Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Administrator
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    337
    Thanked: 0

    Predefinito



    Un bambino, fin dal suo concepimento, e poi dalla nascita, mette in crisi ogni coppia.
    Perch? bisogna rivedere i tempi, le priorit?, le disponibilit? ad occuparsi di altro.
    Del resto genitori non si nasce.
    Se poi il figlio ha qualche disabilit? la "scuola" da vivere, come mamma e pap?, è doppia, tripla, se non di più, e le informazioni da conoscere si moltiplicano.
    Quando certe cose le vivi sulla tua pelle, fai anche presto a capire dove ci sono più difficolt?, dove servirebbero più aiuti pubblici, dove la famiglia da sola non arriva. Viene in mente la vicenda presentata da "Nati due volte" di Pontiggia, o le tante storie delle tante famiglie che vivono questa situazione.


    Palla a voi ora: dalla vostra esperienza, qual è il tasto dolente dell'essere genitori di bambini con qualche disabilit?? Dove vi sentite meno supportati?

    Se ne parler? anche alla prossima FieraDiShow, al convegno in programma sabato 31 marzo.


    Uno dei primi ambiti è quello ospedaliero: la diagnosi, l'eventuale terapia, la ricerca di soluzioni possibili.
    C'? anche il sostegno psicologico ai genitori. Soprattutto per accettare una situazione quasi mai preventivata.
    Presto c'è quello fiscale: di assegni familiari ad esempio abbiamo parlato da poco.
    Si vorrebbe anche saperne di più in generale, avere più informazioni sulle opportunit? attivabili.
    Anche nel campo della mobilit?: parcheggi, iva agevolata, altro ancora...
    Poi viene il tempo della scuola. Come funziona per chi ha una disabilit?? Chi ha responsabilit? su cosa?


    A voi la parola!Edited by: administrator


  2.      


  3. #2
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14,440
    Thanked: 15

    Predefinito



    Uno dei primi ambiti è quello ospedaliero: la diagnosi, l'eventuale terapia, la ricerca di soluzioni possibili.


    il più delle volte la diagnosi arriva con tempi molto lunghi, le terapie specie quanto la disabilit? include anche problematiche intellettive non vengono prese in considerazione dai medici come se non valesse la pena di impegnare risorse umane e economiche .


    quando capiranno (tutti quelli che vedono nella disabilit? solo dolore sofferenze problemi, rinunce, ) che la disabilit? non cancella il diritto a una vita piena e dignitosa allora saranno in grado di confrontarsi con noi genitori ecollaborare insieme per trovaretutte le soluzioni per offrire a ognuno il massimo delle opportunit?.


    C'? anche il sostegno psicologico ai genitori. Soprattutto per accettare una situazione quasi mai preventivata


    il sostegno psicologico è di primaria importanza , ma haim? quasi inesistente , e andrebbe offerto a domicilio a seconda degli orari più graditi dalle famiglie.


    Presto c'è quello fiscale: di assegni familiari ad esempio abbiamo parlato da poco.
    il sostegno o agevolazione fiscali per le famiglie con un disabile sono insufficienti , quasi irrisori perchè non tengono conto di tutte le spese, le difficolt? anche economiche a cui deve fare fronte una famiglie con un impegno così gravosoe sarebbe troppo lungo elencarle tutte quì.


    Anche nel campo della mobilit?: parcheggi, iva agevolata, altro ancora.


    TUTTO è DA RIVEDERE in questo caso bisognerebbe tenere conto anche del reddito e delle capacit? economiche della famiglia, è successo di recente che un regale personaggio prevedesse di inoltrare la richiesta di accompagnamentoe agevolazioni varie per la figlioletta , credo che per? tutto questo non possa e non debba essere a carico della collettivit? anche per chi ha ampie possibilit? economiche . insomma il tutto a tutti in questo caso forse non è poi così corretto come invece in altri campi.


    Poi viene il tempo della scuola. Come funziona per chi ha una disabilit?? Chi ha responsabilit? su cosa?


    anche quì , più per sentito dire che per esperienza diretta non andiamo poi così bene anche se indubbiamente l'integrazione scolastica italiana è già una delle migliori, la responsabilit? sulle carenze credo sia di chi dovrebbe controllare che siano rispettate le leggi , in questo caso la 104/92 e la più recente in fatto di discriminazione , insomma il Ministero dell'Istuzione in primis.


    una delle cose più importanti è l'aggiornamento del nomenclatore degli ausili, la tecnologia ha fatto passi da gigante, vi sono carrozzine che costano quanto un'utilitaria che potrebbero cambiare la qualit? della vita delle persone disabili ,ma in pochi possono permetterselo e chi non ha soldi deve rinunciare , i materassi migliori sono a detta degli esperti quelli ad aria , ma un buon materasso ad aria costa 3000 euro, senza parlare poi di fornitura alimenti , pannoloni, canule, girelli, ecc,ecc,


    L'HANDICAP è UN LUSSO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Edited by: mammamarina
    la felicità non è avere il meglio di tutto ma trarre il meglio da tutto quello che si ha!
    http://tiraccontoclaudia.blogspot.com/

    www.claudiabottigelli.it



  4. #3
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    259
    Thanked: 0

    Predefinito

    Ciao, nonmi ero mai posto il problema, visto la mia età, non penso di aver votato con raziocinio, ma il problema è variegato non penso che sia così semplice ma, risolvibile.
    Ho scolpito sulla pelle che chi piange riderà.



  5. #4
    Senior Member L'avatar di ARNOLD_1978
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    8,918
    Thanked: 7

    Predefinito

    Beh direi che in tutti i campi ci sono delle carenze che non facilitano l'inserimento completo del disabile!!



  6.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Clicca su per accettare. Per negare il consenso e saperne di più Leggi qui.
Cliccando su "accetto", scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.