<DIV ="dei&#111;n UI&#079;neOff_C&#111;ntainer">NON SENTO, NON VEDO E VADO AL CINEMA!
AL CINEMA INSIEME. STESSA SALA. STESSO FILM.

Emozionarsi e sentire il cinema insieme, questo è Cinema senza Barriere.

Da Marted? 4 novembre, alle ore 21.00, presso lo SPAZIO OBERDAN di Milano, prender? il via la 4^ edizione della rassegna dedicata a chiunque sia appassionato di cinema.

Non un cinema per disabili o per normodotati, ma un?esperienza umana e artistica da condividere con chiunque ami la settima arte come forma di intrattenimento o per passione cinefila.

CINEMA SENZA BARRIERE - un progetto ideato da AIACE Milano, Eva Schwarzwald e Romano Fattorossi, con il sostegno degli Assessorati alla Cultura, al Lavoro e alle Politiche Sociali della Provincia di Milano e della Fondazione Banca del Monte di Lombardia - ha permesso in questi anni la realizzazione di un SERVIZIO CULTURALE CONTINUATIVO PER PERSONE CON DISABILITA' DELLA VISTA E DELL'UDITO, cui è stato facilitato l?accesso al cinema, intervenendo con audiocommento e sottotitolatura su film di normale distribuzione in sala.

8 le date in calendario:

-4 novembre,
-9 dicembre,
-20 gennaio,
-10 febbraio,
-10 marzo,
-14 aprile,
-12 maggio,
-9 giugno.

Film d?apertura sar? FAME CHIMICA, di Paolo Vari e Antonio Bocola, pellicola cult della Milano Cinematografica e omaggio alla citt? che per prima, nel 2005, si è fatta promotrice di questa iniziativa.

Negli ultimi tre anni, grazie ad A.I.A.C.E.?Milano, Cinema senza Barriere si è esteso anche alle citt? di Roma (Cinema Farnese) e Bari (Multicinema Galleria) ed è in corso un?opera di sensibilizzazione nei confronti del Ministero dei Beni Culturali affinch? in Italia, come accade in altri Paesi Europei, i film siano tecnicamente fruibili dai non vedenti e venga data particolare attenzione a quelli italiani ed europei. 8 milioni di persone affette da disturbi uditivi, oltre mille i bambini che nascono ogni anno con sordit? congenita, oltre 350.000 ciechi totali o parziali e più di 1 milione e mezzo di ipovedenti, sono dati che non possono lasciare indifferenti, soprattutto in un?epoca come la nostra in cui tecnologie sempre più sofisticate devono essere messe al servizio dell?uomo per abbattere barriere un tempo considerate insormontabili.

La parte tecnica del progetto è curata da Raggio Verde con la consulenza dell?ENS (Ente Nazionale Sordi Onlus di Milano) per la sottotitolazione e dell?UIC (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Milano) per il commento audio. Un lavoro di altissima professionalit? che deve essere in grado di offrire un servizio ottimale ad un pubblico molto eterogeneo, dal momento che esistono diverse disabilit? sia uditive sia visive, e che gli spettatori, come è normale, non hanno certo uniformit? di gusto e di emozioni. Sono quindi fondamentali la cura dei contenuti e della forma linguistica così come la voce dell?audio commento il cui compito è dipingere gli scenari e le azioni, senza prendere mai il sopravvento sui dialoghi e sul bisogno di qualsiasi spettatore di mantenere i propri spazi di immaginazione.

Novit? di quest?anno sar? la CINETERMOGRAFIA, cioè la termografia applicata al cinema, un?innovativa ricerca scientifica realizzata in collaborazione con l'Istituto di Fisica Generale e Applicata dell?Universit? degli Studi Milano. Nel corso delle proiezioni sar? registrata l?evoluzione della temperatura corporea degli spettatori al fine di raccogliere dei dati che, adeguatamente elaborati, siano in grado di offrire un quadro dello stato d?animo del pubblico durante la visione del film e quindi permettano di investigare in modo oggettivo il rapporto tra un film e l'emozione di chi lo guarda, oltre che verificare l?efficacia dei mezzi messi a disposizione.

Come nelle passate edizioni, Cinema senza Barriere prosegue il suo percorso di formazione e informazione del pubblico. Corpo offeso o Corpo Trasgressivo? La disabilit? vitale e sorprendente nel cinema, nell?arte, nello sport sar? il titolo del seminario di approfondimento che si svolger? il 21 marzo 2009, sempre presso lo Spazio Oberdan, con l?intento di sviluppare e far conoscere forme di cultura che si pongono all?opposto del concetto di segregazione.

Prenotazione cuffie giorni feriali c/o Cineteca: tel. 02.29005659
Prenotazione cuffie giorni festivi c/o Spazio Oberdan: tel. 02.7740.6300/02

Ingresso: 5 euro senza obbligo di tessera è 2 euro per le persone disabili
Ingresso gratuito per gli accompagnatori dei disabili
</DIV>