimento.


    Ma è moralmente e legalmente giustificato un provvedimento che renda impossibile l?utilizzo di un?auto o di qualsiasi altro mezzo a fronte di un debito irrisorio o sproporzionatamente minore del valore del bene ?fermato?? Tutta materia che si presta ad un?interpretazione squisitamente giuridica dove è difficile raccapezzarsi per cui, di fronte alla possibilit? di opporsi a tali provvedimenti, il consiglio unico che ci sentiamo di dare è quello di rivolgersi ad un legale.


    Riteniamo utili rimandare il lettore alla lettura di quanto espresso dall?ADUC, Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori, riguardo la cronistoria del Fermo Amministrativo, comprese le novit? introdotte dalla Legge, le Risoluzioni dell?Agenzia delle Entrate e gli utili riferimenti per approfondire i ricorsi:


    ( A cura dell?ADUC):
    Breve ?storia? della normativa del Fermo Amministrativo
    E? nato con il DPR 602/1973 sotto il titolo ?Riscossione Coattiva? (art.50 e art.86). Successivamente, con il DM 503/98 sono state emesse le disposizioni attuative dell?art.86 che prevedevano l?emissione del provvedimento di fermo, a carico dell?amministrazione finanziaria (Direzione delle entrate), solo dopo che risultava evidente l?impossibilita? di pignorare il bene.


    Con il d.lgs..46/99 ed il d.lgs.193/01 e? stata modificata la normativa originale riguardo alle competenze -rimandate ai Concessionari- e alle procedure, senza pero? che venissero apportate modifiche al decreto attuativo. Ecco perche?, da allora, si e? posta la questione se il DM 503/98 possa considerarsi valido o comunque compatibile con la norma (per molti esso e? del tutto inadeguato alle nuove norme e quindi inapplicabile). Molta giurisprudenza sostiene che, non esistendo un regolamento ad-hoc, l?art.86 del dpr 602/73 risulta inapplicabile e ipoteticamente incostituzionale. E? recentemente intervenuta, al riguardo, la legge 248/2005 che ha convertito il decreto legge 203/2005.
    Il fermo e? anche regolato, come gia? detto, dal codice della strada agli art.214 e segg.


    Novita? introdotte dalla legge 248/2005


    Tale legge, riguardante ?misure di contrasto all?evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria?, si occupa del fermo all?articolo 3, stabilendo -tra le altre- queste novita?:
    - soppressione dal 1/10/2006 del sistema di affidamento in concessione (quindi delle concessionarie) del servizio nazionale di riscossione ed attribuzione dello stesso direttamente all?Agenzia delle entrate, che le svolgera? tramite la societa? ?Riscossione S.p.A?;
    - comma 41: interpretazione dell?art.86 dpr 602/73 nel senso che, fino all?emanazione del decreto attuativo, il fermo puo? essere eseguito dal concessionario sui veicoli a motore nel rispetto delle disposizioni contenute nel DM 503/98. Cio?, praticamente, ?rimette in gioco? il vecchio decreto attuativo, contribuendo ad aumentare la notevole confusione normativa in materia (anche considerando che, secondo alcune interpretazioni, le disposizioni di questo comma entrerebbero in vigore il 1/10/06 e quindi, fino ad allora, gli atti di fermo resterebbero illegittimi).

    Ricorsi: riferimenti utili per approfondire
    -
    Molta giurisprudenza si occupa della questione della natura dell?atto, a cui consegue la diatriba sull?organo competente per i ricorsi nonche? sulle procedure di opposizione fruibili. A tutto cioè sembra aver messo la parola ?fine? una recente sentenza di Cassazione (2053/2006), confermata dal Consiglio di Stato (decisione n.421/2006), che ha fissato come organo competente per i ricorsi riguardanti la leicita? del provvedimento il Giudice Ordinario. Per quanto riguarda le questioni di merito, invece, rimane competente il Giudice di Pace.
    -
    Riportiamo, in breve, i riferimenti delle sentenze piu? autorevoli riguardanti le classiche e maggiormente diffuse motivazioni di ricorso:
    - - La mancanza, o comunque l?inadeguatezza, del decreto attuativo rende illegittimo il provvedimento: in questo senso e? stata pronunciata la sentenza n.392/2004 del Tar della Puglia.
    -
    - Lo stesso concetto e? ripreso in un?altra sentenza del Tar del Lazio (n. 3402/2004) confermata dal Consiglio di Stato con ordinanza n.3259 del 13/7/04. Tale sentenza aggiunge anche che e? sospendibile il provvedimento con il quale e? stato disposto il fermo amministrativo, qualora vi sia sproporzione tra l?importo dovuto ed il danno derivante al ricorrente dall?esecuzione del fermo amministrativo impugnato.

    Risoluzioni dell?Agenzia delle entrate
    -
    In seguito alla suddetta pronuncia del Consiglio di Stato l?agenzia delle entrate (risoluzione n.92/2004) e l?Inps hanno deciso di astenersi dal disporre nuovi fermi in attesa del pronunciamento dell?Avvocatura generale dello Stato.
    Successivamente, riferendosi alla legge 248/2005 (articolo 3 comma 41) la stessa agenzia ha emanato una ulteriore risoluzione con la quale ha annullato la precedente (n.2/2006) ridando il via ai provvedimenti e sostenendo -in pratica- che la legge ha colmato il vuoto normativo. Cio? non vuol necessariamente dire che un?opposizione in tal senso non sia piu? possibile, ma essa diventa indubbiamente piu? difficoltosa.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  5. #4
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    mah, erric che cambia tra un disabile è un normo???????????????? sono persone tutt'? due, al massimo ti possono dire la seguiamo fino a casa sua poi il mezzo lo sequestriamo, ma perchè trovi un agente che si passa la mano per la coscienza se no sono tenuti a sequestrartelo li , sedutastante, non c'è niente da fare , la legge non ammette ignoranza .



  6.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •