Cookie Policy Privacy Policy Cile, 11 set 1973



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 26

Discussione: Cile, 11 set 1973

  1. #1
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    215
    Thanked: 0

    Predefinito

    Quasi tutti gli americani sanno che l'11 settembre si riferisce agli orrendi eventi dicinque anni fa quando circa 3000 persone morirono negli attacchi terroristici. Pochi americani, comunque, ricordano che l'11 settembre si riferisce anche al giorno in cui, nel 1973, le forze armate cilene, con l'incoraggiamento e l'aiuto degli Stati Uniti, lanciarono attacchi di terra e di aria contro il palazzo presidenziale, l'ufficio del dottor Salvador Allende, il Presidente eletto. Allende mor? quel mattino. Dopo il golpe si instaur? un regno del terrore in cui 10.000 cileni subirono la tortura, centinaia di migliaia furono costretti all'esilio o fuggirono e le istituzioni democratiche del paese furono sistematicamente distrutte. Il leader del golpe, Generale Augusto Pinochet, rimase dittatore del Cile per diciassette anni, quattro più di Hitler.
    Pinochet grande amico di Nixon, Kissinger, Tatcher
    Gli Stati Uniti, esportatori di democrazia!?!

    Edited by: ciccio70


  2.      


  3. #2
    Senior Member L'avatar di ARNOLD_1978
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    8,918
    Thanked: 7

    Predefinito



    Era l'11 settembre 1973, quando il Generale Augusto Pinochet, aiutato dalla CIA e dai Militari cileni, ribaltava e costringeva al suicidio, il Presidente Salvador Allende.....


    ebbe allora inizio una lunghissima scia sanguinosa che porto alla morte moltissime persone uomini e donne e bambini


    Oggi ha distanza di anni.... non è stata fatta ancora giustizia!


    Assolutamente non sono esportatori di democrazia



  4. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    4,021
    Thanked: 0

    Predefinito

    a kissinger hanno dato il premio nobel per la pace, roba per il popolino



  5. #4
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    131
    Thanked: 0

    Predefinito

    La America Latina è martirizzata da un secolo dagli USA.
    L'episodio cileno è stato uno dei tanti colpi di stato voluti dalla Cia.
    La dottrina Monroe è stata il motore di tutto questo.
    "L'America agli americani"
    AI NORDAMERICANI!!!!!</span>
    Cile,Argentina,Brasile.Uruguay,Paraguay,Nicaragua furono tra i paesi maggiormente colpiti dall'impero americano.
    Da mezzo secolo Cuba fronteggia invitta il vicino nordamericano.
    Comunque ormai l'impero ha perso terreno nella Latin America.
    Speriamo che lo perdano anche nel nostro servo paese,di fatto vera repubblica delle banane europea.</font>



  6. #5
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    131
    Thanked: 0

    Predefinito

    <div style="text-align: center;">
    </div>



  7. #6
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    131
    Thanked: 0

    Predefinito

    <div style="text-align: center;">
    </div>



  8. #7
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    131
    Thanked: 0

    Predefinito

    Le basi americane in Italia.</font>

    Non
    si capisce la posizione filoamericana dell?Italia attuale senza
    considerare il fattore politico rappresentato dalla catena delle basi
    americane, vere basi di occupazione che ha ridotto l'Italia ad una
    grande portaerei USA nel centro del Mediterraneo.

    Le basi
    militari sono un fattore fondamentalissimo, un pivot dell?imperialismo
    americano, del loro sistema di sfruttamento, di rapina, di controllo
    delle ricchezze naturali, dei flussi della forza lavoro, delle droghe,
    dei mezzi finanziari.

    La lotta contro queste basi, per cacciarle
    via, contro la partecipazione dell?Italia alla Nato, è il punto
    politico di maggior importanza per le forze popolari e di classe. E? la
    linea di demarcazione precisa con le forze che hanno scelto la via
    della collaborazione di classe e del tradimento degli interessi
    proletari.

    La catena che tiene l?Italia di oggi in schiavit? ?
    stata costruita dopo la seconda guerra mondiale, col consenso di
    importanti forze del capitale e della politica italiana, in particolare
    la Democrazia Cristiana. L?anno chiave è stato il 1947 e l?avvenimento
    chiave, il viaggio del leader cattolico De Gasperi a Washington. E? la
    consacrazione dell?uso politico imperialista del fondamentalisno
    religioso, vero esempio per i decenni posteriori.

    All?inizio gli
    americani hanno riorganizzato le loro forze che erano arrivata in
    Italia nel corso della Seconda guerra mondiale. Ricordiamo qui che essi
    lasciarono nei giorni successivi la fine della seconda guerra mondiale
    in armi appena sopra Belluno la più efficente divisione corazzata di
    Kesserling in Italia pronti ad usarla contro Mosca e trattarono con la
    X Mas del principe Borghese, tra le forze più criminali e virulenye del
    fascismo che utilizzeranno poi in seguito negli anni 60-70.

    Sono
    già passati sessant?anni da quando gli americani sono arrivati in
    qust?area strategica e questo ci puo? illuminare sulla velocit? con la
    quale si apprestano ad abbandonare l?area ancor più strategica
    dell?Iraq)


    Le basi americane avevano una funzione anti paesi
    socialisti. Le forze maggiori le hanno piazzate nel Nord Est (Veneto e
    Friuli) un territorio, un saliente che si incunea a Est.

    A
    qualche chilometro a Nord di Pordenone(Friuli) si trova la grande base
    aerea di Aviano, circondato da grandi depositi di armi nucleari, vero
    ferro di lancia della guerra contro la Jugoslavia.Si tratta con
    Ramstein in Germania della più grande basa aerea Usa in Europa, spesso
    visitata da presidenti anericani e dai massini capi militari. Adesso la
    base, secondo il progetto Aviano 2000, sta ingrandendosi, questo a
    dimostrazione delle vere intenzioni americane, che sono tutte dirette a
    mantenere il controllo sull?Europa, sulle rotte del petrolio sul
    Medioriente e i suoi dintorni.

    Nelle retrovie di Aviano, a
    qualche decina di chilometri, a Vicenza, c?? la grande base di Canp
    Ederle con migliaia di truppe aereotrasportate della 173 brigata .
    Queste forze ora sono sia in Afghanistan, sia in iraq del Nord dove
    sono state paracadutate con il più grande sbarco aereo dalla seconda
    guerra mondiale. Loro obiettivo specifico è la guardia ai campi
    petroliferi di Kirkuk. Attorno qa Vicenza un aeroporto e dei siti con
    armamento anche atomico.

    A Verona c?? il comando Nato terrestre Sud Europa.

    Presso
    Pisa a Camp Darby c?? la base logistica strategica, il più grande
    deposito di materiale bellico americano del mondo. Si è vista bene
    l?importanza di questi siti nella recente aggressione all?Iraq.

    Il
    comando navale americano per il Mediterraneo e l?Europa è a Napoli e le
    sue basi principali sono a Napoli, Gaeta, in Sardegna (La Maddalena).

    Un?altra
    grande base è in Sicilia a Sigonella. Alle basi anericane sono
    suburdinate le basi Nato, terrestri, aeree, navali (importanti ora, a
    causa della direzione dell?attacco imperialista, quelle della Puglia,
    quelle di Taranto, Gioia del Colle).

    Le basi americane in Italia
    hanno avuto dal loro inizio un?importanza capitale nella strategia
    imperialista avente come obiettivo cardine la lotta contro il
    socialismo, contro I paesi socialisti dell?Europa de l?Est e contro il
    movimento operaio in Italia. Esse hanno garantito la restaurazione
    piena del potere della borghesia in Italia, compromessa profondamente
    col fascismo e messa in difficolt? dal grande sviluppo della resistenza
    operaia e popolare al nazifascismo.

    Quando in Italia di nuovo
    questo potere borghese è stato scosso dalle lotte dei lqvoratori, degli
    studenti e degli altri strati popolari (negli anni 60-70) dalle basi
    americane è partita una guerra antipopolare di bassa tensione
    (strategia della tensione) già sperimentata in Grecia e altrove. In
    particolare ricordiamo qui l?organizzazione terrorista nera la Rosa dei
    Venti (che è l?emblema della Nato) organizzata da militari di di
    destra-come il colonnello Spiazzi di Verona- legati agli americani.
    Della lotta armata di sinistra degli anni 70 si sa oramai tutto, niente
    invece si sa nessuna luce è stata fatta sulle stragi nere, sulle stragi
    che noi abbiamo chiamato di Stato ma meglio sarebbe chiamare di Nato.

