Cookie Policy Privacy Policy ...la casta...



Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: ...la casta...

  1. #1
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    11,424
    Thanked: 50

    Predefinito



    <A id=thelink ="return fitsInWindow();"></A>





    .."


    Questo libro corrosivo e documentatissimo spiega come la classe dirigente del Paese sia diventata una casta di intoccabili, pronti a sguazzare negli sprechi e nei privilegi delle principali istituzioni statali e delle amministrazioni locali. Racconta il business siciliano delle cliniche private e gli appalti per lo smaltimento delle scorie nucleari russe, le scandalose rendite di posizione dei sedicenti rappresentanti dei pensionati e delle casalinghe e l'indecente e matematico riciclaggio dei trombati alle elezioni. Senza guardare in faccia a nessuno, Stella e Rizzo vogliono suscitare quella sana indignazione da cui dovrebbe nascere la necessaria ribellione dei cittadini. "...


  2.      


  3. #2
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Jersey
    Messaggi
    2,749
    Thanked: 56

    Predefinito

    CIAO FRADAGA,

    quello che segnali tu è un grosso problema: quello che non piace invece, è che la gente fa finta di non voler sapere, molti vogliono minimizzare perchè, a fronte del problema esposto (subdolo, sottile, fastidioso) nessuno sa o vuole porre rimedio, nessuno si vuole impegnare perchè non è un problema che mi riguarda.

    </span>E, quel che è peggio, è il riscontrare che, da sempre, è così.

    Tutti vogliamo il benessere, se possibile magari anche qualcosa di più del benessere: non tutti ci chiediamo per?, cosa costa a qualche altra persona il nostro benessere.

    Ecco che allora, a cominciare dalla storia più remota, più lontana, è cominciato il concetto del bella omnium contra omnes, cioè guerra di tutti contro tutto</span> (per dirla con Hobbes).

    Ed ecco che è nato lo schiavismo, ed ecco che non è ancora finito lo sfruttamento del potente nei confronti di chi potente non ?, e che, per sopravvivere, deve sottostare a dei compromessi. Che sono tanto più pesanti quanto più bassa è la scala sociale in cui si trova l'individuo.

    Si sperava che, con la democrazia, questi fenomeni sarebbero spariti: invece, come vediamo, non sono spariti. Si sono magari affievoliti, mimetizzati, mascherati, ma non sono estinti.

    Perch? la natura dell'uomo è quella che vediamo, non quella che vorremmo che fosse.

    Speriamo che il domani sia migliore: nel frattempo cerchiamo di sopravvivere all'oggi.

    Cordialit? a tutti.
    </span>

    marinotunger



  4. #3
    Senior Member L'avatar di bai
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    7,403
    Thanked: 5

    Predefinito



    ? perchè la natura dell'uomo è quella che è , che l'uomo stessosi è dotato di leggi, rinunciando ognuno ad un pezzo di libert?, sempre a dirla con hobbes


    roberto



  5.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •