Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 41 a 42 di 42
  1. #41
    Senior Member L'avatar di luni
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    6,660
    Thanked: 39

    Predefinito

    <DIV style="VISIBILITY: ; WIDTH: 0px; HEIGHT: 0px"></DIV>

    <DIV id=centro><A id=view name=view></A>
    <DIV id=interno>
    <DIV =area>Esteri</DIV>
    <DIV =servizint> Invia ad un amico</DIV>
    <DIV =servizint> Versione stampabile </DIV>
    <H2></H2>
    <H1>Iraq, l'ambasciatore Usa: trattiamo con i terroristi da due anni </H1>

    <DIV =txt>
    <DIV =image_left style="WIDTH: 220px"></DIV>


    L'amministrazione americana tratt? in Iraq con i ribelli. A rivelarlo è l'ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq, Zalmay Khalilzad che ha ?confessato? al New York Times di aver incontrato rappresentanti di gruppi insorti sunniti iracheni in vista della formazione del governo dopo le elezioni parlamentari irachene del dicembre 2005.


    ?Ci sono state discussioni con i rappresentanti di vari gruppi dopo le elezioni e durante la formazione del governo, prima dell'episodio di Samarra (l'attentato compiuto da terroristi sunniti al santuario sciita della Moschea d'Oro nel febbraio 2006, che ha inasprito il conflitto fra sciiti e sunniti, ndr), e anche alcuni incontri in seguito?, ha detto Khalilzad al quotidiano statunitense - leggibile nell'edizione online - dalla sua residenza nella Zona Verde di Baghdad.


    E' la prima volta, sottolinea il giornale americano, che un responsabile dell'amministrazione statunitense afferma pubblicamente di aver avuto colloqui con quelli che il quotidiano Usa chiama "insurgents": ribelli, insorti, terroristi, resistenti. Questi incontri sono cominciati all'inizio del 2006 e sono stati i primi tentativi di ottenere contatti permanenti tra gli alti responsabili americani a Baghdad e gli insorti sunniti.


    L'ambasciatore Zhalilzad, che a giorni lascer? Baghdad per diventare il prossimo rappresentante degli Usa alle Nazioni Unite, and? in Giordania, rivela il New York Times, per aver dei colloqui con i rappresentanti di due influenti fazioni nazionaliste: quelli dell'Esercito Islamico dell'Iraq e delle Brigate Rivoluzionarie 1920. Ma sugli incontri il diplomatico preferisce non entrare nei dettagli. Mentre altri ufficiali Usa in Iraq, che preferiscono l'anonimato, racconta il Nyt, ammettono di essere venuti a conoscenza di colloqui con alcuni rappresentanti degli insorti addirittura nell'autunno del 2005. E i gruppi contattati, a differenza di al Qaida in Mesopotamia e di altre sigle, sono iracheni, non hanno capi e combattenti stranieri.


    L'apertura di Khalilzad agli insorti, nota il giornale, sembra contraddire con la posizione ufficiale dell'amministrazione Bush, che fa professione di intransigenza e sposa la line della non trattativa, e non è chiaro se l'ambasciatore abbia chiesto l'autorizzazione a Washington per condurre i colloqui, improntati, nota il New York Times, al senso di realismo e flessibilit?, finalizzati a calmare la violenza. Khalilzad nell'intervista, facendo prova di pragmatismo, ribadisce la sua posizione favorevole ad un'amnistia per gli insorti, che - annuncia - verr? fatta dal governi iracheno e statunitense.


    I contatti ebbero per? alla lunga l'effetto di accrescere la tensione con gli sciiti, che accusarono Khalizad di essere intimamente filo-sunnita in quanto di origini afghane. Ed inoltre non ebbero l'effetto sperato di calmare la violenza settaria: ?Credo che non è andata come avremmo voluto?, dice al Nyt Khalilzad, aggiungendo che ?secondo me il fattore che ha complicato il tutto sia stata l'intensificazione della violenza settaria, in particolare dopo Samarra?. </DIV>
    <DIV id=imgintdx></DIV>
    Pubblicato il: 26.03.07
    Modificato il: 26.03.07 alle ore 10.32</DIV></DIV>
    "Comunque è vero, sono comunista. Non dimentico mai la Bibbia e il Vangelo. E non dimentico mai quello che ha scritto Marx." (Don Gallo)


  2.      


  3. #42
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    27,625
    Thanked: 50

    Predefinito


    Citazione Originariamente Scritto da connyok
    Buasaard non è un controsenso, secondo te erano gli Americani ad avere le chiavi,;
    allora, sono stati loro ad aprire la porta aitettoristi.? Io non credo.
    Allora, prima lo fanno, poi si irritano adducendo che non ne erano stati informati.
    Certo che, il potere decisionale è veramente relativo.
    Prendiamo le donne, stanno lottando per avere una minima decenza umana, ma nonostante
    tutto sono costrette a vivere ancora dietro e dentro un sacco (non ricordo come si chiami),
    Con la poca cultura e la corruzione, dilagante, figuriamoci se i soldati o i poliziotti rispettano
    di più un ordine o legge governativa oppure una bella mazzetta di banconote
    (meglio se di corso Americano o Europeo)

    Ma e' ovvio, ti pare che gli americani possano liberare qualcuno senza far finta che loro sono contrari? Dai...e' stata la ricompensa per Calipari....li hanno liberati come contropartita per l'omicidio di Calipari, pero' mica possono dirtelo, e allora fanno finta di essere contrari...
    Claudio



  4.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Clicca su per accettare. Per negare il consenso e saperne di più Leggi qui.
Cliccando su "accetto", scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.