    Importante,
    decisiva è l?influenza economica, il potere di corruzione delle basi
    americane. Un esempio : per proteggere la loro base strategica di Camp
    Ederle a Vicenza, gli americani hanno favorito al massimo le
    esportazioni dell?oro del Sud Africa verso Vicenza, verso quel
    didtretto di oreficeria industriale. La fiera dell?oro di Vicenza ?
    divenuta la più importanta del mondo e Vicenza una capitale della
    lavorazione dell?oro. E nello stesso tempo il politico capo
    democristiano della zona, Mariano Rumor, uno degli uomini politici più
    importanti dell?Italia sel secondodopoguerra.

    Dalle loro basi
    gli americani hanno diffuso nel paese non solo I loro prodotti, I loro
    Mac Donald, la loro Coca Cola, ma la loro organizzazione del lavoro, la
    loro deregulation, il loro neoliberismo, la loro è cultura è di
    sopprafazione, di ineguaglianza, di dominio. Basta ricordare che le
    loro truppe sono al di sopra delle leggi nazionali italiane, anche
    quando provocano dei massacri di civili italiani, come nel caso del
    taglio del cavo della teleferica del Cermis, compiuto da un aereo
    americano che si addestrava per andare a bombardare la Jugoslavia e che
    provoco? decine di morti. La giustizia italiana non ha potuto
    incolparli e quellqa americana li ha completamente assolti.

    Nei
    tempi recenti abbiamo visto con a guerra di Jugoslavia e con quella
    dell?Iraq l?importanza militare di quete basi. Non dimentichiamoci mai
    della loro importanza politica e sociale, i contatti coi settori
    reazionari italiani : loggia p2, I promotori delle leggi d?eccezione, i
    maggioritari, i settori economici e politici che sono per la
    deregulation, per l?attacco alle conquiste dei lavoratori, uomini e
    settori del capitale che sono al governo e dominano anche nella ?
    opposizione ?

    Contro questq rete infernale si sono battute
    generazioni di operai, di lavoratori, di giovani. Ogni ciclo di lotta
    di classe in Italia ha espresso come obiettivo maggiore 5 e non solo
    nelle canzoni che naturalmente non mancano) la cacciata delle basi
    americane.

    Dai partigiani della pace degli anni 50 che si sono
    battuti contro l?adesione alla Nato, alla lotta degli anni ?60 per
    sostenere l?eroicqa lotta del popolo vietnamita, che ci mostra bene
    ancor oggi come costruire un fronte popolare antimperialista a
    direzione proletaria, come già avevano fatto del resto Stalin e Mao
    nelle loro guerre popolari.

    Abbiamo ripreso adesso nel ciclo di
    Seattle le manifestazioni contro le basi, in questi tempi di nuova
    crisi generale e di guerra imperialista.

    L?obiettivo della
    cacciata delle basi americane dalle nostre terre, ora più che mai, ?
    l?obiettivo centrale attorno al quale costruire il fronte antiguerra e
    il fronte di classe e popolare in Italia.

    La lotta contro le
    basi americane è il punto centrale, pratico che raccorda il lavoro di
    costruzione, di unificazione dei comunisti, degli imperialisti, del
    fronte controguerra, parte strategica,centrale del fronte popolare
    allargato.

    Nelle ultime settimane in tutta l?Italia si sono
    sviluppate continue iniziative contro le basi americane : iniziative di
    protesta e di presidio contro Camp Ederle a Vicenza, contro
    l?aereoporto di Aviano, contro la base logistica di Camp Darby a Pisa,
    contro le basi della Sardegna, di Napoli, Gaeta, Sigonella in Sicilia e
    altre ancora. Noi abbiamo cercato anche di bloccare I treni della morte
    che trasportavano armi e carriarmati dalle basi a Camp Darby e da qui
    all?Iraq. Abbiamo avuto in qualche caso successo. Il movimento contro
    la guerra non ha mai avuro un?ampiezza simile.

    Ma come lo sviluppo del movimento contro la guerra è stato enorme, cosi? la sua caduta è adesso grande. Perch? ?

    Bisogna
    dire chiaramente che ci sono state delle grandi faglie, delle debolezze
    nel movimento. Il movimento contro la guerra infatti è stato molto
    largo, ma la direzione della maggioranza delle masse impegnate è ancora
    in mano ai riformisti, agli opportunisti, ai socialdemocratici, poich?
    I rivoluzionari in Italia sono in scacco, sono incapaci di riunirsi e
    di formare quel nocciolo duro di cui abbisogna il movimento contro la
    guerra imperialista, per continuare a lottare fino alla vittoria. Tutto
    il fronte contro la guerra rischia di saldarsi rapidamente se non si
    costruisce questa struttura. Questo è di gran lunga il compito maggiore
    per icomunisti d?Italia. Bisogna che anche gli italiani costruiscano il
    loro anello, nella catena mondiale è globale come si dice oggi- di
    solidarietà, di fraternit?, catena internazionale che andr? a
    resistere, a combattere, a strangolare, a vincere l?idra imperialista.

    A
    ogni crisi imperialista generale la sua guerra mondiale. A ogni guerra
    mondiale la sua rivoluzione. Tutte le nostre forze alla sua
    preparazione, al suo sviluppo.

    Resistiamo uniti !

    Resistiamo ! Resistiamo !

    Alla fine la vittoria sar? dei popoli !
    </font>
    http://www.ptb.be/scripts/article.ph...0006&amp;lang= 5&amp;bNoStat=1



  9. #8
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    131
    Thanked: 0

    Predefinito

    YANKEES GO HOME!</font>

    Basi Aeree USA in Europa
    </font>
    Tra
    le più importanti: in Gran Bretagna: nome della base: Alcombury
    (localit?: Huntingdon; provincia o regione: Cambridgeshire); Molesworth
    (Huntingdon, Cambridgeshire); Upwood (Ramsey, Cambridgeshire); Fairford
    (Fairford, Gloucestershire); Feltwell (Thetford, Norfolk); Lakenheath
    (Lakenheath, Suffolk); Mildenhall (Mildenhall, Suffolk); Croughton
    (Croughton). In Germania: Brasschaat (Mannheim-Sandhofen,
    Baden-Wuerttemberg); Heidelberg o Patton Barracks (Heidelberg,
    Baden-Wuerttemberg); Stuttgart (Stuttgart-Echterdingen,
    Baden-Wuerttemberg); Giebelstadt (Giebelstadt-Wuerzburg, Bayern);
    Grafenwoehr (Grafenwoehr, Bayern); Hohenfels-CMTC
    (Hohenfels-Regensburg, Bayern); Katterbach Barracks (Ansbach, Bayern);
    Storck Barracks (Illesheim, Bayern); Schweinfurt-Conn Barracks
    (Schweinfurt, Bayern); Armstrong Army Heliport (Buedingen, Hessen);
    Hanau-Fliegerhorst Kaserne (Hanau, Hessen); Wiesbaden
    (Wiesbaden-Erbenheim, Hessen); Rhein-Main (Frankfurt/Main, Hessen);
    Geilenkirchen (Teveren, Nordrhein-Westfalen); Ramstein (Ramstein,
    Rheinland-Pfalz); Sembach (Kaiserslautern, Rheinland-Pfalz);
    Spangdahlem (Spangdahlem, Rheinland-Pfalz); Einsiedlerhof
    (Kaiserslautern, Rheinland-Pfalz). In Islanda: NAS Keflavik
    (Reykjanes). In Norvegia: Sola Sea (Sola Sea); Stavanger (Stavanger).
    In Danimarca: Thule (Thule, Groenlandia). In Olanda: Soesterberg
    (Soesterberg). In Belgio: Brasschaat (Brasschaat). In Francia: Istres
    (Marsiglia). In Ungheria: Taszar (Pecs). In Spagna: NAS Rota (Rota);
    Moron (Sevilla); San Vito (San Vito). In Portogallo: Lajes Field
    (Terceira Island, Azores). In Bosnia Herzegovina: Camp Comanche. In
    Macedonia: Camp Able Sentry (Skopje); Camp Monteith-Army (Gnjilane);
    Camp Bondsteel-Army (Urosevac). In Grecia: Souda Bay (Chania, Creta). A
    Cipro: Akrotiri (Akrotiri). Questo, senza prendere in conto le facilit?
    di attraversamento dello spazio aereo, di atterraggio, di rifornimento
    e di supporto logistico accordate - de iure o de facto - agli aerei ed
    agli elicotteri militari statunitensi, dalla Svizzera, dal Lussemburgo,
    dall?Irlanda, dall?Austria, dalla Slovacchia, dalla Repubblica Ceca,
    dalla Slovenia, dalla Croazia, dalla Romania, dalla Bulgaria, dalla
    Georgia, ecc.</font>
    Basi dell?Esercito USA in Europa<a name="Basi dell?Esercito USA in Europa:">
    </a>In
    Germania: Divisioni: 1st Armored Division, Weisbaden; 1st Infantry
    Division, Wurzburg; 2nd Brigade, 1st Armored Division, Buamholder; 7th
    Army Reserve Command (ARCOM), Schwetzingen; Corpi d?Armata: V Corps,
    Heidelberg; Comandi: U.S. Army Europe (USAREUR); Combat Maneuver
    Training Center; Landstuhl Regional Medical Center. In Bosnia: Camp
    McGovern, Camp Dobol. Nel Kossovo: Camp Bondsteel.</font>
    Basi "Ech?lon" in Europa
    Gestite
    e coordinate dal Comando generale statunitense della NSA (National
    Security Agency) di Fort Meade (nel Maryland), organizzate in
    cooperazione con i servizi segreti britannici GCHQ (Government
    Communications Head Quarters), canadesi CSE (Communications Security
    Establishment), australiani DSD (Defence Signals Directorate) e
    neo-zelandesi GCSB (Government Communications Security Bureau), e
    spesso mimetizzate sotto le mentite spoglie di banali imprese di
    telecomunicazioni private, le Basi d?ascolto, di spionaggio elettronico
    e d?elaborazione dati del programma americano ?Ech?lon? (che già
    dispone - oltre alle usuali ?stazioni? di spionaggio che sono integrate
    nella normale rete diplomatica e consolare statunitense nel mondo - di
    una ventina di satelliti spia della National Reconaissance Office - del
    tipo Keyhole, Mercury, Sigint, Parsae, Comint, Orion/Vortex, Mentor,
    Trompet, ecc. - e di una trentina di Boeing RC-135 che giorno e notte -
    da centinaia di chilometri, nel cielo - sono in grado di intercettare,
    registrare e controllare - e, se necessario, ?piratare?? - qualsiasi
    comunicazione radio, telefonica, fax, cellulare ed internet, e persino
    fotografare e decifrare è con una risoluzione di meno di 10 cm., come
    nel caso dei satelliti ?Advanced KH-11? e ?KH-12? - l?indirizzo di una
    cartolina postale che state innocentemente spedendo ad un vostro caro
    amico o ordinario conoscente?) coprono praticamente l?intero pianeta,
    con all?incirca 4'000 ?antenne? disseminate nei diversi paesi (molte
    volte completamente all?oscuro di tutto?) del mondo. In Europa, le
    principali Basi del programma ?Ech?lon? - che agiscono sotto l?egida
    dei Comandi regionali USA di Morenstow e di Menmith Hill, in Gran
    Bretagna, e di Bad Aibling, in Germania (Baviera) - sono installate
    nelle seguenti localit?: da Nord a Sud: in Islanda: Keflavik; in
    Lituania: Vilnius; in Estonia: Tallinn; in Lettonia (Latvia):
    Ventspils; in Finlandia: Santahamina; in Svezia: Karlskrona, Musk? e
    Lov?n; in Norvegia: Borhaug, Jessheim, Fauske/Vetan, Randaberg,
    Kirkenes, Skage/Namdalen, Vardo e Vadso; in Gran Bretagna: Belfast
    (Irlanda du Nord), Brora e Hawklaw (Scozia), Chicksands, Culm Head,
    Cheltenham, Digby, Menwith Hill, Irton Moor, Molesworth, Morwenstow,
    Londra (Palmer Street); in Danimarca: Aflandshage, Almindingen,
    Dueodde-Bornholm, Gedser, Hjorring, Logumkloster; in Olanda: Amsterdam
    e Viksjofellet; in Germania: Frankfurt, Bad Aibling, Ahrweiler, Hof,
    Achern, Bad M?nstereifel, Darmstadt, Braunschweig, Husum, Monschau,
    Mainz, Rheinhausen, Stockdorf, Pullach, Vogelweh; in Francia: Parigi
    (GIX: Global Internet Exchange), Strassburgo e Grenoble; in Austria:
    Neulengbach e Konigswarte; in Svizzera: Merishausen e R?thi; in
    Croazia: isola di Brac ed aeroporto di Zagreb-Lucko; in
    Bosnia-Erzegovina: Tuzla; in Spagna: Playa de Pals, Pico de las Nieves
    (Grande Canaria), Manzanares e Rota; in Portogallo: Terceira Island
    (isole Azores); a Gibilterra (Gibraltar) in Albania: Tirana, Durazzo
    (Durr?s) e Shkod?r; in Grecia: Ir?klion (Creta); nell?isola di Cipro:
    Ayios Nikolaos.</font>
    Le 107 Basi Usa (Air-Force, Navy, Army, NSA) in Italia
    </font>
    Chi
    ?comanda? in Italia? Tra le basi USA più conosciute e meno conosciute,
    da Nord a Sud della Penisola: Cima Gallina (BZ): Stazione
    telecomunicazioni e radar dell?USAF. Aviano (Pordenone, Friuli): la
    16ma Forza Aerea ed il 31? Gruppo da caccia dell'Aviazione U.S.A.,
    nonch? uno squadrone di F-18 dei Marines. Monte Paganella (TN):
    Stazione telecomunicazioni USAF. Rivolto (UD): Base USAF. Maniago (UD):
    Poligono di tiro dell?US-Air-Force (USAF). S. Bernardo (UD): Deposito
    munizioni dell?US-Army. Roveredo (PN): Deposito armi USA. Istrana (TV):
    Base US-Air-Force (USAF). Ciano (TV): Centro telecomunicazioni e radar
    USA. Ghedi (BS): Base dell?US-Air-Force (USAF). Montichiari (BS): Base
    aerea (USAF). Remond? (nel Pavese): Base US-Army. Vicenza: Comando
    SETAF, Sud Europe Task Force; Quinta Forza aerea tattica (USAF);
    Deposito di testate nucleari. Camp Ederle (provincia di Vicenza): Q.G.
    NATO; Comando SETAF dell?US-Army; un Btg. di obici ed Gruppo tattico di
    paracadutisti USA. Tormeno (San Giovanni a Monte, Vicenza): depositi di
    armi e munizioni. Longare (Vicenza): importante deposito d?armamenti.
    Verona: Air Operations Center (USAF). e Base NATO delle Forze di Terra
    del Sud Europa; Centro di telecomunicazioni (USAF). Affi (VR): Centro
    telecomunicazioni USA. Lunghezzano (VR): Centro radar USA. Erbezzo
    (VR): Antenna radar NSA. Conselve (PD): Base radar USA. Monte Venda
    (PD): Antenna telecomunicazioni e radar USA. Trieste: Base navale USA.
    Venezia: Base navale USA. San Anna di Alfaedo (VE): Base radar USA.
    Lame di Concordia (VE): Base di telecomunicazioni e radar USA. San
    Gottardo, Boscomantivo (VE): Centro telecomunicazioni USA. Ceggia (VE):
    Centro radar USA. Cameri (NO): Base aerea USA con copertura NATO.
    Candela-Masazza (Vercelli): Base d?addestramento dell?US-Air-Force e
    dell?US-Army, con copertura NATO. Monte S. Damiano (PC): Base dell?USAF
    con copertura NATO. Finale Ligure (SV): Stazione di telecomunicazioni
    dell?US-Army. Monte Cimone (MO): Stazione telecomunicazioni USA con
    copertura NATO. Parma: Deposito dell?USAF con copertura NATO. Bologna:
    Stazione di telecomunicazioni del Dipartimento di Stato Americano.
    Rimini: Gruppo logistico USA per l?attivazione di bombe nucleari.
    Rimini-Miramare: Centro telecomunicazioni USA. Potenza Picena (MC):
    Centro radar USA con copertura NATO. Livorno: Base navale USA. La
    Spezia: Centro antisommergibili di Saclant. San Bartolomeo (SP): Centro
    ricerche per la guerra guerra sottomarina. Camp Darby (tra Livorno e
    Pisa): 8? Gruppo di supporto USA e Base dell?US Army per l?appoggio
    alle Forze statunitensi al Sud del Po, nel Mediterraneo e nell?Africa
    del Nord. Coltano (PI): importante base USA/NSA per le
    telecomunicazioni; Deposito munizioni US-Army; Base NSA. Pisa
    (aeroporto militare): Base saltuaria dell?USAF. Monte Giogo (MS):
    Centro di telecomunicazioni USA con copertura NATO. Poggio Ballone (GR)
    - tra Follonica, Castiglione della Pescaia e Tirli: Centro radar USA
    con copertura NATO. Talamone (GR): Base saltuaria dell?US-Navy. La
    Maddalena-Santo Stefano (Sassari): Base atomica USA, Base di
    sommergibili, Squadra navale di supporto alla portaerei americana
    ?Simon Lake?. Monte Limbara (tra Oschiri e Tempio, Sassari, in
    Sardegna): Base missilistica USA. Sinis di Cabras (SS).: Centro
    elaborazioni dati (NSA). Isola di Tavolara (SS): Stazione
    radiotelegrafica di supporto ai sommergibili della US Navy. Torre
    Grande di Oristano: Base radar NSA. Monte Arci (OR): Stazione di
    telecomunicazioni USA con copertura NATO. Capo Frasca (OR): eliporto ed
    impianto radar USA. Santulussurgiu (OR): Stazione telecomunicazioni
    USAF con copertura Nato. Perdas de Fogu (NU): base missilistica
    sperimentale. Capo Teulada (CA): da Capo Teulada (CA) a Capo Frasca
    (OR): all?incirca 100 km di costa, 7.200 ettari di terreno e più di
    70.000 ettari di zone Off Limits: poligono di tiro per esercitazioni
    aeree ed aeronavali della Sesta flotta americana e della Nato.
    Decimomannu (CA): aeroporto Usa con copertura Nato. Aeroporto di Elmas:
    Base aerea dell?US-Air-Force. Salto di Quirra (CA): poligoni
    missilistici. Capo San Loremo (CA): zona di addestramento per la Sesta
    flotta USA. Monte Urpino (CA): Depositi munizioni USA e NATO. Cagliari:
    Base navale USA. Roma-Campino (aeroporto militare): Base saltuaria
    USAF. Rocca di Papa (Roma): Stazione telecomunicazioni USA con
    copertura NATO. Monte Romano (VT): Poligono saltuario di tiro
    dell?US-Army. Gaeta (LT): Base permanente della Sesta Flotta USA e
    della Squadra navale di scorta alla portaerei ?La Salle?. Casale delle
    Palme (LT): Scuola telecomuncicazioni NATO su controllo USA. Napoli:
    Comando del Security Force del corpo dei Marines; Base di sommergibili
    USA; Comando delle Forze Aeree USA per il Mediterraneo.
    Napoli-Capodichino: Base aerea dell?US-Air-Force. Monte Camaldoli (NA):
    Stazione di telecomunicazioni USA. Ischia (NA): Antenna di
    telecomunicazioni USA con copertura Nato. Nisida: Base US-Army.
    Bagnoli: Centro controllo telecomunicazioni Usa per il Mediterraneo.
    Agnano (nelle vicinanze del famoso ippodromo): Base dell?US-Army.
    Cirigliano.(NA): Comando delle Forze Navali USA in Europa. Licola (NA):
    Antenna di telecomunicazioni USA. Lago Patria (CE): Stazione
    telecomunicazioni USA. Giugliano (vicinanze del lago Patria, Caserta):
    Comando STATCOM. Grazzanise (CE): Base saltuaria USAF. Mondragone (CE):
    Centro di Comando USA e NATO sotterraneo antiatomico. Montevergine
    (AV): Stazione di comunicazioni USA. Pietraficcata (MT): Centro
    telecomunicazioni USA/NATO. Gioia del Colle (BA): Base aerea USA di
    supporto tecnico. Punta della Contessa (BR): Poligono di tiro USA/NATO.
    San Vito dei Normanni (BR): Base del 499? Expeditionary Squadron; Base
    dei Servizi Segreti: Electronics Security Group (NSA). Monte
    Iacotenente (FG): Base del complesso radar Nadge. Brindisi: Base navale
    USA. Otranto: Stazione radar USA. Taranto: Base navale USA; Deposito
    USA NATO. Martina Franca (TA): Base radar USA. Crotone: Stazione di
    telecomunicazioni e radar USA/NATO. Monte Mancuso (CZ): Stazione di
    telecomunicazioni USA. Sellia Marina (CZ): Centro telecomunicazioni USA
    con copertura NATO. Sigonella (CT): importante Base aeronavale USA
    (oltre ad unit? della US-Navy, ospita diversi squadroni tattici
    dell?US-Air-Force: elicotteri del tipo HC-4, caccia Tomcat F14 e A6
    Intruder, nonch? alcuni gruppi di F-16 e F-111 equipaggiati con bombe
    nucleari del tipo B-43, da più di 100 kilotoni l?una!). Motta S.
    Anastasia (CT): Stazione di telecomunicazioni USA. Caltagirone (CT):
    Stazione di telecomunicazioni USA. Vizzini (CT): Diversi depositi USA.
    Isola delle Femmine (PA): Deposito munizioni USA/NATO. Punta Raisi
    (Aeroporto): Base saltuaria dell?USAF. Marina di Marza (RG): Stazione
    di telecomunicazioni USA. Monte Lauro (SR): Stazione di
    telecomunicazioni USA. Sorico: Antenna NSA. Augusta (SR): Base della VI
    Flotta USA e Deposito munizioni. Centuripe (EN): Stazione di
    telecomunicazioni USA. Niscemi (Sicilia): Base del NavComTelSta
    (stazione di comunicazione US-Navy). Trapani: Base USAF con copertura
    NATO. Pantelleria: Centro telecomunicazioni US-Navy e Base aerea e
    radar NATO. Lampedusa: Base della Guardia costiera USA; Centro
    d?ascolto e di comunicazioni NSA.</font>
    Basi Navali USA nel Mediterraneo
    Oltre
    quelle italiane che abbiamo già visto: in Francia: Marsiglia e Tolone.
    In Spagna: Alicante, Barcellona, Benidorm, Cartagena, Malaga, Palma de
    Maiorca e Rota. In Grecia: Atene-Pireo, Corf?, Rodi e Suda-Bay. In
    Egitto: Alessandria. In Israele: Haifa. In Turchia: Istambul, Izmir,
    Mersin e Iskenderun. Senza tener conto, naturalmente, delle facilit?
    d?ormeggio e di rifornimento permanenti o saltuarie concesse
    all?US-Navy dal Marocco, Tunisia, Gibilterra, Malta e Cipro.</font>
    Basi Aeree USA nel Vicino Oriente
    Da
    Nord a Sud di questo scacchiere (tra le più importanti): in Turchia:
    Incirlick-Adana (39simo Air Expeditionary Wing), Izmir, Corlu, Konya,
    Diyarbakir, Batman e Mus; nel Kirghizistan: Manas, Ganci (regione di
    Bishkek); nell?Uzbekistan: Karshi; nel Tagikistan: Tagikistan; in
    Afghanistan; Mazar-e-Sharif, Kandahar, Khost (Paktia), Bagram
    (Charikar, Parvan); nel Pakistan: Dalbandin, Jacobabad; nel Kuwait:
    Ahmed al-Jaber, Ali Al Salem, Camp Doha,; in Arabia Saudita: Prince
    Sultan (alla periferia di Riad), King Abdul Aziz (Dhahran), Eskan
    Village, King Fahd (Taif), King Khaled (Khamis Mushayt), Al-Kharj;
    negli Emirati Arabi Uniti: Al Dhafra/Sharjah (763esimo Squadrone
    dell?Expeditionary Air Refueling); nel Qatar: Al Udeid, Al-Sayliyah;
    nell?Oman: Thumrait (305esimo squadrone dell'Air Expeditionary Force),
    Masirah , Seeb; nel Bahrein: Sheik Isa (Sitrah); a Gibuti (Corno
    d'Africa): Baracche Le Monier; nell?isola di Diego Garcia (Oceano
    Indiano): Diego Garcia Air Force.</font>
    Basi Navali USA nel Vicino Oriente
    In
    Egitto: Hurgada (Mar Rosso); a Gibuti: Le Monier; nell?isola di Diego
    Garcia: US Naval base and support facilities; nel Bahrein: Juffar
    (Golfo arabo-persico):Quartier generale della V Flotta americana.</font>
    Basi dell?Esercito USA nel Vicino Oriente<a name="Basi dell?Esercito USA nel Vicino Oriente:">
    </a>Nell?Uzbekistan:
    Karshi (10a Divisione di montagna USA) in Afghanistan: Mazar?e-Sharif,
    Pul-i-Kandahar, Kandahar; nel Pakistan: Pasni, Jacobabad e Khowst; in
    Giordania: Muafaq Salti; nel Kuwait: Camp Doha/Ad-Dawhah (Quartier
    Generale della Terza Armata U.S.A), Ali al-Salem.</font>
    Basi "Ech?lon" nel Vicino Oriente
    In
    Turchia: Istanbul, Izmir, Adana, Agri, Antalya, Diyarbakir, Edirne; in
    Israele: Herzliyya (Q.G. dell?Unit? 8200), Mitzpah Ramon, Monte Hermon,
    Golan Heights Monte Meiron; nel Pakistan: Parachinar; nel Kuwait:
    Kuwait-City e l?isola di Faylaka; in Arabia Saudita: Araz, Khafji;
    negli Emirati Arabi Uniti: Az-Zarqa, Dalma, Ras al-Khaimah e sull?isola
    di Sir Abu Nuayr; nell?Oman: Abut, Khasab, isole di Goat e di Masirah,
    penisola di Musandam; nello Yemen: isola di Socotra (in costruzione</font>
    http://utenti.lycos.it/progettoeurasia/yankees.htm



  10. #9
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    794
    Thanked: 0

    Predefinito

    Non c'è bisogno di andare lontano. L'intromissione americana nella vita politica e sociale italiana è ben nota. Fin dal primissimo dopoguerra, sino agli ultimi eventi oscuri della nostra storia.
    L'asservimento dei governi di centro e centro-destra compreso l'ultimo governo Berlusconi. Gli insabbiamenti compreso quello della morte di Lipari in Iraq.
    Ho sempre guardato con sospetto gli Stati Uniti, si arrogano il diritto di portare democrazia quando in casa loro la democrazia e le pari opportunit? son valide sole per le classi sociali più ricche. Il sogno americano non è mai esistito. Han bisogno di alimentare focolai di guerra in tutto il mondo per mantenere viva la loro macchina economica. E' strano come ad ogni crisi economica degli stati uniti sia quasi sempre corrisposta una nuova campagnia di guerra contro qualche nemico creato ad arte. Quasi sempre nemici prima di allora finanziati e messi con la forza al potere.
    Il Cile di Allende rappresentava una minaccia per la politica americana. Ci han provato anche con Castro a Cuba ma gli ha sempre detto male. E' vero, ci sono i cubani che lasciano il loro paese ma la maggioranza, a dispetto di quello che si vuol far credere, ama il proprio paese. Vorrei avere qui in Italia un Sistema Sanitario Sociale come quello di Cuba.
    Sar? di parte? Si, lo sono, son comunista, convinto e non me ne vergogno come molti volta gabbana che si son riciclati in altri partiti.
    Non bisogna confondere la storia del Comunismo Italiano con quella degli anni bui dello Stalinismo. In Italia, così come in Francia, ha sempre avuto una sua identit? ben precisa e radicata nei principi di Marx.
    Per tornare agli Stati Uniti, portatori della bandiera della libert?, fecero piazza pulita dei comunisti di casa loro. Trattati come criminali ed annullati come esseri umani.
    Ricordano qualcosa Sacco e Vanzetti? I due anarchici italiani che vennero giustiziati per un reato mai commesso. Solo oggi ci sono ammissioni da parte del governo americano su quella vicenda. Gli Stati Uniti non sono la democrazia.
    I nativi americani avrebbero bisogno di un capitolo tutto per loro.

    P.S.
    Scusate la digressione, mi son lasciato prendere dalla passione politica.




  11. #10
    valter2003
    Guest

    Predefinito

    Bella disamina Pukino complimenti, non ti chiedo come la pensi sui 100 milioni di morti del tuo comunismo in tutto il mondo, sarebbe per te uno sforzo immane ed io ti risparmio tanta fatica.



  12. #11
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da valter2005
    Bella disamina Pukino complimenti, non ti chiedo come
    la pensi sui 100 milioni di morti del tuo comunismo in tutto il mondo,
    sarebbe per te uno sforzo immane ed io ti risparmio tanta
    fatica.


    Azz ma c'hai er tastino programmato sempre la stessa frase cambia solo il nome di volta in volta

    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  13. #12
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    794
    Thanked: 0

    Predefinito

    Valter, se hai letto parlo di Stalinismo e non Comunismo (io oltretutto ho specificato "Comunismo Italiano").
    Nessuno sforzo immane Valter, comprendo benissimo, non preoccuparti. Sai alle volte mi pare che tu sia un p? a corto di argomentazioni. Un p? come il Berlusconi. Vi divertite tanto a ritir fuori l'immagine del comunista mangiabambini. Un p? di originalit? no? Suvvia, sicuramente sapete far di meglio.



  14. #13
    Senior Member L'avatar di ARNOLD_1978
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    8,918
    Thanked: 7

    Predefinito



    Citazione Originariamente Scritto da valter2005
    Bella disamina Pukino complimenti, non ti chiedo come la pensi sui 100 milioni di morti del tuo comunismo in tutto il mondo, sarebbe per te uno sforzo immane ed io ti risparmio tanta fatica.

    Walter non faccio nessuno sforzo a dirlo chiaramente che anche il COMUNISMO con i suoi 100 Milioni di vittime è stato un regime che CONDANNO IN MODO ASSOLUTO! Non mi riconosco in quel REGIME CHE HA PROVOCATO TUTTI QUEI LUTTI!



  15. #14
    Senior Member L'avatar di ARNOLD_1978
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Catanzaro
    Messaggi
    8,918
    Thanked: 7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gladiator
    YANKEES GO HOME!

    Basi Aeree USA in Europa
    Tra le più importanti: in Gran Bretagna: nome della base: Alcombury (localit?: Huntingdon; provincia o regione: Cambridgeshire); Molesworth (Huntingdon, Cambridgeshire); Upwood (Ramsey, Cambridgeshire); Fairford (Fairford, Gloucestershire); Feltwell (Thetford, Norfolk); Lakenheath (Lakenheath, Suffolk); Mildenhall (Mildenhall, Suffolk); Croughton (Croughton). In Germania: Brasschaat (Mannheim-Sandhofen, Baden-Wuerttemberg); Heidelberg o Patton Barracks (Heidelberg, Baden-Wuerttemberg); Stuttgart (Stuttgart-Echterdingen, Baden-Wuerttemberg); Giebelstadt (Giebelstadt-Wuerzburg, Bayern); Grafenwoehr (Grafenwoehr, Bayern); Hohenfels-CMTC (Hohenfels-Regensburg, Bayern); Katterbach Barracks (Ansbach, Bayern); Storck Barracks (Illesheim, Bayern); Schweinfurt-Conn Barracks (Schweinfurt, Bayern); Armstrong Army Heliport (Buedingen, Hessen); Hanau-Fliegerhorst Kaserne (Hanau, Hessen); Wiesbaden (Wiesbaden-Erbenheim, Hessen); Rhein-Main (Frankfurt/Main, Hessen); Geilenkirchen (Teveren, Nordrhein-Westfalen); Ramstein (Ramstein, Rheinland-Pfalz); Sembach (Kaiserslautern, Rheinland-Pfalz); Spangdahlem (Spangdahlem, Rheinland-Pfalz); Einsiedlerhof (Kaiserslautern, Rheinland-Pfalz). In Islanda: NAS Keflavik (Reykjanes). In Norvegia: Sola Sea (Sola Sea); Stavanger (Stavanger). In Danimarca: Thule (Thule, Groenlandia). In Olanda: Soesterberg (Soesterberg). In Belgio: Brasschaat (Brasschaat). In Francia: Istres (Marsiglia). In Ungheria: Taszar (Pecs). In Spagna: NAS Rota (Rota); Moron (Sevilla); San Vito (San Vito). In Portogallo: Lajes Field (Terceira Island, Azores). In Bosnia Herzegovina: Camp Comanche. In Macedonia: Camp Able Sentry (Skopje); Camp Monteith-Army (Gnjilane); Camp Bondsteel-Army (Urosevac). In Grecia: Souda Bay (Chania, Creta). A Cipro: Akrotiri (Akrotiri). Questo, senza prendere in conto le facilit? di attraversamento dello spazio aereo, di atterraggio, di rifornimento e di supporto logistico accordate - de iure o de facto - agli aerei ed agli elicotteri militari statunitensi, dalla Svizzera, dal Lussemburgo, dall?Irlanda, dall?Austria, dalla Slovacchia, dalla Repubblica Ceca, dalla Slovenia, dalla Croazia, dalla Romania, dalla Bulgaria, dalla Georgia, ecc.
    Basi dell?Esercito USA in Europa<A name="Basi dell?Esercito USA in Europa:">
    </A>In Germania: Divisioni: 1st Armored Division, Weisbaden; 1st Infantry Division, Wurzburg; 2nd Brigade, 1st Armored Division, Buamholder; 7th Army Reserve Command (ARCOM), Schwetzingen; Corpi d?Armata: V Corps, Heidelberg; Comandi: U.S. Army Europe (USAREUR); Combat Maneuver Training Center; Landstuhl Regional Medical Center. In Bosnia: Camp McGovern, Camp Dobol. Nel Kossovo: Camp Bondsteel.
    Basi "Ech?lon" in Europa
    Gestite e coordinate dal Comando generale statunitense della NSA (National Security Agency) di Fort Meade (nel Maryland), organizzate in cooperazione con i servizi segreti britannici GCHQ (Government Communications Head Quarters), canadesi CSE (Communications Security Establishment), australiani DSD (Defence Signals Directorate) e neo-zelandesi GCSB (Government Communications Security Bureau), e spesso mimetizzate sotto le mentite spoglie di banali imprese di telecomunicazioni private, le Basi d?ascolto, di spionaggio elettronico e d?elaborazione dati del programma americano ?Ech?lon? (che già dispone - oltre alle usuali ?stazioni? di spionaggio che sono integrate nella normale rete diplomatica e consolare statunitense nel mondo - di una ventina di satelliti spia della National Reconaissance Office - del tipo Keyhole, Mercury, Sigint, Parsae, Comint, Orion/Vortex, Mentor, Trompet, ecc. - e di una trentina di Boeing RC-135 che giorno e notte - da centinaia di chilometri, nel cielo - sono in grado di intercettare, registrare e controllare - e, se necessario, ?piratare?? - qualsiasi comunicazione radio, telefonica, fax, cellulare ed internet, e persino fotografare e decifrare è con una risoluzione di meno di 10 cm., come nel caso dei satelliti ?Advanced KH-11? e ?KH-12? - l?indirizzo di una cartolina postale che state innocentemente spedendo ad un vostro caro amico o ordinario conoscente?) coprono praticamente l?intero pianeta, con all?incirca 4'000 ?antenne? disseminate nei diversi paesi (molte volte completamente all?oscuro di tutto?) del mondo. In Europa, le principali Basi del programma ?Ech?lon? - che agiscono sotto l?egida dei Comandi regionali USA di Morenstow e di Menmith Hill, in Gran Bretagna, e di Bad Aibling, in Germania (Baviera) - sono installate nelle seguenti localit?: da Nord a Sud: in Islanda: Keflavik; in Lituania: Vilnius; in Estonia: Tallinn; in Lettonia (Latvia): Ventspils; in Finlandia: Santahamina; in Svezia: Karlskrona, Musk? e Lov?n; in Norvegia: Borhaug, Jessheim, Fauske/Vetan, Randaberg, Kirkenes, Skage/Namdalen, Vardo e Vadso; in Gran Bretagna: Belfast (Irlanda du Nord), Brora e Hawklaw (Scozia), Chicksands, Culm Head, Cheltenham, Digby, Menwith Hill, Irton Moor, Molesworth, Morwenstow, Londra (Palmer Street); in Danimarca: Aflandshage, Almindingen, Dueodde-Bornholm, Gedser, Hjorring, Logumkloster; in Olanda: Amsterdam e Viksjofellet; in Germania: Frankfurt, Bad Aibling, Ahrweiler, Hof, Achern, Bad M?nstereifel, Darmstadt, Braunschweig, Husum, Monschau, Mainz, Rheinhausen, Stockdorf, Pullach, Vogelweh; in Francia: Parigi (GIX: Global Internet Exchange), Strassburgo e Grenoble; in Austria: Neulengbach e Konigswarte; in Svizzera: Merishausen e R?thi; in Croazia: isola di Brac ed aeroporto di Zagreb-Lucko; in Bosnia-Erzegovina: Tuzla; in Spagna: Playa de Pals, Pico de las Nieves (Grande Canaria), Manzanares e Rota; in Portogallo: Terceira Island (isole Azores); a Gibilterra (Gibraltar) in Albania: Tirana, Durazzo (Durr?s) e Shkod?r; in Grecia: Ir?klion (Creta); nell?isola di Cipro: Ayios Nikolaos.
    Le 107 Basi Usa (Air-Force, Navy, Army, NSA) in Italia
    Chi ?comanda? in Italia? Tra le basi USA più conosciute e meno conosciute, da Nord a Sud della Penisola: Cima Gallina (BZ): Stazione telecomunicazioni e radar dell?USAF. Aviano (Pordenone, Friuli): la 16ma Forza Aerea ed il 31? Gruppo da caccia dell'Aviazione U.S.A., nonch? uno squadrone di F-18 dei Marines. Monte Paganella (TN): Stazione telecomunicazioni USAF. Rivolto (UD): Base USAF. Maniago (UD): Poligono di tiro dell?US-Air-Force (USAF). S. Bernardo (UD): Deposito munizioni dell?US-Army. Roveredo (PN): Deposito armi USA. Istrana (TV): Base US-Air-Force (USAF). Ciano (TV): Centro telecomunicazioni e radar USA. Ghedi (BS): Base dell?US-Air-Force (USAF). Montichiari (BS): Base aerea (USAF). Remond? (nel Pavese): Base US-Army. Vicenza: Comando SETAF, Sud Europe Task Force; Quinta Forza aerea tattica (USAF); Deposito di testate nucleari. Camp Ederle (provincia di Vicenza): Q.G. NATO; Comando SETAF dell?US-Army; un Btg. di obici ed Gruppo tattico di paracadutisti USA. Tormeno (San Giovanni a Monte, Vicenza): depositi di armi e munizioni. Longare (Vicenza): importante deposito d?armamenti. Verona: Air Operations Center (USAF). e Base NATO delle Forze di Terra del Sud Europa; Centro di telecomunicazioni (USAF). Affi (VR): Centro telecomunicazioni USA. Lunghezzano (VR): Centro radar USA. Erbezzo (VR): Antenna radar NSA. Conselve (PD): Base radar USA. Monte Venda (PD): Antenna telecomunicazioni e radar USA. Trieste: Base navale USA. Venezia: Base navale USA. San Anna di Alfaedo (VE): Base radar USA. Lame di Concordia (VE): Base di telecomunicazioni e radar USA. San Gottardo, Boscomantivo (VE): Centro telecomunicazioni USA. Ceggia (VE): Centro radar USA. Cameri (NO): Base aerea USA con copertura NATO. Candela-Masazza (Vercelli): Base d?addestramento dell?US-Air-Force e dell?US-Army, con copertura NATO. Monte S. Damiano (PC): Base dell?USAF con copertura NATO. Finale Ligure (SV): Stazione di telecomunicazioni dell?US-Army. Monte Cimone (MO): Stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO. Parma: Deposito dell?USAF con copertura NATO. Bologna: Stazione di telecomunicazioni del Dipartimento di Stato Americano. Rimini: Gruppo logistico USA per l?attivazione di bombe nucleari. Rimini-Miramare: Centro telecomunicazioni USA. Potenza Picena (MC): Centro radar USA con copertura NATO. Livorno: Base navale USA. La Spezia: Centro antisommergibili di Saclant. San Bartolomeo (SP): Centro ricerche per la guerra guerra sottomarina. Camp Darby (tra Livorno e Pisa): 8? Gruppo di supporto USA e Base dell?US Army per l?appoggio alle Forze statunitensi al Sud del Po, nel Mediterraneo e nell?Africa del Nord. Coltano (PI): importante base USA/NSA per le telecomunicazioni; Deposito munizioni US-Army; Base NSA. Pisa (aeroporto militare): Base saltuaria dell?USAF. Monte Giogo (MS): Centro di telecomunicazioni USA con copertura NATO. Poggio Ballone (GR) - tra Follonica, Castiglione della Pescaia e Tirli: Centro radar USA con copertura NATO. Talamone (GR): Base saltuaria dell?US-Navy. La Maddalena-Santo Stefano (Sassari): Base atomica USA, Base di sommergibili, Squadra navale di supporto alla portaerei americana ?Simon Lake?. Monte Limbara (tra Oschiri e Tempio, Sassari, in Sardegna): Base missilistica USA. Sinis di Cabras (SS).: Centro elaborazioni dati (NSA). Isola di Tavolara (SS): Stazione radiotelegrafica di supporto ai sommergibili della US Navy. Torre Grande di Oristano: Base radar NSA. Monte Arci (OR): Stazione di telecomunicazioni USA con copertura NATO. Capo Frasca (OR): eliporto ed impianto radar USA. Santulussurgiu (OR): Stazione telecomunicazioni USAF con copertura Nato. Perdas de Fogu (NU): base missilistica sperimentale. Capo Teulada (CA): da Capo Teulada (CA) a Capo Frasca (OR): all?incirca 100 km di costa, 7.200 ettari di terreno e più di 70.000 ettari di zone Off Limits: poligono di tiro per esercitazioni aeree ed aeronavali della Sesta flotta americana e della Nato. Decimomannu (CA): aeroporto Usa con copertura Nato. Aeroporto di Elmas: Base aerea dell?US-Air-Force. Salto di Quirra (CA): poligoni missilistici. Capo San Loremo (CA): zona di addestramento per la Sesta flotta USA. Monte Urpino (CA): Depositi munizioni USA e NATO. Cagliari: Base navale USA. Roma-Campino (aeroporto militare): Base saltuaria USAF. Rocca di Papa (Roma): Stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO. Monte Romano (VT): Poligono saltuario di tiro dell?US-Army. Gaeta (LT): Base permanente della Sesta Flotta USA e della Squadra navale di scorta alla portaerei ?La Salle?. Casale delle Palme (LT): Scuola telecomuncicazioni NATO su controllo USA. Napoli: Comando del Security Force del corpo dei Marines; Base di sommergibili USA; Comando delle Forze Aeree USA per il Mediterraneo. Napoli-Capodichino: Base aerea dell?US-Air-Force. Monte Camaldoli (NA): Stazione di telecomunicazioni USA. Ischia (NA): Antenna di telecomunicazioni USA con copertura Nato. Nisida: Base US-Army. Bagnoli: Centro controllo telecomunicazioni Usa per il Mediterraneo. Agnano (nelle vicinanze del famoso ippodromo): Base dell?US-Army. Cirigliano.(NA): Comando delle Forze Navali USA in Europa. Licola (NA): Antenna di telecomunicazioni USA. Lago Patria (CE): Stazione telecomunicazioni USA. Giugliano (vicinanze del lago Patria, Caserta): Comando STATCOM. Grazzanise (CE): Base saltuaria USAF. Mondragone (CE): Centro di Comando USA e NATO sotterraneo antiatomico. Montevergine (AV): Stazione di comunicazioni USA. Pietraficcata (MT): Centro telecomunicazioni USA/NATO. Gioia del Colle (BA): Base aerea USA di supporto tecnico. Punta della Contessa (BR): Poligono di tiro USA/NATO. San Vito dei Normanni (BR): Base del 499? Expeditionary Squadron; Base dei Servizi Segreti: Electronics Security Group (NSA). Monte Iacotenente (FG): Base del complesso radar Nadge. Brindisi: Base navale USA. Otranto: Stazione radar USA. Taranto: Base navale USA; Deposito USA NATO. Martina Franca (TA): Base radar USA. Crotone: Stazione di telecomunicazioni e radar USA/NATO. Monte Mancuso (CZ): Stazione di telecomunicazioni USA. Sellia Marina (CZ): Centro telecomunicazioni USA con copertura NATO. Sigonella (CT): importante Base aeronavale USA (oltre ad unit? della US-Navy, ospita diversi squadroni tattici dell?US-Air-Force: elicotteri del tipo HC-4, caccia Tomcat F14 e A6 Intruder, nonch? alcuni gruppi di F-16 e F-111 equipaggiati con bombe nucleari del tipo B-43, da più di 100 kilotoni l?una!). Motta S. Anastasia (CT): Stazione di telecomunicazioni USA. Caltagirone (CT): Stazione di telecomunicazioni USA. Vizzini (CT): Diversi depositi USA. Isola delle Femmine (PA): Deposito munizioni USA/NATO. Punta Raisi (Aeroporto): Base saltuaria dell?USAF. Marina di Marza (RG): Stazione di telecomunicazioni USA. Monte Lauro (SR): Stazione di telecomunicazioni USA. Sorico: Antenna NSA. Augusta (SR): Base della VI Flotta USA e Deposito munizioni. Centuripe (EN): Stazione di telecomunicazioni USA. Niscemi (Sicilia): Base del NavComTelSta (stazione di comunicazione US-Navy). Trapani: Base USAF con copertura NATO. Pantelleria: Centro telecomunicazioni US-Navy e Base aerea e radar NATO. Lampedusa: Base della Guardia costiera USA; Centro d?ascolto e di comunicazioni NSA.
    Basi Navali USA nel Mediterraneo
    Oltre quelle italiane che abbiamo già visto: in Francia: Marsiglia e Tolone. In Spagna: Alicante, Barcellona, Benidorm, Cartagena, Malaga, Palma de Maiorca e Rota. In Grecia: Atene-Pireo, Corf?, Rodi e Suda-Bay. In Egitto: Alessandria. In Israele: Haifa. In Turchia: Istambul, Izmir, Mersin e Iskenderun. Senza tener conto, naturalmente, delle facilit? d?ormeggio e di rifornimento permanenti o saltuarie concesse all?US-Navy dal Marocco, Tunisia, Gibilterra, Malta e Cipro.
    Basi Aeree USA nel Vicino Oriente
    Da Nord a Sud di questo scacchiere (tra le più importanti): in Turchia: Incirlick-Adana (39simo Air Expeditionary Wing), Izmir, Corlu, Konya, Diyarbakir, Batman e Mus; nel Kirghizistan: Manas, Ganci (regione di Bishkek); nell?Uzbekistan: Karshi; nel Tagikistan: Tagikistan; in Afghanistan; Mazar-e-Sharif, Kandahar, Khost (Paktia), Bagram (Charikar, Parvan); nel Pakistan: Dalbandin, Jacobabad; nel Kuwait: Ahmed al-Jaber, Ali Al Salem, Camp Doha,; in Arabia Saudita: Prince Sultan (alla periferia di Riad), King Abdul Aziz (Dhahran), Eskan Village, King Fahd (Taif), King Khaled (Khamis Mushayt), Al-Kharj; negli Emirati Arabi Uniti: Al Dhafra/Sharjah (763esimo Squadrone dell?Expeditionary Air Refueling); nel Qatar: Al Udeid, Al-Sayliyah; nell?Oman: Thumrait (305esimo squadrone dell'Air Expeditionary Force), Masirah , Seeb; nel Bahrein: Sheik Isa (Sitrah); a Gibuti (Corno d'Africa): Baracche Le Monier; nell?isola di Diego Garcia (Oceano Indiano): Diego Garcia Air Force.
    Basi Navali USA nel Vicino Oriente
    In Egitto: Hurgada (Mar Rosso); a Gibuti: Le Monier; nell?isola di Diego Garcia: US Naval base and support facilities; nel Bahrein: Juffar (Golfo arabo-persico):Quartier generale della V Flotta americana.
    Basi dell?Esercito USA nel Vicino Oriente<A name="Basi dell?Esercito USA nel Vicino Oriente:">
    </A>Nell?Uzbekistan: Karshi (10a Divisione di montagna USA) in Afghanistan: Mazar?e-Sharif, Pul-i-Kandahar, Kandahar; nel Pakistan: Pasni, Jacobabad e Khowst; in Giordania: Muafaq Salti; nel Kuwait: Camp Doha/Ad-Dawhah (Quartier Generale della Terza Armata U.S.A), Ali al-Salem.
    Basi "Ech?lon" nel Vicino Oriente
    In Turchia: Istanbul, Izmir, Adana, Agri, Antalya, Diyarbakir, Edirne; in Israele: Herzliyya (Q.G. dell?Unit? 8200), Mitzpah Ramon, Monte Hermon, Golan Heights Monte Meiron; nel Pakistan: Parachinar; nel Kuwait: Kuwait-City e l?isola di Faylaka; in Arabia Saudita: Araz, Khafji; negli Emirati Arabi Uniti: Az-Zarqa, Dalma, Ras al-Khaimah e sull?isola di Sir Abu Nuayr; nell?Oman: Abut, Khasab, isole di Goat e di Masirah, penisola di Musandam; nello Yemen: isola di Socotra (in costruzione
    http://utenti.lycos.it/progettoeurasia/yankees.htm


    Ho sottolineato la base più vicina alla zona dove abito, devo dire la verità ho avuto la possibilit? di conoscere degli Yankees che lavoravano all'interno della base...... Ho un bel ricordo di quelle persone!


    beh era davvero un mondoa parte



  16. #15
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    546
    Thanked: 0

    Predefinito

    Eh b?,dopo queste tirate di antiamericanismo bisognerebbe tirare il fiato,provare a recuperare un p? di energie e provare anche a rispondere,magari.Ma è come arginare un'alluvione coi sacchetti di sabbia.
    Non so neanche da che parte cominciare.
    Il genocidio dei nativi americani,i pellerossa,per intenderci,sembra vi stia molto a cuore.
    Dite che gli Americani hanno sterminato gli Indiani.
    Questa è la dimostrazione che nemmeno gli conoscete,gli Americani.
    Non avete la più pallida idea di chi siano stati,chi sono.
    Ma gli Americani del settecento-ottocento erano europei,Santo Dio!
    Erano Inglesi,Francesi,Olandesi,Irlandesi!
    Siamo stati noi Europei a sterminare gli Indiani.Gli Americani non esistevano ancora!
    Come siamo stati noi Europei a schiavizzare L'Africa,Spagnoli e Portoghesi l'America Latina.
    Strano poi,veramente stranissimo,il fatto che non accusiate gli Australiani di aver fatto fuori gli Aborigeni.
    Siete in malafede,come sempre,ma mi consola il fatto che siete pochi a pensarla così,anche se impestate il forum di tazebao ridicoli.





  17. #16
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    4,021
    Thanked: 0

    Predefinito

    Slow, quando inizi? e si completà lo sterminio dei nativi americani, la nazione americana c'era da tempo. onde per cui...... Si informi, si informi, questo per non confondere il mungere con il tettare. qualcuno sar? in malafede, ma essere qualunquisti è altra cosa. Si informi, ma non al bar.



  18. #17
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Italy
    Messaggi
    215
    Thanked: 0

    Predefinito



    Il problema non è il popolo americano, infatti è formato dai nostri avi, andati li in cerca di fortuna. Proprio come oggi le popolazioni del sud del mondo vengono da noi!! E' la politica americana che crea odio, questo loro modo di sentirsi paladini della democrazia e della libert?. Ma le prime leggi nate dopo l'indipendenza parlavano di razzismo nei confronti di indiani, neri e chiunque non fosse di origine anglosassone! Per gli indianie i neri queste leggi sono state tolte soltanto alla fine degli anni '60!!! Ma i problemi tra i"bianchi" , rossi e i neri , sono rimasti! Continuano ad odiarsi tra di loro. Se vi capita di andare degli States non fissate mai un ragazzo di colore, diciamo che rischiereste un p?!!! Quindi un paese che ha grandi problemi interni di coesione tra le varie etnie, si prende la responsabilit? di dare lezioni al mondo di libert? e di democrazia. Il Sudafrica e l'Australia, almeno no hanno questa arroganza.


    Io ho amici e parenti in america e sono persone eccezionali.Ma ci sono tantissimi altri, con cui ho avuto il dispiacere di parlare che considerano i non americani come un unico popolo proveniente dal terzo mondo. Hanno una ignoranza storica e geografica assurda! maquesto di sicuro non è colpa loro, ma del sistema nazionalistico in cui vivono. Le scuole non insegnano niente, li ti puoi prendere un diploma anche facendo dei semplici teston-line!!! Perch? dobbiamo prendere il loro stile di vita come esempio? Cosa hanno da insegnare a noi Europei??





  19. #18
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    546
    Thanked: 0

    Predefinito

    E'vero ciò che dici,e apprezzo che tu lo dica in modo così pacato.
    Forse con te si pu? discutere serenamente.
    Non sta scritto da nessuna parte che noi Europei dobbiamo prendere gli Americani come esempio,anzi dobbiamo certamente criticarli quando sbagliano,e sbagliano,eccome.
    Mi sta benissimo parlare di Allende se per? parliamo anche di Dubcek.
    Mi sta bene parlare del Cile e di Pinochet se parliamo anche di Piazza Tien an men e di Deng.
    Parliamo pure dell'America Latina ma anche dell'Europa dell'est.
    Capisci cosa intendo?Non puoi discutere con chi parte già dall'assunto che tutto quello che accade è colpa degli americani,? assurdo,non è possibile.
    Eppure è posò.
    Vedi quello che scrive Francesco,sa scrivere solo s'informi,con quel tono sarcastico e di sufficienza che maschera UNA INEQUIVOCABILE POCHEZZA SE NON COMPLETA MANCANZA DI ARGOMENTI.
    Potrei chiedere a Francesco come mai negli Stati Uniti si parla l'Inglese.
    Perch? in Canada si parla francese.
    Come mai in Brasile il Portoghese e nel resto lo Spagnolo o meglio il Castigliano.
    Se sa che un piccolo paese come il Belgio ha colonizzato il Congo a prezzo di 12 milioni di vittime.
    S'informi,mi dice.





  20. #19
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    4,021
    Thanked: 0

    Predefinito

    negli stati uniti slow non si parla solo inglese ma se lo desidera le posso spiegarle perchè a partite dalla persecuzione subiti dai cateri e dagligli albigesi da parte della chiesa romana. in canada non si parla solo francese. Si informi slow



  21. #20
    MEMBRO ONORARIO
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    10,058
    Thanked: 0

    Predefinito

    Il 9 Novembre 1989 cadeva il muro di Berlino. Con grande gioia gli
    imperialisti occidentali annunciarono al mondo la fine delle guerre e
    un lungo periodo di pace e prosperit?



    A 17 anni di distanza si pu? dire che ancora una volta avete preso per
    il mulo! la gente, perchè guerre e miseria continuano ad imperversare,
    ed i beoti continuano la loro disamina sul comunismo fascismo e nazismo
    per sviare l'attenzione da l'unica realt? rimasta L'imperialismo
    guerrafondaio e terrorista che continua ad imporre al mondo la sua
    dittatura, qualche beota (di cui non faccio il nome) ora dira che esiste Cuba

    E bisogna dire che che Cuba è veramente strategica per quello che nel mondo succede

    Ma tant'? che l'idiozia dei servi sciocchi è ben documentata dalla storia


    \"Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo\" (Ernesto Guevara)Che
    Accessibilità?



  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •