Il respiro profondo del mare,
non turba la mia quiete.<?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" />
Sulla spiaggia in silenzio,
ascolto le mille voci del notte.
Inseguo pensieri confusi,
fatti di sogni e di ricordi.
Penso a lei ch?? andata via,
a lei che non ritorner?.
Penso a lui che mi dava forza,
a lui che mi proteggeva.
Alle mille donne che non ho incontrato,
all?unica che mi ha amato.
A tutte le occasioni perse, a tutte le ferite.
Penso al mare, alla sua voce, al suo richiamo.
Penso a Martin Eden che ha seguito la sua voce,
lasciandosi cullare nel suo abbraccio,
dolce,mortale ed immortale