Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Administrator
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    1,540
    Thanked: 48

    Predefinito



    La storia di Grace, madre premurosa e lavoratrice modello
    Donne che non si arrendono, che non perdono la dignit? e l?orgoglio, a dispetto di una vita di stenti e fatiche. Donne che ce la fanno, che riescono a studiare, a realizzarsi professionalmente, a mantenere i propri figli, anche in Africa. è la storia di Grace, un?infermiera che collabora con Medici con l?Africa Cuamm in Uganda.


    In occasione dell?8 marzo l?invito è a ricordare tutte le donne che, come Grace, lottano e sperano nell?Africa di oggi.


    Grace Kinyera è un?infermiera dell?ospedale di Naggalama. Ha 42 anni ed è madre di cinque figli (rispettivamente di 18, 13, 11, 10 e 6 anni è quelli di 11 e 10 anni sono adottivi - figli di un compagno, che poi è morto).
    Grace è scappata dieci anni fa dal nord per via della guerra, ha lavorato dieci anni a Kampala e da sette è a Naggalama, un ospedale nel sud dell?Uganda supportato da Medici con l?Africa Cuamm. Pur essendo un?infermiera qualificata guadagna appena 150.000 shellini ugandesi, il che corrisponde più o meno a 70 euro al mese. Da quando ha cominciato, nessun aumento di salario, nessuna promozione, nessun corso, perchè l?ospedale non pu? permettersi se non i salari minimi che a Naggalama corrispondono appena al 60% di quelli previsti dal governo locale. è una persona eccellente, dolcissima, serena che lavora duramente, dedicandosi in maniera totale alla farmacia, al di l? del misero salario che riceve. Si riconosce in ciò l?amore e la dedizione in quello che fa, l?affetto che ha per la gente di Naggalama e per i suoi colleghi di cui è rappresentante nel team di gestione dell?ospedale. Ogni volta che il team si riunisce (una volta la settimana), Grace porta, in modo pacato e sincero, tutti i problemi di cui i suoi colleghi si lamentano e cerca, insieme con il resto del gruppo, di dare una risposta.


    Sopravvivere con il salario che l?ospedale le offre, è veramente impossibile. Allora Grace cerca delle alternative per ?arrotondare? lo stipendio: compra della carta reciclata e prepara manualmante le bustine in cui vengono messe le medicine da distribuire ai pazienti dell?ospedale). è l?amministrazione dell?ospedale a comperare da lei le bustine: un lavoro artigianale a cui dedica il fine settimana. Ma gli sforzi di questa donna per assicurare la sopravvivenza sua e dei figli non si fermano qui. Zappa un pezzettino di terra, dove coltiva pomodori, fagioli e altra verdura. Pianta anche i fiori, così il suo piccolo giardino diventa colorato e armonioso. Per far quadrare il bilancio delle sue economie, Grace è sempre molto attenta: aspetta l?epoca degli sconti o va al mercato dove sa che le cose costano meno. Fa dei lunghi viaggi, anche di ore, per raggiungere il mercatino meno costoso, per fare le provviste, conservarle e tenerle per i periodi più duri. Ogni tanto qualcuno la premia e le d? qualche soldo per sostenere le sue finanze. Alcuni volontari di Medici con l?Africa Cuamm continuano a pagare una parte delle tasse scolastiche dei suoi ragazzi. è uno dei casi in cui ?la fortuna aiuta gli audaciò, la gente che non si arrende, la gente che non perde la dignit? e l?orgoglio, a dispetto di una vita di stenti, di uomini che sono passati nella sua vita lasciandole figli e nessuna compagnia, nessun sostegno.


    Da anni, infatti Grace vive da sola. Non proviene da una famiglia agiata, tutt?altro, ma si è costruita da sò. La sua fortuna è stata poter studiare fino ad arrivare al diploma di infermiera. Sogna un giorno di poter approfondire i suoi studi. Ha la speranza che questo prima o poi accada. La religione cattolica, a cui è devotissima, le ha insegnato che i miracoli accadono. E lei spera in un miracolo. Intanto ha messo i suoi sogni nel cassetto e lotta ogni giorno per assicurare la scuola ai suoi ragazzi. Crede fortemente nell?educazione come via di riscatto e di crescita. è una madre lavoratrice modello, come tante, nell?Africa di oggi.





    A cura di Medici con l?Africa Cuamm
    Redazione Disabili.com
    www.disabili.com
    on-line dal 1999!
    insieme oltre le barriere!


  2.      


  3. #2
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,251
    Thanked: 0

    Predefinito

    Una storia che insegna molto e che conferma il rispetto per la grande cultura del popolo africano, senza distinzione di genere.

    A volte la lingua di uno stupido è più affilata del suo cervello



  4. #3
    Senior Member L'avatar di ilpazzo5
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Livorno
    Messaggi
    5,197
    Thanked: 1

    Predefinito



    QUESTA MATTINA SU RAI 1 HANNO TRASMESSO UN SERVIZIO SUL SUO OPERATO.


    QUELLO CHE MI FA PIU' RABBIA E' COME NEL SUO PAESE SIA QUASI PERSEGUITATA PERCHE' CERTE CASTE DI UOMINI NON VOGLIONO RICONOSCERE QUELLO CHE STA FACENDO E LA OSTEGGIANO IN OGNI MODO ANCHE CON VIOLENZE E MINACCIE.
    LA MUSICA E\' IL NUTRIMENTO DELL\' AMORE...CONTINUATE A SUONARE (William Shakespeare)



  5.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Clicca su per accettare. Per negare il consenso e saperne di più Leggi qui.
Cliccando su "accetto", scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.