Cookie Policy Privacy Policy ARTICOLI SULLA PSICHIATRIA - Pagina 2



Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 21 a 37 di 37
  1. #21
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    32
    Thanked: 0

    Predefinito



    Mi sono presa il tempo di leggere attentamente ogni risposta di questo post,molto informata Abrama complimenti! <?:namespace prefix = v ns = "urn:schemas-microsoft-com:vml" /></v:stroke></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:f></v:ulas></vath><?:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-comfficeffice" /><o:lock aspectratio="t" v:ext="edit"></o:lock></v:shape>.


    La tua presentazione dell'argomento è molto profonda considerato che mette in causa la giustizia o analisi dell'uomo.Poter riuscire a dire se una persona sia malata o meglio non responsabile delle proprie azioni è alquanto difficile.Arduo compito per chi se lo prende,psichiatri o psicologi che siano. Molti attraverso studi e analisi possono solo riuscire,a parere mio,a delineare a grandi linee un tracciato comportamentale,ma concorrono numerosi aspetti per quel che riguarda il risultato finale di quello che potrebbe essere una persona nel suo complesso e quindi del suo comportamento e del suo raffrontarsi con gli altri.Questo affonda le sue radici non solo nella madre ma anche nelle caratteristiche dei familiari prima di lei e del padre,come anche la famiglia stessa in cui si cresce e l?ambiente.Che lo si voglia o meno siamo il risultato,in continua trasformazione di un processo complicato,e chi prova a dare una netta delimitazione o figura di cioè che siamo e proviamo credo possa raggiungere solo ad alcuni gradini,il resto è troppo complesso?


    Come dice April,anche io ho avuto un?esperienza simile alla sua e ho imparato a guardare faccia a faccia coloro che affrontano disturbi e malattie o squilibri di questo genere e mi hanno insegnato tanta tenerezza e tanta sincerit?,perchè molti ormai privati del loro guscio sono come alla deriva in questo mondo frammentario,fatto di stereotipi e maschere?


    Tenendo comunque presente che ogni persona e cosa è da considerarsi sempre a se stesso?


    E comunque aspettarsi vera giustizia dall?uomo è pura utopia.


    Abrama,posta cioè di cui tu hai piacere di parlare,che sia contestabile o meno,dico sempre che siamo liberi di scegliere,intervenire o passare oltre,perchè stare sempre a contestare le iniziative degli altri? Un po? di tolleranza e di rispetto per le idee degli altri? Il mondo è questo sempre qualcuno che trover? qualcosa da ridire sul nostro agire e pensare?


    Ti leggo volentieri,anche se non sono molto afferrata nell?argomento e mi limito a dire le mie personali opinioni,e considero le informazioni che riporti interessanti. Grazie.
    La tempesta è capace di disperdere i fiori
    ma non è in grado di danneggiare i semi.

    \"Self-Portrait\"


  2.      


  3. #22
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    CIAO TATIANA


    SONO IO CHE RINGRAZIO TE PERCHE' MI FA PIACERE POTER SCRIVERE E SAPERE CHE QUALCUNO LEGGE E VALUTA LE COSE RIPORTATE


    MA ON DARMI MERITI CHE NON HO SEMPLICEMENTE RIPORTO DEGLI ARTICOLI DEGLI OPUSCOLETTI CHE TROVO IN GIRO QUA E LA' COMUNQUE TI RINGRAZIO DI CUORE


    E' CONFORTANTE PER ME QUESTO TUO MESSAGGIO


    GRAZIE



  4. #23
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,153
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cari,


    mi piacerebbe intervenire, ma non ho capito in che senso si debba analizzare il problema psichiatria.


    Dal mio punto di vista debbo dire che se si vuole affrontare un problema, bisognerebbe essere informati sugli argomenti presi in considerazione. Parlare di psichiatria è difficile anche per gli addetti ai lavori. Non si pu? analizzare l'utilit? o meno della psichiatria senza valutarla scientificamente.


    La psichiatria è una disciplina difficile, ancora ai minimi termini per le relative potenzialit? che potrebbe offrire, ed il problema non è la disciplina in sò, bensò come trovare il modo di poterla applicare in maniera decisa ed efficace, a chi ne ha bisogno.


    In risposta ad Elle, il filosofo in questione mi sembra abbia parlato tanto per parlare, confondendo le cause con gli effetti derivanti, ed è estremamente ovvio che se non puoi rimuovere la causa, bisogna curare l'effetto.


    In risposta ad April dico che non sono solo i pazienti psichiatrici clinicamente accertati ad avere problemi di relazione, perchè buona parte della gente comune, anche con patologie derivanti dalla vecchiaia, hanno lo stesso problema.


    Ad Abrama rispondo, in merito all'articolo sul boss che ha mimato per 30 anni bendue patologie psichiatriche ed una neurologica, che mi sembra una bufala in quanto, ammesso che abbia avuto la possibilit? di conoscere i sintomi delle singole patologie, mi domando come abbia potuto mimare una schizzofrenia oltretutto paranoidea cheha potuto interagire con una demenza senile, comportando delle alterazioni comportamentali ben diverse, senza entrare mai in contraddizione nella mimica esplicitata.


    Che l'applicazione dei principi psichiatrici possa essere stata deleteria su alcuni pazienti posso essere d'accordo, in quanto tutti possono sbagliare e qualcun'altro, purtroppo, ne paga le conseguenze. E' anche vero, che molte volte, il parere personale di una persona cara ,riguardo il problema psichiatrico di un parente, risente della valenza emotiva, che a volte, si contrappone in maniera decisa, alparerepsichiatrico.


    Quello che è certo, è che chi è affetto da una turba psichiatrica grave, ha sicuramente un gravissimo problema al quale non è facile trovare un rimedio. Il più delle volte si tratta di cura palliativa, con lo scopo di lenire gli effetti derivanti da un problema sul quale è difficile agire, anche a causa della poca interattivit? col paziente.


    Bruno



  5. #24
    MEMBRO ONORARIO L'avatar di tersicore62
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano - città -
    Messaggi
    26,215
    Thanked: 119

    Predefinito



    Ci tengo a dire, poich? Akela non l'ha fatto, che lui è laureato in medicina.


    Maria Laura



  6. #25
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    CIAO A TUTTI


    ecco l'articolo di oggi


    DIFESA PER INCAPACITA' , e sostenne che il crimine era una malattia curabile. Considerando l'omicidio e il furto sintomi di questa malttia


    Una breve storia della difesa per incapacit? mentale. nel 1812 il "padre della psichiatria americana" Benjamin Rush, scrisse il Mdical Inquiries and Observations upon the Diseases of the Min, e sostenne che il crimine era una malattia curabile. Considerando l'omicidio e il furto sintomi di questa malattia cerc? di far passsare i criminali sotto il controllo degli psichiatri anzich? dellapsichiatria.


    1843 caso McNaughton fu il primo famoso test legale per l'incapacit? menatale. L'inglese Daniel McNaughton spar? ed uccise il primo Ministro Britannico, credendo che il primo ministro stesse cospirando contro di lui. La corte assolse McNaughton per "incapacit? di intendere e di volere".


    1924: Nathan Leopold e Richard Loeh, due giovani americani di famiglia benestante furono imputati dell'inspiegabile omicidio di un giovane amico. le famigle assunsero eminenti psichiatri tra cui William Alanson White, presidente dell'associazione degli psichiatri Americani (APA) per spiegare lo stato mentale dei due giovani. White testimoni? che il comportamento omicida dei ragazzi era il "prodotto di impulsi contrari ai loro veri ideali ma espressione di certe strane lotte dell'inconscio che, per ragioni non chiare ne sopraffecero il controllo". Senza mai pretendere una spiegazione scientifica della cosa, la corte d'appello del distretto della Colombia adott? la dottrina "dell'impulso irresistibile", un impulso che poteva "ignorare la ragione e la capacit? di giudizio e cancellare il senso del giusto e dello sbagliato".


    1954: Il 13 luglio 1951, Monte Durham, un ventitreenne con una lunga storia criminale, fu processato e trovato colpevole di furto con scassso, nonostante sostenesse di non essere colpevole perchè incapace di intendere e di volere. Il giudice David Bazelon, che presiedeva al corte d'appello degli stati Uniti di Washington, annull? questa sentenza, sovvert? il concetto di giusto e sbagliato e spalanc? le porte alla psichiatria nei tribunali. Non fu una coincidenza. Egli stesso di stava sottoponendo a psicanalisi.


