Cookie Policy Privacy Policy Un pugno allo stomaco....



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 23
  1. #1
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    ? così Chiara, purtroppo è così, ma la cosa più preoccupante è che a parte che i genitori non sono informati dei loro diritti e del fatto che avendo avuto la parit? queste scuole non possono rifiutare l'inserimento degli alunni disabili (e già era discutibile prima, alla faccia della solidarietà) i genitori stessi quando finalmente qualcuno apre loro gli occhi non fanno nulla perchè hanno paura che i loro figli vengano poi penalizzati, te lo dico per esperienza, nella scuola di mio figlio sono ben tre gli alunni disabili e nessuno di loro ha l'insegnante di sostegno ne l'assistente .


    in un'altra scuola il genitore ha dovuto andare in gita con il figlio perchè l'assistente (ufficiosa) non era disponibile.


    Genitori svegliatevi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!! !!!!!
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  4. #3
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    838
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" width="100%" UNABLE="&#111;n">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off">


    Purtroppo non mi stupisco....in una scuola di suore...cosiddette timorate di Dio....non hanno preso una bimba della mi vicina di casaperchè semplicemente dove abito io sono case minime cioè case popolari per persone con basso reddito...e quindi noi tutti siamoconsiderati i poveri della zona.....


    Pensa se avessi dovuto andare io in quella scuola, oltre che povera disabile insomma una vera tragedia umana .........DOPPIA DISABILIT? FISICA ED ECONOMICA</TD></TR>
    <TR hb_tag="1" UNABLE="&#111;n">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>
    nb



  5. #4
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Il problema che non avete preso in considerazione è che il fondo pergli insegnanti di sostegno nelle scuole private paritarie? esiguo ed inoltre? la scuola che deve anticipare i costiper poi attendere mesi e mesi il rimborso da parte dello Stato.


    Come se tutto ciò non bastasse, la richiesta da parte della scuola deve essere inoltrata, per quel che so io, molto tempo prima rispetto ad una scuola statale.


    Un esempio pratico: ammettendo di voler iscrivere il proprio figlio disabile in una scuola paritaria per l'anno scolastico successivo, è opportuno sceglierla ed accordarsi con la direzione didattica entro il mese di novembre affinch? i tempi di espletamento della pratica ed il suo iter burocratico vadano a buon fine e la scuola possa rientrare tra quelle che potranno ottenere il rimborso in tempi..."veloci", altrimenti lo stesso verr? effettuato l'anno successivo.


    Ecco la ragione per la quale molte scuole paritarie sono restie ad accettare bambini disabili e solo quelle con un cospicuo numeri di alunni si pu? permettere di anticipare i costi.


    Se qualcuno è in grado di smentirmi, lo faccia.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  6. #5
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito

    Ninfabirba, se i genitori non sono in grado di pagare la retta è ovvio che la scuola non abbia accettato la bambina.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  7. #6
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Non sò....non credo sia solo questo. Da quanto mi risulta le scuole
    private hanno l'ambizione di mantenere un certo... standard,
    escludendo quelle situazioni problematiche che, a loro giudizio, non
    manterrebbero il buon nome della scuola. Nulla da contestare su
    questo, al livello giuridico......ma, allora, non dovrebbero nemmeno
    prendere le sovvenzioni dei contribuenti!!!!!!!!
    Questo è il punto, che che se ne dica!
    Se lo stato sovvenziona simili scuole con i soldi di tutti i genitori dei
    bambini con disabilit?, le suddette non possono permettersi di
    rifiutarli a priori, e di fatto questo avviene anche quando il genitore è
    disposto ad accollarsi la retta.
    Mio figlio è stato rifiutato da una di queste scuole "cattoliche" in
    quanto disabile grave e non per problemi economici.
    Nove anni f? io ero una neo mamma alquanto ingenua e
    sprovveduta, ed ho chinato la testa e me ne sono andata con il mio
    fagottino biondo....adesso non sono più disposta a tollerare che
    questo succeda ancora ad altri genitori.



  8. #7
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    838
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" width="100%" UNABLE="&#111;n">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off">no mia cara non è così i genitori erano perfettamente in grado di pagare la retta il poblema si è posto solo nel momento in cui è stato chiesto l'indirizzo dell'abitazione....mia cara, guarda che chi abita nelle famose case popolari,così dette minime semplicemente perchè sono gestite dal comune, lavora.</TD></TR>
    <TR hb_tag="1" UNABLE="&#111;n">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>
    nb



  9. #8
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,450
    Thanked: 15

    Predefinito



    le scuole paritarie con la parit? hanno acquisito diritti e doveri uno fra questi l'inserimento degli alunni disabili, la questione è che pensano ancora di essere parte di un'elite e di potere così scoraggiare le famiglie, mmmmmmmmmmmmmmmmmmpotrei raccontarvene tante ,ma in separata sede , per ovvi motivi.


    Liberissime di scegliersi gli alunni, ma allora rinuncino alla parit?, saluti,marina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  10. #9
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Ninfabirba, prendo atto dalle tue parole chequella famiglia è in grado di pagare la retta ma affermare che tutti coloro che vivono nelle case popolari lavorano è un'eresia.


    Mia madre è una dama della San Vincenzo e ti assicuro che le richieste di aiuti provengono proprio dalle famiglie in stato di disagio che abitano nelle case popolari e non mi riferisco agli anziani.


    Ragazze madri, mogli con mariti in carcere, disoccupati cronici (la maggior parte perchè non hanno voglia di lavorare), oltre a chi ha seri problemi di salute, ecc.


    Ne avrei di storie da raccontare....
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  11. #10
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    838
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" UNABLE="&#111;n" width="100%">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off">


    bene lasciamo perdere la mia opinione sulle famose Dame di San Vincenzo.......scusa sai, ma se devo comprare una macchina o quant'altro hovoglia di comprare bastache pago....e ottengo guarda che non interessa a nessuno dove abito cara....anzi ti dir? di più non è sempre detto che chi piange è quello che ha più bisogno. La Nonna mi diceva sempre daia chi ride e togli a chipiange, a volte è vero....


    In ogni caso io non sto a sindacare sui motivi che possano portare a scegliere una scuola piuttosto che un'altra, ma come qualcuno ha già detto mi sa che il problema delle scuole paritarie sia un problema di elite cioètutti ricchi tutti belli tutti sanie facoltosi...poise capita il calimero della situazione è meglio mollare uno studente piuttosto che essere declassati..........


    Comunque gira e rigira è sempre lo stesso problema...al giorno d'oggi bisogna essere tutti belli ricchi e possidenti immuni da germi ed eventuali malattie altrimenti fuori caput....via.......


    </TD></TR>
    <TR UNABLE="&#111;n" hb_tag="1">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>
    nb



  12. #11
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    114
    Thanked: 0

    Predefinito



    queste scuole rifiutano i disabili anche per paura di perdere gli iscritti dei cosi' detti normali.Molte mamme, che pagano la scuola, non gradiscono che i figli debbano stare insieme ad un ragazzo con dei problemi e quindi cambierebbero scuola. E' sempre una questione di interessi, comunque non mi meraviglio affatto, lo ho sempre saputo, non dovevo vedere le iene. La', dove si predica bene si razzola sempre male anzi peggio. Io personalmente non scegliere mai delle suorine per affidargli un bambino disabile, ne ho conosciute veramente molte poche cheabbiano veramente un apertura mentale da favorire il loro inserimento.


    ciao





  13. #12
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    hihihhihi! Tersicore, non sò come sono le case popolari di Milano ma
    per quelle di Roma ti posso dire che vi abitano persino milionari (de
    euri)!
    Nel mio palazzo, molto ben situato in un'ottima zona di Roma, al
    primo piano abita una famiglia la cui moglie è intestataria della
    maggioranza degli appartamenti di un paese Abbruzzese, delle
    famiglie che vi abitano il 90 % sono proprietari di più di una villetta
    per le vacanze (rigorosamente fuori comune di Roma...ma alcuni
    sono perfini più sfacciati ed hanno appartamenti anche nel comune),
    senza contare le autovetture parcheggiate sotto casa che vengono
    cambiate anche ogni sei mesi e...potrei continuare.
    Il pentolone delle così dette case popolari nessuno ha interesse a
    sollevarlo perchè ci hanno mangiato e continuano a mangiarci tutti
    indistintamente, sia a sinistra che a destra: st? di fatto che abitare in
    una casa popolare a Roma è come dire di aver vinto alla lotteria....



  14. #13
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Fair, che ci siano anche persone che pur avendo perso da tempo il titolo per poter vivere in una casa popolare in relazione al reddito e continuano a starci, è un altro discorso.


    E' stata l'affermazione di Ninfabirba che tutti coloro che vivono nelle case popolari hanno un lavoro, che non è vera.


    Tornando al discorso scuola, personalmente sono contraria a qualsiasi tipo di sovvenzione statale alle scuole private, sia laiche che religiose, edovrebbero esistere solo se, come si diceva una volta, sono legalmente riconosciute.


    Insomma, ho una forma mentis di tipo statunitense, dove la maggior parte delle scuole sono private e quelle pubbliche sono per il proletariato.


    Pi? paghi, migliore sar? la scuola e maggiori saranno gli sbocchi professionali una volta terminato il corso di studi.


    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  15. #14
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10
    Thanked: 0

    Predefinito

    Infatti e' notevole l'intelligenza degli Americani ,mhaaaaaaa!!!
    mimmo



  16. #15
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,737
    Thanked: 84

    Predefinito



    Non ha seguito tutto, ma chi le vuole le scuole private?


    Parecchie-non posso generalizzare- sono inferiori alla più scalcinata scuola pubblica. Inoltre a volte i genitori hanno la puzza sotto il naso e i bambini vengono addestrati a farsela venire.


    Infatti qui pare che il problema sia che non voglionobambini "diversi" per abilit? o provenienza sociale.


    Ho un'esperienza non molto approfondita ma piuttosto variegata di scuole private (due settimane di asilo, tre anni di medie, poi ho insegnato per quasi due anni in un liceo scientifico carissimo del centro di Milano,pagato in nero perchè non laureato) e le ho trovate tutte al di sotto degli standard minimi per qualit? di insegnamento e rapporti umani.


    Ma sono passati tanti anni, sicuramente sono migliorate


    Franco





  17. #16
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,267
    Thanked: 0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Colpo Doppio


    Non ha seguito tutto, ma chi le vuole le scuole private?


    Parecchie-non posso generalizzare- sono inferiori alla più scalcinata scuola pubblica. Inoltre a volte i genitori hanno la puzza sotto il naso e i bambini vengono addestrati a farsela venire.


    Infatti qui pare che il problema sia che non voglionobambini "diversi" per abilit? o provenienza sociale.


    Ho un'esperienza non molto approfondita ma piuttosto variegata di scuole private (due settimane di asilo, tre anni di medie, poi ho insegnato per quasi due anni in un liceo scientifico carissimo del centro di Milano,pagato in nero perchè non laureato) e le ho trovate tutte al di sotto degli standard minimi per qualit? di insegnamento e rapporti umani.


    Ma sono passati tanti anni, sicuramente sono migliorate


    Franco

    HAI SCRITTO COSE INECCEPIBILI.Ho girato in qualit? di commissario per gli esami di maturit?nelle scuole private&nbsp ; e il livello di preparazione riscontrato è stato davvero infimo.Nella stragrande maggioranza,sono dei diplomifici per ricchi somari.Bisognerebbe rilanciare la scuola pubblica e valorizzare i tanti insegnanti che profondono li' il massimo impegno.Le scuole confessionali e non..non sono il massimo del pluralismo e soprattutto non formano culturalmente,n? educano.?poi odioso,leggere di discriminazioni nei confronti dialunni disabili.La scuola pubblica,avr? tante pecche,ma dal punto di vista dell'integrazione e accoglienza di tutti, a prescindere dalle condizioni personali dell'allievo,resta ancora un valido punto di riferimento per l'intero paese.



  18. #17
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,737
    Thanked: 84

    Predefinito



    Diplomifici...per non dire altro.


    Ve ne racconto una bellina. Avevo tre quinte e una quarta scientifico, e agli esami di riparazione mi arriva il preside con aria imbarazzata, dicento cheuno studente di quartaper sbaglio si era preparato in scienze anzich? in matematica e quindi avrei dovuto essere comprensivo...


    Gli ho risposto: benissimo, allora lo interrogher? in scienze! Imbarazzo, scambio di sguardi sgomenti tra il preside e il ragazzo...


    Io ero uno studente preso per una supplenza che poi si è prolungata per quasi due anni, non ero un membro del sistemae non si sapeva bene come prendermi.


    Poi ho mollato, gli ho fatto qualche domandina facile facile, tanto era già tutto scritto, chi me lo faceva fare di lottare per la serietà degli esami?... Comunque ho avuto la soddisfazione che non hanno provato a offrirmi nulla, nemmeno un caff?.


    Franco



  19. #18
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    58
    Thanked: 0

    Predefinito



    Le scuole paritarie esistono grazie alla Signora Moratti, non che i suoi predecessori abbiano fatto meglio ma la succitata signora ha certamente peggiorato una situazione già precaria ( idem pergli insegnati di sostegno).


    Spero solo che alle prossime elezioni ci ricorderemo di questo.





    Saluti



  20. #19
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,214
    Thanked: 119

    Predefinito



    Ahahahahah Albatros, vivi proprio nel cielo!


    Presumo tu abbia frequentato solo scuole pubbliche nella tua vita.


    Ordunque, ti rinfresco le idee: prima della riforma Moratti le scuole private sono sempre esistite e si classificavano in due modi: quelle legalmente riconosciute e quelle parificate.


    La sostanziale differenza tra questi due tipi di scuola consisteva nel fatto che gli studenti iscritti a quelle parificate dovevano, ad ogni fine anno scolastico, sostenere presso una scuola pubblica gli esami d'idoneit? per essere ammessi alla classe successiva.
    Maria Laura

    Citazione: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)



  21. #20
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,627
    Thanked: 50

    Predefinito

    Sono d'accordissimo con Marina. La scuola privata per esercitare
    accetta alcune regole e fra queste c'e' quello dell'inserimento dei
    bambini disabili. Il fatto che i soldi arrivano in ritardo e'
    irrilevante, come suol dirsi "oneri e onori".
    Claudio



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •