Cookie Policy Privacy Policy importante



Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: importante

  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito

    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV> http://www.atassia.org/argomento/seg...imps_ci_riprov a.htm, vi segnalo le più importanti:</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>- l'Aism e la Uildm stanno mobilitando le proprie senzioni;</DIV>
    <DIV>- la Consulta regionale del Lazio è in fase di organizzazione ed ha invitato il presidente del Lazio Marrazzo che ha garantito la sua presenza;</DIV>
    <DIV>- la Fish dell'Emilia Romagna ha mobilitato le organizzazioni aderenti ed è comparso un articolo;</DIV>
    <DIV>- le associazioni lombardestanno già organizzando i trasporti;</DIV>
    <DIV>- la Fish calabrese ha coinvolto i Verdi e Pecoraro Scanio che ha garantito partecipazione ed ha invitato un rappresentante Fish alla convention di ieri (9 ottobre).</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Altre mobilitazioni territoriali sono state annunciate.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>La Fand è stata contattata e Mercandelli si è mostrato molto interessato anche in considerazione della totale assenza del governo sui temi degli invalidi sul lavoro.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>In occasione di una pubblica iniziativa Achille Passoni, responsabile Welfare CGIL, ha ripresola propostaFish ed ha rilanciato con la proposta di una giornata di mobilitazione sul welfare. Ha aderito all'idea anche Edo Patriarca portavoce Forum Permanente III Settore. Su questo punto sono attivi contatti con i sindacati per concertare un'iniziativa comune (da qui l'assenza di una data precisa). Stiamo sostenendo la necessit? di rendere i temi della disabilit? i più visibili, non caritatevoli.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Alcuni appuntamenti:</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>-il 17 ottobre è convocato l'Ufficio di Presidenza aperto a chiunque volontariamente intenda adoperarsi per l'organizzazione della manifestazione (si terr? a Roma, via Gino Capponi dalle ore 11.00 alle 16.00);</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>- il 29 ottobre è convocato il consiglio direttivo.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>La manifrestazione si dovrebbe tenere nei giorni compresi tra il 14 ed il 16 novembre.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Comunicate le vostre disponibilit?</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Pietro V. Barbieri</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>All.to Contenuti della piattaforma di rivendicazioni</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Partir? dagli impegni non mantenuti in occasione dell'Anno Europeo:</DIV>
    <DIV>- aumento delle pensioni e delle indennit?, non certo come annunciato tagli seppur per ora non contenuti nel ddl finanziaria;</DIV>
    <DIV>- revisione dei criteri per l'accertamento verso la presa in carico nel territorio più prossimo la persona/famiglia, e non come comfermato con dispendiosi controlli su ogni certificazione e l'abrogazione del ricorso amministrativo (vedi in particolare http://www.atassia.org/argomento/seg...imps_ci_riprov a.htm;</DIV>
    <DIV>- la definizione dei livelli essenziali di assistenza (con relativa certezza delle risorse) affinch? il diritto alla vita indipendente ed all'assistenza continuativa sia garantito su tutto il territorio nazionale, laddove invece si è assistito a tagli del Fondo per le politiche sociali eai trasferimenti agli enti locali, nonch? al veto sull'approvazione di quello per i non autosufficenti, ed alla mancata definizione dei criteri per la partecipazione alla spesa;</DIV>
    <DIV>- la promozione del diritto al lavoro mentre abbiamo assistito all'approvazione dell'art. 14 che secondo gli impegni avrebbe dovuto essere abrogato a marzo 2005 in caso di insuccesso (a quella data non più di 10-15 persone sono state collocate con quell'istituto).</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Ariprova di ciòe nonostante le continue sollecitazioni,delMinistro Maroninon si hanno più notizie dalla fine del2003assieme alle fasi dipartecipazione delle associazioni e consultazione, quest'ultima peraltroavvenuta solo una volta all'inizio della legislatura.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>A tutto ciò si aggiunge:</DIV>
    <DIV>- lo strisciante depauperamento dell'esperienza dell'integrazione scolastica attraverso una delega in bianco agli Uffici scolastici regionali che, avendo ricevuto precisa indicazione al risparmio e non avendo sostituito i Glh con alcunch?, non trovano altro da fare che tagliare le ore di sostegno costringendo le famiglie a ricorrere ai tribunali ordinari per ottenere risposta al proprio bisogno;</DIV>
    <DIV>- la totale assenza di politiche sanitarie come:</DIV>
    <DIV>1.la riforma dei criteri di accertamento (l'Icf è anzitutto una modalit? di misurazione del funzionamento e non sembra albergare in alcun modo al Ministero della Salute);</DIV>
    <DIV>2.il perpetuarsi e moltiplicarsi dell'istituzionalizzazione riabilitativa più incivile che assumedimensioni disumane in particolare per le persone con disabilit? in situazione di gravit? come l'autismo e le paralisi cerebrali infantili,oppure in fase acuta come peri traumi cranici (nonostante lodevoli interventi ad personam) e le lesioni midollari, costringendo le persone o le loro famiglie alle fugheverso più o meno promettenti"viaggi della speranza";</DIV>
    <DIV>3.le protesi ed ausili il cui sistema ingovernato ed un prontuario bloccato non erogano prestazioni adeguate per persone con disabilit?, anziani e incontinenti favorendo - a partire dalle gare - un sistema di collusione tra prescrittori/autorizzatori pubblici ed il mercato;</DIV>
    <DIV>4.le malattie rare per le quali si è proceduto esclusivamente per accontentare le baronie universitarie e senza alcuna forma democratica di consultazione delle associazioni;</DIV>
    <DIV>- l'indifferenza verso il taglio dei fondi della legge 13 ovvero delle risorse che, pur coprendo una parte minoritaria dell'esigenza del singolo cittadino con disabilit?, garantivano un sostegno per poter attrezzare la propria abitazione per viverla pienamente e poterne uscire.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>Il disegno riproduce un assenza di iniziative che confina le politiche sulla disabilit? alle forme più antiche della baneficenza caritatevole. Un provvedimento che in un altra situazione sarebbe ampiamente gradito dalle associazioni delle persone con disabilit? e delle loro famiglie, come il 5 per mille alle onlus, assume un connotato sgradevole: lo Stato adbica alle sue funzioni di promotore dell'inclusione sociale delle persone con disabilit? a favore di un indefinito intervento del privato sociale, qualunque esso sia, con buona pace dei diritti individuali e dell'uguaglianza delle opportunit?.</DIV>
    <DIV></DIV>
    <DIV>con viva preghiera di adesione e di diffusione,</DIV>
    <DIV> AISA
    Paolo Zengara
    Tel: 081 503 89 64
    Cell 347 841 43 87</DIV>
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #2
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Il disegno riproduce un assenza di iniziative che confina le
    politiche sulla disabilit? alle forme più antiche della beneficenza
    caritatevole.(....) Lo Stato adbica alle sue funzioni di promotore
    dell'inclusione sociale delle persone con disabilit? a favore di un
    indefinito intervento del privato sociale, qualunque esso sia, con
    buona pace dei diritti individuali e dell'uguaglianza delleopportunit?.



  4.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •