www.repubblica.it
<DIV =clear></DIV>
<DIV =articolo24ore>
<H2>Palermo, 10:50</H2>
<H1>TENTATI RAPIMENTI DI BIMBI: IDENTIKIT E RICERCHE</H1>


Proseguono serrate le ricerche del presunto autore di almeno uno dei tentativi di rapimento ai danni di due bimbi palermitani denunciati dalle mamme. La polizia di Stato ha esteso le ricerche in tutta Italia. Esiste un identikit che traccia i lineamenti di un uomo fra i 30 e i 35 anni, alto, capelli scuri, nessun segno particolare, forse uno slavo. "Lo abbiamo distribuito a tutte le volanti - afferma il questore Giuseppe Caruso - con qualche particolare in piu' che per ragioni di carattere investigativo preferiamo tenere per noi". Era stato individuato anche un soggetto, ma non e' stato riconosciuto dalla madre di uno dei piccoli. Il primo caso risalirebbe a un mese e mezzo fa e sarebbe avvenuto a piazzale Giotto; l'altro a quindici giorni fa, in via La Farina, all'angolo con la centralissima via Principe di Villafranca. Riguardo alla prima vicenda, i poliziotti hanno raccolto la testimonianza di una casalinga di 32 anni che il 22 gennaio stava portando in giro il figlio di un anno e mezzo quando si e' vista davanti un giovane, probabilmente uno straniero, poi fuggito con il passeggino. Disperata e immediata la reazione della donna che ha spinto con violenza l'uomo e iniziato a gridare, spaventando il rapitore. E' stata lei a ricostruire l'identikit con l'aiuto del personale della sezione reati contro i minori della Squadra mobile, coordinati da Rosaria Maida. "Stavo passeggiando - ha raccontato - quando sono stata avvicinata da un uomo che, arrivato alle spalle, mi ha spinto portando via il passeggino. Non ho capito piu' niente. Correva con il mio bambino e ho cominciato a inseguirlo a gridare con tutto il mio fiato. Forse non se lo aspettava: l'ho raggiunto e a quel punto ha lasciato la carrozzina ed e' scappato a piedi. Non ha detto niente, ma dai tratti somatici credo fosse un uomo dell'Est". Simili le modalita' riferite nel secondo caso, con la differenza che chi ha agito sarebbe sceso da un'auto su cui e' prontamente risalito dopo la rezione della madre. Sono in corso anche per verificare l'esistenza di un legame tra i due tentativi di rapimento che potrebbero avere a che fare con il mercato della pedofilia o delle adozioni clandestine. Il questore parla di episodi circoscritti</DIV>