Cookie Policy Privacy Policy P2P: Normativa europea pericolosa



Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Novellino del Forum L'avatar di Spartan
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    353
    Thanked: 0

    Predefinito

    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1938302&r=PI

    speriamo si riesca a fermare
    gia' 4 mila utenti p2p identificati!!!

    Dammi ora e luogo e ti do cinque minuti: qualunque cosa accada in quei cinque minuti sono con te, ma ti avverto, qualunque cosa accada un minuto dopo sei da solo. Io guido e basta!


  2.      


  3. #2
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    11
    Thanked: 0

    Predefinito



    purtroppo penso proprio non si possa fermare.... ho letto su un forum che hanno creato più di 1milione di server "fasulli" atti ad identificare e localizzare gli utenti del p2p che si collegano a quei server.


    quindi vi consiglio di togliere l'opzione del aggiornamento delle liste serve di emule alla connessione, e procuratevi su google qualche lista di server sicuri!


    consiglio : utilizzate DonkeyServer e Big Bang
    Chiedere è lecito, rispondere è cortesia, rompere il caxxo è prassi!



  4. #3
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,629
    Thanked: 50

    Predefinito

    Ma scusa perche' chi gli vieta alla Guardia di Finanza di connettersi a DonkeyServer e BigBang, scambiare files con te e registrare il tuo IP?

    Non credo che esista in tal senso un server sicuro, ogni server e' quello buono...

    Claudio



  5. #4
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    11
    Thanked: 0

    Predefinito



    Certo su quello hai perfettamente ragione ma in questo caso... non dovremo nemmeno più uscire di casa!


    Ho consigliato quei due server perchè sono sicuro non siano server spia.... quello che volevo dire io è che esistono interi server spia....
    Chiedere è lecito, rispondere è cortesia, rompere il caxxo è prassi!



  6. #5
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Brindisi
    Messaggi
    381
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE cellSpacing=0 cellPadding=3 width=627 align=left bgColor=#f7f7f7 ="Chiudi()"><T>
    <T>
    <TR>
    <TD colSpan=3>
    <DIV id=titolohome2>P2P, ?no? del Parlamento europeo a sanzioni penali</DIV></TD></TR>
    <TR>
    <TD vAlign=top colSpan=3>
    <DIV ="sottotitolo"></DIV>

    <DIV ="doc_origin">? da L'Unit? on line del 29 marzo 2007</DIV>

    <DIV ="testo"><!--

    -->
    di Giovanni Visone</DIV>


    Scaricare musica da Internet non è reato. A stabilirlo è la direttiva approvata dalla commissione giuridica del Parlamento europeo che, per la prima volta, stabilisce sanzioni penali per il reato di contraffazione commerciale. A salvare gli utenti della Rete dai falchi del diritto d?autore è un emendamento presentato dal relatore italiano della proposta, il diessino Nicola Zingaretti, che recita: ?Per violazione commessa su scala commerciale si intende ogni violazione di un diritto della proprietà intellettuale effettuata per ottenere vantaggi economici o commerciali con esclusione di norma degli atti effettuati dagli utenti privati per finalit? non lucrative?. Grazie a questa formulazione viene escluso da ogni sanzione penale l?uso di Internet da parte di singoli utenti, a cominciare dalla condivisione di file audio e video (file sharing) e dal loro scambio fra pari (peer to peer).

    La direttiva votata la scorsa settimana a Bruxelles è di quelle pesanti. Dichiara guerra aperta ad un giro d?affari illegale di centinaia di miliardi di euro in tutto il mondo (sette miliardi l?anno solo in Italia), sguinzagliando squadre investigative in tutti i Paesi dell?Unione europea. Per chi sgarra si pu? arrivare alla detenzione fino a quattro anni e a sanzioni pecuniarie dai 100mila ai 300mila euro. Di fronte ad un quadro così apocalittico deve essere bastato un po? di buon senso per convincere gli europarlamentari a mettere definitivamente da parte la vecchia diatriba: scaricare musica da Internet è reato? No, e non lo sar? mai più.

