Cookie Policy Privacy Policy anche questa è discriminazione



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 31
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    se è volutamente stata studiata, diverso sarebbe se non ci fossero state iscrizioni e fosse l'unica classe formata


    http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore...o_emilia/crona ca/2009/09/25/236508-alla_materna_sezione_indiana.shtml
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Leggendo certi articoli sorrido e mi viene spontaneo pensare che, parlando in generale,quando ci si trasferisce all'estero qualsiasi persona prende contatto con i propri connazionali e ci sono tante citt? che hanno quartieri italiani e scuole italiane.


    Nel borghesissimo condominio dove vivo, ci sono diverse famiglie con cognomi di chiara provenienza europea, inglesi, tedeschi, ecc. che ovviamente hanno figli ed anche italiani che hanno moglie straniera, sempre europea, e questi figli non frequentano le scuole italiane ma chi quella tedesca, francese, inglese, ecc.


    I motivi sono legati al voler tramandare la propria cultura, ad avere figli poliglotti fin da bambini e nessuno si sognerebbe mai di far chiudere queste scuole in nome dell'integrazione.


    Sono scuole private, anche se paritarie econ rette decisamente care ma se si dovesse applicare il principio dell'integrazione, allora andrebbero chiuse.


    Poi, per me vale sempre il concetto che nessuno obbliga nessuno a venire in Italia e se ci sono zone con una netta prevalenza etnica rispetto ad un'altra è normale che finisca come raccontato nell'articolo e se ai genitori non sta bene... possono sempre tornare da dove sono arrivati con tanti auguri di buon viaggio.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  4. #3
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    Credo che ci sia un po' di differenza tra chi sceglie di mettere un figlio in una scuola di lingua madre e chi invece viene ghettizzato in una scuola italiana con i suoi conterranei...
    Davvero triste che questo accada in una regione come la mia, che solitamente è all'avanguardia per quello che riguarda ospitalit? ed integrazione.
    Probabilmente il vento di razzismo e la cultura del difendere il proprio orticello sta arrivando anche da noi.




  5. #4
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    ne sai qualcosa in più Lucioè
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  6. #5
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    No Marina, mi dispiace... le cronache dei quotidiani locali
    si fermano alla romagna e l'ho saputo oggi dal tuo post.



  7. #6
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  8. #7
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    Sicuramente una situazione di difficile gestione, ma
    quando si parla di aver concordato la cosa con i genitori
    ho l'impressione che si parli solo dei genitori italiani.
    Forse, leggendo questo ultimo link, i genitori italiani
    si sono dimostrati molto intolleranti nei confronti degli
    stranieri e non parlo solo delle famiglie che ha iscritto
    i bimbi alla scuola pubblica, ma soprattutto di quelli
    che hanno preferito andare in una scuola privata per
    evitare i bimbi stranieri.
    I bimbi sono bimbi, a prescindere dal colore della pelle
    e dal loro credo religioso, ma è più facile dirlo quando
    si cantano delle canzonette piuttosto che agire per
    dimostrarlo.
    Qualcuno si illude ancora di poter evitare l'integrazione
    e non capiscono che i tempi sono cambiati... in meglio?
    in peggio? Poco importa, sono cambiati e bisogna fare le
    cose nel miglior modo possibile per una buona convivenza.



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Stralcio dell'articolo linkato da mammamarina:


    SINDACO E PRESIDE: CLASSE INDIANA? NESSUNO SCANDALO


    Nessuno scandalo per il sindaco Pd di Luzzara Stefano Donelli, e il preside della scuola materna statale "Grisanti Respicio" Roberto Ferrari, nell'istituzione di una classe composta da soli bambini indiani. Una scelta che i due confermano in ragione della "composizione sociale del territorio" e "condivisa con il Consiglio di istituto (quindi anche dei genitori) e il collegio dei docenti". Non si torna indietro dunque, ma a chi come Cgil e coordinamento degli immigrati, che luned? organizzano un presidio di protesta contro una decisione "discriminatoria e xenofoba", il preside Ferrari risponde: "Per tre giorni a settimana, sulla base delle esperienze positive già avute, sperimenteremo le sezioni aperte su base mista per favorire l'integrazione". L'istituzione di una sola classe viene per? anche definita una scelta "emergenziale" dettata dalla netta prevalenza di bambini stranieri nella scuola (su 44 bambini solo 14 sono italiani), a fronte della quale i genitori italiani hanno minacciato di ritirare le iscrizioni se non si fosse concordata la composizione delle classi. A spiegarlo è il preside Ferrari che dice: "A gennaio abbiamo notato che la maggior parte delle famiglie italiane ha deciso di iscrivere i bambini alla scuola parrocchiale perchè l? non ci sono stranieri", che preferiscono la scuola pubblica in ragione della gratuit? del servizio.

    "A inizio anno per?- prosegue Ferrari- 14 famiglie italiane mi hanno contattato per dirmi che se nella composizione delle classi ci fosse stata una sproporzione troppo elevata con gli stranieri avrebbero ritirato l'iscrizione: in quel caso avremmo avuto non una classe, ma una scuola di soli stranieri, e non avrebbe avuto senso una classe di cinque o sei bambini italiani e il doppio di stranieri". Quindi, spiega il preside, "gioco forza e d'accordo con il Comune abbiamo dunque diviso le classi tra italiani e non". Poi, conclude, "sulla base delle esperenze positive avute a Villa Rotta, come ho anche comunicato oggi per iscritto ai genitori, sperimenteremo per tre giorni le classi aperte, miste, che potrebbero tenersi anche il pomeriggio se gli stranieri, che abitualmente non lo fanno, manderanno i bambini a scuola". Sulla stessa linea d'onda il sindaco Stefano Donelli che spiega: "A Luzzara il 19% dei residenti è straniero e il tasso di natalit? dei non italiani è superiore del 30%. In queste condizioni, e parlo senza dare giudizi di merito, io non condanno questa scelta che non ritengo discriminatoria perchè è stata condivisa con i genitori". Insomma, chiude il sindaco, "in linea teorica è auspicabile che ci sia mescolanza, ma quando i numeri sono così alti bisogna trovare altre soluzioni perchè la scuola è della comunit?".


    ************************************************** *


    Le evidenziature in grassetto ed in rosso le ho apportate io.


    Della serie... la sinistra va contro se stessa.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  10. #9
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    19,492
    Thanked: 2

    Predefinito



    i bambini devono poter giocare studiare tutti insieme a prescindere dal loro colore di pelle.... in uno dei plessi dove io lavoro....c'è un gran numero di bambini extracomunitari ci sono addirittura diverse classi dove il numero dei bambini extracomunitari è in grande maggioranza rispetto ai bambini italiani....ai bambini stranieri che hanno difficolta' con la lingua italiana vengono affiancati da un sostegno ....le comunicazioni che si mandano a casa ai bambini extracomunitari sono scritte nella loro lingua originale(nel solo caso che i genitori non conoscono ancora l'italiano)inoltre l'UOMPIA organizza per i genitori corsi serali(nn ricordo bene se anche pomeridiani)di italiano...insomma la nostrascuola e avanti con l'integrazione e questo grazie alla nostra dirigente che è una persona straordinaria...


    http://www.mi-lorenteggio.com/news/2290








  11. #10
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Mi inserisco nella discussione, tanto per fare un po' di chiarezza, perchè chi legge solo le notizie da internet o dai giornali ha una visione un po' parziale.
    Si parla della scuola materna di Luzzara (sezione "piccoli", 3 anni); ci sono in totale due sezioni nella scuola, una formata da soli stranieri (non so se tutti indiani o anche di altre nazionalit?), l'altra sia da italiani che stranieri. Quando si dice che la soluzione è stata concordata con le famiglie (oltre che con il comune) è vero, anche se la partecipazione delle famiglie stranieri agli organismi (consigli di istituto, o di classe) scolastici è molto limitata, quindi è probabile che la decisione sia stata condivisa solo con le famiglie italiane. L'alternativa sarebbe stata fare due sezioni con bambini italiani in minoranza in entrambe. Il "caso" è stato a mio parere "montato" dalla CGIL locale, che ha anche distribuito un volantino a firma "Genitori dei bambini stranieri" che è evidentemente stato scritto da italiani (con una buona dose di politichese e luoghi comuni, anche se evidenzia principi validissimi in teoria, senza tenere in alcun conto la realt? scolastica e sociale di Luzzara); fatto sta che al "presidio" davanti alla scuola materna di stamattina c'erano forse 3/4 genitori stranieri.



  12. #11
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Bisogna poi sottolineare tutte le attivit? che la scuola di Luzzara (un istituto comprensivo con materna, elementari e medie) svolge a sostegno degli alunni stranieri (corsi di alfabetizzazione, in primis, ma anche altri laboratori aperti a tutti), e, come già citato dal preside, l'iniziativa delle classi "aperte" in cui si mescolano i bambini di tutte le sezioni. Dimenticavo: la sezione di soli stranieri è anche quella in cui sono concentrati tutti i bambini che escono alle 11,30 (prima del pranzo) e non rientrano il pomeriggio, mentre nell'altra sezione ci sono quasi tutti bambini che rimangono almeno per il pranzo. Magari sarebbe utile (far) sapere anche questo prima di iniziare a parlare di razzismo, segregazione e xenofobia, perchè con queste uscite si rischia di peggiorare una situazione già abbastanza delicata, in cui la VERA integrazione, purtroppo, è al momento un'utopia, e a mio modo di vederele maggiori responsabilit? non sono certo della scuola di Luzzara, anzi. Tanto per dirne una: seinvece di spendere una montagna di soldi in mediatori culturali e traduzione in mille lingue di migliaia di documenti, si imponesseagli stranieri un minimo di apprendimento della lingua italiana, molte difficolt? si supererebbero.



  13. #12
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    E' anche singolare che si distribuisca un volantino firmato "I genitori dei bambini stranieri", senza dire chi siano veramente questi genitori che scrivono, e se rappresentano veramente tutti i genitori della scuola. Perch? è giusto dare voce a chi cerca l'integrazione per i propro figli e la propria famigilia, ma bisogna anche considerare che ci sono casi di famiglie (in gran parte straniere) che mandano a scuola i loro figli senza acquistare i libri di testo, senza rispettare le norme igieniche più elementari(al punto che la scuola deve mandare circolari a casa in tutte le lingue conosciute per invitare i genitore a lavare le mani ai figli per ridurre il rischio di epidemia di influenza), che non si curano di farsi vedere a scuola MAI anche se convocati, per discutere della situazione dei figli, che non vogliono utilizzare gli strumenti che la scuola mette a disposizione per loro e per i loro figli.



  14. #13
    Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    3,881
    Thanked: 0

    Predefinito

    Sei di Luzzara Giangi2? onestamente a me pare normale che se esiste una minoranza di bimbi della stessa nazionalit? (qualunque essa sia) vengano raggruppati nella stessa classe,senza per questo essere per forza di cose razzisti.Mi pare altrettanto normale che non tutti i genitori riescano ad essere presenti nella vita della scuola (magari lavorano tutto il giorno).Il rispetto delle norme igieniche per? prescinde dalla nazionalit?.Ci sono famiglie straniere che no curano l'igiene,ma anche famiglie italianissime. per l'apprendimento della lingua,ti riferisci ai genitori o i bambini?Non so,nel tuo ultimo post ci vedo un pelo di razzismo......



  15. #14
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito



    Per quanto riguarda le norme igieniche, giustamente, devono essere rispettate da tutti; per l'apprendimento della lingua secondo me dovrebbe valere per tutti (e a Luzzara la scuola organizza corsi di italiano anche per i genitori, non solo per i ragazzi, c'è chi ne approfitta e chi se ne frega, come in tutte le cose). Per quanto riguarda il mio ultimo post, ti garantisco che, avendo conoscenza diretta della situazione, ci sono strumenti a disposizione degli stranieri (che costano a tutti) che non vengono usati. Come in tutte le cose, secondo me, non si pu? generalizzare, per? per esperienza diretta ti posso dire che, mediamente, gli indiani cercano di integrarsi più di altri (ad esempio dei pachistani), ci tengono che i bambini siano in ordine e vadano bene a scuola. Per altri invece la scuola sembra essere solo un "parcheggio" per i figli, in attesa che inizino a lavorare. Per quanto riguarda la presenza delle famiglie a scuola, non è che si vogliano vedere i genitori tutte le settimane, semplicemente potrebbero farsi vedere 1/2 volte l'anno, almeno in occasione del ricevimento genitori, oppure contattare il preside o gli insegnanti se vengono convocati per gravi motivi. Sono considerazioni che valgono per tutti, ma purtroppo gli stranieri (per mille motivi, ma principalmente per motivi economici e di "disagio" familiare e sociale spesso dovuto alla situazione di migranti) sono una percentuale maggiore di questi casi rispetto agli italiani. Fare polemiche sulla composizione delle classi, riferendola a "i genitori dei bambini stranieri", in questo caso mi sembra un po' un azzardo che non fa che peggiorare le cose, infatti stamattina, ad accompagnare i bimbi a scuola, si potevano sentire frasi del tipo "non gli va bene così? Che tornino a casa loro". Se consideriamo che ci saranno stati forse 4 genitori stranieri al "presidio" della CGIL (e mi chiedo cosa abbiano effettivamente capito del volantino che veniva distribuito), non mi sembra che gli sia stato fatto un buon servizio.



  16. #15
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Dimenticavo: sono di Luzzara. Aggiungo: le norme igieniche non sono solo una questione di profumo o lavarsi le mani, ma qualcosa di molto più serio. Se avete letto le statistiche del nostro comune che riguardano la popolazione scolastica, potete capire la preoccupazione dei genitori quando si diffondono epidemie (ad esempio di scabbia, o pidocchi, ma è successo anche di peggio) di malattie che da noi sono ormai scomparse e per le quali non si fanno neanche più le vaccinazioni. La scuola potrebbe essere un fortissimo agente di aggregazione e integrazione, se è vero che ci sono episodi di razzismo, è altrettanto vero che c'è anche chi non sfrutta le occasioni che vengono proposte e offerte gratuitamente.



  17. #16
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da giangi2
    Mi inserisco nella discussione, tanto per fare un po' di chiarezza, perchè chi legge solo le notizie da internet o dai giornali ha una visione un po' parziale.
    Si parla della scuola materna di Luzzara (sezione "piccoli", 3 anni); ci sono in totale due sezioni nella scuola, una formata da soli stranieri (non so se tutti indiani o anche di altre nazionalit?), l'altra sia da italiani che stranieri. Quando si dice che la soluzione è stata concordata con le famiglie (oltre che con il comune) è vero, anche se la partecipazione delle famiglie stranieri agli organismi (consigli di istituto, o di classe) scolastici è molto limitata, quindi è probabile che la decisione sia stata condivisa solo con le famiglie italiane. L'alternativa sarebbe stata fare due sezioni con bambini italiani in minoranza in entrambe. Il "caso" è stato a mio parere "montato" dalla CGIL locale, che ha anche distribuito un volantino a firma "Genitori dei bambini stranieri" che è evidentemente stato scritto da italiani (con una buona dose di politichese e luoghi comuni, anche se evidenzia principi validissimi in teoria, senza tenere in alcun conto la realt? scolastica e sociale di Luzzara); fatto sta che al "presidio" davanti alla scuola materna di stamattina c'erano forse 3/4 genitori stranieri.

    mi sono attenuta all'articolo e forse ti è sfuggito il mio pensiero che non è di accusa :


    se è volutamente stata studiata, diverso sarebbe se non ci fossero state iscrizioni e fosse l'unica classe formata.


    MA in ragione delle tue spiegazioni una domanda sorge spontanea : chi ha denunciato la cosa ai giornmali e perchè????


    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  18. #17
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da giangi2
    E' anche singolare che si distribuisca un volantino firmato "I genitori dei bambini stranieri", senza dire chi siano veramente questi genitori che scrivono, e se rappresentano veramente tutti i genitori della scuola. Perch? è giusto dare voce a chi cerca l'integrazione per i propro figli e la propria famigilia, ma bisogna anche considerare che ci sono casi di famiglie (in gran parte straniere) che mandano a scuola i loro figli senza acquistare i libri di testo, senza rispettare le norme igieniche più elementari(al punto che la scuola deve mandare circolari a casa in tutte le lingue conosciute per invitare i genitore a lavare le mani ai figli per ridurre il rischio di epidemia di influenza), che non si curano di farsi vedere a scuola MAI anche se convocati, per discutere della situazione dei figli, che non vogliono utilizzare gli strumenti che la scuola mette a disposizione per loro e per i loro figli.

    ma anche italiane ce ne possono essere, non soli da voi ,ma in tutta Italia, e se non hanno i soldi per acquistare i libri?


    le norme igieniche sono spesso ignorate perchè non conosciute , forse coinvolgere l'ASL invece di mandare circolari che sono ignorate? e non solo per l'influenza A, ma per il sano vivere in comunit?.


    quante sono le famiglie italiane che si comportano così ?


    un po' di pregiudizio?
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  19. #18
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Italy
    Messaggi
    325
    Thanked: 0

    Predefinito

    Grazie Giangi delle spiegazioni, ora mi è più chiaro il motivo che ha spinto il direttore a mettere i bambini italiani tutti assieme e con ancora più convinzione sento il rammarico che una cosa del genere sia capitata nella mia regione.
    Credo che la fama di ospitalit? e tolleranza era più prerogativa della generazione precedente che non della nostra.



  20. #19
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    Guardate, io non ho voluto fare accuse a nessuno, n? criticare chi ha scitto qui. Semplicemento ho voluto dare qualche informazione in più, e ho aggiunto il mio punto di vista. Chi ha organizzato e mosso tutto questo can-can? La CGIL di guastalla/luzzara. Ultimi sviluppi: a Luzzara c'è anche la scuola materna parrocchiale, ieri mattina c'erano dei "dimostranti" della CGIL davanti all'ingresso, che accusavano i genitori dei bambini della scuola parrocchiale di essere razzisti (perchè mandano i figli alla parrocchiale invece che alla statale), peccato che alla parrocchiale ci siano anche bambini stranieri (anche indiani), che sono circa il 20% del totale. I dimostranti, dopo che gli si è fatta notare la cosa hanno detto: non lo sapevamo.Forse non sanno neanche cosa si fa nella scuola di Luzzara per favorire l'integrazione. Concludo dicendo che è molto bello proclamare degli ideali, che tutti condividiamo, e si fa anche bella figura; diverso è scontrarsi poi con la realt?, che impone delle scelte e finisce per scontentare inevitabilmente qualcuno. Capisco anche che, per le semplificazioni imposte dallo strumento forum, si possa passare per poco tolleranti, ma vi garantisco che la situazione del comune di Luzzara (e nella frazione di Villarotta ancora di più) è molto delicata e un minimo di rigore su alcune cose fondamentali (tipo il parlare e capirel'italiano, e il rispetto di leggi e regolamenti) sarebbe molto più utile rispetto a queste proteste che servono solo a creare visibilit? per alcuni e malumori tra i più



  21. #20
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    12
    Thanked: 0

    Predefinito

    x mammamarina: se ti rileggi i miei post vedrai che ho scritto che le situazioni che ho descritto si presentano in famiglie sia italiane che straniere; purtroppo, e i motivi sono anche evidenti, nelle famiglie straniere certe cose accadono di più, in gran parte per la situazione di oggettivo disagio che comporta l'emigrare in un paese lontano dal proprio. E' giusto dare supporto e aiuto a queste famiglie, ma in cambio è doveroso (secondo me) pretendere alcune cose fondamentali come (mi ripeto) la conoscenza della lingua e il rispetto delle leggi italiane. Se si fosse stati più rigorosi prima, forse adesso avremmo meno problemi e si potrebbe parlare di integrazione, al momento, purtroppo, l'integrazione (se non per pochi) è un'utopia. Non credo sia pregiudizio dire che la scabbia la portano gli stranieri, purtroppo è così, basterebbe ad esempio che, come tutti gli altri alunni, facessero una visita dal pediatra prima di andare a scuola per evitare questi episodi.



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •