Al Sindaco di Trapani<?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />
Dott. Girolamo Fazio


1? settembre 2009
Gentile Sindaco,

Leggo quanto segue dal suo programma elettorale.

?Una citt? per i disabili.
Gli interventi di sostegno ai disabili ed alle loro famiglie sono previsti nel
Piano di Zona.
<?:namespace prefix = st1 ns = "urn:schemas-microsoft-comffice:smarttags" /><st1:Pers&#111;nName w:st="&#111;n" ProductID="La nuova Amministrazi&#111;ne">La nuova Amministrazione</st1:Pers&#111;nName> intende creare una citt? a misura di
disabile, eliminando le barriere architettoniche, innanzitutto dagli
edifici comunali.
<st1:Pers&#111;nName w:st="&#111;n" ProductID="La precedente Amministrazi&#111;ne">La precedente Amministrazione</st1:Pers&#111;nName> si è dotata dello strumento di
programmazione per l?abbattimento delle barriere architettoniche,
58
che sar? il punto di riferimento della nuova Amministrazione per tutte
le iniziative in tema di opere pubbliche.
I palazzi comunali, a partire da Palazzo D?Al?, saranno ristrutturati in
linea con quanto previsto in tema di abbattimento delle barriere
architettoniche e si proseguir? l?attivit? già avviata dalla precedente
Amministrazione per adeguare in tale direzione gli istituti scolastici.
Si favorir? l?integrazione dei disabili nel tessuto sociale attraverso
iniziative che tenderanno non a ?ghettizzarli?, ma a farne soggetti
attivi in tutte le attivit? proposte, da quelle di intrattenimento a quelle
culturali, da quelle sociali a quelle lavorative.
La citt? di Trapani, in quest?ottica, si candider? per ospitare tornei
sportivi nazionali ed internazionali per i disabili.?


Prima tuttavia che si arrivi ad un obiettivo che temo è visti i tempi siciliani è troppo lontano....non si potrebbe cominciare a fare qualche scivolo sui marciapiedi di Trapani?

Veniamo tutti gli anni da Roma per un mese a Trapani d?estate e per qualche settimana anche nel periodo invernale e primaverile. Mio marito Dario, romano, adora Trapani e la sua gente, anche perchè è la citt? che con il suo vento e le sue brezze costanti gli da? la possibilit? di godere della sua grande passione che è la barca a vela, che da due anni ormai è stabilmente ormeggiata a Trapani.

Io sono Trapanese, e mi vergogno un po?, passeggiando anche per la stessa via Ammiraglio Staiti(recentemente uno dei luoghi eletti per il grande evento degli Atti 8 e 9 dell?America?s Cup) a dover ammettere che Trapani, pur prestandosi per natura geografica alla fruibilit? per un disabile su sedia a rotelle (essendo tutta in pianura), è ancora molto indietro riguardo ad un piano urbanistico che tenga conto di primari adeguamenti per l?abbattimento delle barriere architettoniche. Prima ancora dell?attenzione all?accessibilit? dei Palazzi comunali, è necessario che una normale passeggiata per <st1:Pers&#111;nName w:st="&#111;n" ProductID="la via XXX Gennaio"><st1:Pers&#111;nName w:st="&#111;n" ProductID="la via XXX">la via XXX</st1:Pers&#111;nName> Gennaio</st1:Pers&#111;nName>, o nei vicoli del centro storico, ma anche per la stessa moderna via Fardella non diventi un incubo per una persona che vuole spostarsi sulla sedia a rotelle in autonomia.

Per favore, dunque, dott. Fazio, gli scivoli sui marciapiedi!

Grazie dell?attenzione,

Alessandra (e Dario) Giovannetti
Via D. Modugno 130
00125 Roma
dulcinea1@tiscali.it