    Una risposta che, fino a poche settimane fa, appariva tutt?altro che scontata. Quando la delibera avr? completato il suo iter a Bruxelles, gli utenti della Rete potranno tirare un bel sospiro di sollievo. Quel che dice l?Europa è legge anche per gli Stati nazionali. Per capire quanto valga questa decisione basti leggere la risposta inviata solo pochi giorni fa dal ministro per i beni culturali Francesco Rutelli ad una petizione dell?associazione Altroconsumo: ?La distorta pratica del file sharing è si legge - deve essere sanzionata. Circoscrivere - come auspicato da Altroconsumo - i confini del reato al solo esercizio di un'impresa commerciale operante attraverso il file sharing su scala commerciale oltre che provocare un sensibile ed ingiusto danno per gli autori e gli editori, potrebbe comportare nell'opinione pubblica un deprecabile indebolimento del giudizio di disvalore nei riguardi di un comportamento che - pur di minore pericolosit? sociale rispetto all'organizzazione su scala commerciale - è comunque abusivo ed illegale, con effetti molto pregiudizievoli su di un fenomeno che già assume dimensioni gravi?. Altro che depenalizzazione.

    ? anche vero che, ad ulteriore garanzia dei patiti del file sharing, è arrivata, a metà gennaio, una sentenza della Terza sezione penale della Corte di Cassazione, che ha accolto il ricorso di due studenti torinesi, cancellando la condanna che era stata loro inflitta dalla Corte d?Appello per aver creato un network per lo scambio di file di musica, video e videogiochi: non era reato perchè non c?erano fini di lucro. Esattamente quello che, oggi, ripete l?Europa. Una sentenza, per?, che si riferiva alla legislazione italiana pre-decreto Urbani. Se il reato fosse stato commesso qualche mese dopo, probabilmente la sorte dei due sarebbe stata diversa.

    In Italia, tre anni fa, si accese il dibattito sul decreto Urbani contro la pirateria informatica. Il provvedimento, nella sua prima formulazione, prevedeva pene severissime anche per gli utenti della Rete: fino a quattro anni di reclusione, multe fino a 15.493 euro, la confisca delle apparecchiature informatiche, la pubblicazione del nome del trasgressore su uno o più giornali a tiratura nazionale. La protesta di internauti, associazioni dei consumatori e dell?opposizione convinse l?allora ministro dei beni culturali a più miti consigli. Rimase tutta via l?ambiguit? di una formulazione che, nell?escludere le sanzioni, aveva sostituito la dicitura "a fini di lucro", con quella "per profitto". E "profitto", spiegavano gli esperti di diritto, è anche il risparmio. Come quello di chi scarica un file per uso personale. Almeno fino a ieri.





    Insomma... questo articolo dice che il peer2peer senza fine dilucro e per uso personale,dovrebbe diventare lecito - se la direttiva va avanti in questi termini- mentre altri sostengono che il peer2peer sar? maggiormente incriminato.Come stanno le cose allora?</TD></TR></T></T></TABLE>Edited by: leoncello
    Leonardo



  7. #6
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    213
    Thanked: 0

    Predefinito

    meglio usare solo server statici ed evitare l'aggiornamento automatico delle liste e connettersi solo a server presi da liste "sicure "comunque quelle cose l? sono x chi f? traffico e sta 24 ore su 24 a scaricare gb di roba , noi miseri utenti che scarichiamo canzonette , anche se sanno che usiamo emule o altro non verranno mai a casa a perquisirci pc o hard disk .. statene sicuri
    ...is a good wiewpoint to see the world as a dream , when you have a nightmare , you wake up ! and tell yourself that is only a dream ..



  8. #7
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    161
    Thanked: 0

    Predefinito

    non c? solo emule.

    scaricate in BITTorrent , è molto più sicuro

    l`importante e` che diventi *duro* , tutto il resto vaffa-ncu-lo



  9.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •