Cookie Policy Privacy Policy 11 settembre 1976



Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: 11 settembre 1976

  1. #1
    Junior Member L'avatar di yankee
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,440
    Thanked: 7

    Predefinito

    Da non dimenticare l'11 settembre 1976 oltre al 11 settembre 2001. Anche nell'altra data oltre 1500 morti per mano di Pinochet. Oltre al Presidente del Cile Allende, democraticamente al potere, morirono per mano assassina anche famosi artisti, quali Victor Yara e Violeta Parra (autrice di Remedios cantata anche dalla Ferri).
    hasta siempre la libertad


  2.      


  3. #2
    Senior Member L'avatar di luni
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    6,660
    Thanked: 39

    Predefinito

    E chi si ricorda del16 settembre 1982?
    "Comunque è vero, sono comunista. Non dimentico mai la Bibbia e il Vangelo. E non dimentico mai quello che ha scritto Marx." (Don Gallo)



  4. #3
    Junior Member L'avatar di venexiano
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,426
    Thanked: 6

    Predefinito

    <TABLE cellSpacing=0 cellPadding=5 width=450>
    <T>
    <TR>
    <TD>16 settembre 1982:
    La strage di Sabra e Chatila



    di Manuela Palermi
    Roma, 14 settembre 2004</TD></TR>
    <TR>
    <TD vAlign=top>
    Un paio di anni fa ho visitato i campi di Sabra e Chatila, quelli dove Sharon ha ucciso come cani migliaia di giovani, vecchi, donne. Ancora oggi non se ne sa la cifra esatta. C'? una compagna palestinese che non si stanca di far ricerche per sapere il numero dei morti: è arrivata a contarne più di tremila, ma ancora molti mancano all'appello. Incontra ostacoli d'ogni tipo, dalla burocrazia ottusa e caparbia all'insulto.
    Ogni anno, a settembre, una delegazione italiana va a Beirut per ricordare quella strage. Ogni anno spera di trovare qualche cambiamento. Non succede mai. La condizione dei palestinesi nei due campi è penosa. Difficile raccontarla senza cadere nella retorica. Difficile raccontare Sabra, un vecchio ospedale in rovina che raccoglie migliaia di palestinesi. In camerette di un paio di metri, di solito senza finestra, ce ne stanno anche nove. Nei piani c'è un unico bagno e la fila è ininterrotta. Cosò che quelle mura sporche ed umide per il buio perenne (qualche spiraglio di sole entra solo da piccole e rare fessure) sono impregnate dell'odore degli escrementi e dell'orina.
    Sabra m?? sembrato l'inferno. Un mondo a sò, silenzioso e buio, una prigione di profughi che non hanno diritti, ascolto, cittadinanza. La gente vagola per i lunghi ed oscuri corridoi dell'ex ospedale. Ombre informi senza volto e senza voce condannate all'inferno.
    Dopo un po? che sei l? dentro l'unica cosa che vuoi è uscire, andartene, vedere la luce, respirare l'aria, toccare mura calde di sole, dimenticare quell?umidore spettrale e mortifero.
    Loro, i profughi palestinesi, le vittime ed i figli delle vittime della carneficina di Sharon, vivono l? da anni ed anni. Senza prospettiva. Beirut non li vuole. Il Libano non li vuole. Li tiene chiusi l? dentro per dimenticarsene. Non gli concede diritti e cittadinanza perchè non invadano la loro vita.
    Era il 16 settembre del 1982. Alle cinque del pomeriggio le truppe falangiste, miliziani delle forze filo israeliane, invasero il campo. L'esercito di Tel Aviv, comandato da Sharon, lo circond?. Nessuno doveva scappare. Rimasero tutti intrappolati mentre le truppe falangiste facevano il loro "lavoro". Quando arriv? la notte l'esercito israeliano si mise a lanciare granate perchè il campo fosse ben illuminato e nessuno potesse nascondersi. Le truppe falangiste andarono avanti industurbate per quaranta ore. Quaranta ore di carneficina. Dal 16 al 18 settembre.
    Sono passati 22 anni. Non un colpevole ha pagato. I morti non sono mai stati seppelliti, di mille di loro non s'? saputo più nulla.
    A Chatila, all'ingresso del campo, c'è una grande spianata di polvere. Era la più grande delle fosse comuni. Ora è ricolma di detriti e delle immondizie che buttano quelli del mercato vicino.
    C'? un documento che riporta un incontro tra Sharon, e il capo delle Forze libanesi, Bechir Gemayel. Sharon è brusco ed impaziente. Dice ai fascisti locali che debbono far bene ed in fretta per "ripulire i campi dai terroristi". Il terrorismo la faceva alla grande già allora per giustificare guerre, orrori, carneficine di civili.
    Racconta Jamile Shelade, 51 anni, una delle poche sopravvissuta al massacro: "Abitavo con la mia famiglia appena fuori dal campo di Chatila. Allora si poteva. Anzi sedicimila persone abitavano qui intorno. Mentre ora ci è permesso di vivere soltanto all'interno del campo. I giorni precedenti a quel 16 settembre, i soldati israeliani che avevano circondato il campo, offrivano acqua ai nostri bambini. Forse per rassicurarli che niente sarebbe loro accaduto. Ma nella notte tra il 16 e il 17 cominciammo a vedere tutto il campo illuminato da razzi. I giovani credettero che si trattasse di fuochi d'artificio ed uscirono di corsa per strada. Non sapevamo cosa stesse succedendo. Quando percepimmo il pericolo, ci rifugiammo al Gaza Hospital, l'ospedale del campo. Lo consideravamo un luogo sicuro. Io, per?, corsi verso l'interno di Chatila per avere notizie e mentre mi addentravo scorsi una donna incinta che era stata squartata e con il figlio ancora in grembo. Disperata tornai indietro. Capii che, poco a poco, i soldati stavano avanzando all'interno del campo. Cosò avvisai la mia ed altre due famiglie e dal Gaza Hospital scappammo verso il quartiere di Hamra, dove poi ricevemmo ospitalit?. Ma dopo pochi metri, lungo la strada, ci trovammo di fronte i soldati israeliani. Ci fermarono e ci divisero in due gruppi. Donne e bambini al di sotto dei quindici anni vennero lasciati liberi, gli altri, invece, caricati su un camion e portati via. Poco dopo, seppi che erano stati trasferiti al campo sportivo Camille Chamoun. Qualcuno torn?. Altri vennero uccisi l?, allo stadio".
    Quando i giornalisti entrarono nel campo, la mattina del 19 settembre del 1982, si trovarono davanti uno spettacolo indicibile. Cadaveri ovunque, corpi senza vita, smembrati, decapitati. Da l? a poco, tutta l'umanit? seppe dell'eccidio di Sabra e Chatila.
    Oggi il campo è un ammasso di palazzi fragili e sbilenchi di cinque, sei piani che incombono su strettissimi vicoli e impediscono alla luce di rischiarare l'oscurit? dei piani bassi. Non c'è acqua n? energia elettrica a Chatila. Le minuscole tubature artigianali di acqua non potabile si accavallano lungo le stradine buie, accompagnano i dedali di fili elettrici che da un palazzo all'altro s'intrecciano, intersecando il cielo, in tante piccole finestre. I rigagnoli di fogne a cielo aperto scorrono senza sosta, formando un labirinto maleodorante. Qua e l? montagne di rifiuti scalate dai bambini. Nel campo della disperazione, oggi, vivono ventimila persone tra palestinesi, libanesi e siriani. Tutte sotto la soglia della povert?.
    Il Libano non vuole l?integrazione dei palestinesi. Il Libano e tutto il mondo - nessuno è innocente della strage di Sabra e Chatila - rimuovono quotidianamente anche il ricordo. Tranne quel piccolo gruppo di cui ho parlato all'inizio che ogni anno va l?, incontra le ong, incontra i palestinesi, va nei campi, entra nelle case dei diseredati. "Per non dimenticare Sabra e Chatila": si chiama così il loro viaggio. Ed a quel viaggio qualcuno del nostro partito partecipa ogni anno. Per non dimenticare, appunto.</TD></TR></T></TABLE>
    La miglior vendetta la felicità. Non cè niente che faccia più impazzire la gente che vederti felice. Alda Merini



  5. #4
    valter2003
    Guest

    Predefinito



    Vuoi vedere che i palestinesi se ne stanno sempre con le mani in mano e poverini affrontano la morte da martiri?
    Ma scherziamo...o che?
    Se questo popolo si ritrova in guerra ogni giorno lo deve soltanto alla sfrontatezza e alla irresponsabilit? dei suoi uomini politici.



  6. #5
    valter2003
    Guest

    Predefinito

    E chi si ricorda dell'umanit?del comunismo dal volto "umano"dalla Cambogia di Pol Pot alla Germania, a Cuba, Cina, Corea, Yugoslavia, Romania, Bulgaria, quanti milioni di litri di sangue sono stati spillati?
    Ricordatevele le vostre date..... smemorati.



  7. #6
    Senior Member L'avatar di SkaTTa
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,428
    Thanked: 4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da valter2005


    Vuoi vedere che i palestinesi se ne stanno sempre con le mani in mano e poverini affrontano la morte da martiri?
    Ma scherziamo...o che?
    Se questo popolo si ritrova in guerra ogni giorno lo deve soltanto alla sfrontatezza e alla irresponsabilit? dei suoi uomini politici.
    <DIV>
    </DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>E' vero, i terroristi islamici non se ne stanno con le mani in mano.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Come dimenticare l'attentato all'aereo della PAN AM esploso in volosopra Lockerbie, dove perirono oltre 260 persone, il secondo attentato aereo più sanguinoso, dopol'attacco dell'11 settembre 2001.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Opps,mi scuso.............. si pu? ricordare l'attentato di Lockerbie ora che Zilvio è diventato amico del mandante?</DIV>
    Silvio! Aiuta i poliziotti anche se sono maggiorenni!!!



  8.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •