Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 41 a 53 di 53
  1. #41
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,439
    Thanked: 15

    Predefinito



    che non siano più quegli anni ne sono consapevole, che ci si debba per? adeguare al marciume di oggi noooooooooooooooooooooooooo, io stavo sempre in giro con le amiche , gli amici, senza paure , senza trasgressioni, i miei genitori stavano e a ragione tranquilli, il mondo è cambiato , in peggio ,e non per mia responsabilit?, come genitore stavo e sto tranquilla e vigile per?, ben cosapevole che i tempi sono cambiati , ho aspettato sempre sveglia, mia figlia quando a 20 anni andava in discoteca e come entrava in casa io potevo vedere come stava e come era, ero sicura allora e lo sono tutt'ora che se uno dei miei figli avesse "fumato"o peggio, me ne sarei accorta , questo non succedespesso nei genitori di oggi che sicuri che i loro figli mai ,,,,,non si preoccupano mai di guardarli negli occhi, di parlare di qualcosa di piùserioche no sia la discoteca o l'ultimo film.


    il rapporto con i giovani si costruisce quando sono piccoli e puoi insegnare loro anche con l'esempio che cosa si pu? fare e che cosa invece no, sono convinta anch'io che non si nasca delinquente, ladro drogato o quan'altro ma non basta neppure metterli al mondo questi figli e poi lasciare che siano loro adecidere cosa fare o non fare, un genitore attento al benessere del proprio figlio non si accontenta che il proprio figlio vada a "una festa" il genitore attento sa a che festa va suo figlio , scusa sai ma parlo per esperienza personale che poi questa possa essere considerato un attentato alla sua libert? di azione allora mi sembra proprio un po' troppo comodo che non cisi voglia rendere conto che si è sempre responsabili delle scelte dei figli e se qualche volta un NO deciso e impopolare fa retrocedere da questa responsabilit? ebeh allora questo è un altro discorso.


    se mio figli si sente un po' già non deve essere lo spinello a consolarlo o a dargli forza, è da me genitore che deve cercare e trovare conforto e appoggio , certo è impegnativo essere sempre presenti anche quando non lo siamo fisicamente, ma è così importante per loro


    ? questa rassegnazione del tanto lo si fa che non capisco, è questa accettazione del tanto uno spinello che fa che non capisco, è questa debolezza nel combattere le cose non giuste che non condivido.


    Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it


  2.      


  3. #42
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    228
    Thanked: 0

    Predefinito



    Non è accettazione n? rassegnazione, n? debolezza.
    Ci sono cose che per te sono sbagliate, per altri no.
    Un tempo le madri che organizzavano i matrimoni combinati alle figlie, usavano la stessa identica argomentazione.
    E sono certo che non lo facevano con cattiveria, ma credendo di fare il bene della loro figlia, cercandole un marito adatto per non farle soffrire.
    Ora, col passare del tempo, credo che anche tu non tollereresti un intrusione di questo tipo, e mai la applicheresti ai tuoi figli.
    Una madre "di un tempo" dovrebbe dire che anche tu sei debole, rassegnata, e che hai paura di diventare impopolare non facendo queste imposizioni?


    Non è che noi accettiamo lo spinello perchè siamo deboli o rassegnati. Per noi (anzi per me), lo accetto perchè non rappresenta il male per mio figlio.
    Ben altre saranno le delusioni, le difficolt?, le mazzate, che uno spinello fumato con i suoi amici, che male (per me) non pu? fargli. Io vorrei cercare di stargli vicino, di esserci, e a volte ci vuole molto più forza a lasciare uscire un figlio, con tutte le incognite del caso, per insegnarli ad approcciarsi con la vita da solo (perchè poi da solo rimarr?), che a segregarlo senza dargli la possibilit? di fare i suoi sbagli, come tutti noi li abbiamo fatti. Ma che ci hanno anche resi quelli che siamo oggi.


    <u><font face=\"Verdana, Arial, Helvetica, sans-serif\"><font size=\"2\"><font color=blue>Liberatutti</u> : la community che ti viene a trovare!</font></font>



  4. #43
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,439
    Thanked: 15

    Predefinito



    una mamma attenta è ben diversa da una mamma che combina addirittura il matrimonio per la figlia,. dai non passiamo agli estremi,


    segregarlo , libert? , ma la via di mezzo non la conoscete? e dite a me che il giusto sta nel mezzo?


    gli sbagli che possiamo avere fatto noi eranobazzecole (almeno i miei) in confronto a quello a cui vanno incontro i nostri figli, ci sono sbagli che segnano tutta la vita ecco ,io questi ho cercato di evitarli ai miei figli , sono meno forti? non credo,


    ci sono dei compagni di mio figlio che la sera invece di studiare vanno in birreria, si ubriacano sovente e il mattino vanno a scuola inebetiti e queste sono le esperienze che è giusto che facciano? poi il genitore si stupisce se ha tutte le materie sotto? ma che fa sto genitore oltre a dirgli divertiti fai le esperienze che così cresci.........................
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  5. #44
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    228
    Thanked: 0

    Predefinito



    Continuo a ripetere che esistono fior di genitori, pur non essendo chiocce apprensive. E che godono del pieno rispetto e dell'attenzione dei figli anche se non cercano di infrufolarsi costantemente nella loro vita.


    Io ho avuto una madre estremamente apprensiva, e sai l'unico risultato che ha ottenuto con me? Il silenzio.
    Perch? se confidandole 1, lei voleva sapere 10, ho scelto di confidare 0.
    Qualunque cosa mi chiedeva, otteneva un forse, non so, chi lo sa.
    Se fosse venuta a sindacare su quali feste facevano per me e quali no, sicuramente avrei trovato un altro posto dove stare.


    Ho avuto la fortuna invece, di poter conoscere, anzi di aver avuto amici, tossicodipendenti, omosessuali, persone con hiv. Pi? di una volta mi è capitato da ragazzo di dover andare in questura, poich? mi accompagnavo a persone giudicate sospette (e spesso, specie 20 anni fa, bastava un taglio di capelli, un vestito strano).


    Eppure anche in mezzo a queste persone mi sono formato, e ho conosciuto esperienze e sensibilit? ignote, a tanti forse più rispettabili compagni di scuola.


    Posso ritenere a buona ragione, di conoscere la tossicodipenza senza averla provata, di conoscere i pericoli di alcune cose e situazioni, senza esserci passato.


    Ho visto ragazzi più "chiocciolosi", passare nel giro di due mesi dal fare la passeggiata domenicale in centro con mamma e pap? e detestare l'odore delle sigarette a diventare eroinomani con l'epatite (nonch? ladri e truffatori). Perch? non avevano la più pallida idea di quelli che erano i veri pericoli, non avevano visto la droga neanche in cartolina, e pensavano ovviamente "a me? io sono molto più forte di quei barboni cenciosi".
    E le loro famiglie, così sicure di avere la situazione sotto controllo, di avere il figlio intelligente, bravo a scuola, di "sane amicizie", mai e poi mai avrebbero sospettato la verità. Fino alla sparizione degli ori di casa almeno.


    Che gli sbagli che si potevano fare 30 anni fa siano bazzeccole rispetto a quelli che pu? fare un ragazzo di oggi, è una tua interpretazione.


    30 anni fa si potevano fare gli stessi sbagli di oggi, terrorismo, teppismo, droga, gravidanze indesiderate, ma quando siamo giovani noi ci sembrano tutte bazzeccole, quando dobbiamo parlare dei giovani, diventano tutti mostri terribili.


    <u><font face=\"Verdana, Arial, Helvetica, sans-serif\"><font size=\"2\"><font color=blue>Liberatutti</u> : la community che ti viene a trovare!</font></font>



  6. #45
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,625
    Thanked: 50

    Predefinito

    Marina,



    qual'e' "il mezzo"? Quello che per te e' il mezzo per altri potrebbe essere estremismo...



    Dai su, che anche i nostri genitori ci consideravano dei debosciati. I
    Beatles erano considerati la personificazione del male, la minigonna di
    Mary Quant una depravazione, i capelloni ragazzi perduti per sempre.
    Chi ascoltava Deep Purple, Led Zeppelin, Jethro Tull, Pink Floyd era
    considerato un adoratore del demonio, e io che ascoltavo Stairway to
    Heaven quasi tutti i giorni nemmno mi ero accorto che sentendolo
    all'incontrario (chi cavolo va a sentirlo un disco al contrario?) ad un
    certo punto c'e' un suono che vagamente somiglia a "Satan".

    Perfino la Carra' col suo ombelico di fuori era considerata una
    depravata,il marcio della societa', non farmi ricordare gli epiteti
    riservateli da mia madre.., ora invece e' il massimo del sentimentalismo....



    Siamo noi quaranta-cinquantenni che non riusciamo spesso ad adattarci
    al mondo che cambia e consideriamo tutto cio' che e' diverso dai nostri
    tempi "marciume". Tu pensa che fra 30 anni questi ragazzi di oggi
    diranno che i giovani di domani non hanno ideali, mentre ai loro
    tempi.... I nostri genitori avevano degli ideali che noi sicuramente
    non approvavamo, erano sbagliati i loro o i nostri?



    Comunque per ritornare allo spinello, il proibizionismo non ha
    funzionato. Non sarebbe il caso di tentare un approccio diverso? Come
    si dice : "sbagliare e' umano, ma perserverare....".






    Claudio



  7. #46
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,380
    Thanked: 0

    Predefinito

    Diabolikussss!
    State calmi se potete...
    Salvo

    Redazione rendiamo accessibile il sito.Grazie!



  8. #47
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    [QUOTE=mammamarina] quando veramente c'era il probizionismo e
    cioè quando drogarsi non era permesso? e parlo di circa? 30 - 40
    anni fa (poco più o poco meno) non era permesso dalla legge e si era
    passibili di arresto, tutti questi giovani persi a causa della droga
    nonc'erano o erano in minoranza , anche lo spinello lo? fumavano
    principarlemente nelle scuole In o i benestanti, insomma la
    maggioranza aveva altre cose di cui preoccuparsi e impegnarsi si era
    più sani dentro, da quando è stata in parte(alla grande) ?
    depenalizzato l'uso personale?? stato un susseguirsi di nuove droghe
    molto più pesanti dello spinello, e oggigiorno sempre di più ne
    arrivano sul mercato, non vorrete mica farmi intendere? che avendo
    aperto un varco (forse allora a fin di bene) sul versante
    proibizionismo? si sia rivelata una scelta giusta? tutti questi giovani?
    dediti alla droga ci sarebbero se le maglie fossero più strette? [/
    QUOTE]
    Mar?...benedetta donna ma chi te le ha dette ste cose?
    Forse la tossicodipendenza era una cosa da nascondere
    maggiormente ma ti assicuro che è stato proprio il proibizionismo a
    creare la diffusione capillare ed ormai ingestibile della
    tossicodipendenza sia da alcool che da droga!
    Non ho letto tutto gli interventi ed ora st? uscendo, per cui li legger?
    con calma dopo. Ho lavorato per più di 15 anni in servizi per
    tossicodipendenti, per cui credo di avere, se non altro, un'idea
    abbastanza chiara del fenomeno. Un tempo, all'inizio del mio lavoro,
    credevo anche io che liberalizzare le droghe fosse un'eresia....con il
    tempo mi sono resa conto che le droghe sono già libere....
    E' facilissimo poter trovare uno spinello o un kg di cocaina: basta
    avere i soldi.
    E non crediate che inasprendo le pene o controllando maggiormente
    tutto e tutti (a parte che non basterebbero i poliziotti...) si riesce a
    limitare la diffusione e la disponibilit? delle sostante stupefacenti a
    chiunque! Se le persone riescono a drogarsi perfino in carcere, come
    pensate d'illudervi che con la repressione e la proibizione il
    fenomeno si attenui?
    Devo uscire....ma provate a rispondere alle mie domande e poi ne
    riparliamo.....



  9. #48
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    8,380
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ma dove vai????


    A quest'ora poi???


    Simone ha fameee!


    State calmi se potete...
    Salvo

    Redazione rendiamo accessibile il sito.Grazie!



  10. #49
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,439
    Thanked: 15

    Predefinito

    Chiar? ma tu c'eri nel 1965-70, io si ragazzina, moglie e mamma e ti posso assicurare che non avevo tempo di pensare a drogarmi e eravamo in molti impegnati più a costrurci seriamente la vita che pensare a come sballarci.
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  11. #50
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Congo
    Messaggi
    2,301
    Thanked: 0

    Predefinito

    pensa che riesco pure a lavorare con buoni risultati fumandomi un bel cannone... e nel frattempo ascolto pure la musica rock ...i miei clienti ignari dicono che sono una persona moooooolto seria ...pensa se mi vedessero ...a rischio di disoccupazione!

    ora vado a cucinare, dicono che faccio bene pure quello devo solo fare attenzione a non sbagliare le spezie

    massò, il mondo è bello perchè è vario, senz'altrissimo sei una ottima mamma...ma lo è anche la mia per?, eh!

    buon appetito/digestione a tutti





  12. #51
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mammamarina

    che non siano più quegli anni ne sono
    consapevole, che ci si debba per? adeguare al marciume di oggi
    noooooooooooooooooooooooooo, io stavo sempre in giro con le
    amiche , gli amici, senza paure , senza trasgressioni, i miei genitori
    stavano e a ragione tranquilli, il mondo è cambiato , in peggio ,e non
    per mia responsabilit?, come genitore stavo e sto tranquilla e vigile
    per?, ben cosapevole che i tempi sono cambiati

    ?
    Ma tu sei sicura che i tuoi stavano tranquilli quando eri in giro con i
    tuoi amiciò
    E se lo erano veramente, sei convinta che lo fossero perchè non
    c'erano pericoli in giro oppure perchè sapevano che eri una ragazza
    responsabile ed avevano fiducia in te?
    Vigilare sui propri figli non vuol dire "controllarli", vuol dire,
    piuttosto, esser sempre disponibili al confronto ed al loro supporto.
    I figli hanno diritto di sbagliare, perchè anche attraverso lo sbaglio si
    diventa adulti, ma devono sempre sapere di poter contare su degli
    adulti significativi (come i genitori) sul loro sostegno e sulla loro
    disponibilit? al confronto per schiarisi le idee.

    Non sono, invece, d'accordo con Sgrunt e Idrogeno sull'idea che
    occorra ormai considerare l'uso della cannibis come una valvola di
    sfogo.
    Esistono delle valvole di sfogo migliori dello "sballo"e, sicuramente,
    molto più salutari. Anche la scelta che un individuo f? tra le " valvole
    di sfogo" racconta parecchio sulle carenze, fragilit? o sulla grinta che
    ci mette nell'affrontare la vita.....



  13. #52
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Congo
    Messaggi
    2,301
    Thanked: 0

    Predefinito

    ..a parte che ho ammesso in uno dei miei messaggi che è triste dover
    ricorrere ad una canna o agli alcolici come valvola di sfogo o per
    rapportarci meglio con gli altri, il fatto è che come dici tu di
    valvole di sfogo ne esistono tante più o meno salutari, ma cos'?
    salutare o pure no, questo è tutto da dimostrare. ripeto che è giusto
    essere informati e dare il giusto peso a ciò che si fa o che si usa.

    ho imparato con il passare degli anni a ponderare le mie scelte e
    siccome non sono un tipo "statico" ho fatto le mie esperienze
    prendendole come tali e senza dovermici soffermare per troppo a lungo.

    ora ho 30 anni, fino ai 15 quand'ero sano come maggior interesse
    giocavo a basket, dai 15 ai 23 circa la mia attivit? principale è stata
    quella di fare tanta riabilitazione per poter essere indipendente al
    100% (e da 6 anni lo sono), dai 18 ai 22 ogni fine settimana era
    dedicato a bevute selvagge con gli amici (amici che ho tutt'ora) dove
    molto annebbiati ci raccontavamo di tutto, anche + del dovuto...un
    effetto disibinitorio molto elevato..tant'? che nonostante in carozzina
    trovai il coraggio ogni volta che ebbi l'occasione di "ballare" in
    mezzo alla gente in discoteca, conoscendo tantissima gente e tante
    belle pulzelle...dai 22 è gia tanto se bevo una birra ogni 2 mesi..se
    penso a quanto bevevo in quei frangenti mi viene volta allo
    stomaco..non lo rifarei ma nonostante le controindicazioni devo dire
    che probabilmente in quel periodo mi serviva quello...mi viene da
    sorridere quando vado in un locale e vedo i ragazzi di 10 anni più
    giovani di me che si comportano allo stesso modo mio dell'epoca (spero
    che anche loro facciano guidare un amico lucido quando tornano a
    casa)...

    dai 19 ai 23 ho cantato in un gruppo e mi sono divertito pure li, dai
    14 ai 25 ho fumato canne ogni tanto quando mi
    capitava l'occasione, dai 25 ad oggi ne faccio uso
    giornaliero come uso terapeutico, devo riscontrare che non mi
    da le stesse sensazioni che mi dava quando ero +
    giovane, penso sia una questione di testo e/o di umori e/o di scopo,
    dai 26 ad oggi convivo con una splendida donna, con 1 cane 2 gatti e
    una ventina di pesci, da 3 anni lavoro in modo costante, in un campo
    che mi piace molto, da 2 anni guido e non ho neanche rigato la
    macchina, heheeh.........insomma ho avuto carenze fragilit? grinta un
    po alla volta assieme e durante l'arco dei miei trant'anni, molte cose
    all'epoca avevano un valore ora ne hanno un altro domani magari le
    vedr? ancora in un altro modo...non mi permetto di fare lo psicologo e
    dire cosa è più giusto oppure no e tantomeno voglio rapportare il mio
    essere con quello di un altro.

    mi piacerebbe che ognuno potesse vivere le proprie esperienze senza che
    esse siano etichettate dai sapientoni come giuste o sbagliate..

    io ho vissuto in una certa maniera e alla fine ho ottenuto quello che
    volevo come si prospetta qualsiasi comune mortale, magari nella
    prossima vita otterr? tutto questo in modo diverso...come valvole di
    sfogo forse non avr? il fumo ma guarder? 5 o 6 ore la televisione
    ,tra un programma della de filippi e qualche ora di playstation, magari
    seguir? la moda e mi metter? pure io un maglioncino rosa e vedr? in
    modo strano chi non la segue, se avr? la sin senso buono... di aver qualche altro
    problema senz'altro mi imbottir? di medicine rendendo il mio fegato
    come un pastiglione gigante e sosterr? che chi fuma sta sprecando la
    sua vita anche se vivr? in una citt? ignaro che viverci è come fumare
    15 sigarette vivendo in campagna e odier? queste persone cannate
    nonostante le mie 2 o tre ore di telefonate col cellulare che mi
    irradia salubramente il cervello mentra mangiando un bel hamburger del
    mcdonald assieme ad una buonissima bibita gassata far? shopping
    spendendo 150 euro per una paio di scarpe di gomma, sò perchè in
    televisione mi handetto che fan traspirare la pelle altro che i sandali
    che si mettono in india, beh del resto loro con 150 euro ci posono
    vivere 6 mesi...poverini...che non possono mettersi le scarpe di
    gomma!!!

    ironizzo su cosa ci è dato giusto e non giusto, sano e non sano, morale ed immorale...la libert? è proprio lontana anni luce...





  14. #53
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    18
    Thanked: 0

    Predefinito



    Beh io ho iniziato verso i 16 e ho smesso verso i diciotto, alcool compreso..


    ? l'età...,poi capisci che puoi stare bene.. e divertirti anche senza fumare...


    Ho conosciuto varie persone che hanno iniziato a farsi di ero..troppo presto... e ora è difficile uscirne..


    per quanto mi riguarda il mio fegato è gia distrutto..dall'alcool..





    e quando fumi non pensi alle conseguenze...


    ciao


    silvia



  15.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •