Cookie Policy Privacy Policy Di spinello si può morire - Pagina 5



Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 81 a 89 di 89
  1. #81
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Congo
    Messaggi
    2,301
    Thanked: 0

    Predefinito

    le statistiche non vanno osservate solo da un'angolatura..l'uso d ashish e marijuana è diventato quasi uso comune, dovrebbero fare un'inchiesta e statistica su chi ha provato lo spinello almeno una volta in vita sua e in questo modo sarebbe dimostrato come la percentuale di chi si fuma gli spinelli e passi all'eroina sia bassissima.

    poi sti eroinomani che trovano la scusa dei loro disagi per bucarsi mi fanno proprio ridere..? come se in questo forum, dove dei problemi reali ci sono, tutti si facessero le pere per risolverli...ma perfavore..chi si buca è solo un emerito testa di bip: è noto anche alle galline che crea dipendenza e si muore con l'eroina

    Redazione, accessibiliamo? [img]smileys/smiley23.gif[/img]


  2.      


  3. #82
    Senior Member L'avatar di BILANCINETTA85
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Venezia
    Messaggi
    9,995
    Thanked: 1

    Predefinito

    ? narghil? tammi



  4. #83
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,260
    Thanked: 0

    Predefinito

    ops ... il forum istruisce mmm neeeeeeeeee... bilancinetta che è in gamba!



  5. #84
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Cremona
    Messaggi
    8,839
    Thanked: 1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da idrogeno
    le statistiche non vanno osservate solo da un'angolatura..l'uso d ashish e marijuana è diventato quasi uso comune, dovrebbero fare un'inchiesta e statistica su chi ha provato lo spinello almeno una volta in vita sua e in questo modo sarebbe dimostrato come la percentuale di chi si fuma gli spinelli e passi all'eroina sia bassissima.

    poi sti eroinomani che trovano la scusa dei loro disagi per bucarsi mi fanno proprio ridere..? come se in questo forum, dove dei problemi reali ci sono, tutti si facessero le pere per risolverli...ma perfavore..chi si buca è solo un emerito testa di bip: è noto anche alle galline che crea dipendenza e si muore con l'eroina
    Morto in aula dopo uno spinello, l'autopsia non chiarisce i dubbi
    Il medico legale: ?Non si muore per un normale spinello?. Non sono state evidenziate malformazioni congenite n? patologie tali da causare la morte del giovane. Attesi gli esiti dei test tossicologici.
    Vai all'articolo: http://www.corriere.it/vivimilano/cr...icoli/2007/05_ Maggio/18/autopsia_quindicenne_spinello.shtml



    Uploaded with ImageShack.us



  6. #85
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    1,818
    Thanked: 0

    Predefinito



    Riporto qui di seguito la lettera di uno studente:
    <DIV =>18 Maggio 2007</DIV>
    <H2>E uno studente scrive per la scuola delle Persone </H2>





    Traggo dai commenti alla lettera pubblicata qualche giorno fa questa riflessione di Ivan, studente eccellente della VaF del Liceo Pedagogico di Rimini.
    La scuola continua, anche in questi giorni di bizzarra commemorazione del suo ruolo, a soffrire un brutale smarrimento morale: e dallo spinello per cui tremendamente si muore si passa alla lezione di rollaggio realizzata da un insegnante evidentemente assai confuso sui suoi doveri.
    La televisione azzanna ogni cosa e - mentre Dell?Utri è condannato in silenzio- i ragazzi interpretano indifferentemente i ruoli dei carnefici e delle vittime.
    Questa nuova lettera dalla scuola invece sembra dire con forza: c?? chi riesce a pretendere ancora qualcosa da questa sceneggiatura chiamata Italia. E allora ben venga prestargli ascolto.




    <BLOCKQUOTE>


    Alcune mie considerazioni.
    Questo è stato il momento in cui ha preso voce la parola degli studenti. Essi vengono sempre rimproverati del fatto che odiano la scuola, che la vedono come nemica. In realt? gli studenti credono ancora in quella Istituzione che da qualche anno a questa parte gli ha abbandonati.
    I professori, o per un motivo o per l?altro, sono sempre più demotivati nel loro lavoro. Si presentano è tutte è le mattine a scuola perchè ?? Perch? quello è il loro lavoro e non più la loro passione.


    In realt? uno deve essere docente perchè sente una forza vitale che lo spinge a svolgere tale professione. Il vero docente non vede la sua professione come professione, come lavoro, ma come filosofia, indicata con la sua più stretta accezione di: amore per la sapienza.Io ho visto nel mio cammino docenti che hanno insegnato e insegnano tutt?ora perchè nel farlo, loro si sentono realizzati, perchè il mestiere che stanno facendo non lo svolgono come pu? farlo un operaio, il quale come unico fine ha quello di attendere impaziente la fine del mese per ricevere il suo stipendio, ma lo svolgono perchè il loro obiettivo primario è ?creare? persone che sappiano utilizzare la propria intelligenza, persone che coltiveranno al meglio il loro potenziale, persone che sappiano poi un giorno affrontare quella che è veramente la vita. L?obiettivo è vedere, a fine percorso scolastico, delle Persone. Persone dotate di civiltà, di educazione, di responsabilit?, di rispetto verso le differenze e verso l?ambiente etc.


    Ho visto durante il mio curriculum scolastico docenti che quando citavano Dante, Seneca etc., i loro occhi incominciavano a brillare dall?emozione, dalla gioia del solo citarli. Questi docenti fanno così vivere anche noi questa grande gioia che loro provano. è bello, tutto ciò è davvero bello.
    Allo stesso tempo questi stessi professori, alle volte, in classe, hanno pianto, ma non più per la gioia nel citare certi autori, ma per l?impotenza di fronte a delle oscenit? che accadono nella scuola. S?, perchè questi professori che hanno pianto, amano la scuola, come molti di noi studenti.
    Non pensiate che gli studenti diffidino della scuola.
    Purtroppo, per?, il rapporto che c?? tra studente e alunno non è uno dei più idilliaci, a parte alcune eccezioni. Infatti, il rapporto che si crea è di totale sfiducia di uno nell?altro. Il professore crede che quel determinato comportamento adottato dal ragazzo è messo in atto solo per nuocere al docente e così avviene il viceversa.
    Molto spesso, per?, il docente, che ormai ha completamente perso la figura di educatore, si sente al di sopra degli studenti, non mostrando e non ammettendo mai i propri errori. E questo è un male. In realt? il vero professore deve anche capire e ammettere i propri sbagli.


    Questa presa di coscienza permetter? la crescita non solo personale del docente, ma anche all?alunno. La crescita deve avvenire insieme, nel senso che alle volte è l?alunno a dover mostrare gli errori commessi dai professori. Ma questa non è certo un?accusa o un rimprovero. è semplicemente una delle caratteristiche dell?uomo. L?essere umano, infatti, non smette mai di fare errori e quindi non smette mai di crescere sempre più.
    Il rapporto che si deve instaurare tra studente e docente, quindi, è un rapporto di tipo familiare con l?aggiunta necessaria del dovuto rispetto. è chiaro d?altronde che esiste il Professore e lo Studente, due personalit? distinte, ognuna con un proprio status, quindi con un proprio ruolo, ma che al contempo collaborino insieme per una crescita comune.


    Scusate per questi lunghi ?discorsi?.
    Saluto.
    Ivan


    fonte:http://www.albardellosport.net/2007/05/18/uno-studente -scrive-per-una-scuola-delle-persone/


    </BLOCKQUOTE>



  7. #86
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    2,782
    Thanked: 0

    Predefinito

    Io sono fortemente contrario; al professore che insegna a rollare; il professore (che a casa sua pu? fare quelo che vuole), in classe deve mantenere determinati contegni e comportamenti. Io sono un antiproibizionista (spero che non venga chiesta la censura) ma un professore ha ben altri doveri che insegnare come rollare (che si impara benissimo sulla strrada)
    Meglio essere un UBRIACONE FAMOSO piuttosto che un ALCOLISTA ANONIMO

    FOTO-GRANDE



  8. #87
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    3,260
    Thanked: 0

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da firetrip
    Io sono fortemente contrario; al professore che insegna a rollare; il professore (che a casa sua pu? fare quelo che vuole), in classe deve mantenere determinati contegni e comportamenti. Io sono un antiproibizionista (spero che non venga chiesta la censura) ma un professore ha ben altri doveri che insegnare come rollare (che si impara benissimo sulla strrada)

    e perchè no? con il costo di un pacchetto di sigarette ... è meglio imparare a rollare ... il tabacco costa meno!



  9. #88
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    2,782
    Thanked: 0

    Predefinito

    TAMMI

    Ma va a .......

    Hai capito benissimo cosa intendevo dire

    Meglio essere un UBRIACONE FAMOSO piuttosto che un ALCOLISTA ANONIMO

    FOTO-GRANDE



  10. #89
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Cremona
    Messaggi
    8,839
    Thanked: 1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hiroshima


    Riporto qui di seguito la lettera di uno studente:
    <DIV ="">18 Maggio 2007</DIV>
    <H2>E uno studente scrive per la scuola delle Persone </H2>





    Traggo dai commenti alla lettera pubblicata qualche giorno fa questa riflessione di Ivan, studente eccellente della VaF del Liceo Pedagogico di Rimini.
    La scuola continua, anche in questi giorni di bizzarra commemorazione del suo ruolo, a soffrire un brutale smarrimento morale: e dallo spinello per cui tremendamente si muore si passa alla lezione di rollaggio realizzata da un insegnante evidentemente assai confuso sui suoi doveri.
    La televisione azzanna ogni cosa e - mentre Dell?Utri è condannato in silenzio- i ragazzi interpretano indifferentemente i ruoli dei carnefici e delle vittime.
    Questa nuova lettera dalla scuola invece sembra dire con forza: c?? chi riesce a pretendere ancora qualcosa da questa sceneggiatura chiamata Italia. E allora ben venga prestargli ascolto.




    <BLOCKQUOTE>


    Alcune mie considerazioni.
    Questo è stato il momento in cui ha preso voce la parola degli studenti. Essi vengono sempre rimproverati del fatto che odiano la scuola, che la vedono come nemica. In realt? gli studenti credono ancora in quella Istituzione che da qualche anno a questa parte gli ha abbandonati.
    I professori, o per un motivo o per l?altro, sono sempre più demotivati nel loro lavoro. Si presentano è tutte è le mattine a scuola perchè ?? Perch? quello è il loro lavoro e non più la loro passione.


    In realt? uno deve essere docente perchè sente una forza vitale che lo spinge a svolgere tale professione. Il vero docente non vede la sua professione come professione, come lavoro, ma come filosofia, indicata con la sua più stretta accezione di: amore per la sapienza.Io ho visto nel mio cammino docenti che hanno insegnato e insegnano tutt?ora perchè nel farlo, loro si sentono realizzati, perchè il mestiere che stanno facendo non lo svolgono come pu? farlo un operaio, il quale come unico fine ha quello di attendere impaziente la fine del mese per ricevere il suo stipendio, ma lo svolgono perchè il loro obiettivo primario è ?creare? persone che sappiano utilizzare la propria intelligenza, persone che coltiveranno al meglio il loro potenziale, persone che sappiano poi un giorno affrontare quella che è veramente la vita. L?obiettivo è vedere, a fine percorso scolastico, delle Persone. Persone dotate di civiltà, di educazione, di responsabilit?, di rispetto verso le differenze e verso l?ambiente etc.


    Ho visto durante il mio curriculum scolastico docenti che quando citavano Dante, Seneca etc., i loro occhi incominciavano a brillare dall?emozione, dalla gioia del solo citarli. Questi docenti fanno così vivere anche noi questa grande gioia che loro provano. è bello, tutto ciò è davvero bello.
    Allo stesso tempo questi stessi professori, alle volte, in classe, hanno pianto, ma non più per la gioia nel citare certi autori, ma per l?impotenza di fronte a delle oscenit? che accadono nella scuola. S?, perchè questi professori che hanno pianto, amano la scuola, come molti di noi studenti.
    Non pensiate che gli studenti diffidino della scuola.
    Purtroppo, per?, il rapporto che c?? tra studente e alunno non è uno dei più idilliaci, a parte alcune eccezioni. Infatti, il rapporto che si crea è di totale sfiducia di uno nell?altro. Il professore crede che quel determinato comportamento adottato dal ragazzo è messo in atto solo per nuocere al docente e così avviene il viceversa.
    Molto spesso, per?, il docente, che ormai ha completamente perso la figura di educatore, si sente al di sopra degli studenti, non mostrando e non ammettendo mai i propri errori. E questo è un male. In realt? il vero professore deve anche capire e ammettere i propri sbagli.


    Questa presa di coscienza permetter? la crescita non solo personale del docente, ma anche all?alunno. La crescita deve avvenire insieme, nel senso che alle volte è l?alunno a dover mostrare gli errori commessi dai professori. Ma questa non è certo un?accusa o un rimprovero. è semplicemente una delle caratteristiche dell?uomo. L?essere umano, infatti, non smette mai di fare errori e quindi non smette mai di crescere sempre più.
    Il rapporto che si deve instaurare tra studente e docente, quindi, è un rapporto di tipo familiare con l?aggiunta necessaria del dovuto rispetto. è chiaro d?altronde che esiste il Professore e lo Studente, due personalit? distinte, ognuna con un proprio status, quindi con un proprio ruolo, ma che al contempo collaborino insieme per una crescita comune.


    Scusate per questi lunghi ?discorsi?.
    Saluto.
    Ivan


    fonte:http://www.albardellosport.net/2007/05/18/uno-studente -scrive-per-una-scuola-delle-persone/


    </BLOCKQUOTE>
    ? impossibile non dare ragione a questi ragazzi!



    Uploaded with ImageShack.us



  11.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •