Cookie Policy Privacy Policy Il papà è scappato



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 34

Discussione: Il papà è scappato

  1. #1
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    "il pap? è scappato" è una frase che sento spesso ripetere
    e mi da un fastidio terribile... ma davvero noi pap? siamo
    così codardi e superficiali da sfuggire alle difficolt??
    Si insomma, parlo a nome della categoria.
    Certo, vedo pure io un sacco di coppie separate o in crisi
    quando la disabilit? entra in casa, ma mi chiedo: questi
    pap? fuggono dal figlio disabile o dalla madre di un figlio
    disabile?


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    spesso fuggono dalle difficolt? che l'impegno comporta , molto spesso non chiedono neppure più di vedere i loro figli, Lucio sono maggiormente i pap? a filarsela, questa è la realt? purtroppo.


    altro discorso è quando a questo evento inaspettato e imprevedibile viene imputata la responsabilit? della frattura del rapporto di coppia, io credo che non sia la disabilit? e quindi il figlio ha creare la rottura, sarebbe accaduto con qualsiasi altro evento imprevedibile che sconvolge il piatto e normale tran tran quotidiano, d'altra parte non tutti siamo uguali, c?? chi riesce a adattarsi ,deguarsi e ricostruire la vita senza troppe difficolt?, altri forse più fragili invece non ce la fanno .


    altra cosa ancora se la rabbia prende il sopravvento , la rabbiacon cui si imputa all'altroconiuge qualche sconosciuta responsabilit? in quanto è siccesso.


    il dato di fatto per? è che ci sono molte più donne da sole con figli con disabilit? che uomini.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  4. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    il meccanismo che si mette in atto è differente nell'uomo e nella donna e
    coinvolge le aspettative e la capacit? di essere genitori.
    la madre ritiene di non essere stata un contenitore sufficientemente
    protettivo e sull'onda della ferita narcisistica che ciò le procura tende a
    diventare morbosamente attaccata al figlio disabile credendo così di
    riparare al danno, ma creando in realt? una simbiosi così forte che a volte
    rende particolarmente difficile l'indipendenza in quelli che diventano
    degli eterni neonati.
    nei padri invece le aspettative future sono quelle che generano maggiori
    scompensi. mentre le mamme hanno tenuto il bambino in grembo e lo
    hanno sentito per tutto il periodo della gravidanza, i padri si possono
    limitare soltanto a immaginarsi giocare al pallone con il proprio figlio o
    orgogliosi della bellezza della figlia.
    il padre, insomma, rimane molto tempo a mirabolare sul bambino
    immaginato e non ha come la madre la fase del 7\8 mese in cui questa
    figura viene smontata per evitare lo stridente contrasto tra il figlio
    immaginato e quello reale.
    la delusione dell'uomo rimane profondamente diversa e con conseguenze
    che possono arrivare all'abbandono semplicemente perchè non riescono
    ad accettare questo trauma.
    naturalmente esistono le madri che rifiutano i figli, oppure ritengono di
    non aver mai partorito(maternit? bianca) e i padri che attribuiscono la
    colpa del fallimento della gravidanza all'utero della moglie e allora
    scappano da quella che non è una buona generatrice ....
    credo che bisognerebbe creare un libro prima o poi per i pap?, perchè
    esistono 25mila manuali su come diventare mamme speciali ma nessuno
    su come si diventa pap? di un figlio speciale.
    l'argomento è vastissimo e aldil? delle opinioni personali bisogna anche
    comprendere, anche se inaccettabile, un comportamento diverso dal
    nostro...
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  5. #4
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Treviso
    Messaggi
    30
    Thanked: 0

    Predefinito

    A volte "scappa" anche restando a casa!



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    certo crik , capita anche questo , ma spesso è il ruolo a cui si adeguano molti pap?, non necessariamente genitori di figli con disabilit?
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  7. #6
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    non è per tutti facile amare i bambini disabili...come si fa ad innamorarsi di
    chi, non solo non somiglia al nostro bambino immaginato, ma addirittura a
    volte cozza con qualsiasi canone di bellezza condiviso...
    per questo la presenza del supporto psicologico nei parti a rischio è
    indispensabile...? vitale direi
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  8. #7
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    quali sono questi libri su come diventare mamma speciale?


    ai miei tempi eravamo per molti motivi autodidatti, ma anche dopo non ne ho visti
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  9. #8
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    Figli delle macchine di masson se non ricordo male, scritto da Fava e
    Vizziello, e con la partecipazione di Bottos.

    pensieri prematuri, scritto da una equipe che lavora in una UTIN

    nascita di una madre,

    Il bambino ritardato e la madre di Maud Mannoni.

    e altri che al momento non mi sovvengono, sono tutti libri che ho letto
    per la bibliografia della mia tesi.
    in pratica sono diventato mammo.....




    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  10. #9
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    vedo di trovarli e leggerli giusto per vedere se e dove secondo gli esperti hocommesso errori irreparabili, ma tu che già li hai letti mi sai dire se , a parte quello scritto da un equipe diTIN che sicuramente hanno conosciuto e accompagnato tanti genitori ,gli altri autori hanno figli con disabilit? oppure si sono affidati solamente alla loro preparazione professionale?
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  11. #10
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    non ho mai detto che hai commesso, tu o qualcun altro, errori irreparabili
    mi pare... anzi si faceva un discorso molto in generale.
    non dobbiamo per? commettere l'errore di ritenere di essere gli unici
    depositari della verità. il fatto che un testo venga scritto da uno psicologo o
    altro medico che conosce la disabilit? solo professionalmente non gli toglie
    nessun credito.
    e poi alla fine quando lo leggi scopri subito se si tratta di sentito dire oppure
    se ha seguito veramente dei familiari.
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  12. #11
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    no, non sei tu a aver detto che....., è una mia curiosità , voglio vedere se pur senza trarre spunti dalla lettura ciò azzeccato, per carit?, credere di aver sempre preso le giuste decisioni o avuto comportamenti corretti sarebbe innaturale e impossibile , ma mi ricordo che circa 25 anni fa un medico svedese scritte uno specie di manuale per genitori a cui mia sorella si atteneva scrupolosamente a differenza di me che andavo a braccio , dopo alcuni anni quel medico ritorn? sui suoi passi rinnegando molte delle sue certezze,per? i danni che aveva fatto non è stato possibile cancellarli.


    vorrei vedere se le opinioni dei vari autori in questo caso hanno opinioni comuni e se le differenze siano da addebitarsi alla loro professione o cos'altro, io credo ci siano cose che nessun libro possa insegnare, e la cura dei figli specie a livello psicologico sia talmente importante da dover essere "sentita"intimamente e emozionalmente, perchè ogni figlio è diverso e unico.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  13. #12
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,391
    Thanked: 2

    Predefinito

    non esiste un libro che ti insegna, ma piuttosto un libro che ti ...SEGNA
    infatti l'etimologia di insegnare non è altro che "lasciare un segno
    sull'altro".

    pu? essere un frase, una considerazione, un errore, una recriminazione...
    qualsiasi cosa ti faccia cambiare la tua visione delle cose.
    ma questo vale per qualsiasi cosa che vedi o senti durante una tua
    qualsiasi giornata.

    credo che la persona più pericolosa sia quella che ritiene che non
    cambier? mai opinione sulle cose nemmeno davanti alle novit?..

    ? solo di queste, genitori o medici, che diffido pienamente.....
    poi bisogna stare attenti ai contesti, sicuramente la situazione socio-
    economica in svezia non è proprio la nostra e allora non puoi applicare
    delle regole solo perchè lo dice lo scrittore.
    ma questo vale sempre per tutto.....anche per i consigli di cottura dei cibi
    in scatola....
    la musicoterapia non è guarire con la musica.



  14. #13
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mammamarina

    altro discorso è quando a questo
    evento inaspettato e imprevedibile viene imputata la
    responsabilit? della frattura del rapporto di coppia, io
    credo che non sia la disabilit? e quindi il figlio ha
    creare la rottura, sarebbe accaduto con qualsiasi altro
    evento imprevedibile che sconvolge il piatto e normale
    tran tran quotidiano, d'altra parte non tutti siamo
    uguali, c?? chi riesce a adattarsi ,deguarsi ?e
    ricostruire la vita senza troppe difficolt?, altri forse
    più fragili invece non ce la fanno .
    Non so Marina, io so che come coppia, in 23 anni, abbiamo
    superato ostacoli durissimi di fronte ai quali i rapporti
    di coppia si sbriciolano in meno di nulla, ma li abbiamo
    sempre superati e neppure con troppa fatica.
    Ma a questo giro sento una difficolt? enorme,
    inspiegabile secondo me con lo stato di Irene, si
    insomma, stiamo parlando "solo" di una emiparesi e di una
    bimba che è in grado di donare un sacco di
    soddisfazioni... eppure... cavolo, stiamo girando attorno
    a questo ostacolo da più di un anno senza capire da che
    parte si superi (intendo come "ostacolo" il nostro
    rapporto di coppia e non lo stato di Irene, sia ben
    chiaro). Va b?, prima o poi lo scoprir? o lo butter? già
    a testate sto cavolo di "ostacolo".



  15. #14
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    291
    Thanked: 0

    Predefinito






    Bell'argomento!!! Mi chiedo anch'io perchè spesso è il padre che scappa e penso perchè se scappa anche la madre chi pensa ai figli?


    Insomma ci sono momenti in cui tutti siamo stanchi e diremmo BASTAAAAAA ma è normale, il problema è .....complicato, cmq tra alti e bassi mi rendo conto che molto dipende dalla donna da come vive la disabilit? dei figli e di conseguenza si pone con il compagno, l'uomo di fronte al dolore è più debole, noi tiriamo fuori le unghie...insomma in poche parole anche noi abbiamo attraversato momenti di crisi ma poi ho ritrovato la mia femminilit? e il piacere di amarsi, non bisogna solo disperarsi e piangersi addosso, la vita continua, e noi siamo non solo madri ma anche mogli.....e ogni tanto organizzare un momento piacevole( anzi meglio tanti)fa bene alla coppia...siamo molto uniti ma credetemi non è stato facile ma sono stata in primis io che ho capito lui e chiudo gli occhi su tante cose che non vanno ma ....forse è vero che se c'è vero amore un figlio disabile ti unisce di più ,non ti divide, probabilmente quando la coppia scopiia i problemi sono altri e si d? la colpa alle problematiche della disabilit?. E Cmq da 13 anni Simone ha preso il posto del padre nel lettonema non è un grosso problema....Aspetto che Simo dorme e mi vado a prendere due coccole da Gianni, magari sul divano!!!Se si vuole stare insieme si cercano insieme le soluzioni, si parla tanto di come ci si sente, si piange insieme,allontanarsi o tenersi tutto dentro non aiuta.


    Forza Lucio.








  16. #15
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    430
    Thanked: 6

    Predefinito

    il padre di mia figlia è scappato proprio. da me o da nsotra figlia?!? Non so, so solo che mi ha lasciato nei guai e non sapevo più da che parte girarmi, a livello pratico, economico, di cura di ilaria. per non parlare del dolore come madre e come donna. Non mi domando nemmeno quali siano state le mie responsabilit?, ce ne sono, senz'altro ...ma non si lascia una donna nella palta in questo modo, a crescere da sola un figlio disabile gravissimo. E' una questione di umanit?, di lealtà, di serietà prima che una questione di coppia. del resto queste vicende così drammatiche, come la nascita di un figlio diasabile, ti danno la misura esatta della persona che sei, di che testa e di che cuore hai. il mio ex, poco testa e poco cuore.



  17. #16
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    291
    Thanked: 0

    Predefinito






    Mi spiace Elena ....ma se un uomo così è scappato, scusami se mi permetto...? meglio non averlo vicino, tanto saresti stata sola comunque... nella maggior parte dei casi è la mamma che si carica tutto sulle spalle....



  18. #17
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito



    Grazie Angel.


    Elena, pur prendendo spunto dal tuo intervento, ovviamente non mi riferivo al tuo caso personale che non conosco, ma in generale. Poi ovviamente mi faccio domande avendo davanti la mia situazione e non quella di altri e mi rendo conto che è molto diversa da soggetto a soggetto, sia per un fatto caratteriale, sia per i diversi livelli di disabilit?. Per esempio, io non ho mai consideraro una "vicenda drammatica" la nascita di Irene, anzi, è l'esatto contrario, è per me la cosa più meravigliosa che mi sia capitata ed anche mia moglie so che la pensa così e questo mi lascia ancora più perplesso per come stanno andando le cose.



  19. #18
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    214
    Thanked: 0

    Predefinito



    Bello l'argomento...io e mio marito abbiamo appena festeggiato 5 anni di matrimonio e nostro figlio ne ha 3 e 1/2. Siamo diversissimiper tante cose, ma proprio l'altra sera a cena fuori (per la super occasione) ci siamo fatti i complimenti per come abbiamo "retto" la situazione della nostra famiglia..b? non sempre è facile...


    Abbiamo avuto una bimba 1 anno fa e stiamo pensando al terzo pargolino...


    Anzi mio marito dice (un po' scherzando, ma forse un po' seriamente)che se stiamo ancora insieme è proprio per l'amore che ci lega a questo bimbo...lui lavora tantissimo ma quando c'è - la sera dopo le 20.30 e il w.e. c'è veramente tanto...mi aiuta in tutto e per tutto...sia con il bimbo che nei lavori di casa...qualsiasi cosa...devo dire che sono proprio fortunata...(per? non glielo dico mai...e forse non è neppure giusto).


    Un'altra cosa bella che mi dice sempre è che non potrebbe mai e poi mai lasciare me e i bimbi, ma proprio perchè l'idea di "abbandonare" un bimbo speciale come il nostro non lo farebbe più vivere...e io ci credo...sono un'illusa?


    Margy
    Mamma di un bimbo nato di 24 settimane



  20. #19
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    no, Margy non sei un'illusa "solo" fortunata e ne sei giustamente felice e consapevole. Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  21. #20
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da elena27
    il padre di mia figlia è scappato proprio. da me o da nsotra figlia?!? Non so, so solo che mi ha lasciato nei guai e non sapevo più da che parte girarmi, a livello pratico, economico, di cura di ilaria. per non parlare del dolore come madre e come donna. Non mi domando nemmeno quali siano state le mie responsabilit?, ce ne sono, senz'altro ...ma non si lascia una donna nella palta in questo modo, a crescere da sola un figlio disabile gravissimo. E' una questione di umanit?, di lealtà, di serietà prima che una questione di coppia. del resto queste vicende così drammatiche, come la nascita di un figlio diasabile, ti danno la misura esatta della persona che sei, di che testa e di che cuore hai. il mio ex, poco testa e poco cuore.

    Stessa situazione.


    Il 28 ottobre ci terr? la prima udienza del processo penale che ho intentato nei confronti del padre di Robert.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •