Cookie Policy Privacy Policy Bambini "diversi"? No, bambini....



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 33
  1. #1
    Senior Member L'avatar di April
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    8,501
    Thanked: 0

    Predefinito





    Alcuni giorni fa ero con mio figlio, di 9 anni, al parco.

    Lui andava in bicicletta e io lo guardavo, seduta sulla mia carrozzina.

    Ad un certo punto, Andrea si è fermato e si è messo a parlar con un
    bambino più o meno della sua età...poco dopo mi ha raggiunto dicendomi
    che, lasciava l? la bici per giocare con questo nuovo amichetto.

    Mentre ritornava accanto a questo bambino, mi si è avvicinata la mamma.

    Abbiamo cominciato a chiaccherare, mentre i bambini giocavano poco distante.

    A quel punto noto che un altro bambino si è unito ai nostri e stanno
    giocando tutti insieme nella sabbia...per?...vedo la mamma del terzo
    bambino, osservare la scena, poi trascinare via il proprio figlio "non
    giocare con quel bambino!".

    Un p? scocciata, mi avvicino e chiedo spiegazioni..."perchè non pu?
    giocare con mio figlio?" "Qual'? suo figlio?" mi chiede aggressiva,
    mentre Andrea, accortosi del trambusto mi si avvicina.."ah, è questo"
    dice la signora "e lei lo fa giocare con quel bambino? Ma non vede che
    ? handicappato?" e si allontana in fretta, forse accorgendosi solo in
    quel momento di aver di fronte un'altra handicappata.

    Osservo il nuovo amichetto di mio figlio, mentre riprendono a giocare.

    Solo adesso mi accorgo che è un bambino disabile.

    La mamma mi si avvicina "succede spesso" mi sussurra "grazie di lasciar giocare il suo bambino con Riccardo".

    Guardo i due bambini che giocano...noto che Andrea sta spiegando
    qualcosa a Riccardo, che lo osserva e poi scoppiano a ridere insieme.

    "grazie a te" dico alla mamma di Ricky.

    Poi prendo per mano i bambini, uno per parte "coraggio,
    ragazzi..andiamo a prenderci un bel gelato" "siiiiiiiii!!!"esclamo
    all'uninsono i bambini.

    La mamma di Riccardo spinge la mia carrozzina, i due bambini ci seguono, tenendosi per mano.






    Edited by: April


    -vola in alto solo chi osa farlo-
    -per arrivare all\'alba non c\'è altra via che la notte-


  2.      


  3. #2
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    251
    Thanked: 0

    Predefinito

    bell'April, commevente!!!
    Jessica
    le lacrime sono il ghiaccio dell\'anima che si scioglie...




  4. #3
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,669
    Thanked: 63

    Predefinito



    In Nepaltanti anni fa mia figlia, ancora bambina, giocava spesso con bambinedi stradapiù piccole di lei. Loro non si rendevano conto della sua disabilit? mentale e insieme si divertivano un mondo.


    E io ero triste pensando che bambine belle, sanee vivacierano considerate con disprezzo dalla maggior parte dei loro compatrioti perchè eranovestite di stracci, disperatamente povere e specialmente per un assurdo pregiudizio di casta.


    La discriminazione trova mille strade...


    FrancoEdited by: Colpo Doppio



  5. #4
    Senior Member L'avatar di April
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    8,501
    Thanked: 0

    Predefinito



    Purtroppo, il bambino che non ha potuto giocare con Riccardo,
    crescer?...e vedr? i disabili come quella persona, che vedendomi in
    difficolt? cercando di attraversare con la carrozzina a spinta manuale,
    perchè c'era un gradino e una ruotina si era incastrata, ha rallentato
    solo per gridarmi "handicappata di m.e.r.d.a.".


    Ma quella mamma, non si è resa conto com'? bello veder giocare i bambini?


    Mio figlio ha amichetti di colore, un compagno di scuola asiatico, un
    bimbo della sua classe disabile grave...ma non ha mai avuto problemi.


    Forse perchè è cresciuto con una mamma disabile, forse perchè lui è così.


    Quest'anno, alla sua scuola, è stata inserito questo bimbo disabile grave.


    Qualche giorno prima, la maestra ha spiegato ai bambini che sarebbe
    arrivato questo bambino in carrozzina "perchè ce lo dici" ha esordito
    mio figlio "che differenza fa, se va con le ruote? E' un bambino come
    noi". Mi ha detto la maestra che non si è mai vergognata tanto.


    Adesso, questo bambino è in classe con mio figlio, accettato e inserito bene, con tutti e come tutti.


    Ho chiesto ad Andrea "cosa ne pensi di Mattia? E' simpatico?" "? un mio amico" ha risposto lui "un bambino come me".
    Edited by: April


    -vola in alto solo chi osa farlo-
    -per arrivare all\'alba non c\'è altra via che la notte-



  6. #5
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Io ho l'impressione che la vita per quel bambino sar? molto dura con
    una mamma così......non potr? permettersi di essere diverso
    dall'idea che ha la madre della normalit?, e vivr? sempre l'ansia di un
    funambolo che cerca di non cadere.
    Anche quella donna ha una vita del genere...e, bh?, io non la trovo
    per niente una bella vita!
    Sinceramente mi f? un p? pena....



  7. #6
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    6
    Thanked: 0

    Predefinito



    Dare dei messaggi di perfezione ai bambini è farli sentire diversi comunque, siano essi disabili che non.



  8. #7
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,669
    Thanked: 63

    Predefinito



    Chiara hai ragione, povero bambino....


    Ma per fortuna spesso i giovani si ribellano!


    Franco



  9. #8
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    7
    Thanked: 0

    Predefinito



    Mio figlio Davide ha un ritardo lieve, al parco cerca sempre la compagnia dei bambini ma dopo pochi minuti lo guardano con quella faccia strana e si allontanano,sapete cos'e' che mi fa arrabbiare io che non so come spiegarlo a mio figlio Davide ha 10 anni i bambini di questa eta sono delle carognette


    cio da antonella
    Antonella



  10. #9
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,669
    Thanked: 63

    Predefinito



    Non credo che i bambini siano carognette, semplicementesono pieni di energiae non hanno empatia.


    Se nessuno li aiuter? a comprendere che anche gli altri hanno sentimenti, paure e speranze come loro,forse da grandi diventeranno degli adulti ottusi e prepotenti come quelli che ogni tanto capita di incontrare.


    Hai provato a parlare con gli amichetti di tuo figlio, spiegando serenamenteche da piccolo è stato molto malato, che gli piace tanto giocare con gli altri ma è un po' come un bambino più piccolo, come uno dei loro fratellini minori?


    Probabilmente non capiscono la situazione e reagiscono con la diffidenza, come hanno visto fare dai loro genitori in tante altre occasioni.


    Quanto a Davide, credo che dovresti fare lo sforzo di giustificare ai suoi occhi il comportamento degli amichetti mancati, per evitare che cresca con l'idea che gli altri siano delle carognette e che lo vogliano emarginare. Anche se ha delle limitazioni intellettive, è importante che abbia stima di sò e senta che ha un posto nella società.


    FrancoEdited by: Colpo Doppio



  11. #10
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    7
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ciao Franco, hai ragione quando dici che è importante che abbia stima di se.Io abito in un piccolo paese di campagna dove c'è molta ignoranza riguardo a questi problemi, anch'io come mamma di Davide sono messa in disparte, a volte mi sento osservata come se avessi la peste. I bambini che trovo al parco purtroppo non sono gli amichetti, sono estrani per me e anche per lui, per questo mi trovo in difficolt?.Dico che sono delle carognette in senso buono, vedi succede tutto cosi infretta che non è facile, spiegare ai bambini perchè lui è cosi, e spiegare a Davide perchè loro si comportano cosi.Ecco è proprio con questi bambini che mi trovo in difficoltaperchè non conoscono Davide. E quando ci sono dei genitori come quella signora del parco che richiama suo figlio perche' l'altro bambino è handicappato, cosa si pu? dire è Fino a tre anni fa Davide non riusciva a trattenere la saliva e quando parlava gli uscivano degli spruzzetti. Dopo un po' che giocava ai giardinetti, ho notato una mamma che richiamava (piuttosto inbestialita) Davide perche' la smettesse di sputare addosso al suo bambino. Io sono rimasta di ghiaccio e ammutolita e poi quando sono tornata in me pensavo , ma che razza di mamma sono ???...Oppure quando lo sentivano parlare la domanda tipica era :"ma perche' parli cosi' ?" Naturalmente il suo linguaggio era quello di un bambino piccolo, iio provavo anche a spiegarlo ai bambini , ma loro poi se ne andavano lo stesso e Davide rimanendo solo eun po' arrabbiatomi chiedeva spesso :" perchè nessuno vuole giocare con me?".Risolto il problema saliva e migliorato il linguaggio, si propone afd altri bambini accennando giochi più infantili, questi si guardano tra loro e commentando, ridacchiando se ne vanno.Davide si rende conto di questo e per reazione si mette a fare il cattivo e dispettoso e mi trovo in difficolt? a calmare questo suo disagio e ce la metto davvero tutta.Lui mi afferra e spintona ed inizia ad avere una certa forza. Alla fine viene visto come un bambino violento e quale genitore farebbe giocare suo figlio con un bambino così. Credimi? molto ,molto difficile anche se combatto con tutta me stessa in casa, fuori al parco e soprattutto nella scuola.


    Scusa se sono stata troppo lunga


    Ciao a tutti
    Antonella



  12. #11
    Junior Member L'avatar di Colpo_Doppio
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Pisa
    Messaggi
    2,669
    Thanked: 63

    Predefinito



    Antonella, ti capisco! Non volevo farla sembrare troppo facile, per noi nulla è facile.


    Anzi, io forse ho avuto meno problemi, quando mia figlia ha finito l'asilo, a sei anni, non parlava ancora ed era spontaneo pensare a lei come una bambina piccola. Con un maschietto di dieci anni tutto è sicuramente più difficile...


    Crescendo non ha mai avuto delle amichette, ha sempre preferito la compagnia di pochi adulti.


    Franco



  13. #12
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    805
    Thanked: 0

    Predefinito



    quando i piccoli fanno errori i grandi fanno spesso i rimproveri o danno persino botte.


    ma quando fanno errori i grandi chi gli rimprovera?


    la mamma che porta via un figlio dal gioco ha fatto minimo due errori .uno ha interroto il gioco del figlio. bestiale e poi da ragazzi con cui si stava divertendo. gli crea dei caos mentali grossi. l'ingiustizia x un bimbo è dolore.


    un bimbo che viene tenuto lontano dai "ipotetici pericoli" non ha la possibilit? di diventare ADULTO.


    cari adulti sbrigatevi a diventare almeno adulti se proprio no riuscite ad andare oltre.
    x non....


    a voi invece mando un grosso abbraccio.
    * * * * * * * * robilun

    Mai dire “NO” prima



  14. #13
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    805
    Thanked: 0

    Predefinito



    IO OSSERVO IL MIO PICCOLO NIKOLAS, QUASI 10 MESI. LUI SI GUARDA INTORNO SORRIDE ALLUNGA LE SUE BRACCINE. PIANGE QUANDO UNA COSA NO LA COSCE E 2 MINUTI DOPO AVER FATTO CONFIDENZA CON LA NOVITA' SI RILASSA.


    IO LO OSSERVO XCHE SENTO CHE MI PUO' INSEGNARE MOLTE COSE.


    I BAMBINI POSSONO ANCHE ESSRE CRUDELI FRA' DI LORO. SONO AFFARI LORO XCHE FA PARTE DELLA LORO EVOLUZIONE.


    MA I DANNI QUELLI VERI LI ARRECANO I GENITORI MIOPI CON STRUTTURE CULTURALI VIGLIACCHE E FONDAMENTALMENTE INGIUSTE. SOTTOPOSTI ACOMPORTAMENTI EGOISTICI. PURO SENSO DI PADRONANZA E SOTTOMISIONE. GIORNI FA MIA SUOCERA ERA ORGOGLIOSA A RACCONTARMI CHE SUO FIGLIO DA PICCOLO NON E' MAI ARRIVATO A CASA CON I VESTITI SPORCHI. QUELLO ERA COSI SPAVENTATO CHE NON SO COME ABBIA FATTO A GIOCARE. (ABITAVANO IN UN PAESUCCIO DEL ABRUZZO). ANCORA OGGI A 45 ANNI QUANDO E' A CASA BALBETTA, COSA CHE NON FA ALTROVE. CONTINUAMENTE DENIGRANO IL SUO LAVORO, IL SUO MODO DI VESTIRE, TAGLIO DI CAPELLI. CHE NON E' ANCORA SPOSATO.


    NOI PER ESEMPIO ABBIAMO PORTATO AL LORO COSPETTO UN FIGO DI BIMBO. MA PENSATE CHE NE FACCIAMO UNA GIUSTA? DORMRE TROPPO, DORME TROPPO POCO, MANGIA TROPPO, MANGIA TROPPO POCO. I CALZINI SONO TROPPO STRETTI, TROPPO LUNGI. LA MGLIETTA TROPPO LARGA. COME LA FAI E' SEMPRE SBAGLIATO. AIUTO


    DIO MIO SIAMO NEL 2005


    * * * * * * * * robilun

    Mai dire “NO” prima



  15. #14
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    14
    Thanked: 0

    Predefinito



    Per Antonella (bionda):


    Porta questi tuoi problemi a scuola, al dirigente ai maestri, non sono insensibili. Concorda con loro delle attivit? che portino Davide a conoscere dei bambini, a farsi degli amici, a farsi conoscere da loro, ad imparare a giocare con loro. Loro possono fare da ponte al parco con gli altri bambini, possono spiegare com'? Davide ai loro genitori. E' difficile, faticoso, ma anche Davide fa fatica e ha diritto a vivere la sua vita. Anche voi dovete cercare di integrarvi con gli altri, chiedere aiuto. Saluti


    Corrado e Micaela
    micaela cestari
    corrado baratto
    e-mail: micaelacestari@libero.it



  16. #15
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    Antonella....? vero, è dura....soprattutto quando non sai che dire a
    tuo figlio. Ma concordo con Franco nel non fargli sentire la tua
    delusione, anzi, aiutalo a vedere il lato ironico della cosa.....mi viene
    in mente il film di Forrest Gump ed il modo fantastico che aveva la
    mamma di affrontare le cose....come, per esempio, dire a Forrest che
    veniva preso in giro dai bambini, che lui non era stupido ma "stupido
    ? chi lo stupido f?".
    E' una frase sottile, questa, Antonella: la stupidità non è nei limiti di
    chi sfrutta comunque tutte le sue doti per andare avanti, ma in chi,
    pur disponendo di alcune potenzialit?, le lascia andare...
    Te lo sei mai visto quel film?
    Se puoi affitta la cassetta e prendi spunto dal comportamento della
    mamma (magari non tutto....mi è venuto in mente che architett? una
    cosa poco ortodossa per far frequentare al figlio la scuola normale...
    ).



  17. #16
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    805
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ma concordo con Franco nel non fargli sentire la tua
    delusione, anzi, aiutalo a vedere il lato ironico della cosa.....mi viene
    in mente il film di Forrest Gump ed il modo fantastico che aveva la
    mamma di affrontare le cose....come, per esempio, dire a Forrest che
    veniva preso in giro dai bambini, che lui non era stupido ma "stupido
    ? chi lo stupido f?". "scritto da fair"


    la mamma di forest gli ha anche insegnato a combattere. lei stessa non si tira mai indietro. la frase che lei dice lo dice xche non ha paura di nessuno. e per ottenere il meglio x forest si sco.a il direttore della scuola. una donna combattiva amante della giustizia con tanto amore. gli ha dato i mezzi x attraversare tutta la vita.


    io penso che mio bimbo mi stimi di più se gli faccio vedere la mia delusione la mia amarezza la mia rabbia.


    poi possiamo anche essere ironici e scherzare. mio figlio deve capire che lo proteggo. e non che trovo soluzioni alternative. mi vuole come modello forte. se lotto lui impara a lottare. se scappo lui scapper? se medio o lascio perdere lui scapper? e lascer? perdere. la legge della natura è semplice.


    logicamente è solo un mio pensiero personale.
    Edited by: robilun
    * * * * * * * * robilun

    Mai dire “NO” prima



  18. #17
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,232
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" UNABLE="&#111;n" width="100%">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off">


    ciaooooooooooooooo april! nessuna gravidanza! perso. Mi devo rassegnare ma son contenta.&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp;&nb sp; Mia figlia è un fiore! E sto godendo del fatto che ora ho tempo per me in quanto la piccola va al nido. Ma lo sai che ho unafiglia di 23anni? Mbeh con lei mi son fatta le ossa. Ti do un consiglio: nonpreoccuparti questo? solo l' inizioe dovrai far fronte alla presunzione degli insegnati che tenteranno di volerti educare nell' insegnare al tuo bimbo come si fa a vivere. Malgrado la disabile sia te lo tratteranno da tale. Ma devi fregartene ed essere sicura del tuo ruolo di madre poi dopo un periodaccio le cose si mettono a postocomunque.


    Quel che ti è successo ?il minimo.Coraggio e su a testa alta e riuscirai nel vederlo uomo!








    </TD></TR>
    <TR UNABLE="&#111;n" hb_tag="1">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>



  19. #18
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,232
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" UNABLE="&#111;n" width="100%">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off"></TD></TR>
    <TR UNABLE="&#111;n" hb_tag="1">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>



  20. #19
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,232
    Thanked: 0

    Predefinito

    <TABLE id=HB_Mail_C&#111;ntainer height="100%" cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0 UNABLE="&#111;n">
    <T>
    <TR height="100%" UNABLE="&#111;n" width="100%">
    <TD id=HB_Focus_Element vAlign=top width="100%" background="" height=250 UNABLE="off">che ho fatto? Ma il mio scritto che ha!</TD></TR>
    <TR UNABLE="&#111;n" hb_tag="1">
    <TD style="FONT-SIZE: 1pt" height=1 UNABLE="&#111;n">
    <DIV id=hotbar_promo></DIV></TD></TR></T></TABLE>



  21. #20
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Modena
    Messaggi
    6
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ciao a tutti


    Sono Marco, padre di una figlia di 23 anni da sempre in carrozzina .Non vi preoccupate degli amici di scuola ,finito l'asilo e le scuole si volatilizzeranno non li vedrete piu' ,rimarrete voi genitori e vostro figlio .


    scusate lo sfogo.


    un bacio a tutti





  22.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •