Cookie Policy Privacy Policy MESSINA: DI CHI SONO LE COLPE?



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 32
  1. #1
    Administrator
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    153
    Thanked: 1

    Predefinito

    Nessun allarme, nessuna allerta alla protezione civile e nessun avviso alla popolazione.
    L?unit? di crisi l?ha richiesta il sindaco quando già il nubifragio era in corso, e la strage inevitabile.
    Il governo ha accusato le amministrazioni locali per non aver effettuato l?evacuazione e sostenendo che la causa del disastro sia l?abusivismo. Gli amministratori locali spiegano che tutto ciò che andrebbe abbattuto ha ottenuto la licenza trent?anni fa.
    Un rimpallo di responsabilit? che forse è alla base di un evento che avrebbe potuto essere evitato?


  2.      


  3. #2
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    a catania la mia citt? in un comune vicino ci sta un paese acicastello con una collina a rischio frana, ora mi chiedo io la gente che lo sò perchè non se ne v?? deve succedere una castastrofe per farlo, allora è colpa della gente se non lo f?, voi mi dite ma dopo che uno si compra una casa è fa sacrifici che fa non ci abita? e io vi rispondo, una vita che fa vale 200.000 euro?e poi chi vive li son tutti proprietari di casa è non ce nessuno in affitto? le popolazioni son fatte cosi prima aspettano il danno una volta che si è fatto si cerca il capro espietario..... io una casa li non me la comprerei mai.



  4. #3
    Junior Member L'avatar di nino
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    2,492
    Thanked: 2

    Predefinito



    ti dico da messinese, la colpa è dei nostri governatori locali xk? già nel 2007 era già successo ke la collina sopra quei villaggi si era franata e aveva procurato dei danni ingenti ma senza morti e avevano promesso ke avrebbero preso dei provvedimenti ma questo nn è stato mantenuto, come al solito dopo un mese tutto è passato nel dimenticataio xciò era una tragedia annunciata e nn hanno fatto niente per evitarla


    abbiamo un sindaco ke f? solo i cavoli suoi è molto probabile pagher? tutto nn in denaro ma con la giustizia
    Se fossi un vino ti direi di lasciarlo decantare un pò perchè non sono più un vino novello, ma ho ancora profumo e senzazioni da offrire.
    IL MIGLIOR MODO X LIBERASI DALLE TENTAZIONI è CEDERE
    NINO



  5. #4
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    ninuzzo e il popolo cosa ha fatto? io la prima volta visto che l'avevo scampata me ne scappavo di li, e se tutti l'avessero fatto ora non staremmo qui a piangere i morti e i dispersi.



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    ora mi chiedo io la gente che lo sò perchè non se ne v??

    </font>Gliela dai tu una casa dove stare?</font>
    </font>
    Claudio



  7. #6
    Junior Member L'avatar di nino
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    2,492
    Thanked: 2

    Predefinito



    i politici avevano promesso ke bonificavano la zona ma di questo nn hanno fatto nulla tranne ke mettere delle gabbiepieni di sassi ke la frana ha divelto, ma nn hanno sfrattato nessuno


    ecco l'ultimo aggionamento della situazione a messina





    http://www.tempostretto.it/8/index.p...n=articolo&amp ; ; ;id_articolo=20811#ancoraEdited by: nino
    Se fossi un vino ti direi di lasciarlo decantare un pò perchè non sono più un vino novello, ma ho ancora profumo e senzazioni da offrire.
    IL MIGLIOR MODO X LIBERASI DALLE TENTAZIONI è CEDERE
    NINO



  8. #7
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    809
    Thanked: 3

    Predefinito



    Io studio e sto studiando in questo "campo" e purtroppo devo dire che le colpe son di tutti e di nessuno. Sono moltissime le cose da dire del perchè o del per-come avvengono certe cose e non tutte dipendono dalla cattiva gestione del territorio o dall'evento eccezionale.


    Molto spesso in Italia manca la memoria storica delle dinamiche del territorio quindi si ragiona un po' così: "son decenni che il fiume non sormonta gli argini, cosa vuoi che succeda? posso benissimo fare la casa un po' più in l?!" ma si dimentica magari che 30 o 50 anni prima il fiume era si cresciuto e di molto facendo danni a molte centinaia di metri dal suo normale argine!


    Il nostro prof di economia ci disse: non puoi meterti a prendere il sole in mezzo ad una strada e poi lamentarti perchè un autobus di quelli delle linee extraurbane ti prende sotto e dire, ma erano giorni che non passava nessuno credevo che la strada fosse deserta! e poi scoprire che quella linea c'è solo una voltra al mese!


    c'è poi da dire che gli interessi economici fanno gola a troppe persone e che tali persone, per colpa o solo per ignoranza (quella vera, non offensivamente) non ne sanno nulla delle dinamiche ambientali o del perchè una tale zona è stata dichiarata non edificabile e a fronte di un possibile guadagno nell'immediato, chiudono gli occhi rispetto alla sicurezza idrogeologica del territorio mandando di fatto nel dimenticatoio i motivi per i quali erano stati definiti tali vincoli!


    poi sappiamo che il nostro terrirorio è un territorio fragile che non è stato curato per decenni e ora se ne pagano le conseguenze di questa mancanza di cura, un po' perchè i soldi mancavano un po' perchèvenivano posti per altri e più nobili interventi.


    Edited by: Orchidea
    Il dolore si dimezza se lo condividi,
    La felicità invece si moltiplica



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Ha ragione Orchidea, le cose non avvengono in un giorno. Ogni giorno si strappa un albero, si mette un mattone e la gente non si accorge che il paesaggio sta lentamente ma inesorabilmente mutando e diventando pericoloso.

    Quando ci si accorge, diventa difficile, perchè non è facile ridislocare migliaia e migliaia di persone. Si ha difficolt? a ricostruire case per della gente che ha avuto un terremoto, figuriamoci a rifarle per gente che non ha ancora niente.

    Questo è niente, pensate al Vesuvio. Milioni di persone vivono alle pendici del Vesuvio, ci hanno sempre abitato da migliaia d'anni. Pian piano di giorno in giorno son spuntate le case. Cosa ne facciamo di questi 3-4 milioni di persone che sono a rischio di catastrofe?

    Non si pu? dire semplicemente andatevene, sta gente vive, lavora in questi posti, e a parte la casa, il lavoro dove lo ritrovano? Fino a che non succede niente, la gente non se ne va, perchè l'alternativa è il "morire di fame" certo, ad una incerta catastrofe.

    Alla fine la gente fa una "scommessa", non ho alternative, vivo qui , poi quando ci sar? una catastrofe "io speriamo che me la cavo".



    Claudio



  10. #9
    Senior Member L'avatar di bai
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,403
    Thanked: 5

    Predefinito



    se girate per la francia del sud, sorprende il profondo rispetto per la natura, la concentrazione delle case intorno ai paesi e la campagna intorno


    certo la francia è meno delicata morfologicamente delle nostre regioni


    caratterizzate da fiumi o contenitori di acqua che dall'appennino arrivano quasi subito al mare, seguendo vie antiche e a volte impetuose


    certo nei tempi il territtorio si è adattato conconseguente zone di compensazione naturale e alvei estesi


    fino al secondo dopoguerra nessuno costruiva in zona dove il fiume sarebbe potuto passare, perchè la memoria di uomo era la memoria antica e i vecchi nella loro saggezza tenevano conto dei racconti precedenti


    una casa si contruiva con saggezza, parsimonia e fatica, si sceglieva anche la migliore esposizione etc etc


    poi sono arrivati il denaro degli emigranti, la corruzione politica e il bisogno di realizzare il sogno di un tetto approffitando dei tanti condoniedilizi, sapendo che l'ultimo lo è solo in ordine di tempo


    di chi sono le colpe? certo dei politici del malaffare, certo degli abusivi, certo della cultura delle sanatorie etc


    ma lo stato, chiunque governi ha le responsabilit? maggiori, in francia lo stato funziona da noi no


    e se lo stato siamo in fondo noi, ci sar? bisogno di un grande movimentoculturale e ambientalista?


    per esempio è arrivato il momento di un grande piano nazionale di risistemazione geologica il nostro territtorio?


    non si passer? alla storia, ma consegneremo alle generazioni future un ambiente semplicemente più sicuro


    roberto
    volete far fruttare i vostri risparmi?
    piantate alberi di noce, farete ricchi voi e altri



  11. #10
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    dimmi buassard la tua vita vale 150.000 euro? se si allora bene rimaci anche tu in un luogo pericoloso siccome la mia vita io ritengo che vale di più me ne fotto dei soldi e me ne vado, e poi carissimo buassard erano tutti i proprietari di casa? non c'era nessuno in affitto? azz l'italia è un paese benestante son tutti proprietari di casa , non c'è nessuno in affitto..... per me la colpa è solo ed esclusivamente loro , per? ora mai che il danno è fatto e sono senza un tetto una mano gli si deve dare... Edited by: max585



  12. #11
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    nino perchè aspettavano lo sfratto? non erano coscienti che la situazione era critica, già un primo segnale d'avviso c'era stato , sbagliare è umano per? perseverare è diabolico.........



  13. #12
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito




    I DISCORSI DI ORCHIDEA E BUASAARD

    non fanno una grinza, nel senso che un popolo con la sua cultura, cioè con il suo modo di vivere, non nasce in un giorno, ma è il frutto di una maturazione e di una stratificazione che si è sviluppata nel corso dei secoli.

    Le zone sismiche, alluvionali, soggette a frane, erosioni, eruzioni vulcaniche, sono sempre esistite sulla terra. La differenza sta nel fatto che secoli fa non si avevano certe conoscenze scientifiche che ora invece si hanno.

    Poco meno di duemila anni fa, ad esempio, avvenne l'eruzione del vulcano Vesuvio che distrusse la penisola sorrentina, con la massima concentrazione dei danni su Pompei ed Ercolano che furono completamente sommerse dalla lava e distrutte, annientate, sommerse, cancellate.

    Per? la memoria degli uomini è labile, corta, e, dopo pochi decenni, hanno cominciato a ricostruire esattamente sopra la lava che aveva sepolto le citt? con l'eruzione.

    La differenza sta nel fatto che, ai tempi di Plinio, che descrisse l'eruzione, la scienza non era ai livelli di adesso, e nessuno avrebbe saputo prevedere quel che è successo.

    Ora si sa che il vulcano Vesuvio non è morto: è sempre vivo e, prima o poi, è possibile che si risvegli e che ricombini i guai che aveva già prodotto due millenni fa.

    Ma le pubbliche autorit?, cosa fanno? Fanno quello che possono, nel senso che vietano, avvisano, suggeriscono, mentre la gente ... continua a fare ... quello che vuole e, soprattutto, continua a non vedere un dito oltre il proprio naso. E a costruire abusivamente salvo poi pagare i condoni edilizi così.... si sente a posto.

    Ma a posto di cosa? Se hai costruito abusivamente sopra un terreno franoso cosa credi? Che il condono ti cementifichi il sottosuolo impedendo al terreno di franare? E le autorit? cosa fanno? Fanno demolire un edificio di tre secoli costruito su una zona proibita?

    Ma le pubbliche autorit? cosa fanno? Ma cosa vuoi che facciano? Che mobilitino l'esercito per ogni cantiere abusivo che sorge tutte le notti? Forse non basterebbe l'esercito della Cina che sembra sia quello più numeroso del mondo.

    Ma allora di chi è la colpa? Fate un po' voi! E, soprattutto, una volta individuati i (presunti alla luce di tutto quanto sopra detto) colpevoli cosa facciamo? Mandiamo l capri espiatori a morire nel deserto dopo averli caricati di tutti i nostri peccati? Ma siamo sicuri che, una volta morti i capri, non avremo più problemi da risolvere?

    Io diffido dei processi sommari e delle sentenze frettolose e superficiali tipo quelle che avvenivano quando si bruciavano le streghe e gli eretici sulla pubblica piazza per pacificare il popolo e mandarlo a casa tranquillo dopo averlo fatto assistere allo spettacolo</span>.

    Come dite? Non ho risolto nulla? Ma perchè, c'era qualcosa da risolvere? E, nel caso dovesse essere proposta una soluzione, proprio io la dovrei trovare?

    Cordialit? a tutti.



    Edited by: marinotunger
    marinotunger



  14. #13
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    19,847
    Thanked: 6

    Predefinito

    Maledizione, le cose sono andate male. Nino, forza e coraggio, vedrai che Messina torner? a essere sempre una bella citt? della Sicilia.
    Erica

    \"Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze!\"
    (Giuramento degli Atleti degli Special Olympics Italia)

    http://www.specialolympics.it



  15. #14
    Junior Member L'avatar di yankee
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,436
    Thanked: 7

    Predefinito

    In sintesi la colpa è di tutti, ha ragione Max come ha ragione Buaa, purtroppo la gente del Sud oltre che a soffrire la miseria economica, soffre soprattutto la miseria culturale ed è afflitta da fatalismo arcaico...
    Darwin insegna che chi pu? e sa usare il proprio cervello riesce a sopravvivere alle imprevedibilit? o prevedibilit? della natura.
    Spero che il Sud si emancipi dalla miseria cronica e che le persone del Sud comincino a ragionare con la propria testa...(sono figlio di madre calabrese e ne so qualcosa...)
    hasta siempre la libertad



  16. #15
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Ma le pubbliche autorit?, cosa fanno? Fanno quello che possono, nel
    senso che vietano, avvisano, suggeriscono, mentre la gente ... continua
    a fare ... quello che vuole e, soprattutto, continua a non vedere un
    dito oltre il proprio naso. E a costruire abusivamente salvo poi pagare
    i condoni edilizi così.... si sente a posto.</span><br style="font-weight: bold;"><br style="font-weight: bold;">Ma a posto di cosa?
    Se hai costruito abusivamente sopra un terreno franoso cosa credi? Che
    il condono ti cementifichi il sottosuolo impedendo al terreno di
    franare? E le autorit? cosa fanno? Fanno demolire un edificio di tre
    secoli costruito su una zona proibita?</span>

    La gente non fa quello che vuole, fa quello che pu?. A Napoli che gli facciamo, cancelliamo una citt? da 2-3 milioni di abitanti perchè ora abbiamo le conoscenze scientifiche?

    Sta ai governi "guidare" , ma anche i governi possono fare fino ad un certo punto. Ripeto : che ne facciamo di Napoli, del suo hinterland, di Catania che Max se l'? dimenticato che Catania sta alle falde del vulcano più grande d'Europa ed è a rischio Catania e soprattutto i paesini alle falde dell'Etna tipo Zafferana, spopoliamo Stromboli che è alle falde di un vulcano pericolosissimo, che solo 10 anni fa ha originato uno tsunami che avrebbe potuto far centinaia di vittime, svuotiamo Vulcano che i vulcanologi sostengono che è uno dei vulcani più pericolosi del mondo.

    E poi spopoliamo tutta la Liguria che è molto soggetta ad alluvioni.

    Ditemi di grazia dove li mettiamo i 10-20 milioni di abitanti che stanno in zone a rischio?

    E infine me li avete fatti a peperini come si dice a Roma (scusami Marino se prendo a spunto il tuo post) con sto sud.

    Avete memoria molto labile tutti quanti. Vi siete dimenticati i 200 e passa morti della tragedia di Stava in Alto Adige, avete dimenticato l'alluvione della Valtellina (70 vittime se non ricordo male), quella del Piemonte e una recente in Val d'Aosta in cui è franata una montagna, avete dimenticato le innumerevoli alluvioni di Genova e della Liguria, o quelle dell'alta Lunigiana.

    Quando succede al sud è sempre colpa della gente, invece al nord son sempre sfortunati poverini, se sono così sfortunati, provassero a farsi benedire...


    Claudio



  17. #16
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    1,655
    Thanked: 0

    Predefinito

    Non sapevo che lo Stromboli fosse pericoloso... anzi pensavo che, vista la sua continua e costante attivit?, non ha il tempo di 'caricarsi' per poi esplodere...



  18. #17
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    12,509
    Thanked: 0

    Predefinito

    Claudio per? i residenti ci mettono anche del loro con costruzioni abusive, magari su terreno friabile...
    Massimo



  19. #18
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da Paolo_
    Non sapevo che lo Stromboli fosse pericoloso... anzi pensavo che, vista la sua continua e costante attivit?, non ha il tempo di 'caricarsi' per poi esplodere...
    Si, ma appunto nel 2002, ha eruttato c'è stata una frana sottomarina che ha provocato uno tsunami con onde alte 10 metri. Stromboli non è pericoloso tanto per la fase eruttiva, quanto per il forte pericolo di frane sottomarine che possono generare tsunami distruttivi.

    http://www.swisseduc.ch/stromboli/vo.../bes02c-it.htm l

    Fortunatamente era fine dicembre e non c'era molta gente, perchè se no uno tsunami provocato da una frana sottomarina del vulcano arriva in pochissimi minuti vista la vicinanza.

    Poi ci sono stati altri allarmi tsunami rientrati. Sono allarmi più che altro validi per le altre isole Eolie, perchè a Stromboli non fanno in tempo a far niente...Hanno pure installato delle boe...
    Edited by: buasaard
    Claudio



  20. #19
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da serpentello
    Claudio per? i residenti ci mettono anche del loro con costruzioni abusive, magari su terreno friabile...
    Certamente, e qui entra in gioco lo Stato che deve controllare....

    Per? piantatela con sto nord (non lo dico a te in particolare), che non è che al nord stiamo meglio....

    Tu in Liguria ad esempio di alluvioni ne avrai beccate diverse....Mi risulta che negli ultimi 40 anni ce ne sono state ben quattro....Allora che ne facciamo di Genova che è stata costruita sui fianchi della montagna, mandiamo tutti via perchè è pericoloso? Quanti ne dobbiamo mandar via e dove li mandiamo?
    Claudio



  21. #20
    Junior Member L'avatar di max585
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    4,543
    Thanked: 2

    Predefinito

    di fatti buassard ci vuole ingegno ( poi mica tanto ) uno vede le zone a rischio e le zone meno a rischio uno vede il sottosuolo come è documentato vede un p? tutto in un posto dove deve acquistare casa ,( questo almeno io ) io mi sono comprato una casa a mascalucia che è poco a rischio simico rispetto ad altri paesi ( perchè l'italia è tutta a rischio sismico ) ed è a 500 mt sul livello del mare quindi ce ne vuole affinche la lava arrivi già e poi la lava e da diversi centinaia di anni che le bocche si aprono nell'altro versante ...... certo per me era una comodita andarmi a comprare una casa di 130mq alla stessa somma di quanto ho comprato la mia ( 85 mq ) per? in una zona a rischio frane vedi la collina di acicastello dove una villa te la tirano dietro o a zafferana dove dici te caro buassard io mi sono sacrificato ho comprato una casa piccola ,ma molti questo discorso non lo fanno guardano la grandezza della casa non il contorno come hanno fatto quelli a messina hanno guardato la comodit? non il rischio noi diciamo " devec suuccedere proprio a me con tante persone che ci stanno " ebbene quando tocca a noi poiangiamo e assolutamente cerchiamo di dare la colpa a qualcuno , come se noi non siamo in grado di capire quindi noi abbiamo bisogno della mammina che ci inbocca , io lo ripeto e che noi siciliani siamo comodisti a volte vogliamo il lavoro sotto casa ( parlo per esperienza ) non ci va di spostarci come fanno al nord e a roma che per andare a lavoro bisogna fare i km e una casa in affitto non la lasciamo manco morti se è vicino a dove lavoriamo , una casa in affitto si puo trovare ovunque e a cambiare casa ci vuole poco è questione di buona volonta.



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •