Cookie Policy Privacy Policy la morte improvvisa trovata la causa



Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    Senior Member L'avatar di deambulante51
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Japan
    Messaggi
    8,531
    Thanked: 39

    Predefinito

    Una morte cosi' veloce e forse indolore,la preferirei rispetto ad altre ben peggiori agonie.</span>

    Domani è il primo giorno del resto della mia vita



  4. #3
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito

    che brutto parlare di morte..pensiamo e godiamoci la vita ...che è decisamente meglio!



  5. #4
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    se non si fosse parlato di morte ermione non avrebbero trovato la causa e una possibile cura
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    La cura esiste già, il problema è la diagnosi....

    Un mio amico ha una sindrome simile a quella del QT lungo (mi ha detto il nome ma non la ricordo), gliel'hanno scoperta casualmente durante un controllo. Gli hanno impiantato un bel defibrillatore automatico e buonanotte.

    ma il problema non è curarla , ma scoprire di averla. La maggior parte della gente muore senza sapere di avere questa sindrome del qt lungo....

    Comunque anche molti farmaci possono indurre arresti cardiaci in pazienti con sindrome del qt lungo , possono provocare quello che in termine medico si chiama "torsione di punta" che a suo volta provoca un arresto cardiaco.

    C'? un elenco lunghissimo di farmaci, solo che la gente non sa di avere il qt lungo...


    Claudio



  7. #6
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,158
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cari tutti,


    mi sembra un'ottima pubblicit? per Telethon. Sar? un caso?


    Per fare diagnosi di "sindrome da qt lungo" basta un ecg e una visita cardiologica, inoltre tutti i pazienti affetti da questa patologia sono a rischio di decesso improvviso, in una situazione di apparente benessere. Dico apparente perchè chi è affetto da tale sindrome è comunque un cardiopatico. E come in tutte le patologie c'è chi muore per il proprio problema e chi no.


    E' possibile che questa sindrome sia causa anche di qualche evento di morte improvvisa in culla, anche se ufficialmente è attribuita alla sindrome di Ondine ( Sindrome da ipoventilazione centrale congenita)in cui i bambini affetti smettono di respirare a causa del difetto del meccanismo della respirazione autonoma, proprio durante il sonno.


    Francamente il sapere che certi soggetti, affetti da tale sindrome, siano più a rischio di altri colleghi malati, non significa nulla perchè l'aumentato rischio non aumenta le probabilit? di morte che sono vincolate ad ulteriori variabili.


    Un abbraccio, Bruno



  8. #7
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    Approfitto Bruno,a una sindrome di WPW asintomatica che attenzioni , se ce sono , bisogna riservarle per tutelare il più possibile la persona che ne è affetta è differisce di molto da questa dell'articolo oppure fa parte della stessa tipologia?


    da tenere presente che fino ai 10 anni era per i medici sospetta WPW , poi ufficialmente diagnosticata
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  9. #8
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,158
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Marina,


    le due patologie sono diverse tra loro: nella WPW esiste, in parole semplici, una sovraeccitabilit? dei ventricoli causata da diverse stimolazioni che arrivano da strade diverse e non solo da quella preposta allo scopo. Nel QT lungo la stimolazione ritarda.


    Il fatto che sia asintomatica è un buon segno. In assenza di altre patologie aritmiche, non dovrebbe essere un problema. Bisogna stare attenti a sintomi come il cardiopalmo o le palpitazioni, all'eventuale percezione di un polso radiale o carotideo aritmico e molto veloce, perchè potrebbero essere sintomo di innesto di una tachiaritmia come la Fa (fibrillazione atriale) che potrebbe portare alla tachicardia ventricolare e da l? alla fibrillazione ventricolare, fatale.


    Non so se, presumo Claudia, sia in terapia farmacologica, ma a prescindere da questa, l'importante e non sovraffaticare il cuore, per esempio con gli esercizi fisici, ridurre gli stati d'ansia o angoscia, evitare stimoli dolorosi forti e tutti quegli stimoli che potrebbero indurre una tachicardia prolungata. Ti ricordo che per tachicardia intendo quella sinusale, che hanno tutti dopo aver fatto uno sforzo e che è perfettamente una cosa normale se di breve durata.


    Un abbraccio a Te e Claudia,Bruno



  10. #9
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    19,847
    Thanked: 6

    Predefinito

    E' proprio brutto parlare della morte, lo so benissimo, eccome.
    Erica

    \"Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze!\"
    (Giuramento degli Atleti degli Special Olympics Italia)

    http://www.specialolympics.it



  11. #10
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    Claudia non è in terapia farmacologica per questo tipo di patologia, noi stiamo sempre molto attenti a tutto quello che tu hai ben elencato,esercizi fisici limitati e accettabili da parte sua , a volte semplicemente stare un po' di più sul deambulatore l'affatica , ansia o angoscia cerchiamo per quanto possibile di evitarle, così come gli stimoli dolorosi , ci sono in questi ultimi tempi delle pseudo crisi epilettiche che stiamo cercando di valutare e temo che possano influire sul suo cuore perchè sembra proprio che provi dolore
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  12.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •