Cookie Policy Privacy Policy ATROFIZZATI



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 25

Discussione: ATROFIZZATI

  1. #1
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    114
    Thanked: 0

    Predefinito



    Capacisolo disriverecritiche e sparare a zero su Tizio e a Caio


    Ma di esser capaci di lottare per i propri diritti ZERO!!!!


    Si vede che la vostra situazione economica e da signori e di chi se la passa male non vi frega assolutamente niente


    Aiutare i DISABILI in difficolt? per voi e un'allergia o una patologia


    ESEMPIO:


    sono invalido civile dall'ottobre 2007 con pensione e accompagnamento mi indirizzate presso un istituto per ottenere un piccolo finanziamento? grazie molte corrado


    ----------------------------------------------------------



    Buongiorno Spett.le Movimento Europeo Diversabili Associati, mi rivolgo a voi, <B =moz-txt-star>*Lo so che pu? sembrare strano*[/B], ma ormai sono stato lasciato solo, anche da quella Associazione.??, che dovrebbe rappresentarmi .Come si fa a pretendere il rispetto del diritto, quando a dare il cattivo esempio sono coloro che dovrebbero difenderciò Spesso una persona chiede semplicemente una risposta, mentre il sentirsi non accettati e considerati porta solo ad una maggiore solitudine. Mi sento come *Don Chisciotte della Mancia, *il cavaliere errante *che combatte contro i mulini a vento**......*

    <B =moz-txt-star>*Vabb? pazienza*[/B]!!!!! Ho 49 anni e sono un invalido civile al 100% con accompagnamento. Percepisco la pensione da più di 20 anni per un problema neurologico con il quale dovr? conviverci per tutta la mia vita, ma fortunatamente non sono a rischio vita. La mia pensione attuale e di 722,00 euro al mese e sono alla ricerca di una agenzia che mi possa fare un prestito personale ma, quando sentono che sono un invalido civile improvvisamente vengo trattato come un appestato, isolato e in certe agenzie guardato addirittura anche con disprezzo. Ho visto trattare meglio cattivi pagatori, persone che hanno problemi con la giustizia, extracomunitari che offrono poche garanzie. Noi invalidi civili non viviamo solo della nostra malattia che in realt? è il male minore ma, vogliamo essere trattati come tutte le altre persone su questa terra. Oltre la nostra malattia abbiamo le stesse esigenze come tutti. Voglio ottenere un prestito perchè mi servono soldi contanti per delle spese, risposta: NO! lei è invalido civile... Insieme a mio fratello siamo proprietari di una casa che ci ha lasciato in eredit? nostra madre, mio fratello lavora da moltissimo tempo come insegnante di chitarra classica presso delle scuole private ma, purtroppo è assunto in nero. Dunque posso sostenere il pagamento delle rate di un prestito senza tanti problemi. Vi prego aiutatemi!!!! ultimamente sono profondamente depresso perchè mi sento un escluso dalla società. Sono stufo che un invalido civile ha solo vantaggi nella sanit? come se fossimo solo cavie da laboratorio e nient'altro. Per? quando paghiamo l'affitto, le bollette della luce, acqua e gas e tante altre spese improvvisamente torniamo ha essere cittadini normali. Gentilissima Associazione non so più a chi rivolgermi per ottenere un prestito, Voi siete l'unica mia possibilit?... Cosa mi consigliate di fare? a chi posso rivolgermi? conoscete Banche o Agenzie Finanziarie dove fanno prestito agli invalidi civili? C'? una legge che predispone Prestiti finanziari per chi è invalido civile? Ogni consiglio è ben accetto! Vi ringrazio anticipatamente della risposta e vi porgo i miei più cordiali saluti.


    <B =moz-txt-star>*P.S*[/B] In caso contrario e sfortunatamente anche Voi, come associazione non potete aiutarmi a risolvere questo problema, posso almeno sperare in un Vostro intervento per sensibilizzare questo problema che riguarda tanti invalidi civili? La politica spesso si occupa di tante cose unitili, è fallisce perchè si allontana dai bisogni delle persone. *Tutto questo non è degno di** un paese civile!!!*


    ------------------------------------------------------------ ---


    AVERE IL CORAGGIO DI ALZARE LA TESTA


    MA FORSE QUALCUNO LA PERSA


    http://www.ilmid.it


    http://www.medadiversabili.com


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Ecco questi son veri eroi

    Lunga vita a te francesco
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  4. #3
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    114
    Thanked: 0

    Predefinito



    Non sei degno di una risposta



  5. #4
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Grazie
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  6. #5
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito



    Non credo che si voglia fare dell'eroismo ma semplicemente di rendersi conto che i nostri politici oggi non pensano assolutamente alle classi meno agiate e cioè al sociale, ma anzi ogni volta che servono fondi nuovi ne attingono risorse e quindi i servizi vanno sempre peggiorando.


    Stessa cosa hanno fatto quelli prima di loro, che invece di pensare ad aiutare dopo tante promesse fatte, le classi sociali meno fortunate, si sono messi a litigare per le poltrone e alla fine si sono ritrovati in terra.


    Intanto sia da allora che ad oggi gli assegni sociali sono rimasti della stessa cifre...256 euro e le pensioni minime 468 euro... e secondo il mio punto di vista, invece la luce è aumentata, il gas pure per non parlare dei generi di prima necessit? cioè gli alimentari.


    Gi? tanto dei poveri pensionati o dei poveri disabili certamente non possono fare manifestazioni o scioperi della fame....anzi se vola via qualcuno tutto di risparmiato.


    Ecco cosa s'intendeva in questa provocazione lanciata da Sig. Francesco Ferrara ma a quanto sembra nessuno ha avuto coraggio nel replicare, ma almeno tu anche se sarcasticamento lo hai avuto e di questo ti rendo atto.


    Coordinatore di Roma Gianfranco Malato www.ilmid.it
    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  7. #6
    Senior Member L'avatar di luni
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    6,660
    Thanked: 39

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da albatros1


    Non credo che si voglia fare dell'eroismo ma semplicemente di rendersi conto che i nostri politici oggi non pensano assolutamente alle classi meno agiate e cioè al sociale, ma anzi ogni volta che servono fondi nuovi ne attingono risorse e quindi i servizi vanno sempre peggiorando.


    Stessa cosa hanno fatto quelli prima di loro, che invece di pensare ad aiutare dopo tante promesse fatte, le classi sociali meno fortunate, si sono messi a litigare per le poltrone e alla fine si sono ritrovati in terra.


    Intanto sia da allora che ad oggi gli assegni sociali sono rimasti della stessa cifre...256 euro e le pensioni minime 468 euro... e secondo il mio punto di vista, invece la luce è aumentata, il gas pure per non parlare dei generi di prima necessit? cioè gli alimentari.


    Gi? tanto dei poveri pensionati o dei poveri disabili certamente non possono fare manifestazioni o scioperi della fame....anzi se vola via qualcuno tutto di risparmiato.


    Ecco cosa s'intendeva in questa provocazione lanciata da Sig. Francesco Ferrara ma a quanto sembra nessuno ha avuto coraggio nel replicare, ma almeno tu anche se sarcasticamento lo hai avuto e di questo ti rendo atto.


    Coordinatore di Roma Gianfranco Malato www.ilmid.it


    Dove sta scritto questo?A Napoli lo hanno fatto beccandosi anche delle botte dalle istituzioni che li dovrebbero difendere,la vita a me ha insegnato se che se vuoi qualcosa deve lottare per averla ed allora diventa un tuo diritto altrimenti è carit?, che chi comanda puo levartela quando vuole,ma certamente la carit? costa meno fatica averla e si puo sempre piangere per riaverla
    "Comunque è vero, sono comunista. Non dimentico mai la Bibbia e il Vangelo. E non dimentico mai quello che ha scritto Marx." (Don Gallo)



  8. #7
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito



    Gi? come dici tu, si sono presi anche delle botte, dei disbili, sembra assurdo. Ed è proprio per questo che dovremmo avere la forza di unirci sotto una bandiera, in quanto un partito alla camera con dei deputati pu? farsi sentire, cosa che invece oggi non è possibile e come vedi poi si riesce solo con manifestazioni ma che lasciano il tempo che trovano.


    Avere un partito vuol dire anche avere spazi nella tv., e non andare a degli spettacoli a dar spettacolo per far fare le lacrime a chi ascolta ed avere più audience per lo spettacolo, ma andare e poter parlare dei problemi e farli sentire a tutti in quanto, il sociale riguarda tutti.


    Il colore politico a noi disabili, non deve interessare in quanto non è una priorit?, ma la nostra priorit? è la salute e rendere la nostra vita diversa, il più vivibile possibile dignitosamente.


    Ecco lo scopo per quale è nato il MID, se non si riesce ad approdare alla sala dei bottoni, saremo sempre emarginati da qualsiasi schieramento politico in quanto il nostro sociale, frutta solo per i voti e quindi solo al momento di avere voti stranamente, si elevano i cori sui nostri problemi ma una volta ottenuto il voto, della nostra categoria non se ne sentono più voci.


    Lampante è il fatto che dopo aver parlato tanto di crisi economica, quello che si è ottenuto sono state delle tessere, dove con l'inganno molti non hanno potuto nemmeno accedere perchè il loro ISi superava di qualche euro tale tetto.


    Per? lo sbandieramento ha fatto un'eclatante cassa di risonanza ma al dunque è stato un vero floppy ovviamnte voluto. Ovvio c' è malafede in queste persone e quindi se non impariamo ad aver coraggio di auto-tutelarci, sar? sempre inutile tutto e come ben sai solo politicamente si pu? aver voce in capitolo.


    Certo la strada è completamente tutta in salita ma, mai si prova a dare un'inizio e mai si riuscir? in qualcosa.


    www.ilmid.it Coordinatore di Roma
    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Albatros le cose che dici sulla condizione del sociale sono parole vere e sagge, ma non si pu? arrivare e dire siete chiacchierono e bla bla. Lottare dice Francesco?

    e chi gli dice a Francesco che non lottiamo?

    mica esiste solo la sua associazione?!

    e non è neanche sufficiente dire lottiamo, lottiamo per chi, per cosa, con chi, contro chi.

    Nella categoria del sociale non ci sono solo i disabili, ma anche i pensionati, precari, disoccupati, e gli stessi operai hanno anchessi il problema che gli stipendi sono fermi al 90 allora cosa facciamo?

    per ogni categoria un partito?Edited by: Madeche
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  10. #9
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito

    Scusa se non ti ho risposto prima, ma mi ero perso la discussione, se ne aprono tantissime.
    Quello che cerca di sire Francesco ed io, è che non è che il disabile non lotti, ma a differenza delle associazioni, la nostra, vuole uscire sfociare nel politico. Ecco la differenza, solo così possiamo far valere e farci sentire.
    Sul dire lottiamo contro di chi? Ti faccio un esempio anche nel sociale:
    Prendiamo due persone una disabile al 100% che ha una quarantina di anni e una persona di 65 anni che non ha reddito e quindi ricade nel sociale.
    Tutti e due siccome hanno reddito minimo o zero, hanno diritto all'assegno di 250 euro o poco più.
    Per? la differenza è che la persona che ha 65 anni, pu? ancora fare lavoretti e se gode di ottima salute ancora andare a fare per esempio lo scaricatore ai mercati generali o l'elettricista o come si diceva una volta "Lo stagnaro" e quindi come ben capisci, si porta a casa la giornata più il contributo, il disabile che invece ha 40 anni..... solo per cambiare se gli si fulmina una lampadina al lampadario avr? bisogno di qualcuno che lo aiuti e quindi ovviamente dovr? sdebitarsi.

    Ti ho fatto un esempio del fatto che per esempio il sociale da noi non contraddistingue le varie categorie, ma viene messo nel calderone e pianificato nel tutto uguale.
    Lottare contro di chi?
    Contro questa gente che è disposta a dare finanziamenti a destra e sinistra, dove molti progetti sociali vengono finanziati e fatti semplicemente per avere fondi, ma che al dunque non apportano utilit? a noi la categoria dei disbili.
    L'Anmic present? come associazione più di 5000 firme proprio per l'assegno sociale che è una vergogna, ma sai che non passò nemmeno alla discussione della camera? E' dentro un bel cassetto a far massa di carta.
    E' vero che nel sociale ci sono anche i pensionati, i disoccupati, ma come puoi ben capire, la nostra condizione è la peggiore in assoluto, in quanto non abbiamo neanche la forza molte volte di poter urlare, o poter fare una manifestazione in quanto il nostro stato di salute non lo permette.
    Quindi siamo il gradino sociale più basso che viene conglobato nel sistema e questo, non è giusto in quanto siamo ovviamente diversi e abbiamo dei problemi che solo noi possiamo capire e affrontare.
    Se non esci politicamente purtroppo le associazioni non possono molto e lo sappiamo benissimo, hanno i loro limiti.

    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  11. #10
    Senior Member L'avatar di bai
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,403
    Thanked: 5

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da Madeche
    ...per ogni categoria un partito?...

    ? proprio quello che vogliono,ridurci a rivendicare, elemosinare un trattamento settoriale


    così è la fine, si diventerebbe una corporazione


    ognuno con la sua particolarit?, sai che favore ai governi


    roberto
    volete far fruttare i vostri risparmi?
    piantate alberi di noce, farete ricchi voi e altri



  12. #11
    valter2003
    Guest

    Predefinito

    Qualche tempo fa scrissi anch'io qualcosa in merito, ero convinto, e lo sono tuttora, che la situazione della disabilit? in Italia è davvero grave e dicevo che le associazioni di categoria non avrebbero mai dovuto fare politica di parte perchè la disabilit? non deve essere merce di scambio e di voti.Schierarsi in politica? la cosa più sbagliata che si possa fare perchè divide ancor più i disabili.
    L'ideale sarebbe formare un partito o un movimento neutrale, senza schierarsi, è difficile ma non impossibile.



  13. #12
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da albatros1
    Scusa se non ti ho risposto prima, ma mi ero perso la discussione, se ne aprono tantissime.Quello che cerca di sire Francesco ed io, è che non è che il disabile non lotti, ma a differenza delle associazioni, la nostra, vuole uscire sfociare nel politico.

    E su questo, del passaggio alla politica, posso essere daccordo, anzi lo auspico.</font>

    Ecco la differenza, solo così possiamo far valere e farci sentire.Sul dire lottiamo contro di chi? Ti faccio un esempio anche nel sociale:Prendiamo due persone una disabile al 100% che ha una quarantina di anni e una persona di 65 anni che non ha reddito e quindi ricade nel sociale.Tutti e due siccome hanno reddito minimo o zero, hanno diritto all'assegno di 250 euro o poco più.Per? la differenza è che la persona che ha 65 anni, pu? ancora fare lavoretti e se gode di ottima salute ancora andare a fare per esempio lo scaricatore ai mercati generali o l'elettricista o come si diceva una volta "Lo stagnaro" e quindi come ben capisci, si porta a casa la giornata più il contributo, il disabile che invece ha 40 anni..... solo per cambiare se gli si fulmina una lampadina al lampadario avr? bisogno di qualcuno che lo aiuti e quindi ovviamente dovr? sdebitarsi.Ti ho fatto un esempio del fatto che per esempio il sociale da noi non contraddistingue le varie categorie, ma viene messo nel calderone e pianificato nel tutto uguale.

    Beh un attimo, secondo le leggi un pensionato non deve lavorare, pena la perdita della pensione. Anche io potrei dire che il disabile oltre alla pensione poi magari da i soldi a strozzo o si mette a spacciare per arrotondare. Io non metterei contro disabile e pensionato, ma cercherei di unirli in un unico grido "papponi aridatece li sordi"('')</font>

    Lottare contro di chi?Contro questa gente che è disposta a dare finanziamenti a destra e sinistra, dove molti progetti sociali vengono finanziati e fatti semplicemente per avere fondi, ma che al dunque non apportano utilit? a noi la categoria dei disbili.L'Anmic present? come associazione più di 5000 firme proprio per l'assegno sociale che è una vergogna, ma sai che non passò nemmeno alla discussione della camera? E' dentro un bel cassetto a far massa di carta.E' vero che nel sociale ci sono anche i pensionati, i disoccupati, ma come puoi ben capire, la nostra condizione è la peggiore in assoluto, in quanto non abbiamo neanche la forza molte volte di poter urlare, o poter fare una manifestazione in quanto il nostro stato di salute non lo permette.Quindi siamo il gradino sociale più basso che viene conglobato nel sistema e questo, non è giusto in quanto siamo ovviamente diversi e abbiamo dei problemi che solo noi possiamo capire e affrontare.Se non esci politicamente purtroppo le associazioni non possono molto e lo sappiamo benissimo, hanno i loro limiti.

    Questi sistemi che tu denunci sono esattamente i sistemi che tengono inchiodati tutti, lavoratori, precari, pensionati, disabili, barboni, soglia di poverta, gay, immigrati, nelle condizioni di minime di sopravvivenza, quindi è un problema che riguarda tutti senza distinzione, senza dover fare la classifica del più jellato, come dice giustamente Bai il divide e impera è sempre attuale, e una prima mossa dovrebbe essere proprio nel senso contrario, fare un partito per ogni esigenza significa solo una cosa mettersi in competizione di fronte al potere, tra i vari sfigati della terra, e questo non è un salto in avanti</font>
    Edited by: Madeche
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  14. #13
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito

    Guardate, se non ci siamo accorti, e potremo continuare la discussione all'infinito, che oggi in questo paese regna il "DUOPOLIO". Esatto abbiamo due partiti con i vari loro raggruppamenti che hanno la maggioranza completa e non danno spazio, a nessuno.
    Ovviamente per loro è una benedetta manna dal cielo, in quanto per quanto si voglia le poltrone che girano sono sempre le stesse e in più possono decidere loro chi metterci.
    Una volta l'uno, una volta l'altro la situazione ovviamente non cambia, e vengono semplicemente infastiditi da un Di Pietro o da un Casini, che sono le due piccole frazioni ma tutto non si pu? volere...
    Per quanto riguarda i disabili e un partito, non vi è oggi altro modo per cominciare una lotta per il sociale, ovviamente poi rientrano in quelle categorie per forza di cose anche i pensionati, in quanto l'età della vita si allunga e quindi volenti o nolenti, anche loro diventeranno disabili e quindi con i nostri problemi.
    Rispondendo a Walter, il nostro movimento, e per un futuro speriamo prossimo, vuole essere infatti neutrale alle politiche, ma tutelare le politiche del sociale e quindi del disabile in primo luogo in quanto come già ripetuto più volte sulla scala dei valori è il più debole e quindi il più basso.
    In effetti questo partito nascendo ed è difficile da spiegare lo so, tende a salvaguardare i diritti di tutti in quanto del sociale ne fanno parte tutti.
    Tutelare i diritti fondamentali e quindi di quelli più deboli e allo stesso tempo riorganizzare il sistema che in questo momento è nel caos, dove le leggi emanate, vengono e credo vi sar? capitato anche a voi, interpretate ognuna a modo loro dagli enti che dovrebbero attuarle.
    L'unico passo in questo sistema, visto che neanche l'ANMIC è riuscita a farsi sentire, come le altre grandi associazioni, sia l'unica via della lotta diretta, politica, che accorpi anche le associazioni ma su un fronte unico.
    Questi, dei problemi sociali, e lo sappiamo bene tutti e credo sia inutile fare ipocrisia, n? all'una n? all'altra parte interessa, ormai è un giro chiuso la politica e la fanno loro, per far approvare una legge di particolare interesse la mettono alla fiducia e il gioco è fatto. Se si discute una legge, oggi abbiamo una maggioranza.... e quindi lo dice la parola stessa.... una opposizione quindi ovviamente minoritaria.... e allora possiamo discutere ma i voti e quindi il fine non cambia.
    Ovvio quello che ho scritto vale sia per l'uno che per l'altro indistintamente.


    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  15. #14
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Come si fa ad essere neutrali in politica?

    Che significa?
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  16. #15
    valter2003
    Guest

    Predefinito


    Significa semplicemente che bisogna lottare sempre contro chiunque per far valere i propri diritti, la disabilit? nel nostro paese è indietro di 30 anni rispetto ai paesi del nordeuropa, bisogna risalire la china con le proprie forze senza strizzare l'occhio a questo o a quel partito politico.
    La disabilit? in Italia ha un potenziale di voti intorno al 5/6% e potrebbe condizionare molte situazioni a tutto vantaggio dei disabili.
    Se ci si affidasse a Destra o a Sinistra si otterrebbero dei vantaggi effimeri e solo momentanei.....
    Caro madech? credo di essermi spiegato bene, non so se il mio entra nel tuo.....




  17. #16
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Amico Frizz

    Un partito lotta secondo gli ideali che si da come riferimento, questi possono essere di destra, sinistra, centro, ed in genere un partito non deve chiedere, se è partito deve fare, quindi torniamo a bomba.

    Ma tu continui a parlare di disabili
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  18. #17
    valter2003
    Guest

    Predefinito

    Non ho afferrato nulla..... ma non farci caso, è colpa mia.



  19. #18
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Bari
    Messaggi
    1,286
    Thanked: 0

    Predefinito

    a France ... guarda che lottare contro questo governo
    significa lottare per i propri diritti.
    Hai mai visto un governo di destra e di silviolo in
    particolare occuparsi dei nostri problemi ... occupato
    com'? a risolvere i suoi e quelli dei suoi compari (scudo
    fiscale in testa)...

    credi veramente che a silviolo glie ne pu? frega de meno di
    noi disabili?

    come vedi una cosa non esclude l'altra...
    La notte per quanto buia e lunga possa essere non potrà mai impedire al sole di sorgere.



  20. #19
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    747
    Thanked: 0

    Predefinito


    Ecco che siamo quindi, al dunque.... nessuna forza politica si interessa della classe sociale e quantomeno della nostra.
    Per poter avere voce in capitolo bisogna scardinare le porte politiche e come dice giusto Walter, siamo il 5 o 6% ma credo, anche di più in quanto quando si tocca questo tasto della disabilit?, si coinvolge ovviamente tutta la famiglia del disabile, perchè esso vive nella famiglia, ne fa parte e quindi ogni vantaggio avuto poi si riflette su essa.
    Il problema è prendere coscenza che bisogna semplicemente uscire dal solito schema mentale e politico classico, a cui siamo stati abituati tutti indistintamente, ma vedere diversamente le cose dal nostro punto di vista (dei disabili).
    Sulla nostra pelle, si fanno speculazioni e interessi, come avrete potuto vedere alla camera, l'ultima molta hanno fatto parlare il parlamentare del DPL, Gianfranco in quanto disabile ma perchè vi era stato l'evento della morte in Afganistan dei suoi commilitoni. Questa è semplice e pura strumentalizzazione, ma non mi sembra che lui si sia mai interessato ai nostri problemi. Lo dico in quanto seguo particolarmente la politica e non ho mai visto una sua riflessione....
    Certo gli è stato dato il posto per forma pubblicitaria, e non per qualche altro scopo. Giustamente lui ne ha tratto i profitti buon per lui.
    Dalla parte opposta, idem, solito gioco immagine ma fatti?
    Non li possono fare e sappiamo bene il motivo in quanto non parlano i deputati che godono di ottima salute, altrimenti gli tocca lasciare il palazzo figurarsi loro.
    Ecco l'importanza invece di dare una volta storica alla cosa, che ovviamente parte dalla disabilit? ma coinvolge allo stesso tempo tutto il sociale dalla parte per? più bassa.
    Essere tutelati se avviene una disgrazia, è una assicurazione nel tepo, potr? servire come non servire ma meglio avercela.
    Quindi un partito del genere ovviamente non sarebbe un partito di una sola categoria, ma sarebbe proiettato per una politica di base e se migliora la base automaticamente di conseguenza migliora il resto.
    E' ora di finire di essere serbatoio di voti per loro che ogni volta aprono promesse e contropromesse per poi scordarsene il giorno dopo le elezioni.
    Quante volte è successo che molti soldi destinati alla disabilit? dallo stato centrale, poi andati alla regione od ai comuni stranamente abbiano preso un'altra strada, o siano rimasti fermi, in quanto non vi era alcun interesse nelle cose.
    Se invece vi fossero stati nelle giunte, o nelle regioni disabili a tutelare i propri interessi, sicuramente qualcosa si sarebbe fatto. Ecco il motivo di una presa di coscienza che st? in noi di capire e accettare. Inutile continuare a parteggiare per l'uno o l'altro senza che vi sia una vera svolta.

    Edited by: albatros1
    Gianfranco Malato
    Coordinatore di Roma del MID (Movimento Italiano Disabili) www.ilmid.it



  21. #20
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    la politica non si interessa delle minoranze , in questo caso delle ?ersone con disabilit?, vero, non se ne interessa a sufficienza, e la soluzione sarebbe costituire un nuovo partito? non credo proprio, dobbiamo interessarci della politica, partecipare , ascoltare, ribattere , inserirsi, insomma se stiamo a guardare e lamentarci non si andr? da nessuna parte.


    gli attuali partiti politici hanno spesso dubbia moralit? e poca attenzione ai temi sociali? facciamoci sentire , partecipate , pasrtecipate, partecipate. per fodare un partito ci vogliono soldi tempo e competenza in molti campi, abbiamo tutto questo?


    non credo, allora iniziamo da lontano e facciamoci, fatevi ascoltare ....................................
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •