ROMA ASILI NIDO: <?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />
MUNICIPIO INACCESSIBILE PER MAMME CON PASSEGGINI

AN: ?centinaia di BAMBINI per soli 230 posti?

clicca per vedere foto mamma che solleva passeggino e situazione asili nido

?Termineranno il 3 maggio le sofferenze delle mamme con i passeggini che si recheranno al Municipio Roma XVI nella speranza di iscrivere i propri figli agli asili nido del territorio? lo dichiarano con una nota <?:namespace prefix = st1 ns = "urn:schemas-microsoft-comffice:smarttags" /><st1:Pers&#111;nName ProductID="FABRIZIO SANTORI" w:st="&#111;n">Fabrizio SANTORI</st1:Pers&#111;nName> (An), capogruppo del Municipio Roma XVI, Marco VALENTE, vicepresidente della commissione lavori pubblici, e Antonio AUMENTA, consiglieri di AN del Municipio Roma XVI.

?Ogni giorno dal 2 aprile, data di apertura delle iscrizioni, numerose mamme, con i propri bambini, per raggiungere gli uffici pubblici posti in Via Fabiola a Monteverde, trasportano, sollevandole, le carrozzine fino al primo piano affrontando numerose rampe di scale poich? l?accesso del Municipio è limitato dalla presenza di barriere architettoniche e la pedana elettrica posta all?ingresso è inutilizzabile, - denuncia la nota è ma dopo il danno arriver? anche la beffa, la vera sorpresa, infatti, raggiunger? le famiglie romane alla chiusura delle iscrizioni: si prevede un?affluenza che raggiunger? le 800 richieste e saranno solo 230 i posti disponibili negli asili nido?.

?Non solo casi di limitazione di accesso e discriminazione delle categorie svantaggiate causati dal Comune di Roma è conclude la nota è ma l?esigua presenza delle strutture per i più piccoli si abbatter? anche quest?anno sulle famiglie della Capitale che dovranno provvedere in altro modo alla sistemazione dei propri bambini. Rimaniamo in attesa, ormai da 14 anni, di un cambiamento delle politiche per l?infanzia nei municipi e il grave ritardo nell?apertura delle due nuove strutture ai Colli Portuensi e a Vignaccia, promesse ormai da decenni, potr? risolvere il problema a soli 100 bambini mentre per gli altri numerosi nuclei familiari coinvolti ci sar? un nuovo anno costellato di difficolt? e disagi sociali ed economiciò.