il suicidio


http://torino.repubblica.it/dettaglio/i-prof-la-maltrattano- lei-tenta-il-suicidio/1756012
<DIV id=c&#111;ntent-center>
<DIV ="er">
<DIV ="stampa"></DIV></DIV>
<H1>I prof la maltrattano, lei tenta il suicidio</H1>
<DIV ="sommario">Chiesto il processo per quattro insegnanti. Il pm: condotte violente. Gli episodi tre anni fa. Ora la giovane ha cambiato scuola. Il 10 novembre l?udienza. "L'accusavano di disinteresse, ignorando la sua situazione patologica"</DIV>Alla fine Ada, 13 anni, studentessa della scuola media Alessandro Manzoni di Nichelino, nella cintura torinese, non ce l?ha più fatta. Arrivata a casa, ha afferrato un grosso coltello dal cassetto della cucina ed ha cercato di tagliarsi la gola, gridando: ?Ho deluso tutti, non serve a nulla continuare a studiare?. A fatica la madre è riuscita a fermarle il braccio. Poi l?ha convinta a rivelare il suo male segreto. E Ada ha raccontato la sua terribile storia, degli insegnanti che ogni giorno le ripetevano: ?Stai ai casa, non capisci nulla, non vali niente?. Le mettevano sul registro brutti voti anche quando era assente, la rimproveravano per come sedeva al banco, incuranti dei certificati del suo medico curante che attestavano la sua obesit? e l?impossibilit? di sedere in modo composto. Tutto probabilmente perchè era troppo grassa.

La vicenda di Ada è ora approdata in tribunale. Il pm Annamaria Baldelli, il magistrato a cui è stato affidato il caso, ha chiesto il rinvio a giudizio per quattro insegnanti della Manzoni. Il 10 novembre infatti compariranno davanti al giudice per l?indagine preliminare la professoressa di Lettere Giovanna Gradi, la professoressa di Educazione Tecnica Elena De Feo, la professoressa di matematica Graziella Pozzetto e il professore di inglese Walter Moscariello. Per tutti e quattro le accuse sono gravissime: maltrattamenti e falso in atto pubblico.

Ha scritto il magistrato: ?Assumevano nei confronti della minore della quale avevano avuto l?affidamento per motivi di istruzione condotte connotate da violenza morale e psicologica come "modalit? relazionale abituale" con lei nel corso delle lezioni e dell?esame finale. In particolare l?accusavano sistematicamente di disinteresse, vandalismo, maleducazione, irresponsabilit?, svogliatezza e scostanza, ignorando volutamente la situazione patologica dell?allieva certificata dal medico curante, anzi rendendo manifesta la svalutazione di questa circostanza. Mostrandole inoltre in ogni occasione il proprio disprezzo anche per la sua conformazione. Cosò causando uno stato di frustrazione nella minore che giungeva a manifestarsi con vere e proprie crisi di panico e che portavano la stessa a meditare un gesto anticonservativo e poi l?abbandono della scuola, nonostante le sue capacit? le permettessero buoni risultati...?.
<DIV id=adMiddle><!--
OAS_RICH('Middle');
//-->

In più, secondo l?accusa, la professoressa Pozzetto, difesa dall?avvocato Antonio Testa, le avrebbe dato voti nettamente insufficienti nonostante fosse assente. ?Con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso - ha scritto il pm - nella sua funzione di insegnante di matematica e scienze e in quanto tale pubblico ufficiale ha scritto nel registro personale in data 26 ottobre "4,30" come voto per "ripasso scienze", in data 27 ottobre "R:4,30" come voto "per verifica scienze", in data 22 maggio "R:4" come "verifica di analitica", facendo risultare, contrariamente al vero, che l?alunna fosse presente in classe nelle predette date ed avesse eseguito le verifiche gravemente insufficienti?.
Tutto questo è accaduto nell?anno scolastico 2006-2007. Ada che si è affidata agli avvocati Antonio Genovese e Giovanni Figliomeni ora ha cambiato scuola.

I quattro insegnanti, interrogati dal magistrato, hanno respinto naturalmente le accuse. La professoressa De Feo ha spiegato: ?L?ho richiamata solo per il fatto che aveva i pantaloni troppo abbassati. Non conoscevo i problemi medici della ragazza. Parlava poco e non ricordo che mi abbia mai riferito che il suo muoversi sulla sedia era per trovare una posizione comoda a causa dei suoi problemi di salute?. Gli altri tre hanno dato giustificazioni analoghe. La professoressa Pozzetto ha spiegato che i voti risultanti nei giorni di assenza in realt? erano ?promemoria? per interrogazioni fatte in date precedenti. Per tutti e quattro per? il pm ha chiesto il rinvio a giudizio. </DIV>
<DIV ="">(22 ottobre 2009)</DIV>
<DIV ="clear"></DIV>
<DIV ="clearleft"></DIV>
<DIV ="clearleft"></DIV></DIV>Edited by: mammamarina