    1957: Abe fortas, al tempo un avvocato della difesa incaricato dal tribunale (più tardi giudice Associato della corte Suprema degli stati Uniti), accett? l'impatto della sentenza di durham sostenendo che "...La legge ha riconosciuto la moderna psichiatria... la sua importanza è che è una carta dei diritti, per la psichiatria e un'pofferta di collaborazione limitata tra legge penale e psichiatria.


    1966: Un'altra sentenza di Bazelon stabil? "il diritto di un malato mentale al trattamento appropriato". Gli psichiatri hanno interpretao la cosa come un loro diritto ad attuare il trattamento.





    VI AUGURO UNA BUONA LETTURA UN BUON FINE SETTIMANA E LUNEDI SE VORRETE SCRIVERO' UN ARTICOLO SU: predire la pericolosita'?


    CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOO





  7. #26
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    RIECCOMI PASSATO BENE IL FINE SETTIMANA?


    COME ANTICIPATO ECCOVI L'ARTICOLO DI OGGI DAL TITOLO


    PREDIRE LA PERICOLOSITA'


    In una sentenza del 1994 di un killer di bambini condannato all'ergastolo, il presidente Aggiunto del tribunale di Winnipeg Giudice Oliphant, cit? un rapporto scritto molto prima del crimine dal direttore della Psichiatria Forense della provincia di Manitoba, nel 1989, che prediceva la pericolosit? dell'imputato; il direttore aveva scritto: "non c'è nulla che indichi che lui sia un individuo antisociale e non è incline ad espressioni di agressivit? o violenza.... Non credo che egli rappresenti una minaccia fisica... alla comunit? in generale lui non ?, secondo me una persona pericolosa".


    Dopo aver letto a voce alta questo rapporto alla corte, il Giudice Oliphant dichiar?: "il mio commento, dopo aver letto questo e aver visto cosa è succeso poi, è che la psichiatria non pu? certamente essere definita come una scienza". In un articolo del 1976 del rutgers Law Review, gli autori Henry Steadman e Joseph Cocozza conclusero che "non c'è evidenza empirica che dimostri che gli psichiatri dimostrano di predire accuratamente situazioni pericolose". Oltre 20 anni di ricerca hanno indotto Terrence Campbell a scrivere, in un articolo del 1994 pubblicato nel Michigan bar Journal: "l'accuratezza del giudizio clinico nel predire eventi futuri non va molto oltre la scelta casuale. La letteratura della ricerca indica una percentuale di errori nella predizione di situazioni pericolose tra il 54% e il 94% in media intorno all'85%".


    Un'unit? operativa dell'APA amminse la stessa cosa nel suo Brief Amicus Curiae del 1979 alla Corte Suprema degli stati Uniti: "La pericolosit? non è una diagnosi psichiatrica o medica ma coinvolge questioni di giudizio e definizione legale ed ache questioni di politica sociale. Non vi è specific competenzaa psichiatrica di predizione della "pericolosit?" e gli operatori clinici dovrebbero evitare giudizi conclusivi a questo riguardo".


    ne, 2002 kimio Morivama, vice presidente dell'associazione della Psichiattria Giapponese ammise "... è impossibile per la scienza medica (psichiatria) dire se il rischio che qualcuno ripeta che il crimine sia potenzialmente alto".


    Nonostante tali affermazioni l'uso del concetto di "pericolosit?" è ancora usato in tribunale e nelle procedure di istituzionalizzazione forzata dei cosiddetti "malati mentali".





    IL PROSSIMO ARTICOLO E L'ULTIMO DELLA SERIA "EROSIONE DELLA GIUSTIZIA", SI INTITOLERA' IL RITORNO DELLA GIUSTIZIA





    CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO



  8. #27
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,153
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Abrama,


    non ho ancora capito il senso di questa discussione. Puoi spiegarmelo, per favore?


    Analizzando l'ultimo articolo da te inserito affermo quanto segue:


    La medicina non è una scienza bensò l'applicazione di principi scientifici, di conseguenza anche la psichiatria, che è una specialit? della medicina, è semplicemente l'applicazione di principi scientifici.


    Erroneamente, la gente comune, pensa che la medicina sia una scienza. Da quando esiste ufficialmente la medicina si è a conoscenza che non è scienza. Il giudice Oliphant ha scoperto l'acqua calda.


    Omissis..."Dopo aver letto a voce alta questo rapporto alla corte, il Giudice Oliphant dichiar?: "il mio commento, dopo aver letto questo e aver visto cosa è succeso poi, è che la psichiatria non pu? certamente essere definita come una scienza". In un articolo del 1976 del rutgers Law Review, gli autori Henry Steadman e Joseph Cocozza conclusero che "non c'è evidenza empirica che dimostri che gli psichiatri dimostrano di predire accuratamente situazioni pericolose""... omissis


    Potenzialmente si pu? predire che una persona possa essere pericolosa, solo che non è possibile stabilirne i termini ed i tempi. Per questo motivo un soggetto a rischio non pu? essere internato obbligatoriamente a scopo preventivo, ad esempio con un Trattamento Sanitario Obbligatorio, perchè non è detto che nel contesto di pericolosit?, il soggetto possa fisicamente arrivare ad estremismi di violenza. Anche le crisi pantoclastiche sono pericolose, ma non rivolte alla persona.


    Il T.S.O. viene messo in atto solo quando il soggetto ha dato segni di continuit? a comportamenti lesivi o autolesivi.


    Omissis..."l'accuratezza del giudizio clinico nel predire eventi futuri non va molto oltre la scelta casuale. La letteratura della ricerca indica una percentuale di errori nella predizione di situazioni pericolose tra il 54% e il 94% in media intorno all'85%""...omissis


    Qui bisogna rivalutare il concetto di predizione. Se per predizione significa prevedere esattamente un evento, si entra nella sfera del paranormale. Fin dai tempi di Sigmud Freud, padre della psicologia, si conosce benissimo che l'uomo è influenzato, nelle pulsioni e nei comportamenti, anche dall'ambiente. Proprio a causa di questa variabile, ambiente, di non poco conto, è impossibile stabilire a priori il comportamento, anche immediatamente futuro, di una qualsiasi persona.Qui, qualcun'altro, ha riscoperto l'acqua calda.


    Attribuire il concetto di pericolosit? non significa predire un evento. Significa, sulla base dei comportamenti sociali, delle convinzioni e delle pulsioni di un soggetto, attribuire una maggiore probabilit? che possa verificarsi un atto lesivo o autoolesivo da parte della persona oggetto di tale attribuzione.


    Questi articoli mi lasciano un poco perplesso per via della superficialità con cui affrontano un problema serio.


    Un abbraccio, Bruno





  9. #28
    Diony
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tersicore62


    Ci tengo a dire, poich? Akela non l'ha fatto, che lui è laureato in medicina.


    Maria Laura


    In effetti mi pare che Akela sappia scrivere a ragion veduta, sebbene gli articoli di Abramariportinoinformazioni altrettanto ben scritte su cui per?, come tanti altri "non del mestiere"(penso io) non ho o non abbiamole necessarie cognizioni per comprenderne il significato...


    Diony



  10. #29
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    X DIONY


    mi spiace


    ecco l'articolo di oggi per completare come anticipato la serie


    IL RITORNO DELLA GIUSTIZIA


    Quando grazie ad immaginarie "malattie mentali" i colpevoli sono assolti per i loro crimini e condizioni interamente inventate, e quando sono creati disturbi inesistenti per condannare degli innocenti, la società è veramente in pericolo.


    E quando i criminali sono assolti perchè ci sono psichiatri che giurano che sono pazzi per poi finire, in manicomio dove la laoro pazzia si aggrava a causa dei farmaci, allora vediamo realizzato il totalitario e coraggioso nuovo mondo, libero da restrizioni morali.


    Dei 650.000 psichiatri al mondo, almeno il 10% ammette di aver abusato sessualmente dei loro pazienti, 65.000 "professionisti" che ammettono che la loro "terapia" include l'abuso sessuale. Alcuni studi stimano che la percentuale arrivi al 25%.


    Secondo uno studio fatto nel 2001, un paziente su 20, tra coloro che hanno subito abusi sessuali dai loro terapeuti era un minore: l'età media era 7 anni per le ragazze e 12 per i ragazzi, il più giovane aveva 3 anni.


    La psichiatria ha avuto l'opportunit? di dar prova di se stessa, il costo per la società è stato catastrofico non solo in termini de denro. Il primo passo è liberarsi dell'influenza psichiatrica dei criminali dei dipartimenti di polizia, nelle prigioni e nelle scuole. thomA sZASZ AVVERTIVA: "DOBBIAMO RIPRISTINARE L'IDEA DI RESPONSABILIT?, CHE è STATA CORROTTA E CONFUSA DALLA PSICHIATRIA, DALL'IDEA CHE QUALCOSA TI è SUCCESSO DA BAMBINO E QUINDI NON NE SEI RESPONSABILE 30 ANNI DOPO".


    Contrariamente all'ideologia psichiatrica, l'uomo non è semplicemente una creatura debole, senza volont? o coscienza che pu? essere manipolata secondo il progetto di qualcun altro.


    Nonostante qualsiasi confusione pu? avere l'uomo sa di avere il coraggio di affrontare e risolvere i suoi problemi, e sa di avee l'abilit? di distinguere fra giusto e sbagliato. E nonostante tuto, sa che cercare di persuaderlo a credere altrimenti è l'estremo tradimento.


    La Dr.ssa MaE' giunto il tempo di buttar fuori la prostituzione e di riprenderci il tribunale e il sistema giudiziario.rgaret hagen, dell'Universit? di boston ha detto: "Giudici e giurie, le persone da sole, devono decidere su questioni d'insania, abilit?, riabilitazione, custodia, malattia e inabilit? senza interferenze fraudolente di cosiddetti psicologi e psichiatri.


    Una società democratica impone esattamente questo onore all'uomo e alla donna comune e ai nostri giudici e legislatori.


    e' giunto il tempo di buttar fuori la prostituzione e riprenderci il tribunale ed il sistema giudiziario.





    FINE



  11. #30
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,153
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Abrama,


    vedo che ti defili alla mia richiesta di un tuo intervento. Hai un'atteggiamento simile a coloro che gettano il sasso e poi scappano. :-)))


    Far? comunque il mio monologo a risposta al tuo ultimo articolo inserito.


    "Quando grazie ad immaginarie "malattie mentali" i colpevoli sono assolti per i loro crimini e condizioni interamente inventate, e quando sono creati disturbi inesistenti per condannare degli innocenti, la società è veramente in pericolo."


    Affermazione estremista che non ha assolutamente alcuna veridicit?. Chiunque è responsabile di un reato o delitto viene comunque condannato, indipendentemente dalla capacit? di intendere o volere, temporanea o permanente. Cambia la pena che indirizza il criminale verso una struttura idonea alla sua cura, solitamente definito manicomio criminale. Inoltre vorrei ricordare che la non condivisione della pena, da parte delle parti lese, non significa mettere in discussione un sistema giudiziario garantista verso persone non colpevoli di volontarietà, intesa razionalmente,di un atto lesivo verso terzi. In fondo anche l'omicidio colposo, il più delle volte, non prevede una condanna con reclusione, perchènon sussiste lavolont? lesiva. Per? un automobilista che uccide, involontariamente, un pedone, non è differente da chi uccide o reca danno a terzi, perchènon in grado di intendere la potenziale minaccia del proprio gesto. Eppure da unpunto di vista morale, li consideriamo diversi.


    "Dei 650.000 psichiatri al mondo, almeno il 10% ammette di aver abusato sessualmente dei loro pazienti, 65.000 "professionisti" che ammettono che la loro "terapia" include l'abuso sessuale. Alcuni studi stimano che la percentuale arrivi al 25%."


    Altra affermazione estrema. Gli psichiatri sono degli stupratori! Credo anch'io, che nella pratica lavorativa possano crearsi situazioni in cui qualcuno possa realmente approffittare sessualmente di una o un paziente, ma questo vale anche per qualsiasi categoria professionale. Come la mettiamo coi datori di lavoro che approfittano delle proprie impiegate? E dei professori con gli studenti? Degli avvocati con le stagiste? e così via...


    Mi piacerebbe vedere il sondaggio come è stato fatto. Forse come quelli nel nostro forum.


    " thomA sZASZ AVVERTIVA: "DOBBIAMO RIPRISTINARE L'IDEA DI RESPONSABILIT?, CHE è STATA CORROTTA E CONFUSA DALLA PSICHIATRIA, DALL'IDEA CHE QUALCOSA TI è SUCCESSO DA BAMBINO E QUINDI NON NE SEI RESPONSABILE 30 ANNI DOPO"."


    Ilsenso di responsabilit? ha un'origine pedagogica. La psichiatria pu? cercare un causa ad un effetto manifestatosi 30 anni dopo, non con lo scopo di giustificare un atto nei confronti dell'opinione pubblica o giuridica, bensò di capire la potenziale pericolosit? di un soggetto. La responsabilit? civile o penale è la condizione del soggetto che deve subire una sanzione per aver contravvenuto ad una precisa norma del codice civile o penale. Sono cose differenti.


    In campo giuridico, la psichiatria pu? produrre prove aggravanti o attenuanti a carico dell'imputato, ma se in sede di giudizio le cose non vanno come dovrebbero, forse la colpa è degli avvocati.


    Bruno





  12. #31
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    CIAO AKELA


    ti chiedo scusa per non averti risposto ma non avevo letto la prima riga del tuo primo post e solo ed esclusivamente per questo non ti avevo risposto. infatti solo ora leggendo quello che hai scritto qui sopra sono andata a vedermi il tuo post precedente e ho letto la domanda.


    Cmq non mi sembra proprio il caso di fare certi paragoni, di dare per scontato che mi sia defilata.


    La risposta alla tua domanda ?: Dare con questa piccola serie di articoli una immagine diversa (magari non corretta) ma comunque diversa della psichiatria in relazione alla giustizia e dar modo anche agli altri utenti di dare un loro di giudizio, o semplicemente di riflettere cosa che oggi giorno secondo me si f? sempre mento perchè si danno per scontato sempre molte più cose di quante si dovrebbero.





  13. #32
    Junior Member L'avatar di Akela
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    1,153
    Thanked: 44

    Predefinito



    Cara Abrama,


    la mia considerazione nei tuoi riguardi? scaturita a causa del tuo silenzio. Sono contento che si sia trattato di un errore.


    In merito alla tua delucidazione vorrei esprimere due pareri, uno a favore e uno a sfavore.


    Il primo è che sono d'accordo sul fatto di non dare per scontate tutte le cose che ci riguardano, in un modo o nell'altro, e che non capiamo.


    Il secondo, a sfavore, riguarda l'approccio col quale ti sei rivolta al problema. Gli articoli da te riportati sono di tipo accusatorio, estremamente superficiali, non motivati in nessun modo, discutibilmente poco attendibili. Se si vuole offrire spunti di discussione o meditazione riguardo un argomento varrebbe la pena offrire materiale che innanzi tutto offra garanzie di possibile veridicit?. Cio? avresti dovuto citare la fonte di tali articoli. Non si possono prendere per vere delle frasi scritte tanto per scrivere o per provocare confusione i chi non è preparato sull'argomento.


    La psichiatria è una disciplina che in campo giuridico cerca di fare chiarezza sulle dinamiche e motivazioni che spingono un soggetto a compiere un reato. E' una disciplina come la medicina legale. Il verdetto non viene espresso dallo psichiatra bensò da una giuria e la pena, invece,da un giudice.


    Si pu? essere d'accordo oppure no, ma essa diventa untassello, dei tanti, che possono aiutare solo a fare chiarezza, in quanto non ha potere decisionale. E' solo una perizia.


    Un abbraccio, Bruno



  14. #33
    Novellino del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    216
    Thanked: 0

    Predefinito



    Ciao Bruno


    come già detto questi sono opuscoli che ho trovato quì e l? e proprio perchè sono come dire... un po' "rivoluzionari" ho voluto inserirli, certo il fine non è quello di creare confusione nelle persone ma di dar luogo a riflessioni.


    In certe parti sono citate fonti che credo con qualche motore di ricerca si possano reperire. io non sono esperto in materia ma proprio per questo ho inserito questi post per dare la possibilit? a chi ama questa materia di esprimere il proprio parere e per dare la stessa possibilit? anche a chi non la ama.


    ciao



  15. #34
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Vatican City State
    Messaggi
    97
    Thanked: 0

    Predefinito

    Dicono che lo psichiatra prende molto nel tempo dai suoi pazienti.Pare che sia vero.
    spacco le noci appaiate e poi le magno



  16. #35
    New Entry del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5
    Thanked: 0

    Predefinito



    Salve,


    stavo facendo pigramente un giro quando mi sono imbattuta nella discussione: articoli sulla psichiatria.


    Ho letto avidamente tutto e poi mi sono andata a cercare degli scritti di Umberto Galimberti.


    Tutto serve per arricchire la propria mente, tutto serve per riflettere, per domandarsi e rispondersi...


    Soprattutto mi serve costantemente notare, ma sono sfumature, le pieghe del discorso dove vanno...dove potrebbero andare, se solo si fosse spostata una frase o si fosse dato più credito a un'altra frase...


    pensieri...


    ...che portano ad altri innumerevoli pensieri...


    pensieri che un tempo erano condizionati perchè bambina, poi ho cominciato a tirarli fuori perchè li sentivo miei e fino a che non ledevano gli astanti li ho sempre difesi.


    Quando qualcuno, più di qualcuno cercava di soffocarli, li ho cominciati a urlare ( non con la voce alta ) e quando si urla forse si adotta anche un comportamente che normalmente non è il proprio...


    ci si difende...con tutte le armi di cui la mente è a conoscenza.


    Si diventa, malgrado non lo si voglia,quasi un'altra persona.


    Ho imparato, a mie spese, in questa vita, ed è stata ed è una bella passeggiata, (il dolore non mi è mai mancato) se non vuoi essere spersonalizzata devi credere in alcuni valori che forti ti accompagneranno tutta la vita: il rispetto, la tolleranza, l'amore per il mondo con tutte le cose che contiene.


    E premetto,valori che sentivo si forti, ma che spesso andavano a farsi benedire, perchè si perdevano continuamente nei meandri dei miei contrastati rapportie con i familiari prima, e con le istituzioni poi...ma forti mi hanno sempre afferrato per i capelli quando mi stavo "perdendo".


    E ho imparato anche a"vedere" quello che normalmente non si vede...


    E ho anche visto...( non potendo fare molto perchè disabile in carrozzina) quanti danni spessogli pschiatri e psicologi fanno....


    (uomini, ad altri uomini).


    E ringrazio sempre il mioangelo custode, per avermi dato la forza, sempre, di nonbermi mai le loro menzogne, di sentire la puzza delle loro bugie, e capire che il loro obiettivo, dietro pagamento, era soggiogare le menti degli ospiti...


    Pensieri...


    volevo buttarli fuori...



  17. #36
    Apprendista del Forum
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    838
    Thanked: 0

    Predefinito



    sono rimasta intrappolata all'interno di questa discussione e sul ruolo della psichiatria nei processi giudiziari


    Direi che è un campo quantomeno vasto ed estremamente insidioso...


    Come ha detto akela, che tra l'altro ringrazio per i suoi interventi sempre chiari e obbiettivi, la medicina non è una scienza esatta, la psichiatria lo è ancora meno......


    La mia formazione ed esperienza professionale, mi ha messo a contatto con diverse realt? "patologiche" ho lavorato all'istituto neurologico Besta, dove ho avuto contatti con pazienti che a causa di patologie neurologiche definite organiche, avevano gravi ripercussioni psichiatriche.....


    Ho fatto tirocinio presso la psichiatria di ville turro dove mi è capitato di vedere persone gravemente compromesse nella sfera psico-sociale, e tutto sommato ringrazio Dio di avere una mente in qualche maniera ancora sana vigile e coerente;


    Negli ultimi anni, fino a che i problemi fisici lo hanno permesso, ho lavorato come libera professionista presso il carcere di Opera, in particolare nel padiglione di massima sicurezza, dove ci sono detenuti che stanno scontando pene molto restrittive compreso l'isolamento.


    Non sono all'altezza di entrare in merito scientifico riguardo a tale discussione, non ne ho le conoscenze, ma la mia esperienza mi dice che, il ruolo della psichiatria in molti casi è necessario e indispensabile. Spesso la malattia psichiatrica non è una scusante, ma una realt?.


    Ci sono persone che arrivano a fare cose la cui gravit? è inimmaginabile per una mente definita sana secondo i canoni di normalit?.


    Quindi attenzione, la psichiatria, in particolare il ramo giudiziario della psichiatria, va preso non con le pinze, ma ancora più delicatamente, perchè, la mente umana è talmente inaccessibile che pu? nascondere desideri e volont? terribili.


    nb



  18. #37
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Italy
    Messaggi
    5,143
    Thanked: 1

    Predefinito

    E' possibile avere un link o il nome della rivista dove hai preso questi
    articoli?
    Potresti anche fornire il nome dell'autore di questi articoli?



  19.      

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •