Cookie Policy Privacy Policy Brunetta ci riprova - Pagina 2



Pagina 2 di 10 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 186

Discussione: Brunetta ci riprova

  1. #21
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    sembra voglia riintrodurre la convivenza per avere i permessi
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #22
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito

    L'ENI non rientra nel campo di azione di Brunetta. Comunque devono
    essere in difficolt? nei sondaggi, stanno ricominciando la solita solfa
    in cui caschiamo sempre, quella dell'accusare tutti, Tremonti che parla
    di posto fisso invece che di welfare che sarebbe più utile...
    Brunetta
    non va alla radice, i controlli medici, invece di prendersela anche e
    soprattutto chi permette ste cose con certificati falsi , vieta e
    proibisce a tutti indiscriminatamente. Non capite che altre due mosse e
    la 104 Brunetta la elimina completamente anche per quelle "reali" come
    la tua.

    Poi dopo voglio vedere....Non abboccate alle cazzate che
    dicono, non fatevi contagiare dall'odio per tutti, che è questa la loro
    tattica, diffondere odio...guardate, diffondono odio sugli immigrati,
    sugli invalidi (che la gente non distingue mica fra vero o falso), fra
    un po' diranno che il problema oltre ai falsi invalidi sono anche
    quelli veri...attenzione....son tutte strategie politiche, non gliene
    frega niente a Brunetta dell'efficienza della pubblica amministrazione
    visto che è ed è stato uno dei deputati maggiormente assenteisti. A lui
    interessano solo i voti.

    ------------------------------------------------------------ --------
    Sono pienamente d'accordo con te, in quanto non facciamo prenderci per il naso da "loro", in quanto il Brunetta non dice come mai ogni giorno alla Camera Dei Deputati ve ne sono sempre una minoranza, e vanno solo per l'approvazione o per far passare i loro interessi.
    Quei signori che occupano quelle poltrone, ci costano ogni giorno altro che 104, e non facciamo di tutta un'erba un fascio.
    ponderate, ragionate su quel che dicono, state sicuri che non lo fanno per i nostri interessi, gli sprechi sono altrove, come le opere costruite a metà e mai concluse. Quante ne ha denunciate "Striscia la Notizia", l? sono sprechi di milioni di euro e inutili che non servono veramente a nessuno.
    Quante regioni province e comuni, hanno iniziato opere con acconti di milioni di euro che sono poi restate a metà, o lasciate all'incuria se finite per mancanza di manutenzione?
    Quindi non venisse a fare il moralista e andare sempre a colpire solo i più deboli per qualche vantaggio che hanno avuto dopo anni di dure lotte.
    Certo lui pu? mantenersi altro che una badante............ con quello che prende, è facile parlare da quel pulpito.

    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  4. #23
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,655
    Thanked: 0

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da deambulante51
    Di strano,Paolo,c'è che ti assicuro io,non avevano nulla di che per usare la 104,lo facevano solo per non andare al lavoro e questo,secondo me è mal fatto.

    I giorni/ore di permessoche la 104 concede al disabile non devono n? essere giustificati, n? servono a qualcosa dispecifico.


    Il disabile, al quale viene riconoscita la 104, è svantaggiato rispetto ad un lavoratore analogo per mille motivi, questa agevolazione rimette un po' le cose in pari.


    Se poi i tuoi amici disabili (con 104) non sono gravi... come la legge prevede... allora è un altro paio di maniche.





  5. #24
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,655
    Thanked: 0

    Predefinito



    C'? comunque da dire che la Pubblica Amministrazione non è che brilli per efficienza... un qualcosa si dovr? pur fare per ottenere un rendimento simile al Privato...


    Il ricorso alla malattia, non ho dati precisi, ma sembra essere molto superiore agli altri lavoratori... qualcosa di strano c'è...


    Brunetta propone il metodo del bastone e la carota... anche se, per ora, si è visto solo il bastone.





  6. #25
    Senior Member L'avatar di bai
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,403
    Thanked: 5

    Predefinito



    dunque se ho capito bene brunetta vuole riformare lo strumento di supporto alla disabilit? per introdurne altri, non ben chiari ancora, il tutto badate bene, per dare contro ai fannulloni


    su questo termine brunetta sta costruendo il suo consenso addittando un nemico su cui adossare le responsablit?


    secondo me andr? a finire che chi ha diritto di avere i 3 giorni al mese perchè magari veramente portatore di handicap in stato di gravit? se lo vedr? togliere, mentre i fannulloni che hanno oltre la capacit? di non fare nulla, altre caratteristiche, per esempio sono quasi tutti furbetti e ruffiani,vedrete, riusciranno a spuntarla anche questa volta, magari perchè fanno dei favori al capo di turno oppure sono protetti da qualche d'un altro


    un altro esempio? brunetta , sempre lui vuole togliere le economict? della trattativa di secondo livello e trasformarla in salario aggiunto o meritocratico( anche giustamente nella motivazione) così suddiviso


    al 25% del personale andr? la quota intera del premio


    ad altro 50 % del personale andr? il 50% del premio


    e al restante 25% del personale andr?niente


    adesso pongo la domanda, i fannulloni in quale quota andranno? sapendoche è il direttore dell'ente che decide la collocazione?


    e ancora i portatori di handicap grave che sono per patologia limitati nel rendimento o devono assentarsi dal lavoro per periodi di malattia, dove saranno collocati?


    scusate l'O.T.


    robertoEdited by: bai
    volete far fruttare i vostri risparmi?
    piantate alberi di noce, farete ricchi voi e altri



  7. #26
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da diavolina
    e se le leggi son state fatte non credo sia x danneggiare o favorire qualcuno........a noi, a me nell'esempio, la 104 serve proprio come a tanti altri ma..........? vero se eravamo nati normo.......peccato....sai preferivo nascere normo e lavorare 14 ore di fila

    infatti con ste leggi si sono accorti che qualcuno ci ha marciato....percio' trovo giusto che vengano modificate...naturalmente tutelando i veri disabili....fanulloni e finti disabili...scio'!!!!





  8. #27
    Senior Member L'avatar di connyok
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    5,514
    Thanked: 1

    Predefinito



    Usufruire della 104 è un diritto.


    Allora cosa dire a coloro che si timbrano tra di loro e se ne stanno a casa regolarmente pagati ?


    Nelle aziende private col cavolo che succede questa cosa!!





  9. #28
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da connyok


    Usufruire della 104 è un diritto.


    Allora cosa dire a coloro che si timbrano tra di loro e se ne stanno a casa regolarmente pagati ?


    Nelle aziende private col cavolo che succede questa cosa!!





    perfettamente daccordo con te anche questi"furbi" vanno fermati...



  10. #29
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito



    sono caduta dalle nuvole...ieri parlando con una mia amica docente sul giorno di ferie da prendere il 2 novembre(la scuola è chiusa e io sono obbligata a stare a casa)io ero un po' contrariata...perche' devo stare a casa se voglio andare a lavorare?e consumarmi un giorno di ferie?...cosi' io ingenuamente chiedo a questa mia amica "ma anche a te sei forzata aconsumare un giorno di ferie"...lei mi risp."no Paola noi non consumiamo le ferie,quando la scuola è chiusa è nostro diritto stare a casa senza prendere le ferie ...cosi' anche per i 15giorni di natale i 12 giorni di Pasqua....e i 70 giorni di vacanze estive...naturalmente pagati!!!"....quanti docenti di ruolo e di precariato ci sono in Italia?azzo se conviene fare il docente....e magari hanno diritto ad una 14esima...adesso tutto il max rispetto al loro lavoro...ma non è un po' uno spreco di soldi per lo stato?...



  11. #30
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    302
    Thanked: 0

    Predefinito

    Purtroppo Brunetta ha ragione: nel pubblico, a parte il caso dei disabili che prendono i tre giorni per sò stessi e qualche caso reale, la maggior parte dei lavoratori, anche approfittando delle regole "allargate" volute da Damiano, prende la 104 per lontani parenti (lontani nel senso che vivono anche oltre i 100 Km) senza prestare loro assistenza.
    Le brutte abitudini nel pubbliche sono dure da contrastare: per un dipendente pubblico vecchia maniera tutto è dovuto, tutto è un loro diritto, tutto è ovvio.
    Brunetta, d'altra parte, sta cavalcando un diffuso malcontento verso la PA, che, soprattutto al nord Italia, si sta allargando a macchia d'olio con la crisi economica. I sindacati tentano solamente di mantenere i propri privilegi, e ai lavoratori con disabilit? e alle loro necessit? non hanno MAI pensato veramente.
    Qui o i lavoratori pubblici iniziano a prendere una mentalit? "privatistica" o il futuro sar? sempre più nero.




  12. #31
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da Paolo_

    C'? comunque da dire che la Pubblica Amministrazione non è che brilli per efficienza... un qualcosa si dovr? pur fare per ottenere un rendimento simile al Privato...


    Il ricorso alla malattia, non ho dati precisi, ma sembra essere molto superiore agli altri lavoratori... qualcosa di strano c'è...


    Brunetta propone il metodo del bastone e la carota... anche se, per ora, si è visto solo il bastone.

    Guarda, non ho dati precisi da mostrare, potrei cercarli. Poco dopo il decreto Brunetta, vidi un servizio su Sky TG24 con ospiti in studio. Uno di questi diceva che l'assenteismo nel pubblico è solo lievemente maggiore che nel privato, mi pare di ricordare un 2% in più. Il fatto è che pare che quando Brunetta parla di assenteismo, ci infila dentro i corsi professionali, la legge 104 e tutto quanto rientra perfettamente nei canoni di legge.

    Citazione Originariamente Scritto da Thanchvil
    Purtroppo Brunetta ha ragione: nel pubblico, a parte il caso dei
    disabili che prendono i tre giorni per sò stessi e qualche caso reale,
    la maggior parte dei lavoratori, anche approfittando delle regole
    "allargate" volute da
    Damiano, prende la 104 per lontani parenti (lontani nel senso che
    vivono anche oltre i 100 Km) senza prestare loro assistenza.
    Le
    brutte abitudini nel pubbliche sono dure da contrastare: per un
    dipendente pubblico vecchia maniera tutto è dovuto, tutto è un loro
    diritto, tutto è ovvio.
    Brunetta, d'altra parte, sta cavalcando un
    diffuso malcontento verso la PA, che, soprattutto al nord Italia, si
    sta allargando a macchia d'olio con la crisi economica. I sindacati
    tentano solamente di mantenere i propri privilegi, e ai lavoratori con
    disabilit? e alle loro necessit? non hanno MAI pensato veramente.
    Qui o i lavoratori pubblici iniziano a prendere una mentalit? "privatistica" o il futuro sar? sempre più nero.
    Ihihi, per? ora te la devo dire. I tornelli di Brunetta quanto sono costati alle casse dello Stato? Se non hanno funzionato, non sono soldi buttati?

    Ribadisco : non si cambia, n? col bastone , n? con la carota verso i lavoratori, bisogna cambiare "alla fonte", il metodo di certificazione delle malattie, responsabilizzare i medici, magari anche aumentandogli l'aggio che gli viene dato per ogni paziente. Il medico deve fare il certificato quando è vero che il paziente è malato, se parliamo di malattia. Poi il medico dir?, ma io che ne so se questo stanotte ha passato la notte sulla tazza? Si, ma allora 1 giorno di malattia gli dai, non che si fanno certificati di giorni e giorni sulla base della dichiarazione del lavoratore. Per? bisogna che i medici ricevano di più, magari ridurre il numero di pazienti per medico. Non si pu? avere la botte piena e la moglie ubriaca. Poi dopo bisogna pure vedere quale delle due conviene economicamente...

    Per la 104, mi sta bene un irrigidimento, ma non generalizzato, bisogna andare a colpire i colpevoli, non nel mucchio come è stato fatto ora, altrimenti si ha un senso di ingiustizia, e c'è stata ingiustizia che tra l'altro non ha concluso niente. Va benissimo che il parente deve stare al massimo nell'ambito della provincia, ma non colpire nel mucchio.

    Parliamo di sindacati. Errore gravissimo è stato quello di dividere i sindacati. Ora divisi, ognuno cercher? la propria parrocchietta, anche per quanto riguarda gli scioperi, adesso si moltiplicheranno...Non prendetevela sempre coi sindacati, che da quando son stati spezzettati, smembrati, tolti poteri le cose son nettamente peggiorate. Adesso c'è una guerra più di prima ad attirare consensi e quindi ognuno promette la luna al lavoratore, prima ogni lavoratore sapeva che comunque o CGIL o CISL o UIL quello era....

    Soprattutto nel settore pubblico si son creati danni maggiori che utile, forse gli imprenditori se ne sono avvantaggiati, ma nel settore del pubblico, in particolare dei trasporti, con la frantumazione delle sigle e con la divisione pure dei confederati gli scioperi non possono che aumentare...
    Edited by: buasaard
    Claudio



  13. #32
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    P.S.

    mi sta bene l'approccio privatistico, anche perchè io sempre nel privato ho lavorato. Per? nel privato non ci sono giustificazioni, soprattutto verso i dirigenti. Ti do un incarico, come fai o come non fai non mi interessa, mi devi portare i risultati. Se non li porti , fuori....
    Ora, un altro tentativo sarebbe pure ammesso, ma voglio sperare che fra un anno Brunetta non sta di nuovo li a dire "non ho avuto successo" e tutti di nuovo "bravo Brunetta".

    Bravo un cavolo, tira fuori i risultati o levati di mezzo....

    Claudio



  14. #33
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da ermione

    sono caduta dalle nuvole...ieri parlando con una mia amica docente sul giorno di ferie da prendere il 2 novembre(la scuola è chiusa e io sono obbligata a stare a casa)io ero un po' contrariata...perche' devo stare a casa se voglio andare a lavorare?e consumarmi un giorno di ferie?...cosi' io ingenuamente chiedo a questa mia amica "ma anche a te sei forzata aconsumare un giorno di ferie"...lei mi risp."no Paola noi non consumiamo le ferie,quando la scuola è chiusa è nostro diritto stare a casa senza prendere le ferie ...cosi' anche per i 15giorni di natale i 12 giorni di Pasqua....e i 70 giorni di vacanze estive...naturalmente pagati!!!"....quanti docenti di ruolo e di precariato ci sono in Italia?azzo se conviene fare il docente....e magari hanno diritto ad una 14esima...adesso tutto il max rispetto al loro lavoro...ma non è un po' uno spreco di soldi per lo stato?...
    Non mi è chiaro. Se un giorno è festivo perchè bisogna prendersi le ferie?
    Claudio



  15. #34
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Paolo,

    ecco i dati, secondo le elaborazioni più negative, sono solo 2 giorni all'anno in più nel pubblico impiego. I sindacati ovviamente dicono meno.

    http://www.dirittiglobali.it/articolo.php?id_news=5164

    Secondo il presidente di Confindustria, Luca
    Cordero di Montezemolo, è un problema che va risolto per risollevare
    la produttivit? del paese. Ma al di l? dalle sentenze, osservando cioè
    i dati reali, il fenomeno dei ?fannulloni? nel pubblico impiego sembra
    assai meno consistente di quanto certi allarmi vorrebbero far credere.
    La conferma arriva dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre. Nel
    2006, secondo una ricerca degli artigiani veneti, i giorni trascorsi a
    casa per motivi di salute tra i dipendenti del pubblico impiego sono
    stati 11.5, contro i 9.6 degli operai del settore privato. In totale
    fanno due assenze in più in un anno di lavoro: differenza non certo
    abissale che peraltro, secondo i sindacati (come spieghiamo più
    avanti), sarebbe anche più sottile.



    Stando ai dati diffusi dalla Cgia, i giorni di assenza per malattia
    sono stati in media 14,3 nei ministeri, 9,6 nelle scuole, ancora meno
    (7,3) tra i dipendenti delle Regioni a statuto speciale e delle
    Province autonome. Poco più di 13, invece, le assenze annue registrate
    nei comparti Polizia e Agenzie fiscali. Costo complessivo per lo
    Stato, poco più di 4 miliardi di euro, con spese sostenute in
    particolare nella sanit? e nella scuola. ?Questi numeri è afferma il
    segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi è sgombrano
    il campo da tutta una serie di luoghi comuni che ingiustamente
    investono il pubblico impiego. Quindi non è vero che sono troppi e che
    non lavorano. Casomai, i problemi sono la cattiva distribuzione e i
    livelli di efficienza, imputabili più agli uffici male organizzati che
    ai singoli lavoratori?.



    Per Carlo Podda, segretario generale della Fp Cgil, il
    margine tra pubblico e privato è in realt? ancora inferiore: ?I dati
    ufficiali cui fare riferimento è spiega è sono soltanto quelli
    <a href="http://www.rassegna.it/2008/&#100;ocumenti/scheda_assenze_pa.pdf" target="_blank" target="_blank">del
    Conto Annuale della Ragioneria dello Stato
    </a>?, secondo i quali
    nel 2005 le effettive assenze per malattia nel settore pubblico sono
    state pari a 10,8 giorni l'anno, contro i 9,6 nel privato. La
    differenza è dunque minima e non deriverebbe da una ?salute più
    cagionevole? degli statali, come si legge nello studio della Cgia,
    bensò dall'includere in questo conteggio anche le assenze per diritti,
    cioè quelle garantite dalla legge 104 (per l'assistenza ai disabili) e
    dalle norme che tutelano la maternit? e l?assistenza ai figli minori.
    ?Se poi analizziamo con attenzione i dati è sottolinea poi Podda è
    emergono altri due motivi che generano questa minima differenza.
    Primo, il 53 per cento dei lavoratori del pubblico impiego è composto
    di donne, ed è su di loro che grava gran parte del ruolo di cura e di
    assistenza, visto lo stato penoso in cui grava il welfare nel nostro
    paese. Secondo, nel pubblico ci sono leggi che permettono più
    facilmente di ottenere permessi per stare con i propri cari, qualora
    ne avessero bisogno per motivi di salute?.



    Anche per il segretario generale della Fp Cisl, Rino Tarelli,
    quella della Cgia ?? un'elaborazione sbagliata?. Il dirigente
    sindacale parla di ?ennesima strumentalizzazione fatta dai lavoratori
    autonomi per coprire la loro evasione fiscale?. Pi? in generale,
    ammonisce Tarelli riferendosi al Conto Annuale della Ragioneria
    Generale dello Stato, ?si tratta di dati complessi, e per questo vanno
    letti correttamente. Altrimenti si rischia di fare solo demagogia?.


    Claudio



  16. #35
    Senior Member L'avatar di bai
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,403
    Thanked: 5

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da Thanchvil
    Qui o i lavoratori pubblici iniziano a prendere una mentalit? "privatistica" o il futuro sar? sempre più nero.

    certo il lassismo nell P.A è cosa che non nascondo, per? è conseguenziale anche all'assoluta incapacit? e ignavia dei dirigenti


    ma , il publico impiego con l'adozione degli enti non economici, con la privatizzazione e con le agenzie, è d? un po che sta cambiando profilo giuridico


    cmqconcordo appieno, va modernizzata la p.a.


    e infine riguardo al futuro sempre più nero, non so se è un lapsus freudiano, ma mi sa che hai veramente ragione


    roberto
    volete far fruttare i vostri risparmi?
    piantate alberi di noce, farete ricchi voi e altri



  17. #36
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,655
    Thanked: 0

    Predefinito



    Datto così sembra poco ma è comunque il 20% in più.


    Io ho trovato questo altro articolo... che pubblica dati un po' più allarmanti:
    <DT>Assenze per malattia, pubblico batte privato quattro a uno</DT>
    <DIV =articolo>
    <H2>di MARIO REGGIO</H2>
    <DIV =fotosxb></DIV>
    ROMA - Pi? di 125 milioni di giornate di lavoro perse per malattia. Quasi equamente distribuite tra dipendenti pubblici e lavoratori assunti da aziende private. Con una grande differenza: quelli pubblici sono 3 milioni e seicentomila, contro quasi 15 milioni di dipendenti privati. Poco più di 4 giorni di malattia per i privati nel 2006, 18 in media l'anno per quelli pubblici nel 2005. E la stragrande maggioranza dei certificati medici non superano la settimana. </DIV>





    http://www.repubblica.it/2007/10/sez...mia/statali-sc iopero/assenti/assenti.html



  18. #37
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito


    E allora si mettessero d'accordo. Quali sono i dati giusti? Ricordo anche una mia collega (privato) che s'? fatta le vacanze in
    Camerun, a trovare il compagno che lavorava presso una società
    ingegneristica che non so cosa stava costruendo. Dopo 2 giorni ha
    mandato il certificato medico, valla a pescare nella giungla del
    Camerun.....

    Francamente , 4 giorni nel privato mi sembrano molto pochi.

    Comunque il discorso è semplice. Qualsiasi sia la cifra si deve "tendere a zero", ma come? Giustamente in quell'articolo si pone l'accento sui certificati, come dicevo io. E' la che bisogna andare a limare....

    Tre giorni di franchigia possono andar bene, ma attenzione che poi si rischia che le malattie si allungano...Bisogna responsabilizzare i medici, è la che bisogna dare bastone e carota. Bisogna chiamare le associazioni dei medici di famiglia e ascoltare anche i loro suggerimenti...

    E se invece si danno "premi di presenza"? Nel senso che una parte della retribuzione, magari gli aumenti si legano alle presenze? La gente deve essere invogliata ad essere presente....più carota che bastone, e non il contrario come dice Brunetta, che infatti sta fallendo.

    Edited by: buasaard
    Claudio



  19. #38
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da buasaard
    Citazione Originariamente Scritto da ermione


    sono caduta dalle nuvole...ieri parlando con una mia amica docente sul giorno di ferie da prendere il 2 novembre(la scuola è chiusa e io sono obbligata a stare a casa)io ero un po' contrariata...perche' devo stare a casa se voglio andare a lavorare?e consumarmi un giorno di ferie?...cosi' io ingenuamente chiedo a questa mia amica "ma anche a te sei forzata aconsumare un giorno di ferie"...lei mi risp."no Paola noi non consumiamo le ferie,quando la scuola è chiusa è nostro diritto stare a casa senza prendere le ferie ...cosi' anche per i 15giorni di natale i 12 giorni di Pasqua....e i 70 giorni di vacanze estive...naturalmente pagati!!!"....quanti docenti di ruolo e di precariato ci sono in Italia?azzo se conviene fare il docente....e magari hanno diritto ad una 14esima...adesso tutto il max rispetto al loro lavoro...ma non è un po' uno spreco di soldi per lo stato?...

    Non mi è chiaro. Se un giorno è festivo perchè bisogna prendersi le ferie?

    tutti i santi? festivo 1novembre(e quest'anno cade di domenica)...il 2novembre comm.dei defunti ma non viene riconosciuto come festivita'..



  20. #39
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Continua a non essermi chiaro, se non è festa si lavorer?....e se non si lavora perchè l'azienda chiude per sua decisione, ci dovr? essere un accordo fra datore di lavoro e sindacati per una "via di mezzo".....

    Va be' che ormai siete tutti contenti di togliere potere ai sindacati, poi è questo che succede, che i datori di lavoro se ne fottono dei sindacati....

    Claudio



  21. #40
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito

    Claudio...pensi che farmi fuori i giorni di ferie che oltrettutto sono ore di recupero che ho fatto a settembre durante le nomine... lavorando oltre le 14 ore giornaliere... mi stia bene?io non tolgo potere ai sindacati ..oltrettutto sono una tesserata... sono sempre in contatto con il sindacato per qualsiasi dubbio ...la dirigente vuole che il personale suo si riposa al 2novembre...?ma si!!!per stavolta...riposiamoci!!!



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •