Cookie Policy Privacy Policy VITAMINA ’E’ ALLUNGA LA VITA, ANCHE ALLE



Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito


    2009-09-15 14:15
    VITAMINA 'E' ALLUNGA LA VITA, ANCHE ALLE PROTESI
    ROMA - La vitamina E previene non solo la vecchiaia del corpo, ma anche quella dei suoi pezzi di ricambio, come le protesi ortopediche, allungandone la vita del 750 per cento. La scoperta, che ha l'obiettivo di evitare dolorosi e costosi interventi di sostituzione delle protesi, sar? presentata al Quarto congresso internazionale sull'Ultra high molecular weight polyethylene, che si terr? dal 16 al 18 settembre al CTO torinese.

    Le protesi ortopediche (anca, caviglia, ginocchio, spalla), sono formate dal più semplice dei polimeri sintetici, il polietilene - la più comune fra le materie plastiche - soggetto, talvolta, a un deterioramento precoce che compromette il risultato dell'intervento chirurgico, rendendone necessaria la sostituzione. La degenerazione di questa resina termoplastica (il polietilene), dipende, in particolare, dalla sterilizzazione con i raggi gamma. Questi per? provocano l'ossidazione del materiale e la degenerazione precoce delle protesi. Ecco perchè entra in scena la vitamina E.

    Si è pensato di verificare se le proprietà antinvecchiamento della vitamina E (miscelata al polietilene), potessero funzionare anche sui biomateriali. Questi i risultati delle analisi condotte nel laboratorio sui materiali polimerici dell'Universit? di Torino diretto dal professor Luigi Costa:il polietilene sterilizzato con raggi gamma dura 200 ore e poi invecchia (si degrada), quello sterilizzato con raggi gamma, ma poi trattato con l'"iniezione" dello 0,1 per cento di vitamina E, dura 1500 ore e poi si degrada. I test hanno dunque dimostrato che la vitamina E ha effetto anti-invecchiamento anche su un materiale sintetico come il polietilene, allungandogli la vita del 750 per cento. Tutto è cominciato nei primi anni Novanta a Torino, quando gli ortopedici della I Clinica Universitaria dell'Azienda Ospedaliera Cto hanno scoperto che alcune protesi d'anca (ma non tutte), dopo pochissimi anni dall'impianto, si degradavano. Una volta espiantato, il polietilene di quelle protesi usurate fu portato dalla professoressa Elena Brach del Prever al professore di Chimica industriale e materiali polimerici, Luigi Costa.

    Fu così che fu dimostrata la pericolosit? del polietilene come biomateriale. I ricercatori torinesi scoprirono che la sterilizzazione con radiazioni ionizzanti in presenza di ossigeno provocava l'ossidazione del materiale e il suo deterioramento. I clinici ortopedici torinesi diretti dal professor Paolo Gallinaro ottennero, nel 1996, la pubblicazione del loro studio sulla rivista Biomaterials. Ma nonostante anche altre segnalazioni successive si continu? per anni a produrre e impiantare protesi con un polietiliene ad alto rischio di degradazione, pur conoscendone i rischi. Sette anni dopo un nuovo capitolo con la gara di appalto del 2003 con la quale l'Aso Cto-Maria Adelaide invita 19 industrie internazionali (6 italiane, 8 europee e 5 statunitensi), a fornire all'azienda sanitaria ospedaliera, sede di universit?, protesi ortopediche pronte per l'impianto. Il bando si conclude con un risultato shock: su 100 campioni presentati, la maggior parte è scartata. Il polietilene risulta ossidato o di peso molecolare di gran lunga inferiore ai valori standard.

    In Italia, nel 2005 il ministero della Salute ha emanato una "raccomandazione" a non usare protesi sterilizzate con raggi gamma in presenza di ossigeno e a prestare massima attenzione al confezionamento e allo stoccaggio di polietilene sterilizzato con raggi gamma. Quindi il ministero sconsiglia anche l'impianto di protesi così sterilizzate più vecchie di 5 anni. La proposta che arriva dagli esperti è quella di istituire un registro nazionale per potere valutare così la sicurezza e l'efficacia di ogni protesi, confrontando dati ancora insistenti.
    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?


  2.      


  3. #2
    Junior Member L'avatar di Marachella
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    4,542
    Thanked: 36

    Predefinito

    ... Questa è una buona notizia... prima o poi anche mio figlio piccolo dovr? mettere delle protesi per il femore e quello che mi spaventava era proprio il fatto che si deteriorano con conseguenti altri interventi per la sostituzione... (sorriso)... Grazie per la notizia
    ... anche se non vedo i tuoi occhi, posso ascoltare il tuo cuore...

    Monica



  4.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •